9.7 C
Rome
giovedì, 21 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Cultura ed Educazione I due episodi che cambiarono per sempre la vita di Madre Teresa

I due episodi che cambiarono per sempre la vita di Madre Teresa

- Advertisement -

La morte prematura del padre sarà il segno di una “rivoluzione” insieme a un incontro…

Furono due gli episodi che cambiarono per sempre la vita della futuraMadre Teresa di Calcutta. Li racconta Roberto Allegri in “La Mamma di Calcutta. Madre Teresa” (Ancora editrice).

IL “BOCCIUOLO”

Il vero nome di Madre Teresa è Agnes. Ma la famiglia la ribattezza “Gonxha” che in albanese significa “bocciolo”. Soprannome di veggenza, oltre che di affetto, perché ogni bocciolo è promessa di bellezza, è colore rannicchiato in se stesso, destinato ad aprirsi e a dare splendore.

L’INFANZIA A SKOPJE

Quella bambina così magrolina e gracile diventerà un fiore di straordinaria potenza, un sole di amore verso gli altri, un esempio talmente luminoso da essere in grado di scrivere la storia. Agnes è nata nel 1910, vive a Skopje, cittadina dei Balcani, contesa tra l’Albania, il mondo islamico e quello slavo.

LA PASSIONE PER I VIAGGI

A Skopje, Agnes frequenta la scuola della parrocchia, dove si parla albanese. La bimba adora andare a scuola. Ha sete di conoscere e imparare. Agnes sogna di viaggiare il mondo, di attraversati i mari, visitare i luoghi imparati durante le lezioni di geografia: Roma, Atene, Parigi, Gerusalemme, e le misteriose città dell’Oriente, dell’India e dell’Africa.

L’AMORE PER IL PROSSIMO

Agnes a scuola aiuta spesso i compagni che fanno più fatica, quelli che non capiscono subito le regole di matematica o le bizze della grammatica. Si sente contenta di supportare gli altri. A volte pensa a quei bambini che hanno abiti sdruciti, rovinati e si chiede spesso perché tutti non siano uguali.

L’AVVELENAMENTO DEL PADRE

Nel 1918 per la piccola Agnes arriva il primo grande dispiacere. Il padre consigliere comunale, viene avvelenato dai suoi avversari, gli indipendentisti albanesi.

Mentre il padre è agonizzante, sua madre le chiede di andare a chiamare il parroco. Lo incrocia per strada e insieme tornano a casa dove darà l’estrema unzione a Nikola, il padre di Agnes. La morte di Nikola getta la famiglia in grande difficoltà. Agnes deve sostenere la madre e non perdersi d’animo. A soli 9 anni deve recitare un ruolo di primo piano nella famiglia. Tra studi e famiglia la sua vita si è fatta più complicata.

L’INCONTRO CON IL MISSIONARIO

Intanto un giorno, nel 1922, un altro episodio le cambia radicalmente la vita. Ascolta un missionario in parrocchia, Padre Anthony, che racconta la sua attività in Bengala, in India. Il viso della ragazzina illuminato. Agnes sente di avere molte cose in comune con quel missionario. L’amore per i poveri, la voglia di aiutare gli altri che sono in difficoltà.

Il DESIDERIO DI PARTIRE

Il parroco glielo presenta. «Io ecco, io vorrei fare la missionaria, andare in India a fare quello che fate voi», confessa la futura Madre Teresa. «Questi pensieri di fanno onore», ribatte padre Anthony. «Vedi Agnes – prosegue il missionario – ogni uomo ha una missione affidatagli da Dio. Aiutare chi soffre, diffondere la sua parola, oppure crescere una famiglia nel suo rispetto. Ci sono tante persone nel mondo e tanti sono i compiti da svolgere».

Padre Anthony osserva: «Devi essere sicura tu se sarà o meno questo il tuo futuro. Ognuno di noi ha un ruolo ben preciso».

“TE LO DIRA’ DIO”

Agnes gli chiede come farà a scoprire il suo ruolo. «Pregando – ribatte il missionario – parla con Dio, digli di gridare perché non lo stai udendo bene. Se ti sentirai felice all’idea che lui ti sta chiamando per servire il prossimo, ecco, quello sarà la prova della tua vocazione».

Un colloquio profetico che a soli 12 anni segna già il destino di Agnes.


LEGGI ANCHE: Quando Gesù convinse Madre Teresa a fondare le missionarie della carità


ACQUISTA QUI IL VOLUME

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

I due episodi che cambiarono per sempre la vita di Madre Teresa

  

- Advertisement -

La morte prematura del padre sarà il segno di una “rivoluzione” insieme a un incontro…

Furono due gli episodi che cambiarono per sempre la vita della futuraMadre Teresa di Calcutta. Li racconta Roberto Allegri in “La Mamma di Calcutta. Madre Teresa” (Ancora editrice).

IL “BOCCIUOLO”

Il vero nome di Madre Teresa è Agnes. Ma la famiglia la ribattezza “Gonxha” che in albanese significa “bocciolo”. Soprannome di veggenza, oltre che di affetto, perché ogni bocciolo è promessa di bellezza, è colore rannicchiato in se stesso, destinato ad aprirsi e a dare splendore.

L’INFANZIA A SKOPJE

- Advertisement -

Quella bambina così magrolina e gracile diventerà un fiore di straordinaria potenza, un sole di amore verso gli altri, un esempio talmente luminoso da essere in grado di scrivere la storia. Agnes è nata nel 1910, vive a Skopje, cittadina dei Balcani, contesa tra l’Albania, il mondo islamico e quello slavo.

LA PASSIONE PER I VIAGGI

A Skopje, Agnes frequenta la scuola della parrocchia, dove si parla albanese. La bimba adora andare a scuola. Ha sete di conoscere e imparare. Agnes sogna di viaggiare il mondo, di attraversati i mari, visitare i luoghi imparati durante le lezioni di geografia: Roma, Atene, Parigi, Gerusalemme, e le misteriose città dell’Oriente, dell’India e dell’Africa.

L’AMORE PER IL PROSSIMO

Agnes a scuola aiuta spesso i compagni che fanno più fatica, quelli che non capiscono subito le regole di matematica o le bizze della grammatica. Si sente contenta di supportare gli altri. A volte pensa a quei bambini che hanno abiti sdruciti, rovinati e si chiede spesso perché tutti non siano uguali.

L’AVVELENAMENTO DEL PADRE

Nel 1918 per la piccola Agnes arriva il primo grande dispiacere. Il padre consigliere comunale, viene avvelenato dai suoi avversari, gli indipendentisti albanesi.

Mentre il padre è agonizzante, sua madre le chiede di andare a chiamare il parroco. Lo incrocia per strada e insieme tornano a casa dove darà l’estrema unzione a Nikola, il padre di Agnes. La morte di Nikola getta la famiglia in grande difficoltà. Agnes deve sostenere la madre e non perdersi d’animo. A soli 9 anni deve recitare un ruolo di primo piano nella famiglia. Tra studi e famiglia la sua vita si è fatta più complicata.

L’INCONTRO CON IL MISSIONARIO

Intanto un giorno, nel 1922, un altro episodio le cambia radicalmente la vita. Ascolta un missionario in parrocchia, Padre Anthony, che racconta la sua attività in Bengala, in India. Il viso della ragazzina illuminato. Agnes sente di avere molte cose in comune con quel missionario. L’amore per i poveri, la voglia di aiutare gli altri che sono in difficoltà.

Il DESIDERIO DI PARTIRE

Il parroco glielo presenta. «Io ecco, io vorrei fare la missionaria, andare in India a fare quello che fate voi», confessa la futura Madre Teresa. «Questi pensieri di fanno onore», ribatte padre Anthony. «Vedi Agnes – prosegue il missionario – ogni uomo ha una missione affidatagli da Dio. Aiutare chi soffre, diffondere la sua parola, oppure crescere una famiglia nel suo rispetto. Ci sono tante persone nel mondo e tanti sono i compiti da svolgere».

Padre Anthony osserva: «Devi essere sicura tu se sarà o meno questo il tuo futuro. Ognuno di noi ha un ruolo ben preciso».

“TE LO DIRA’ DIO”

Agnes gli chiede come farà a scoprire il suo ruolo. «Pregando – ribatte il missionario – parla con Dio, digli di gridare perché non lo stai udendo bene. Se ti sentirai felice all’idea che lui ti sta chiamando per servire il prossimo, ecco, quello sarà la prova della tua vocazione».

Un colloquio profetico che a soli 12 anni segna già il destino di Agnes.


LEGGI ANCHE: Quando Gesù convinse Madre Teresa a fondare le missionarie della carità


ACQUISTA QUI IL VOLUME

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
872FollowerSegui
13,000FollowerSegui
607FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO