19.6 C
Rome
lunedì, 16 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C I Domenica di Quaresima - Anno C - 10 marzo 2019

I Domenica di Quaresima – Anno C – 10 marzo 2019

Le tentazioni esistono per essere vinte






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “In quel tempo, Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ a questa pietra che diventi pane». Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo”».
    Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un istante tutti i regni della terra e gli disse: «Ti darò tutto questo potere e la loro gloria, perché a me è stata data e io la do a chi voglio. Perciò, se ti prostrerai in adorazione dinanzi a me, tutto sarà tuo». Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”».
    Lo condusse a Gerusalemme, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù di qui; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo affinché essi ti custodiscano”; e anche: “Essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «È stato detto: “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”».
    Dopo aver esaurito ogni tentazione, il diavolo si allontanò da lui fino al momento fissato”.




    Nella vita di ognuno di noi esistono le tentazioni. Una specie di distrazione, una prova, una fatica da affrontare per rimanere fedeli agli impegni, alle idee, alle scelte. Fanno parte della vita, anzi di essa sono la parte che la rendono meno monotona e più accattivante. Superare o tentare di superare una tentazione è segno di attaccamento, di dedizione di fedeltà. Quando si cede, e spesso capita, a motivo della debolezza e fragilità umana, non bisogna disperarsi ma ricominciare. Nessuno può dipingersi una vita o immaginarsela senza tentazioni, dove tutto scorre liscio come l’olio.

    La tentazione più grande è quella che rende noi stessi autosufficienti e superiori agli altri. La tentazione più accattivante è quella che ci spinge a risolvere tutto col denaro, col piacere, con la soddisfazione carnale. La tentazione più fantasiosa è quella di ritenerci immuni da errori, quasi dei superman.

    Anche Gesù ha subito le tentazioni. In un momento di debolezza, come quando spossato dal lungo digiuno, vista la sua permanenza nel deserto per quaranta giorni, gli si avvicina il diavolo e gli propone, scandalosamente, delle prove e delle provocazioni. Ad esse, ad ognuna di esse, Gesù risponde prendendo luce e forza dalla parola di Dio e in questo modo respinge il diavolo sconfiggendolo e imbavagliandolo in se stesso. Ecco il modo per riuscire anche noi a vincere ogni battaglia: la luce e la forza che ci viene da Dio stesso con la sua parola, l’Eucaristia, i sacramenti, il comandamento dell’amore al prossimo. Queste sono le armi a nostra disposizione per combattere la buona battaglia della fede, della fedeltà all’amore di Dio. A chiunque cerca di sottrarci, di derubarci Dio noi dobbiamo rispondere con un rafforzamento e un supplemento di fiducia. Attaccarci ancor di più a lui, fonte di ogni consolazione e principio di ogni gioia, alimento per ogni circostanza, sicurezza in tutte le situazioni.

    La tentazione allora, se vissuta sotto lo sguardo di Dio, diventa una prova, quasi un’opportunità di permanenza in lui. Non liberati dalla tentazione ma supportati per viverla e dominarla. “Lui vuole essere amato da questi splendidi e meschini figli. Non ossequiato da schiavi obbedienti, ma amato da figli liberi, generosi e felici”. La tentazione è il luogo e la possibilità che abbiamo di attraversare Dio, di raggiungere Dio, di offrirgli la nostra fedeltà, il coraggio di combattere da figli liberi, di accettare il suo amore in modo gratuito, semplice e rafforzato. La tentazione di venta allora un banco di prova, un esame. “Tutto posso in colui che mi dà la forza”. La forza è l’amore di Dio per ciascuno. Questa è una garanzia, ora tocca a noi dimostrare di crederci vincendo ogni avversità, prova e tentazione.




    Durante i quaranta giorni della Quaresima, come cristiani siamo invitati a seguire le orme di Gesù e affrontare il combattimento spirituale contro il Maligno con la forza della Parola di Dio. Non con la nostra parola, non serve. La Parola di Dio: quella ha la forza per sconfiggere Satana. Per questo bisogna prendere confidenza con la Bibbia: leggerla spesso, meditarla, assimilarla. La Bibbia contiene la Parola di Dio, che è sempre attuale ed efficace. Qualcuno ha detto: cosa succederebbe se trattassimo la Bibbia come trattiamo il nostro telefono cellulare? Se leggessimo i messaggi di Dio contenuti nella Bibbia come leggiamo i messaggi del telefonino, cosa succederebbe? In effetti, se avessimo la Parola di Dio sempre nel cuore, nessuna tentazione potrebbe allontanarci da Dio e nessun ostacolo ci potrebbe far deviare dalla strada del bene.

    (Angelus 5 marzo 2017)




    Il pane del cielo che ci hai dato, o Padre, alimenti in noi la fede, accresca la speranza, rafforzi la carità, e ci insegni ad avere fame di Cristo, pane vivo e vero, e a nutrirci di ogni parola che esce dalla tua bocca. Per Cristo nostro Signore.



- Advertisement -
B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

I Domenica di Quaresima – Anno C – 10 marzo 2019

Le tentazioni esistono per essere vinte






    Dal Vangelo secondo Luca.

    “In quel tempo, Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano ed era guidato dallo Spirito nel deserto, per quaranta giorni, tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni, ma quando furono terminati, ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ a questa pietra che diventi pane». Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo”».
    Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un istante tutti i regni della terra e gli disse: «Ti darò tutto questo potere e la loro gloria, perché a me è stata data e io la do a chi voglio. Perciò, se ti prostrerai in adorazione dinanzi a me, tutto sarà tuo». Gesù gli rispose: «Sta scritto: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”».
    Lo condusse a Gerusalemme, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù di qui; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo affinché essi ti custodiscano”; e anche: “Essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «È stato detto: “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”».
    Dopo aver esaurito ogni tentazione, il diavolo si allontanò da lui fino al momento fissato”.




    Nella vita di ognuno di noi esistono le tentazioni. Una specie di distrazione, una prova, una fatica da affrontare per rimanere fedeli agli impegni, alle idee, alle scelte. Fanno parte della vita, anzi di essa sono la parte che la rendono meno monotona e più accattivante. Superare o tentare di superare una tentazione è segno di attaccamento, di dedizione di fedeltà. Quando si cede, e spesso capita, a motivo della debolezza e fragilità umana, non bisogna disperarsi ma ricominciare. Nessuno può dipingersi una vita o immaginarsela senza tentazioni, dove tutto scorre liscio come l’olio.

    La tentazione più grande è quella che rende noi stessi autosufficienti e superiori agli altri. La tentazione più accattivante è quella che ci spinge a risolvere tutto col denaro, col piacere, con la soddisfazione carnale. La tentazione più fantasiosa è quella di ritenerci immuni da errori, quasi dei superman.

    Anche Gesù ha subito le tentazioni. In un momento di debolezza, come quando spossato dal lungo digiuno, vista la sua permanenza nel deserto per quaranta giorni, gli si avvicina il diavolo e gli propone, scandalosamente, delle prove e delle provocazioni. Ad esse, ad ognuna di esse, Gesù risponde prendendo luce e forza dalla parola di Dio e in questo modo respinge il diavolo sconfiggendolo e imbavagliandolo in se stesso. Ecco il modo per riuscire anche noi a vincere ogni battaglia: la luce e la forza che ci viene da Dio stesso con la sua parola, l’Eucaristia, i sacramenti, il comandamento dell’amore al prossimo. Queste sono le armi a nostra disposizione per combattere la buona battaglia della fede, della fedeltà all’amore di Dio. A chiunque cerca di sottrarci, di derubarci Dio noi dobbiamo rispondere con un rafforzamento e un supplemento di fiducia. Attaccarci ancor di più a lui, fonte di ogni consolazione e principio di ogni gioia, alimento per ogni circostanza, sicurezza in tutte le situazioni.

    La tentazione allora, se vissuta sotto lo sguardo di Dio, diventa una prova, quasi un’opportunità di permanenza in lui. Non liberati dalla tentazione ma supportati per viverla e dominarla. “Lui vuole essere amato da questi splendidi e meschini figli. Non ossequiato da schiavi obbedienti, ma amato da figli liberi, generosi e felici”. La tentazione è il luogo e la possibilità che abbiamo di attraversare Dio, di raggiungere Dio, di offrirgli la nostra fedeltà, il coraggio di combattere da figli liberi, di accettare il suo amore in modo gratuito, semplice e rafforzato. La tentazione di venta allora un banco di prova, un esame. “Tutto posso in colui che mi dà la forza”. La forza è l’amore di Dio per ciascuno. Questa è una garanzia, ora tocca a noi dimostrare di crederci vincendo ogni avversità, prova e tentazione.




    Durante i quaranta giorni della Quaresima, come cristiani siamo invitati a seguire le orme di Gesù e affrontare il combattimento spirituale contro il Maligno con la forza della Parola di Dio. Non con la nostra parola, non serve. La Parola di Dio: quella ha la forza per sconfiggere Satana. Per questo bisogna prendere confidenza con la Bibbia: leggerla spesso, meditarla, assimilarla. La Bibbia contiene la Parola di Dio, che è sempre attuale ed efficace. Qualcuno ha detto: cosa succederebbe se trattassimo la Bibbia come trattiamo il nostro telefono cellulare? Se leggessimo i messaggi di Dio contenuti nella Bibbia come leggiamo i messaggi del telefonino, cosa succederebbe? In effetti, se avessimo la Parola di Dio sempre nel cuore, nessuna tentazione potrebbe allontanarci da Dio e nessun ostacolo ci potrebbe far deviare dalla strada del bene.

    (Angelus 5 marzo 2017)




    Il pane del cielo che ci hai dato, o Padre, alimenti in noi la fede, accresca la speranza, rafforzi la carità, e ci insegni ad avere fame di Cristo, pane vivo e vero, e a nutrirci di ogni parola che esce dalla tua bocca. Per Cristo nostro Signore.



- Advertisement -
- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
847FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Ri-innamorarsi

“Non fare come gli ipocriti”

Le tre lettere di Giovanni

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO