Cookie Consent by Free Privacy Policy website
18 C
Roma
Gio, 21 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno BI Domenica di Quaresima - Anno B - 21 febbraio 2021

I Domenica di Quaresima – Anno B – 21 febbraio 2021

Credere per convertirsi e convertirsi per credere






    Dal Vangelo secondo Marco

    “In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano.
    Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo»”.




    Convertirsi è il moto perpetuo della vita di un cristiano. Non si cessa mai di rendere migliore la propria vita. Continuamente occorre aggiornarla sui ritmi del vangelo, accordarla con l’amore che Dio continuamente e gratuitamente dona, armonizzarla con le relazioni che ci chiedono di adeguarci agli altri per accoglierli e valorizzarli. Quest’opera di restauro della propria vita risponde pienamente all’invito di Gesù: “convertitevi”.

    Ma vi è un altro invito, un’altra raccomandazione più forte ed impegnativa della prima: “credete nel vangelo”. Ed è proprio questa quella più importante e fondativa della consequenziale scelta di convertirsi. Io mi converto perché credo nel vangelo e credo nel vangelo per potermi convertire. Un intreccio, una sinergia. Il credere è la scintilla e il fuoco è la conversione.

    Ambedue sono opere che coinvolgono la propria vita. La fede non la si può vivere dal balcone come spettatori o dalla poltrona come ospiti. Una fede pantofolaia non serve. Occorre scendere in piazza, mischiarsi con gli altri, scommettere le proprie energie, coinvolgere le proprie risorse. Occorre cambiare scarpe: non pantofole da divano, ma sandali per il cammino. E’ necessario buttare la propria vita in Dio. Come un bimbo si getta tra le braccia della mamma e del papà. In quell’abbraccio trova tutto, cerca ogni cosa, riceve energia, forza, entusiasmo. Si sente sicuro e protetto.

    Il tempo di Quaresima è l’occasione per immergere la nostra vita in quella di Dio. Ecco perché ci viene raccomandato di dedicarci alla nostra vita interiore attraverso il silenzio, la meditazione, la preghiera, l’ascolto della parola di Dio e le opere di attenzione e prossimità rispetto alle altrui necessità.

    Gesù stesso, dopo i primi trent’anni della sua vita in cui rimase nascosto, quasi sepolto a Nazareth, iniziata la sua itineranza e la sua predicazione, ugualmente sente la necessità di incontrare, nel silenzio e nella solitudine, Dio suo padre. Di lui il vangelo spesso ci narra che si ritira in preghiera. Ha bisogno di isolarsi per immergersi in Dio. La nostra vita non può essere sempre e solo impegnata a combattere nel frastuono, a districarsi tra le mille faccende, a cercare soluzioni, a dedicarsi al giusto e necessario lavoro. Occorre darle delle pause. Delle piazzole di sosta proprio come chi, alla guida di una macchina, sta viaggiando per raggiungere una lontana località, ma, di tanto in tanto, fa riposare il motore e si riposa lui stesso ristorandosi, distendendosi. Abbiamo bisogno di sostare nella piazzola di Dio. Questo rigenerarsi in Dio rende, poi, più forte incisiva ed entusiastica la nostra vita. Ecco perché conversione e adesione al vangelo vanno a braccetto si sostengono vicendevolmente. L’uno ha bisogno dell’altro. L’uno è il terreno per la fecondità dell’altro.

    E’ necessario convertirsi per poter credere, ma è indispensabile credere per dare ragione al proprio cambiamento. Per renderlo vero profondo, innovativo, risolutivo. Talvolta convertirsi significa, come direbbero gli antichi devoti ebrei: “mettere la fronte al posto della nuca e viceversa”. Cambiare direzione, sintonizzarsi su Dio, averlo come traguardo, ecco cosa occorre fare in questo tempo propizio ed opportuno della quaresima. La forza di attrazione di Dio possa essere come una calamita gravitazionale che ci attiri al suo amore.




    Si apre davanti a noi il cammino della Quaresima,
    con le sue tappe, le sue leggi, i suoi traguardi.
    E’ un grande impegno per tutti.
    E’ il tempo prezioso, la primavera dello Spirito,
    la grande scuola della fede.
    Chiediamo al Signore che ci renda docili alla sua Parola,
    per giungere completamente trasformati alla santa Pasqua.

    R. Guidaci, Signore, con il tuo Spirito.

    Perché in questa Quaresima impariamo a seguire il nostro maestro e modello,
    Gesù Cristo, uomo nuovo,
    progetto di una umanità riconciliata con il Padre, preghiamo. R.

    Perché, specialmente in questo tempo,
    riscopriamo la domenica come un giorno diverso dagli altri:
    il giorno del Signore, il giorno della comunità,
    il giorno della riconciliazione e dell’amicizia aperta a tutti i fratelli, preghiamo. R.

    Perché in ognuno di questi quaranta giorni troviamo spazio e tempo
    da dedicare alla preghiera e alla meditazione della Parola,
    per conoscere ciò che Dio vuole da noi e attuarlo nella nostra vita, preghiamo. R.

    Perché ogni famiglia scopra la dimensione domestica della Quaresima:
    apra il libro del Vangelo, crei occasioni di preghiera comune
    e, cordialmente unita nella carità,
    faccia di ogni casa un luogo di accoglienza fraterna, preghiamo. R.

    Perché l’itinerario della Quaresima abbia per ciascuno di noi
    il suo culmine nel rito della penitenza e nella comunione pasquale,
    come segni sacramentali della nostra conversione, preghiamo. R.

    O Signore, che ci offri ancora una volta
    un tempo propizio per ricuperare il vero senso della vita
    e riconciliarci con te e con i fratelli,
    fa’ che tutti insieme, sulle orme di Gesù,
    camminiamo giorno per giorno verso la gioia pasquale.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    Ci hai saziati, o Signore, con il pane del cielo che alimenta la fede, accresce la speranza e rafforza la carità: insegnaci ad aver fame di Cristo, pane vivo e vero, e a nutrirci di ogni parola che esce dalla tua bocca. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Marco

“In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano.
Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo»”.



Convertirsi è il moto perpetuo della vita di un cristiano. Non si cessa mai di rendere migliore la propria vita. Continuamente occorre aggiornarla sui ritmi del vangelo, accordarla con l’amore che Dio continuamente e gratuitamente dona, armonizzarla con le relazioni che ci chiedono di adeguarci agli altri per accoglierli e valorizzarli. Quest’opera di restauro della propria vita risponde pienamente all’invito di Gesù: “convertitevi”.

Ma vi è un altro invito, un’altra raccomandazione più forte ed impegnativa della prima: “credete nel vangelo”. Ed è proprio questa quella più importante e fondativa della consequenziale scelta di convertirsi. Io mi converto perché credo nel vangelo e credo nel vangelo per potermi convertire. Un intreccio, una sinergia. Il credere è la scintilla e il fuoco è la conversione.

Ambedue sono opere che coinvolgono la propria vita. La fede non la si può vivere dal balcone come spettatori o dalla poltrona come ospiti. Una fede pantofolaia non serve. Occorre scendere in piazza, mischiarsi con gli altri, scommettere le proprie energie, coinvolgere le proprie risorse. Occorre cambiare scarpe: non pantofole da divano, ma sandali per il cammino. E’ necessario buttare la propria vita in Dio. Come un bimbo si getta tra le braccia della mamma e del papà. In quell’abbraccio trova tutto, cerca ogni cosa, riceve energia, forza, entusiasmo. Si sente sicuro e protetto.

Il tempo di Quaresima è l’occasione per immergere la nostra vita in quella di Dio. Ecco perché ci viene raccomandato di dedicarci alla nostra vita interiore attraverso il silenzio, la meditazione, la preghiera, l’ascolto della parola di Dio e le opere di attenzione e prossimità rispetto alle altrui necessità.

Gesù stesso, dopo i primi trent’anni della sua vita in cui rimase nascosto, quasi sepolto a Nazareth, iniziata la sua itineranza e la sua predicazione, ugualmente sente la necessità di incontrare, nel silenzio e nella solitudine, Dio suo padre. Di lui il vangelo spesso ci narra che si ritira in preghiera. Ha bisogno di isolarsi per immergersi in Dio. La nostra vita non può essere sempre e solo impegnata a combattere nel frastuono, a districarsi tra le mille faccende, a cercare soluzioni, a dedicarsi al giusto e necessario lavoro. Occorre darle delle pause. Delle piazzole di sosta proprio come chi, alla guida di una macchina, sta viaggiando per raggiungere una lontana località, ma, di tanto in tanto, fa riposare il motore e si riposa lui stesso ristorandosi, distendendosi. Abbiamo bisogno di sostare nella piazzola di Dio. Questo rigenerarsi in Dio rende, poi, più forte incisiva ed entusiastica la nostra vita. Ecco perché conversione e adesione al vangelo vanno a braccetto si sostengono vicendevolmente. L’uno ha bisogno dell’altro. L’uno è il terreno per la fecondità dell’altro.

E’ necessario convertirsi per poter credere, ma è indispensabile credere per dare ragione al proprio cambiamento. Per renderlo vero profondo, innovativo, risolutivo. Talvolta convertirsi significa, come direbbero gli antichi devoti ebrei: “mettere la fronte al posto della nuca e viceversa”. Cambiare direzione, sintonizzarsi su Dio, averlo come traguardo, ecco cosa occorre fare in questo tempo propizio ed opportuno della quaresima. La forza di attrazione di Dio possa essere come una calamita gravitazionale che ci attiri al suo amore.



Si apre davanti a noi il cammino della Quaresima,
con le sue tappe, le sue leggi, i suoi traguardi.
E’ un grande impegno per tutti.
E’ il tempo prezioso, la primavera dello Spirito,
la grande scuola della fede.
Chiediamo al Signore che ci renda docili alla sua Parola,
per giungere completamente trasformati alla santa Pasqua.

R. Guidaci, Signore, con il tuo Spirito.

Perché in questa Quaresima impariamo a seguire il nostro maestro e modello,
Gesù Cristo, uomo nuovo,
progetto di una umanità riconciliata con il Padre, preghiamo. R.

Perché, specialmente in questo tempo,
riscopriamo la domenica come un giorno diverso dagli altri:
il giorno del Signore, il giorno della comunità,
il giorno della riconciliazione e dell’amicizia aperta a tutti i fratelli, preghiamo. R.

Perché in ognuno di questi quaranta giorni troviamo spazio e tempo
da dedicare alla preghiera e alla meditazione della Parola,
per conoscere ciò che Dio vuole da noi e attuarlo nella nostra vita, preghiamo. R.

Perché ogni famiglia scopra la dimensione domestica della Quaresima:
apra il libro del Vangelo, crei occasioni di preghiera comune
e, cordialmente unita nella carità,
faccia di ogni casa un luogo di accoglienza fraterna, preghiamo. R.

Perché l’itinerario della Quaresima abbia per ciascuno di noi
il suo culmine nel rito della penitenza e nella comunione pasquale,
come segni sacramentali della nostra conversione, preghiamo. R.

O Signore, che ci offri ancora una volta
un tempo propizio per ricuperare il vero senso della vita
e riconciliarci con te e con i fratelli,
fa’ che tutti insieme, sulle orme di Gesù,
camminiamo giorno per giorno verso la gioia pasquale.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Ci hai saziati, o Signore, con il pane del cielo che alimenta la fede, accresce la speranza e rafforza la carità: insegnaci ad aver fame di Cristo, pane vivo e vero, e a nutrirci di ogni parola che esce dalla tua bocca. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

I Domenica di Quaresima – Anno B – 21 febbraio 2021

Credere per convertirsi e convertirsi per credere



Dal Vangelo secondo Marco

“In quel tempo, lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni, tentato da Satana. Stava con le bestie selvatiche e gli angeli lo servivano.
Dopo che Giovanni fu arrestato, Gesù andò nella Galilea, proclamando il vangelo di Dio, e diceva: «Il tempo è compiuto e il regno di Dio è vicino; convertitevi e credete nel Vangelo»”.



Convertirsi è il moto perpetuo della vita di un cristiano. Non si cessa mai di rendere migliore la propria vita. Continuamente occorre aggiornarla sui ritmi del vangelo, accordarla con l’amore che Dio continuamente e gratuitamente dona, armonizzarla con le relazioni che ci chiedono di adeguarci agli altri per accoglierli e valorizzarli. Quest’opera di restauro della propria vita risponde pienamente all’invito di Gesù: “convertitevi”.

Ma vi è un altro invito, un’altra raccomandazione più forte ed impegnativa della prima: “credete nel vangelo”. Ed è proprio questa quella più importante e fondativa della consequenziale scelta di convertirsi. Io mi converto perché credo nel vangelo e credo nel vangelo per potermi convertire. Un intreccio, una sinergia. Il credere è la scintilla e il fuoco è la conversione.

Ambedue sono opere che coinvolgono la propria vita. La fede non la si può vivere dal balcone come spettatori o dalla poltrona come ospiti. Una fede pantofolaia non serve. Occorre scendere in piazza, mischiarsi con gli altri, scommettere le proprie energie, coinvolgere le proprie risorse. Occorre cambiare scarpe: non pantofole da divano, ma sandali per il cammino. E’ necessario buttare la propria vita in Dio. Come un bimbo si getta tra le braccia della mamma e del papà. In quell’abbraccio trova tutto, cerca ogni cosa, riceve energia, forza, entusiasmo. Si sente sicuro e protetto.

Il tempo di Quaresima è l’occasione per immergere la nostra vita in quella di Dio. Ecco perché ci viene raccomandato di dedicarci alla nostra vita interiore attraverso il silenzio, la meditazione, la preghiera, l’ascolto della parola di Dio e le opere di attenzione e prossimità rispetto alle altrui necessità.

Gesù stesso, dopo i primi trent’anni della sua vita in cui rimase nascosto, quasi sepolto a Nazareth, iniziata la sua itineranza e la sua predicazione, ugualmente sente la necessità di incontrare, nel silenzio e nella solitudine, Dio suo padre. Di lui il vangelo spesso ci narra che si ritira in preghiera. Ha bisogno di isolarsi per immergersi in Dio. La nostra vita non può essere sempre e solo impegnata a combattere nel frastuono, a districarsi tra le mille faccende, a cercare soluzioni, a dedicarsi al giusto e necessario lavoro. Occorre darle delle pause. Delle piazzole di sosta proprio come chi, alla guida di una macchina, sta viaggiando per raggiungere una lontana località, ma, di tanto in tanto, fa riposare il motore e si riposa lui stesso ristorandosi, distendendosi. Abbiamo bisogno di sostare nella piazzola di Dio. Questo rigenerarsi in Dio rende, poi, più forte incisiva ed entusiastica la nostra vita. Ecco perché conversione e adesione al vangelo vanno a braccetto si sostengono vicendevolmente. L’uno ha bisogno dell’altro. L’uno è il terreno per la fecondità dell’altro.

E’ necessario convertirsi per poter credere, ma è indispensabile credere per dare ragione al proprio cambiamento. Per renderlo vero profondo, innovativo, risolutivo. Talvolta convertirsi significa, come direbbero gli antichi devoti ebrei: “mettere la fronte al posto della nuca e viceversa”. Cambiare direzione, sintonizzarsi su Dio, averlo come traguardo, ecco cosa occorre fare in questo tempo propizio ed opportuno della quaresima. La forza di attrazione di Dio possa essere come una calamita gravitazionale che ci attiri al suo amore.



Si apre davanti a noi il cammino della Quaresima,
con le sue tappe, le sue leggi, i suoi traguardi.
E’ un grande impegno per tutti.
E’ il tempo prezioso, la primavera dello Spirito,
la grande scuola della fede.
Chiediamo al Signore che ci renda docili alla sua Parola,
per giungere completamente trasformati alla santa Pasqua.

R. Guidaci, Signore, con il tuo Spirito.

Perché in questa Quaresima impariamo a seguire il nostro maestro e modello,
Gesù Cristo, uomo nuovo,
progetto di una umanità riconciliata con il Padre, preghiamo. R.

Perché, specialmente in questo tempo,
riscopriamo la domenica come un giorno diverso dagli altri:
il giorno del Signore, il giorno della comunità,
il giorno della riconciliazione e dell’amicizia aperta a tutti i fratelli, preghiamo. R.

Perché in ognuno di questi quaranta giorni troviamo spazio e tempo
da dedicare alla preghiera e alla meditazione della Parola,
per conoscere ciò che Dio vuole da noi e attuarlo nella nostra vita, preghiamo. R.

Perché ogni famiglia scopra la dimensione domestica della Quaresima:
apra il libro del Vangelo, crei occasioni di preghiera comune
e, cordialmente unita nella carità,
faccia di ogni casa un luogo di accoglienza fraterna, preghiamo. R.

Perché l’itinerario della Quaresima abbia per ciascuno di noi
il suo culmine nel rito della penitenza e nella comunione pasquale,
come segni sacramentali della nostra conversione, preghiamo. R.

O Signore, che ci offri ancora una volta
un tempo propizio per ricuperare il vero senso della vita
e riconciliarci con te e con i fratelli,
fa’ che tutti insieme, sulle orme di Gesù,
camminiamo giorno per giorno verso la gioia pasquale.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Ci hai saziati, o Signore, con il pane del cielo che alimenta la fede, accresce la speranza e rafforza la carità: insegnaci ad aver fame di Cristo, pane vivo e vero, e a nutrirci di ogni parola che esce dalla tua bocca. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
320IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

Dianich: Vi racconto Gesù

La speranza di Giobbe

Vincere ansietà e paure

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x