14.6 C
Roma
Dom, 5 Aprile 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A I Domenica di Quaresima - Anno A - 1 marzo 2020

I Domenica di Quaresima – Anno A – 1 marzo 2020

Mai ammainare la bandiera della speranza e spegnere l’amore






    Dal Vangelo secondo Matteo

    “In quel tempo, Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo. Dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. Il tentatore gli si avvicinò e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ che queste pietre diventino pane». Ma egli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”».
    Allora il diavolo lo portò nella città santa, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo ed essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «Sta scritto anche: “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”».
    Di nuovo il diavolo lo portò sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo e la loro gloria e gli disse: «Tutte queste cose io ti darò se, gettandoti ai miei piedi, mi adorerai». Allora Gesù gli rispose: «Vàttene, satana! Sta scritto infatti: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”».
    Allora il diavolo lo lasciò, ed ecco degli angeli gli si avvicinarono e lo servivano”.




    La vita dell’uomo non dipende solo dai beni materiale che, se pur necessari, non debbono diventare unici e assoluti. L’uomo ha bisogno di nutrimento per esistere, agire, scegliere, relazionarsi, ma non solo di quello materiale. Lui che è una realtà composita fatta di corpo, relazioni, sentimenti, intelligenza, sensibilità, stati d’animo, necessita di un nutrimento composito. L’uomo si nutre di cibo, ma anche di carezze; di proteine e pure di relazioni; di carboidrati ma anche di cultura. L’alimentazione umana non è solo di natura materiale ma anche spirituale, psicologica e sociale. Mentre il cibo nutre il corpo, i sentimenti nutrono il cuore, i gesti le relazioni.

    Al diavolo che tenta Gesù, ormai stremato dai suoi quaranta giorni di digiuno e solitudine, lui risponde ad ogni provocazione focalizzando la sua relazione prioritaria e indispensabile con Dio. Le confutazioni che Gesù oppone alla tentazioni sono tutte desunte dalla parola di Dio: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”; “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo ed essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”; “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”. Questa triplice indicazione affonda le sue radici nella ricchezza e nella certezza della parola. Quella parola che nutre, libera e salva.

    Il primato di Dio, la fiducia nel suo amore, l’astenersi dal dominare gli altri, in questa trilogia è rinchiusa la sapienza evangelica e la scelta di parte di Gesù. Non la sua gloria, non solo riempire la sua pancia, non provocare Dio riducendolo a fenomeno, non dominando e spadroneggiando sugli altri quasi ad essere i loro padroni, ma nell’abbandono in Dio è il segreto della felicità e della realizzazione.

    Il cuore dell’uomo si nutre di un amore che non si arrende e di una speranza che non ammaina mai la bandiera. La quaresima è l’occasione per immergerci in questo amore e tenere issata questa bandiera, aiutando gli altri e piantando la speranza nelle necessità dei più poveri e soli.




    Si apre davanti a noi il cammino della Quaresima,
    con le sue tappe, le sue leggi, i suoi traguardi.
    E’ un grande impegno per tutti.
    E’ il tempo prezioso, la primavera dello Spirito,
    la grande scuola della fede.
    Chiediamo al Signore che ci renda docili alla sua Parola,
    per giungere completamente trasformati alla santa Pasqua.

    R. Guidaci, Signore, con il tuo Spirito.

    Perché in questa Quaresima impariamo a seguire il nostro maestro e modello,
    Gesù Cristo, uomo nuovo,
    progetto di una umanità riconciliata con il Padre, preghiamo. R.

    Perché, specialmente in questo tempo,
    riscopriamo la domenica come un giorno diverso dagli altri:
    il giorno del Signore, il giorno della comunità,
    il giorno della riconciliazione e dell’amicizia aperta a tutti i fratelli, preghiamo. R.

    Perché in ognuno di questi quaranta giorni troviamo spazio e tempo
    da dedicare alla preghiera e alla meditazione della Parola,
    per conoscere ciò che Dio vuole da noi e attuarlo nella nostra vita, preghiamo. R.

    Perché ogni famiglia scopra la dimensione domestica della Quaresima:
    apra il libro del Vangelo, crei occasioni di preghiera comune
    e, cordialmente unita nella carità,
    faccia di ogni casa un luogo di accoglienza fraterna, preghiamo. R.

    Perché l’itinerario della Quaresima abbia per ciascuno di noi
    il suo culmine nel rito della penitenza e nella comunione pasquale,
    come segni sacramentali della nostra conversione, preghiamo. R.

    O Signore, che ci offri ancora una volta
    un tempo propizio per ricuperare il vero senso della vita
    e riconciliarci con te e con i fratelli,
    fà che tutti insieme, sulle orme di Gesù,
    camminiamo giorno per giorno verso la gioia pasquale.
    Per Cristo nostro Signore.

    R. Amen.




    Il pane del cielo che ci hai dato, o Padre, alimenti in noi la fede, accresca la speranza, rafforzi la carità, e ci insegni ad avere fame di Cristo, pane vivo e vero, e a nutrirci di ogni parola che esce dalla tua bocca. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo. Dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. Il tentatore gli si avvicinò e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ che queste pietre diventino pane». Ma egli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”».
Allora il diavolo lo portò nella città santa, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo ed essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «Sta scritto anche: “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”».
Di nuovo il diavolo lo portò sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo e la loro gloria e gli disse: «Tutte queste cose io ti darò se, gettandoti ai miei piedi, mi adorerai». Allora Gesù gli rispose: «Vàttene, satana! Sta scritto infatti: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”».
Allora il diavolo lo lasciò, ed ecco degli angeli gli si avvicinarono e lo servivano”.



La vita dell’uomo non dipende solo dai beni materiale che, se pur necessari, non debbono diventare unici e assoluti. L’uomo ha bisogno di nutrimento per esistere, agire, scegliere, relazionarsi, ma non solo di quello materiale. Lui che è una realtà composita fatta di corpo, relazioni, sentimenti, intelligenza, sensibilità, stati d’animo, necessita di un nutrimento composito. L’uomo si nutre di cibo, ma anche di carezze; di proteine e pure di relazioni; di carboidrati ma anche di cultura. L’alimentazione umana non è solo di natura materiale ma anche spirituale, psicologica e sociale. Mentre il cibo nutre il corpo, i sentimenti nutrono il cuore, i gesti le relazioni.

Al diavolo che tenta Gesù, ormai stremato dai suoi quaranta giorni di digiuno e solitudine, lui risponde ad ogni provocazione focalizzando la sua relazione prioritaria e indispensabile con Dio. Le confutazioni che Gesù oppone alla tentazioni sono tutte desunte dalla parola di Dio: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”; “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo ed essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”; “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”. Questa triplice indicazione affonda le sue radici nella ricchezza e nella certezza della parola. Quella parola che nutre, libera e salva.

Il primato di Dio, la fiducia nel suo amore, l’astenersi dal dominare gli altri, in questa trilogia è rinchiusa la sapienza evangelica e la scelta di parte di Gesù. Non la sua gloria, non solo riempire la sua pancia, non provocare Dio riducendolo a fenomeno, non dominando e spadroneggiando sugli altri quasi ad essere i loro padroni, ma nell’abbandono in Dio è il segreto della felicità e della realizzazione.

Il cuore dell’uomo si nutre di un amore che non si arrende e di una speranza che non ammaina mai la bandiera. La quaresima è l’occasione per immergerci in questo amore e tenere issata questa bandiera, aiutando gli altri e piantando la speranza nelle necessità dei più poveri e soli.



Si apre davanti a noi il cammino della Quaresima,
con le sue tappe, le sue leggi, i suoi traguardi.
E’ un grande impegno per tutti.
E’ il tempo prezioso, la primavera dello Spirito,
la grande scuola della fede.
Chiediamo al Signore che ci renda docili alla sua Parola,
per giungere completamente trasformati alla santa Pasqua.

R. Guidaci, Signore, con il tuo Spirito.

Perché in questa Quaresima impariamo a seguire il nostro maestro e modello,
Gesù Cristo, uomo nuovo,
progetto di una umanità riconciliata con il Padre, preghiamo. R.

Perché, specialmente in questo tempo,
riscopriamo la domenica come un giorno diverso dagli altri:
il giorno del Signore, il giorno della comunità,
il giorno della riconciliazione e dell’amicizia aperta a tutti i fratelli, preghiamo. R.

Perché in ognuno di questi quaranta giorni troviamo spazio e tempo
da dedicare alla preghiera e alla meditazione della Parola,
per conoscere ciò che Dio vuole da noi e attuarlo nella nostra vita, preghiamo. R.

Perché ogni famiglia scopra la dimensione domestica della Quaresima:
apra il libro del Vangelo, crei occasioni di preghiera comune
e, cordialmente unita nella carità,
faccia di ogni casa un luogo di accoglienza fraterna, preghiamo. R.

Perché l’itinerario della Quaresima abbia per ciascuno di noi
il suo culmine nel rito della penitenza e nella comunione pasquale,
come segni sacramentali della nostra conversione, preghiamo. R.

O Signore, che ci offri ancora una volta
un tempo propizio per ricuperare il vero senso della vita
e riconciliarci con te e con i fratelli,
fà che tutti insieme, sulle orme di Gesù,
camminiamo giorno per giorno verso la gioia pasquale.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Il pane del cielo che ci hai dato, o Padre, alimenti in noi la fede, accresca la speranza, rafforzi la carità, e ci insegni ad avere fame di Cristo, pane vivo e vero, e a nutrirci di ogni parola che esce dalla tua bocca. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

I Domenica di Quaresima – Anno A – 1 marzo 2020

Mai ammainare la bandiera della speranza e spegnere l’amore



Dal Vangelo secondo Matteo

“In quel tempo, Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo. Dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, alla fine ebbe fame. Il tentatore gli si avvicinò e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, di’ che queste pietre diventino pane». Ma egli rispose: «Sta scritto: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”».
Allora il diavolo lo portò nella città santa, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù; sta scritto infatti: “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo ed essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”». Gesù gli rispose: «Sta scritto anche: “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”».
Di nuovo il diavolo lo portò sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo e la loro gloria e gli disse: «Tutte queste cose io ti darò se, gettandoti ai miei piedi, mi adorerai». Allora Gesù gli rispose: «Vàttene, satana! Sta scritto infatti: “Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto”».
Allora il diavolo lo lasciò, ed ecco degli angeli gli si avvicinarono e lo servivano”.



La vita dell’uomo non dipende solo dai beni materiale che, se pur necessari, non debbono diventare unici e assoluti. L’uomo ha bisogno di nutrimento per esistere, agire, scegliere, relazionarsi, ma non solo di quello materiale. Lui che è una realtà composita fatta di corpo, relazioni, sentimenti, intelligenza, sensibilità, stati d’animo, necessita di un nutrimento composito. L’uomo si nutre di cibo, ma anche di carezze; di proteine e pure di relazioni; di carboidrati ma anche di cultura. L’alimentazione umana non è solo di natura materiale ma anche spirituale, psicologica e sociale. Mentre il cibo nutre il corpo, i sentimenti nutrono il cuore, i gesti le relazioni.

Al diavolo che tenta Gesù, ormai stremato dai suoi quaranta giorni di digiuno e solitudine, lui risponde ad ogni provocazione focalizzando la sua relazione prioritaria e indispensabile con Dio. Le confutazioni che Gesù oppone alla tentazioni sono tutte desunte dalla parola di Dio: “Non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”; “Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo ed essi ti porteranno sulle loro mani perché il tuo piede non inciampi in una pietra”; “Non metterai alla prova il Signore Dio tuo”. Questa triplice indicazione affonda le sue radici nella ricchezza e nella certezza della parola. Quella parola che nutre, libera e salva.

Il primato di Dio, la fiducia nel suo amore, l’astenersi dal dominare gli altri, in questa trilogia è rinchiusa la sapienza evangelica e la scelta di parte di Gesù. Non la sua gloria, non solo riempire la sua pancia, non provocare Dio riducendolo a fenomeno, non dominando e spadroneggiando sugli altri quasi ad essere i loro padroni, ma nell’abbandono in Dio è il segreto della felicità e della realizzazione.

Il cuore dell’uomo si nutre di un amore che non si arrende e di una speranza che non ammaina mai la bandiera. La quaresima è l’occasione per immergerci in questo amore e tenere issata questa bandiera, aiutando gli altri e piantando la speranza nelle necessità dei più poveri e soli.



Si apre davanti a noi il cammino della Quaresima,
con le sue tappe, le sue leggi, i suoi traguardi.
E’ un grande impegno per tutti.
E’ il tempo prezioso, la primavera dello Spirito,
la grande scuola della fede.
Chiediamo al Signore che ci renda docili alla sua Parola,
per giungere completamente trasformati alla santa Pasqua.

R. Guidaci, Signore, con il tuo Spirito.

Perché in questa Quaresima impariamo a seguire il nostro maestro e modello,
Gesù Cristo, uomo nuovo,
progetto di una umanità riconciliata con il Padre, preghiamo. R.

Perché, specialmente in questo tempo,
riscopriamo la domenica come un giorno diverso dagli altri:
il giorno del Signore, il giorno della comunità,
il giorno della riconciliazione e dell’amicizia aperta a tutti i fratelli, preghiamo. R.

Perché in ognuno di questi quaranta giorni troviamo spazio e tempo
da dedicare alla preghiera e alla meditazione della Parola,
per conoscere ciò che Dio vuole da noi e attuarlo nella nostra vita, preghiamo. R.

Perché ogni famiglia scopra la dimensione domestica della Quaresima:
apra il libro del Vangelo, crei occasioni di preghiera comune
e, cordialmente unita nella carità,
faccia di ogni casa un luogo di accoglienza fraterna, preghiamo. R.

Perché l’itinerario della Quaresima abbia per ciascuno di noi
il suo culmine nel rito della penitenza e nella comunione pasquale,
come segni sacramentali della nostra conversione, preghiamo. R.

O Signore, che ci offri ancora una volta
un tempo propizio per ricuperare il vero senso della vita
e riconciliarci con te e con i fratelli,
fà che tutti insieme, sulle orme di Gesù,
camminiamo giorno per giorno verso la gioia pasquale.
Per Cristo nostro Signore.

R. Amen.



Il pane del cielo che ci hai dato, o Padre, alimenti in noi la fede, accresca la speranza, rafforzi la carità, e ci insegni ad avere fame di Cristo, pane vivo e vero, e a nutrirci di ogni parola che esce dalla tua bocca. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
285FansMi piace
930FollowerSegui
13,000FollowerSegui
630FollowerSegui
70IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

12 storie di ordinaria santità

Lo scandalo della tenerezza

Teilhard, rivoluzione teologica

Libri Consigliati – Marzo 2019

Dieci parole per vivere

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO