10.8 C
Roma
Mer, 20 Gennaio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno B I Domenica di Avvento  - Anno B - 29 novembre 2020

I Domenica di Avvento  – Anno B – 29 novembre 2020

Signore, insegnaci a vegliare






    Dal Vangelo secondo Marco

    “In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare.
    Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati.
    Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!»”.




    Di notte, soprattutto, quando stiamo poco bene, in salute, col cuore, con la vita, tutto si amplifica, tutto si acuisce, ogni cosa sembra impossibile, invalicabile. Si sentono macigni sulla coscienza. Si avvertono strane sensazioni, si vivono terrificanti paure. Sembra che la notte nel suo silenzio e nel suo buio amplifichi tutti i rumori ed estende tutte le sue ombre. Forse per questo, la notte, mette un po’ paura e, talvolta, genera angoscia.

    Per tutti coloro che si dedicano alla vita contemplativa, all’ascesi e alla vita di preghiera, la notte, invece, è consolazione, rifugio, spazio in cui depositare le ansie, disarmare le paure, fondare il futuro, disegnare la propria vita.

    Nell’invito che ci giunge da parte di Gesù, ben quattro volte nel breve volgere di quattro versetti evangelici marciani è espresso il verbo: ”vegliate….”, quasi ci viene chiesto di trasformare in serena quiete orante, la tumultuosa e angosciante notte di coloro che si sentono soffocare. Ci viene chiesto di vegliare su noi e sul mondo, sul singolo e sulle comunità: quella domestica, quella civile, quella ecclesiale. Dobbiamo sconfiggere il sonno dello scoraggiamento e il torpore dell’indifferenza, imparando ad attendere la venuta di Gesù, foriera di serenità, gioia e pace.

    E’ iniziato l’avvento. Un nuovo anno liturgico si dischiude davanti a noi. Un cammino da fare comunitariamente sotto la protezione e con la compagnia della Vergine Maria, dei nostri santi protettori. Essi ci hanno preceduti nell’incontro verso cui noi camminiamo ed aneliamo di arrivare.

    Vigilare equivale a prendersi cura, prestare attenzione togliere a me la tranquillità, il riposo per dare a te sicurezza e possibilità di operare incolume, protetto. Si, vigilare è anche proteggere. Ma evangelicamente il Signore in questo periodo di avvento, che è prevalentemente di attesa, ci chiede di vigilare sulla nostra vita spirituale, di fare in modo che quando ci sarà il coronamento, la gioia e la soddisfazione dell’arrivo di colui che attendiamo, risultiamo presenti, pronti ad accogliere per condividere l’abbraccio del reciproco approdo gli uni nelle braccia dell’Altro.

    Vegliare significa porre attenzione, prestare premura, prevenire, stare attenti alle necessità di sé stessi e degli altri. Vigilare: sacrificare sé stessi per far stare meglio gli altri. E’ l’esatto contrario dell’indifferenza, anzi ne è il suo antidoto. Ad ognuno di noi ci sarà chiesto conto degli altri perché, se fratelli, come il fonte battesimale ci dona d’essere, dobbiamo premurarci ci aiutare i bisognosi, soccorrere chi necessita di aiuto, lenire le ferite, prevenire le sconfitte, le mortificazioni e ogni sorta di male che può ferire il fratello. Quando questo accade, se accade, soccorriamo Dio che troveremo in questi fratelli. “Quello che avrete fatto al più piccolo tra voi lo avrete fatto a me”.

    Iniziare un nuovo cammino nel nome di Dio con l’intendimento d’essere vigilanti è il migliore dei propositi è il più prezioso auspicio per muovere i passi che ci porteranno ad approdare presso Dio. Lo troveremo, al termine dell’avvento, nella mangiatoia. Al termine della vita, nel suo futuro e finale avvento, con le braccia spalancate per accoglierci nell’abbraccio misericordioso del suo amore.




    Nell’attesa del Redentore,
    rivolgiamo le nostre suppliche al Padre che è nei cieli,
    perché venga incontro alle nostre necessità
    e a quelle di tutti gli uomini.

    Visita il tuo popolo, Signore.

    Per la Chiesa pellegrina nel mondo,
    perché faccia parte a tutti gli uomini
    della speranza che illumina il suo cammino
    e risvegli in loro l’attesa della salvezza, preghiamo. R.

    Per coloro nei quali la durezza della vita ha spento ogni speranza,
    perché la nostra preghiera e la nostra fraternità
    facciano rifiorire la fiducia
    e la volontà di impegnarsi per un domani migliore, preghiamo. R.

    Per le nostre comunità cristiane,
    perché la vicinanza del Signore ci stimoli a vincere l’egoismo e la menzogna
    per vivere nella verità e nell’amore, preghiamo. R.

    Per le giovani generazioni,
    perché vedano nel Cristo il modello dell’umanità nuova,
    a cui devono ispirarsi per le grandi scelte della vita, preghiamo. R.

    Per tutti noi,
    perché nella realtà quotidiana ci incontriamo con il Signore
    che un giorno verrà come giudice della storia, preghiamo. R.

    Tu ci riveli, o Padre,
    che quanto più grande è la nostra attesa,
    tanto più ricco sarà il tuo dono;
    accogli queste nostre suppliche
    e accresci in noi con la venuta del tuo Figlio
    il bene inestimabile della speranza.
    Per Cristo nostro Signore.

    Amen.




    La partecipazione a questo sacramento, che a noi pellegrini sulla terra rivela il senso cristiano della vita, ci sostenga, Signore, nel nostro cammino e ci guidi ai beni eterni. Per Cristo nostro Signore.





Dal Vangelo secondo Marco

“In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare.
Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati.
Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!»”.



Di notte, soprattutto, quando stiamo poco bene, in salute, col cuore, con la vita, tutto si amplifica, tutto si acuisce, ogni cosa sembra impossibile, invalicabile. Si sentono macigni sulla coscienza. Si avvertono strane sensazioni, si vivono terrificanti paure. Sembra che la notte nel suo silenzio e nel suo buio amplifichi tutti i rumori ed estende tutte le sue ombre. Forse per questo, la notte, mette un po’ paura e, talvolta, genera angoscia.

Per tutti coloro che si dedicano alla vita contemplativa, all’ascesi e alla vita di preghiera, la notte, invece, è consolazione, rifugio, spazio in cui depositare le ansie, disarmare le paure, fondare il futuro, disegnare la propria vita.

Nell’invito che ci giunge da parte di Gesù, ben quattro volte nel breve volgere di quattro versetti evangelici marciani è espresso il verbo: ”vegliate….”, quasi ci viene chiesto di trasformare in serena quiete orante, la tumultuosa e angosciante notte di coloro che si sentono soffocare. Ci viene chiesto di vegliare su noi e sul mondo, sul singolo e sulle comunità: quella domestica, quella civile, quella ecclesiale. Dobbiamo sconfiggere il sonno dello scoraggiamento e il torpore dell’indifferenza, imparando ad attendere la venuta di Gesù, foriera di serenità, gioia e pace.

E’ iniziato l’avvento. Un nuovo anno liturgico si dischiude davanti a noi. Un cammino da fare comunitariamente sotto la protezione e con la compagnia della Vergine Maria, dei nostri santi protettori. Essi ci hanno preceduti nell’incontro verso cui noi camminiamo ed aneliamo di arrivare.

Vigilare equivale a prendersi cura, prestare attenzione togliere a me la tranquillità, il riposo per dare a te sicurezza e possibilità di operare incolume, protetto. Si, vigilare è anche proteggere. Ma evangelicamente il Signore in questo periodo di avvento, che è prevalentemente di attesa, ci chiede di vigilare sulla nostra vita spirituale, di fare in modo che quando ci sarà il coronamento, la gioia e la soddisfazione dell’arrivo di colui che attendiamo, risultiamo presenti, pronti ad accogliere per condividere l’abbraccio del reciproco approdo gli uni nelle braccia dell’Altro.

Vegliare significa porre attenzione, prestare premura, prevenire, stare attenti alle necessità di sé stessi e degli altri. Vigilare: sacrificare sé stessi per far stare meglio gli altri. E’ l’esatto contrario dell’indifferenza, anzi ne è il suo antidoto. Ad ognuno di noi ci sarà chiesto conto degli altri perché, se fratelli, come il fonte battesimale ci dona d’essere, dobbiamo premurarci ci aiutare i bisognosi, soccorrere chi necessita di aiuto, lenire le ferite, prevenire le sconfitte, le mortificazioni e ogni sorta di male che può ferire il fratello. Quando questo accade, se accade, soccorriamo Dio che troveremo in questi fratelli. “Quello che avrete fatto al più piccolo tra voi lo avrete fatto a me”.

Iniziare un nuovo cammino nel nome di Dio con l’intendimento d’essere vigilanti è il migliore dei propositi è il più prezioso auspicio per muovere i passi che ci porteranno ad approdare presso Dio. Lo troveremo, al termine dell’avvento, nella mangiatoia. Al termine della vita, nel suo futuro e finale avvento, con le braccia spalancate per accoglierci nell’abbraccio misericordioso del suo amore.



Nell’attesa del Redentore,
rivolgiamo le nostre suppliche al Padre che è nei cieli,
perché venga incontro alle nostre necessità
e a quelle di tutti gli uomini.

Visita il tuo popolo, Signore.

Per la Chiesa pellegrina nel mondo,
perché faccia parte a tutti gli uomini
della speranza che illumina il suo cammino
e risvegli in loro l’attesa della salvezza, preghiamo. R.

Per coloro nei quali la durezza della vita ha spento ogni speranza,
perché la nostra preghiera e la nostra fraternità
facciano rifiorire la fiducia
e la volontà di impegnarsi per un domani migliore, preghiamo. R.

Per le nostre comunità cristiane,
perché la vicinanza del Signore ci stimoli a vincere l’egoismo e la menzogna
per vivere nella verità e nell’amore, preghiamo. R.

Per le giovani generazioni,
perché vedano nel Cristo il modello dell’umanità nuova,
a cui devono ispirarsi per le grandi scelte della vita, preghiamo. R.

Per tutti noi,
perché nella realtà quotidiana ci incontriamo con il Signore
che un giorno verrà come giudice della storia, preghiamo. R.

Tu ci riveli, o Padre,
che quanto più grande è la nostra attesa,
tanto più ricco sarà il tuo dono;
accogli queste nostre suppliche
e accresci in noi con la venuta del tuo Figlio
il bene inestimabile della speranza.
Per Cristo nostro Signore.

Amen.



La partecipazione a questo sacramento, che a noi pellegrini sulla terra rivela il senso cristiano della vita, ci sostenga, Signore, nel nostro cammino e ci guidi ai beni eterni. Per Cristo nostro Signore.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

I Domenica di Avvento  – Anno B – 29 novembre 2020

Signore, insegnaci a vegliare



Dal Vangelo secondo Marco

“In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare.
Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati.
Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!»”.



Di notte, soprattutto, quando stiamo poco bene, in salute, col cuore, con la vita, tutto si amplifica, tutto si acuisce, ogni cosa sembra impossibile, invalicabile. Si sentono macigni sulla coscienza. Si avvertono strane sensazioni, si vivono terrificanti paure. Sembra che la notte nel suo silenzio e nel suo buio amplifichi tutti i rumori ed estende tutte le sue ombre. Forse per questo, la notte, mette un po’ paura e, talvolta, genera angoscia.

Per tutti coloro che si dedicano alla vita contemplativa, all’ascesi e alla vita di preghiera, la notte, invece, è consolazione, rifugio, spazio in cui depositare le ansie, disarmare le paure, fondare il futuro, disegnare la propria vita.

Nell’invito che ci giunge da parte di Gesù, ben quattro volte nel breve volgere di quattro versetti evangelici marciani è espresso il verbo: ”vegliate….”, quasi ci viene chiesto di trasformare in serena quiete orante, la tumultuosa e angosciante notte di coloro che si sentono soffocare. Ci viene chiesto di vegliare su noi e sul mondo, sul singolo e sulle comunità: quella domestica, quella civile, quella ecclesiale. Dobbiamo sconfiggere il sonno dello scoraggiamento e il torpore dell’indifferenza, imparando ad attendere la venuta di Gesù, foriera di serenità, gioia e pace.

E’ iniziato l’avvento. Un nuovo anno liturgico si dischiude davanti a noi. Un cammino da fare comunitariamente sotto la protezione e con la compagnia della Vergine Maria, dei nostri santi protettori. Essi ci hanno preceduti nell’incontro verso cui noi camminiamo ed aneliamo di arrivare.

Vigilare equivale a prendersi cura, prestare attenzione togliere a me la tranquillità, il riposo per dare a te sicurezza e possibilità di operare incolume, protetto. Si, vigilare è anche proteggere. Ma evangelicamente il Signore in questo periodo di avvento, che è prevalentemente di attesa, ci chiede di vigilare sulla nostra vita spirituale, di fare in modo che quando ci sarà il coronamento, la gioia e la soddisfazione dell’arrivo di colui che attendiamo, risultiamo presenti, pronti ad accogliere per condividere l’abbraccio del reciproco approdo gli uni nelle braccia dell’Altro.

Vegliare significa porre attenzione, prestare premura, prevenire, stare attenti alle necessità di sé stessi e degli altri. Vigilare: sacrificare sé stessi per far stare meglio gli altri. E’ l’esatto contrario dell’indifferenza, anzi ne è il suo antidoto. Ad ognuno di noi ci sarà chiesto conto degli altri perché, se fratelli, come il fonte battesimale ci dona d’essere, dobbiamo premurarci ci aiutare i bisognosi, soccorrere chi necessita di aiuto, lenire le ferite, prevenire le sconfitte, le mortificazioni e ogni sorta di male che può ferire il fratello. Quando questo accade, se accade, soccorriamo Dio che troveremo in questi fratelli. “Quello che avrete fatto al più piccolo tra voi lo avrete fatto a me”.

Iniziare un nuovo cammino nel nome di Dio con l’intendimento d’essere vigilanti è il migliore dei propositi è il più prezioso auspicio per muovere i passi che ci porteranno ad approdare presso Dio. Lo troveremo, al termine dell’avvento, nella mangiatoia. Al termine della vita, nel suo futuro e finale avvento, con le braccia spalancate per accoglierci nell’abbraccio misericordioso del suo amore.



Nell’attesa del Redentore,
rivolgiamo le nostre suppliche al Padre che è nei cieli,
perché venga incontro alle nostre necessità
e a quelle di tutti gli uomini.

Visita il tuo popolo, Signore.

Per la Chiesa pellegrina nel mondo,
perché faccia parte a tutti gli uomini
della speranza che illumina il suo cammino
e risvegli in loro l’attesa della salvezza, preghiamo. R.

Per coloro nei quali la durezza della vita ha spento ogni speranza,
perché la nostra preghiera e la nostra fraternità
facciano rifiorire la fiducia
e la volontà di impegnarsi per un domani migliore, preghiamo. R.

Per le nostre comunità cristiane,
perché la vicinanza del Signore ci stimoli a vincere l’egoismo e la menzogna
per vivere nella verità e nell’amore, preghiamo. R.

Per le giovani generazioni,
perché vedano nel Cristo il modello dell’umanità nuova,
a cui devono ispirarsi per le grandi scelte della vita, preghiamo. R.

Per tutti noi,
perché nella realtà quotidiana ci incontriamo con il Signore
che un giorno verrà come giudice della storia, preghiamo. R.

Tu ci riveli, o Padre,
che quanto più grande è la nostra attesa,
tanto più ricco sarà il tuo dono;
accogli queste nostre suppliche
e accresci in noi con la venuta del tuo Figlio
il bene inestimabile della speranza.
Per Cristo nostro Signore.

Amen.



La partecipazione a questo sacramento, che a noi pellegrini sulla terra rivela il senso cristiano della vita, ci sostenga, Signore, nel nostro cammino e ci guidi ai beni eterni. Per Cristo nostro Signore.

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
292FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
177IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Sposati e sii sottomessa, 2011

Razzismo 2.0, l’odio online

“Beati” nel nostro tempo

La morte, compagna della vita

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x