13.9 C
Roma
Mer, 29 Gennaio 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno A I Domenica di Avvento - Anno A - 1 dicembre 2019

I Domenica di Avvento – Anno A – 1 dicembre 2019

Il sabato del villaggio del cuore






    Dal Vangelo secondo Matteo.

      In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.
    Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo»”.




    Giacomo Leopardi è un autore molto noto ed apprezzato. Varie sono le opere, le composizioni e soprattutto le poesie di cui è autore. Una delle più belle, che rispecchiano la psicologia umana dell’attesa, è “il sabato del villaggio” [1829]. Il componimento descrive la vita di un villaggio al sabato sera mettendo in evidenza che il sabato è il giorno più gradito della settimana, perché la felicità risiede più nel tempo dell’attesa che nella giornata successiva del compimento di quanto atteso perché già si inizia a pensare agli impegni che ci inseguono e che si debbono  adempiere. 

    Il tempo liturgico dell’Avvento è connotato proprio da questo atteggiamento: andare verso…attendere. Quindi è un tempo connotato e impreziosito dalla gioia, dalla sorpresa. Ci avviciniamo a Dio perché lui si sta avvicinando a noi. L’incontro segnerà lo spegnersi e il compiersi dei sogni, dei desideri e delle attese. Nel cuore umano si culla il desiderio di vedere, conoscere, sperimentare Dio. Esso diventa gravido di attesa, come un grembo  materno quando si prepara a generare una vita nuova che pulsa e vuole esplodere per arrivare alla vita. Dio lo incontreremo, ne siamo certi, ma il tempo della gestazione diventa ricco di impegni, progetti. Si gustano prima ancora di possederli giorni sereni in compagnia di chi si è atteso per condividere la gioia dell’abbraccio e l’emozione dello stare assieme. Prima si cammina da soli per andare ad incontrare, una volta raggiunta la meta si cammina abbracciati. Non più soli ma in compagnia. Non più desiderosi ma capaci di celebrare la soddisfazione d’aver incrociato il proprio percorso, il proprio cuore, con quello di chi si è desiderato. E la vita si trasforma, si moltiplicano i sogni, si condividono le emozioni, si consuma il tempo della condivisione sorprendendosi che sembra sempre poco e fuggevole.

    “Attendere è declinazione del verbo amare” (Ermes Ronchi). Tutte le volte che abbiamo atteso qualcuno, il tempo sembrava interminabile. Lo abbiamo arricchito di progetti, lo abbiamo animato di desideri. Ogni fruscio ci è sembrato portatore di emozioni, carico di sogni perché la persona attesa riscalda il cuore e fa volare.

    L’Avvento ci può riscaldare come mai è successo perché ci fa volare verso Dio. Impariamo a gustare la gioia dell’attesa come un sabato la sua domenica.




    Nell’attesa del Redentore,
    rivolgiamo le nostre suppliche al Padre che è nei cieli,
    perché venga incontro alle nostre necessità
    e a quelle di tutti gli uomini.

    Visita il tuo popolo, Signore.

    Per la Chiesa pellegrina nel mondo,
    perché faccia parte a tutti gli uomini
    della speranza che illumina il suo cammino
    e risvegli in loro l’attesa della salvezza, preghiamo. R.

    Per coloro nei quali la durezza della vita ha spento ogni speranza,
    perché la nostra preghiera e la nostra fraternità
    facciano rifiorire la fiducia
    e la volontà di impegnarsi per un domani migliore, preghiamo. R.

    Per le nostre comunità cristiane,
    perché la vicinanza del Signore ci stimoli a vincere l’egoismo e la menzogna
    per vivere nella verità e nell’amore, preghiamo. R.

    Per le giovani generazioni,
    perché vedano nel Cristo il modello dell’umanità nuova,
    a cui devono ispirarsi per le grandi scelte della vita, preghiamo. R.

    Per tutti noi,
    perché nella realtà quotidiana ci incontriamo con il Signore
    che un giorno verrà come giudice della storia, preghiamo. R.

    Tu ci riveli, o Padre,
    che quanto più grande è la nostra attesa,
    tanto più ricco sarà il tuo dono;
    accogli queste nostre suppliche
    e accresci in noi con la venuta del tuo Figlio
    il bene inestimabile della speranza.
    Per Cristo nostro Signore.

    Amen.




    La partecipazione a questo sacramento, che a noi pellegrini sulla terra rivela il senso cristiano della vita, ci sostenga, Signore, nel nostro cammino e ci guidi ai beni eterni. Per Cristo nostro Signore.



- Advertisement -
B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

I Domenica di Avvento – Anno A – 1 dicembre 2019

Il sabato del villaggio del cuore






    Dal Vangelo secondo Matteo.

      In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
    «Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.
    Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà. Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo»”.




    Giacomo Leopardi è un autore molto noto ed apprezzato. Varie sono le opere, le composizioni e soprattutto le poesie di cui è autore. Una delle più belle, che rispecchiano la psicologia umana dell’attesa, è “il sabato del villaggio” [1829]. Il componimento descrive la vita di un villaggio al sabato sera mettendo in evidenza che il sabato è il giorno più gradito della settimana, perché la felicità risiede più nel tempo dell’attesa che nella giornata successiva del compimento di quanto atteso perché già si inizia a pensare agli impegni che ci inseguono e che si debbono  adempiere. 

    Il tempo liturgico dell’Avvento è connotato proprio da questo atteggiamento: andare verso…attendere. Quindi è un tempo connotato e impreziosito dalla gioia, dalla sorpresa. Ci avviciniamo a Dio perché lui si sta avvicinando a noi. L’incontro segnerà lo spegnersi e il compiersi dei sogni, dei desideri e delle attese. Nel cuore umano si culla il desiderio di vedere, conoscere, sperimentare Dio. Esso diventa gravido di attesa, come un grembo  materno quando si prepara a generare una vita nuova che pulsa e vuole esplodere per arrivare alla vita. Dio lo incontreremo, ne siamo certi, ma il tempo della gestazione diventa ricco di impegni, progetti. Si gustano prima ancora di possederli giorni sereni in compagnia di chi si è atteso per condividere la gioia dell’abbraccio e l’emozione dello stare assieme. Prima si cammina da soli per andare ad incontrare, una volta raggiunta la meta si cammina abbracciati. Non più soli ma in compagnia. Non più desiderosi ma capaci di celebrare la soddisfazione d’aver incrociato il proprio percorso, il proprio cuore, con quello di chi si è desiderato. E la vita si trasforma, si moltiplicano i sogni, si condividono le emozioni, si consuma il tempo della condivisione sorprendendosi che sembra sempre poco e fuggevole.

    “Attendere è declinazione del verbo amare” (Ermes Ronchi). Tutte le volte che abbiamo atteso qualcuno, il tempo sembrava interminabile. Lo abbiamo arricchito di progetti, lo abbiamo animato di desideri. Ogni fruscio ci è sembrato portatore di emozioni, carico di sogni perché la persona attesa riscalda il cuore e fa volare.

    L’Avvento ci può riscaldare come mai è successo perché ci fa volare verso Dio. Impariamo a gustare la gioia dell’attesa come un sabato la sua domenica.




    Nell’attesa del Redentore,
    rivolgiamo le nostre suppliche al Padre che è nei cieli,
    perché venga incontro alle nostre necessità
    e a quelle di tutti gli uomini.

    Visita il tuo popolo, Signore.

    Per la Chiesa pellegrina nel mondo,
    perché faccia parte a tutti gli uomini
    della speranza che illumina il suo cammino
    e risvegli in loro l’attesa della salvezza, preghiamo. R.

    Per coloro nei quali la durezza della vita ha spento ogni speranza,
    perché la nostra preghiera e la nostra fraternità
    facciano rifiorire la fiducia
    e la volontà di impegnarsi per un domani migliore, preghiamo. R.

    Per le nostre comunità cristiane,
    perché la vicinanza del Signore ci stimoli a vincere l’egoismo e la menzogna
    per vivere nella verità e nell’amore, preghiamo. R.

    Per le giovani generazioni,
    perché vedano nel Cristo il modello dell’umanità nuova,
    a cui devono ispirarsi per le grandi scelte della vita, preghiamo. R.

    Per tutti noi,
    perché nella realtà quotidiana ci incontriamo con il Signore
    che un giorno verrà come giudice della storia, preghiamo. R.

    Tu ci riveli, o Padre,
    che quanto più grande è la nostra attesa,
    tanto più ricco sarà il tuo dono;
    accogli queste nostre suppliche
    e accresci in noi con la venuta del tuo Figlio
    il bene inestimabile della speranza.
    Per Cristo nostro Signore.

    Amen.




    La partecipazione a questo sacramento, che a noi pellegrini sulla terra rivela il senso cristiano della vita, ci sostenga, Signore, nel nostro cammino e ci guidi ai beni eterni. Per Cristo nostro Signore.



- Advertisement -
- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
904FollowerSegui
13,000FollowerSegui
616FollowerSegui
63IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Il Libro della Sapienza

Liturgia e secolarizzazione

Ri-innamorarsi

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO