10.8 C
Roma
Lun, 8 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana I 60 anni di vita sacerdotale di P. Silvestro Scica, fedele...

I 60 anni di vita sacerdotale di P. Silvestro Scica, fedele annunciatore del vangelo tra gli Indios di Amazzonia.

- Advertisement -

DSC_0173

Grande festa per la Parrocchia di S. Maria La Nova in Palata; infatti, domenica 28 settembre 2014, durante la celebrazione della S. Messa delle ore 11.00, come in un grande abbraccio virtuale, si è stretta tutta attorno a P. Silvestro Scica dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini. Guidati dal parroco Don Elio Benedetto, tutti i parrocchiani, hanno voluto accompagnarlo ancora una volta e festeggiare i suoi 60 anni di ministero sacerdotale di cui, gran parte, spesi a favore dell’annuncio evangelico nelle missioni francescane tra gli Indios d’Amazzonia; lavorando, tra l’altro, per oltre 30 anni in condizioni difficilissime e pericolose.

Alla veneranda età di ottantasei anni e in gran forma, P. Silvestro, è al momento ancora uno dei grandi pilastri della vita missionaria in Amazzonia. Il suo lavoro infaticabile tra le “periferie umane” del mondo lo rende molto amato e, allo stesso tempo, un vero e proprio deposito ragguardevole di saggezza nonché un “maestro” del servizio umile e concreto.

P. Silvestro, o P. Silvestro da Palata – come identificato dalla famiglia francescana – è nato a Palata da Michele Scica e Alfonsina Berchicci il 12 luglio 1928, ha ricevuto l’abito religioso a Montemalbe (PG) il 13 agosto 1946. Passando attraverso la Professione Temporanea dei Voti (1947) e quella Perpetua (1950), ha ricevuto i ministeri sacri ed è stato ordinato presbitero da Mons. Gaetano Malchiodi, Vescovo titolare di Cana, Vicario Apostolico di Loreto, il 13 marzo 1954.

Nei primi anni del suo ministero, P. Scica, è stato designato dalla famiglia francescana di Assisi “padre predicatore”. Tale nomina, lo ha portato a visitare diverse cittadine italiane al fine di annunciare il vangelo ai più poveri e consolidare la fede cristiana. Nell’anno 1958, chiese con fervore di poter partire missionario fino a quando riuscì a imbarcarsi sulla nave Conte Grande che salpò dal porto di Napoli il 4 dicembre dello stesso anno. Durante la permanenza oltreoceano, diverse volte ha dovuto far ritorno in Italia anche per motivi di salute. In tali frangenti e nel corso degli anni, ha ricoperto ulteriori incari come viceparroco, parroco e confessore, ruolo che tuttora – dopo la designazione del Capitolo Provinciale del 2013 – continua a svolgere a Spoleto.

Chi spesso lo accompagna riferisce che «ha imparato ad amare le cose essenziali della vita come la semplicità, l’amicizia e ad apprezzare i meravigliosi scenari dove si dispiega la mirabile tavolozza del creatore, aumentando così, la vicinanza di Dio ai suoi figli! Ancora oggi, il pensiero della terra di missione, riesce a fargli brillare gli occhi e a commuoverlo». In modo particolare, lo stesso Don Elio, nel salutarlo all’inizio della celebrazione eucaristica – donando anche a nome della parrocchia una significativa e fine targa commemorativa accompagnata da un grande mazzo di fiori – ha affermato a più riprese: «Sono certo di condividere il desiderio di tutti, come prima cosa, nel ringraziare il Signore per averlo chiamato al presbiterato, per avergli concesso di operare sino ad oggi nella vita di missione e tra noi; inoltre, augurandomi di vederlo lavorare ancora per tanti anni nella vigna del Signore con la speranza che tanti giovani possano seguire il suo esempio rispondendo alla chiamata del Signore stesso». Don Elio ha anche sottolineato il fervore e la signorilità di un uomo che, anche nei momenti di bisogno più acuto, non ha mai chiesto nulla alla parrocchia, neanche la minima ombra di un soldo; anche se, nonostante ciò, la parrocchia non si è mai fatta trovare manchevole nel sostenerlo. «P. Silvestro – continua Don Elio – ha sempre vissuto della provvidenza e nell’abbandono più totale a Dio». Al saluto di Don Elio, infine, si sono aggiunti anche quelli speciali di P. Vito Bracone, originario anche lui di Palata e frate minore francescano, assieme a quelli della nipote di P. Silvestro stesso, Cinzia Crecchia.

La conferma alle parole di Don Elio è stata la stessa presenza di P. Silvestro in parrocchia proprio nei giorni antecedenti il suo anniversario. Riferiscono infatti altri parrocchiani che, sin dalle prime frequentazioni con lui, P. Silvestro «è apparso uomo essenziale, misurato nelle parole e nei gesti, di lui colpiscono la preparazione umanistico-spirituale, così come la semplicità e fedeltà alla propria scelta di vita. Uno che “intravede” nella scelta quotidiana del Vangelo la sola via per una reale trasfigurazione della società.

            Ancora auguri P. Silvestro, il Signore continui ad accompagnarti sempre attraverso la sua benedizione.

Giuseppe Gravante, red. SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

I 60 anni di vita sacerdotale di P. Silvestro Scica, fedele annunciatore del vangelo tra gli Indios di Amazzonia.

- Advertisement -

DSC_0173

Grande festa per la Parrocchia di S. Maria La Nova in Palata; infatti, domenica 28 settembre 2014, durante la celebrazione della S. Messa delle ore 11.00, come in un grande abbraccio virtuale, si è stretta tutta attorno a P. Silvestro Scica dell’Ordine dei Frati Minori Cappuccini. Guidati dal parroco Don Elio Benedetto, tutti i parrocchiani, hanno voluto accompagnarlo ancora una volta e festeggiare i suoi 60 anni di ministero sacerdotale di cui, gran parte, spesi a favore dell’annuncio evangelico nelle missioni francescane tra gli Indios d’Amazzonia; lavorando, tra l’altro, per oltre 30 anni in condizioni difficilissime e pericolose.

Alla veneranda età di ottantasei anni e in gran forma, P. Silvestro, è al momento ancora uno dei grandi pilastri della vita missionaria in Amazzonia. Il suo lavoro infaticabile tra le “periferie umane” del mondo lo rende molto amato e, allo stesso tempo, un vero e proprio deposito ragguardevole di saggezza nonché un “maestro” del servizio umile e concreto.

P. Silvestro, o P. Silvestro da Palata – come identificato dalla famiglia francescana – è nato a Palata da Michele Scica e Alfonsina Berchicci il 12 luglio 1928, ha ricevuto l’abito religioso a Montemalbe (PG) il 13 agosto 1946. Passando attraverso la Professione Temporanea dei Voti (1947) e quella Perpetua (1950), ha ricevuto i ministeri sacri ed è stato ordinato presbitero da Mons. Gaetano Malchiodi, Vescovo titolare di Cana, Vicario Apostolico di Loreto, il 13 marzo 1954.

Nei primi anni del suo ministero, P. Scica, è stato designato dalla famiglia francescana di Assisi “padre predicatore”. Tale nomina, lo ha portato a visitare diverse cittadine italiane al fine di annunciare il vangelo ai più poveri e consolidare la fede cristiana. Nell’anno 1958, chiese con fervore di poter partire missionario fino a quando riuscì a imbarcarsi sulla nave Conte Grande che salpò dal porto di Napoli il 4 dicembre dello stesso anno. Durante la permanenza oltreoceano, diverse volte ha dovuto far ritorno in Italia anche per motivi di salute. In tali frangenti e nel corso degli anni, ha ricoperto ulteriori incari come viceparroco, parroco e confessore, ruolo che tuttora – dopo la designazione del Capitolo Provinciale del 2013 – continua a svolgere a Spoleto.

- Advertisement -

Chi spesso lo accompagna riferisce che «ha imparato ad amare le cose essenziali della vita come la semplicità, l’amicizia e ad apprezzare i meravigliosi scenari dove si dispiega la mirabile tavolozza del creatore, aumentando così, la vicinanza di Dio ai suoi figli! Ancora oggi, il pensiero della terra di missione, riesce a fargli brillare gli occhi e a commuoverlo». In modo particolare, lo stesso Don Elio, nel salutarlo all’inizio della celebrazione eucaristica – donando anche a nome della parrocchia una significativa e fine targa commemorativa accompagnata da un grande mazzo di fiori – ha affermato a più riprese: «Sono certo di condividere il desiderio di tutti, come prima cosa, nel ringraziare il Signore per averlo chiamato al presbiterato, per avergli concesso di operare sino ad oggi nella vita di missione e tra noi; inoltre, augurandomi di vederlo lavorare ancora per tanti anni nella vigna del Signore con la speranza che tanti giovani possano seguire il suo esempio rispondendo alla chiamata del Signore stesso». Don Elio ha anche sottolineato il fervore e la signorilità di un uomo che, anche nei momenti di bisogno più acuto, non ha mai chiesto nulla alla parrocchia, neanche la minima ombra di un soldo; anche se, nonostante ciò, la parrocchia non si è mai fatta trovare manchevole nel sostenerlo. «P. Silvestro – continua Don Elio – ha sempre vissuto della provvidenza e nell’abbandono più totale a Dio». Al saluto di Don Elio, infine, si sono aggiunti anche quelli speciali di P. Vito Bracone, originario anche lui di Palata e frate minore francescano, assieme a quelli della nipote di P. Silvestro stesso, Cinzia Crecchia.

La conferma alle parole di Don Elio è stata la stessa presenza di P. Silvestro in parrocchia proprio nei giorni antecedenti il suo anniversario. Riferiscono infatti altri parrocchiani che, sin dalle prime frequentazioni con lui, P. Silvestro «è apparso uomo essenziale, misurato nelle parole e nei gesti, di lui colpiscono la preparazione umanistico-spirituale, così come la semplicità e fedeltà alla propria scelta di vita. Uno che “intravede” nella scelta quotidiana del Vangelo la sola via per una reale trasfigurazione della società.

            Ancora auguri P. Silvestro, il Signore continui ad accompagnarti sempre attraverso la sua benedizione.

Giuseppe Gravante, red. SpeSalvi.it

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
201IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Dai racconti orali ai Vangeli

Paolo e il suo Vangelo

“Se Dio è amore, tutto è amore”

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x