13.9 C
Roma
Dom, 18 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiSpiritualitàGuida del principiante alla preghiera quotidiana. Come iniziare?

Guida del principiante alla preghiera quotidiana. Come iniziare?

La preghiera è una necessità assoluta per gli esseri umani.

- Advertisement -

Non vorrete perdervi questa lista di cose che Benedetto XVI dice che otterrete da qualche minuto quotidiano con Dio!

La preghiera è una necessità assoluta per gli esseri umani. Ecco come – e perché – pregare.

Pregate per ottenere ciò di cui avete bisogno per affrontare la vita.

Dio ci ha fatti più grandi di qualsiasi altra cosa abbia creato. Più grandi degli animali, delle montagne o degli angeli. Per questo motivo, nulla sulla Terra potrà soddisfarci. Solo Dio.

“Il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te”, dice Sant’Agostino.

È perché Dio ha creato tutto e ha scritto le regole dell’universo. L’unico modo per essere felici è essere in sintonia con tutto. E l’unico modo per farlo è avere un contatto frequente con Dio.

Papa Benedetto ha ricordato una volta cosa otteniamo se trascorriamo del tempo con Gesù Cristo e lo rendiamo nostro amico, affermando che conoscere Gesù può dare a una persona “ciò di cui ha più bisogno per affrontare bene la vita: serenità e luce interiore, attitudine a pensare positivamente, larghezza d’animo verso gli altri, disponibilità a pagare di persona per il bene, la giustizia e la verità”.

Momenti per pregare

Immaginate che il vostro migliore amico sia anche il vostro compagno di stanza, collega di lavoro e presenza costante nella vostra vita.

 

Pregate tutte le volte in cui vorreste parlare con Dio se fosse quell’amico, perché è quello che dovrebbe essere.

Pregate quando vi svegliate, quando mangiate, quando prendete una decisione importante, quando viaggiate e quando andate a letto. Pregate per ricevere conforto nella sofferenza, pazienza nelle avversità, gratitudine nei momenti positivi e rassegnazione in quelli negativi. Parlate a Dio di tutto ciò che vi riguarda, importante o ordinario, e dedicate un momento speciale a conversare con Dio ogni giorno in meditazione.

Come meditare

I santi dicono che la preghiera contemplativa quotidiana – meditare su Dio e sulle verità della fede – è un dovere assoluto. Ecco un metodo per la meditazione quotidiana che ho trovato utile. Trovatene uno che funzioni anche per voi.

Se è tutto quello che riuscite a fare, iniziate pregando cinque minuti al giorno e aggiungete gradualmente altro tempo.

1. Entrate alla presenza di Dio

Non è una questione di rendere Dio presente, ma di ricordarvi della sua presenza. Inginocchiatevi o sedetevi in modo rispettoso. Il vostro corpo e la vostra anima sono una cosa sola. L’atteggiamento corporeo vi incoraggia a ricordare e a riverire la grandezza di Dio.

Fate un atto di fede, speranza e amore nelle vostre parole o usate quelle che riportiamo qui.

Un atto di fede: Dio mio, credo in te e in tutto ciò che insegna la tua Chiesa, perché tu l’hai detto, e la tua parola è vera.

 

Un atto di speranza: Dio mio, spero in te, per la grazia e per la gloria, per via delle tue promesse, della tua misericordia e del tuo potere.

Un atto di carità: Dio mio, visto che sei così buono ti amo con tutto il cuore, e per amore nei tuoi confronti amo il mio prossimo come me stesso.

2. Esprimere adorazione, contrizione, ringraziamento e supplica (richiesta)

L’immaginazione può aiutarvi a pregare. Se vi è utile, immaginate Gesù Cristo seduto accanto a voi, e poi affrontate ciascuna di queste categorie.

Adorazione – Ripetete “Dio mio, ti adoro. Sei così grande, e io sono così piccolo”, o recitate il Gloria in modo lento e meditativo. Adorate Dio in modo semplice, come hanno fatto i pastori a Betlemme o Maria sotto la croce.

Contrizione – Ricordate i vostri peccati e offrite riparazione per quelli del mondo. Dite “Gesù, mi dispiace di averti offeso. Ti prego di perdonarmi. Ti voglio bene”. Se aiuta, immaginate di baciare ciascuna delle sue ferite mentre esprimete il vostro dolore.

Ringraziamento – Ringraziate Gesù per tutto ciò che ha fatto per voi, per la vostra famiglia, i vostri amici, la comunità e il mondo. Ringraziatelo in particolare per la vostra fede. Siate specifici e precisi. Ringraziatelo per questo momento di preghiera.

Supplica – Parlate con Dio in modo diretto e onesto delle necessità vostre e altrui. Chiedete quello di cui avete più bisogno nella vita spirituale e pregate per ricevere guida e forza per seguire qualsiasi luce abbiate ricevuto. Pregate per i bisognosi della vostra famiglia, città e Nazione e di tutto il mondo. Pregate per ricevere la grazia di perseverare nella preghiera.

3. Meditare

Cristo è il miglior oggetto di meditazione, e i Vangeli sono il punto di partenza migliore. I primi quattro libri del Nuovo Testamento – i Vangeli di Matteo, Marco, Luca e Giovanni – riferiscono quello che Gesù ha davvero detto e fatto, e le sue interazioni con la gente.

Leggete un breve passo del Vangelo. Immaginate come sarebbe essere lì mentre si svolge quella storia. Notate come Cristo rispetti, curi e sfidi la gente. Rileggete il passo, applicandone le lezioni alla vostra vita.

4. Impegnatevi

Impegnatevi in qualche azione che vi aiuti a mettere in pratica la preghiera nella vostra giornata – ad esempio una buona azione o una parola gentile. Concludete ringraziando Dio per questo momento di preghiera.

Tutto qui.

C’è un oceano di grazia che aspetta di scorrere nella vostra vita se solo iniziate ad aprire un po’ il canale. E lo fate attraverso la preghiera.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Guida del principiante alla preghiera quotidiana. Come iniziare?

La preghiera è una necessità assoluta per gli esseri umani.

- Advertisement -

Non vorrete perdervi questa lista di cose che Benedetto XVI dice che otterrete da qualche minuto quotidiano con Dio!

La preghiera è una necessità assoluta per gli esseri umani. Ecco come – e perché – pregare.

Pregate per ottenere ciò di cui avete bisogno per affrontare la vita.

Dio ci ha fatti più grandi di qualsiasi altra cosa abbia creato. Più grandi degli animali, delle montagne o degli angeli. Per questo motivo, nulla sulla Terra potrà soddisfarci. Solo Dio.

“Il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te”, dice Sant’Agostino.

- Advertisement -

È perché Dio ha creato tutto e ha scritto le regole dell’universo. L’unico modo per essere felici è essere in sintonia con tutto. E l’unico modo per farlo è avere un contatto frequente con Dio.

Papa Benedetto ha ricordato una volta cosa otteniamo se trascorriamo del tempo con Gesù Cristo e lo rendiamo nostro amico, affermando che conoscere Gesù può dare a una persona “ciò di cui ha più bisogno per affrontare bene la vita: serenità e luce interiore, attitudine a pensare positivamente, larghezza d’animo verso gli altri, disponibilità a pagare di persona per il bene, la giustizia e la verità”.

Momenti per pregare

Immaginate che il vostro migliore amico sia anche il vostro compagno di stanza, collega di lavoro e presenza costante nella vostra vita.

 

Pregate tutte le volte in cui vorreste parlare con Dio se fosse quell’amico, perché è quello che dovrebbe essere.

Pregate quando vi svegliate, quando mangiate, quando prendete una decisione importante, quando viaggiate e quando andate a letto. Pregate per ricevere conforto nella sofferenza, pazienza nelle avversità, gratitudine nei momenti positivi e rassegnazione in quelli negativi. Parlate a Dio di tutto ciò che vi riguarda, importante o ordinario, e dedicate un momento speciale a conversare con Dio ogni giorno in meditazione.

Come meditare

I santi dicono che la preghiera contemplativa quotidiana – meditare su Dio e sulle verità della fede – è un dovere assoluto. Ecco un metodo per la meditazione quotidiana che ho trovato utile. Trovatene uno che funzioni anche per voi.

Se è tutto quello che riuscite a fare, iniziate pregando cinque minuti al giorno e aggiungete gradualmente altro tempo.

1. Entrate alla presenza di Dio

Non è una questione di rendere Dio presente, ma di ricordarvi della sua presenza. Inginocchiatevi o sedetevi in modo rispettoso. Il vostro corpo e la vostra anima sono una cosa sola. L’atteggiamento corporeo vi incoraggia a ricordare e a riverire la grandezza di Dio.

Fate un atto di fede, speranza e amore nelle vostre parole o usate quelle che riportiamo qui.

Un atto di fede: Dio mio, credo in te e in tutto ciò che insegna la tua Chiesa, perché tu l’hai detto, e la tua parola è vera.

 

Un atto di speranza: Dio mio, spero in te, per la grazia e per la gloria, per via delle tue promesse, della tua misericordia e del tuo potere.

Un atto di carità: Dio mio, visto che sei così buono ti amo con tutto il cuore, e per amore nei tuoi confronti amo il mio prossimo come me stesso.

2. Esprimere adorazione, contrizione, ringraziamento e supplica (richiesta)

L’immaginazione può aiutarvi a pregare. Se vi è utile, immaginate Gesù Cristo seduto accanto a voi, e poi affrontate ciascuna di queste categorie.

Adorazione – Ripetete “Dio mio, ti adoro. Sei così grande, e io sono così piccolo”, o recitate il Gloria in modo lento e meditativo. Adorate Dio in modo semplice, come hanno fatto i pastori a Betlemme o Maria sotto la croce.

Contrizione – Ricordate i vostri peccati e offrite riparazione per quelli del mondo. Dite “Gesù, mi dispiace di averti offeso. Ti prego di perdonarmi. Ti voglio bene”. Se aiuta, immaginate di baciare ciascuna delle sue ferite mentre esprimete il vostro dolore.

Ringraziamento – Ringraziate Gesù per tutto ciò che ha fatto per voi, per la vostra famiglia, i vostri amici, la comunità e il mondo. Ringraziatelo in particolare per la vostra fede. Siate specifici e precisi. Ringraziatelo per questo momento di preghiera.

Supplica – Parlate con Dio in modo diretto e onesto delle necessità vostre e altrui. Chiedete quello di cui avete più bisogno nella vita spirituale e pregate per ricevere guida e forza per seguire qualsiasi luce abbiate ricevuto. Pregate per i bisognosi della vostra famiglia, città e Nazione e di tutto il mondo. Pregate per ricevere la grazia di perseverare nella preghiera.

3. Meditare

Cristo è il miglior oggetto di meditazione, e i Vangeli sono il punto di partenza migliore. I primi quattro libri del Nuovo Testamento – i Vangeli di Matteo, Marco, Luca e Giovanni – riferiscono quello che Gesù ha davvero detto e fatto, e le sue interazioni con la gente.

Leggete un breve passo del Vangelo. Immaginate come sarebbe essere lì mentre si svolge quella storia. Notate come Cristo rispetti, curi e sfidi la gente. Rileggete il passo, applicandone le lezioni alla vostra vita.

4. Impegnatevi

Impegnatevi in qualche azione che vi aiuti a mettere in pratica la preghiera nella vostra giornata – ad esempio una buona azione o una parola gentile. Concludete ringraziando Dio per questo momento di preghiera.

Tutto qui.

C’è un oceano di grazia che aspetta di scorrere nella vostra vita se solo iniziate ad aprire un po’ il canale. E lo fate attraverso la preghiera.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
226IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x