17 C
Rome
sabato, 19 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Santi e Beati Giovanni XXIII e i giovani: curiamoci di loro

Giovanni XXIII e i giovani: curiamoci di loro

Santi

- Advertisement -

La Chiesa e i giovani. E’ un tema ricorrente, quest’anno, nel quale si celebrerà il sinodo voluto in particolare da Papa Francesco. E proprio Papa Francesco, in una recente intervista all’Eco di Bergamo, in occasione dell’avvio della “peregrinatio” del corpo santo di Giovanni XXIII nella sua terra natale, ha ricordato come “la società ha bisogno dei giovani, come la Chiesa”. Ma non dei giovani “astratti”, bensì quanti, ciascuno con la sua storia, attraversano le strade di tutti i giorni e vanno ascoltati. A questo proposito, Francesco ha indicato proprio l’atteggiamento del suo santo predecessore, che ha vissuto accanto ai giovani da cappellano militare, da fondatore della Casa dello studente, a Bergamo, e soprattutto da persona appassionata della gioventù, capace di dichiarare nel suo “Giornale dell’anima” una intenzione ferma e decisa: “Amerò i giovani come una mamma”.

Non è l’unica espressione forte di Angelo Roncalli a proposito dei giovani. Certo però è quella che ne riassume in profondità l’atteggiamento di dedizione profonda. Ed è curioso che in questo anno dei giovani un richiamo così forte ed esplicito all’attenzione nei loro confronti venga da un “anziano”: il cardinale Angelo Roncalli, quando venne eletto al soglio di Pietro, a 77 anni, lo si considerò un “Papa di transizione”, proprio per l’età avanzata.

Eppure, a ben vedere questo Papa avanti negli anni ebbe lo spirito così giovane da avviare all’interno della Chiesa – e non solo – la primavera del Concilio, un rinnovamento epocale tuttora in divenire.

Concilio che – altro richiamo forte – si conclude con un preciso Messaggio ai giovani: “E’ per voi giovani, per voi soprattutto, che essa (la Chiesa) con il suo Concilio ha acceso una luce, quella che rischiara l’avvenire, il vostro avvenire”.

I riflettori che in queste settimane accompagnano il cammino dell’urna di San Giovanni XXIII a Bergamo possono allora fare una luce speciale sul mondo dei giovani e in particolare sull’attenzione che la Chiesa sa di dover rivolgere specialmente a loro. Giovani ai quali tutti chiedono molto, dimenticando forse che loro stessi hanno bisogno di essere sostenuti e incoraggiati. Di essere soprattutto amati, per dirla con Angelo Roncalli, Papa Giovanni, che nel famoso discorso della luna indirizzava la sua carezza ai bambini. Ai più piccoli, attraverso gli adulti cui si rivolgeva direttamente in piazza San Pietro.

Da questi atteggiamenti di San Giovanni XXIII viene un esempio semplice e forte, senza equivoci: curatevi, curiamoci dei più giovani.

Ascoltiamoli, come non si stanca di suggerire Papa Francesco, accompagniamoli e sosteniamoli nelle tante esperienze quotidiane, dedichiamoci con attenzione alla loro formazione, chiediamo che mostrino responsabilità e coraggio nell’affrontare le sfide di tutti i giorni. Ma anzitutto manteniamo verso di loro quella passione e quello sguardo benevolo, pieno di speranza, di cui Papa Giovanni è stato maestro e testimone, con il quale continua ad accarezzare i luoghi e le persone che incontra in questo straordinario viaggio in terra bergamasca.

Originale: AgenSIR
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Giovanni XXIII e i giovani: curiamoci di loro

Santi

  

- Advertisement -

La Chiesa e i giovani. E’ un tema ricorrente, quest’anno, nel quale si celebrerà il sinodo voluto in particolare da Papa Francesco. E proprio Papa Francesco, in una recente intervista all’Eco di Bergamo, in occasione dell’avvio della “peregrinatio” del corpo santo di Giovanni XXIII nella sua terra natale, ha ricordato come “la società ha bisogno dei giovani, come la Chiesa”. Ma non dei giovani “astratti”, bensì quanti, ciascuno con la sua storia, attraversano le strade di tutti i giorni e vanno ascoltati. A questo proposito, Francesco ha indicato proprio l’atteggiamento del suo santo predecessore, che ha vissuto accanto ai giovani da cappellano militare, da fondatore della Casa dello studente, a Bergamo, e soprattutto da persona appassionata della gioventù, capace di dichiarare nel suo “Giornale dell’anima” una intenzione ferma e decisa: “Amerò i giovani come una mamma”.

Non è l’unica espressione forte di Angelo Roncalli a proposito dei giovani. Certo però è quella che ne riassume in profondità l’atteggiamento di dedizione profonda. Ed è curioso che in questo anno dei giovani un richiamo così forte ed esplicito all’attenzione nei loro confronti venga da un “anziano”: il cardinale Angelo Roncalli, quando venne eletto al soglio di Pietro, a 77 anni, lo si considerò un “Papa di transizione”, proprio per l’età avanzata.

Eppure, a ben vedere questo Papa avanti negli anni ebbe lo spirito così giovane da avviare all’interno della Chiesa – e non solo – la primavera del Concilio, un rinnovamento epocale tuttora in divenire.

Concilio che – altro richiamo forte – si conclude con un preciso Messaggio ai giovani: “E’ per voi giovani, per voi soprattutto, che essa (la Chiesa) con il suo Concilio ha acceso una luce, quella che rischiara l’avvenire, il vostro avvenire”.

I riflettori che in queste settimane accompagnano il cammino dell’urna di San Giovanni XXIII a Bergamo possono allora fare una luce speciale sul mondo dei giovani e in particolare sull’attenzione che la Chiesa sa di dover rivolgere specialmente a loro. Giovani ai quali tutti chiedono molto, dimenticando forse che loro stessi hanno bisogno di essere sostenuti e incoraggiati. Di essere soprattutto amati, per dirla con Angelo Roncalli, Papa Giovanni, che nel famoso discorso della luna indirizzava la sua carezza ai bambini. Ai più piccoli, attraverso gli adulti cui si rivolgeva direttamente in piazza San Pietro.

- Advertisement -

Da questi atteggiamenti di San Giovanni XXIII viene un esempio semplice e forte, senza equivoci: curatevi, curiamoci dei più giovani.

Ascoltiamoli, come non si stanca di suggerire Papa Francesco, accompagniamoli e sosteniamoli nelle tante esperienze quotidiane, dedichiamoci con attenzione alla loro formazione, chiediamo che mostrino responsabilità e coraggio nell’affrontare le sfide di tutti i giorni. Ma anzitutto manteniamo verso di loro quella passione e quello sguardo benevolo, pieno di speranza, di cui Papa Giovanni è stato maestro e testimone, con il quale continua ad accarezzare i luoghi e le persone che incontra in questo straordinario viaggio in terra bergamasca.

- Advertisement -
Originale: AgenSIR

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
856FollowerSegui
13,000FollowerSegui
602FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO