7.5 C
Roma
Dom, 18 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiPapa"Giovani, no all'anestesia dell'anima" Un milione e mezzo alla Messa con il...

“Giovani, no all’anestesia dell’anima” Un milione e mezzo alla Messa con il Papa

- Advertisement -

“Gesù ci chiama per nome”, “Dio ci ama così come siamo”. E’ un invito a essere protagonisti della propria vita, a sognare secondo Gesù, a non aver paura di dire sì al Signore, il filo rosso dell’omelia del Papa durante la Messa di chiusura della Gmg di Cracovia, seguita secondo i dati comunicati dalle autorità da oltre 1,5 milioni di giovani.

Nel Campus Misericordiae, Francesco, commentando l’episodio evangelico di Zaccheo, mette in guardia i giovani dai rischi dello scoraggiamento, del pensare in piccolo, del considerarsi meno di quel che sono. Soprattutto li invita a non temere “la folla mormorante” che “potrebbe ridere di voi perché credete nella forza mite della misericordia”, che “potrebbe giudicarvi dei sognatori perché credete in una nuova umanità, che non accetta l’odio tra i popoli, non vede confini dei Paesi come delle barriere”.
messa600DPS_0248a_52096320.jpg

Pericoli da conoscere, da affrontare senza paura di dire sì a Dio, un Dio vicino, che “ci invita al coraggio vero”. Ma voi, aggiunge il Pontefice “non lasciatevi anestetizzare l’anima”, non fermatevi alla superficie delle cose e diffidate dalle liturgie mondane dell’apparire”, cercate la connessione più stabile: “Quella di un cuore che vede e trasmette il bene senza stancarsi”.

L’impegno affidato ai giovani allora è quello di essere costruttori di una nuova umanità, lottando per il bene in quanto bene, senza aspettare di sentirsi dire bravi. La Gmg allora “comincia oggi e continua domani a casa perché è lì che Gesù vuole incontrarti d’ora in poi”.

Una curiosità significativa: la preghiera dei fedeli per i cristiani perseguitati viene recitata in cinese.
papadentroDPS_0178a_52096319.jpg

Il regalo della Gmg a Cracovia: le case Caritas
Questa mattina, lasciato l’arcivescovado, Papa Francesco si è trasferito in auto al Campus Misericordiae di Cracovia, predisposto per ospitare i due eventi conclusivi della Gmg 2016: la Vegia di sabato sera e la Messa. In quest’area sono state realizzate due strutture, che resteranno a ricordo dell’evento come segno tangibile di misericordia: una Casa diurna per anziani e un Centro Caritas denominato Il pane della Misericordià. Accolto dal sindaco di Wieliczka, nel cui territorio si trova il Campus, e dal direttore della Caritas diocesana, il Papa è stato accompagnato all’ingresso di una delle due case destinate all’accoglienza di poveri e anziani in difficoltà. Qui ha benedetto i presenti, i locali e una statua della Madonna di Loreto. Dopo la benedizione delle case della Caritas, Bergoglio ha compiuto sulla vettura panoramica un lungo giro in tutta l’area del Campus Misericordiae.

CASA PER ANZIANI E MAGAZZINO CARITAS: LEGGI

 

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

“Giovani, no all’anestesia dell’anima” Un milione e mezzo alla Messa con il Papa

- Advertisement -

“Gesù ci chiama per nome”, “Dio ci ama così come siamo”. E’ un invito a essere protagonisti della propria vita, a sognare secondo Gesù, a non aver paura di dire sì al Signore, il filo rosso dell’omelia del Papa durante la Messa di chiusura della Gmg di Cracovia, seguita secondo i dati comunicati dalle autorità da oltre 1,5 milioni di giovani.

Nel Campus Misericordiae, Francesco, commentando l’episodio evangelico di Zaccheo, mette in guardia i giovani dai rischi dello scoraggiamento, del pensare in piccolo, del considerarsi meno di quel che sono. Soprattutto li invita a non temere “la folla mormorante” che “potrebbe ridere di voi perché credete nella forza mite della misericordia”, che “potrebbe giudicarvi dei sognatori perché credete in una nuova umanità, che non accetta l’odio tra i popoli, non vede confini dei Paesi come delle barriere”.
messa600DPS_0248a_52096320.jpg

Pericoli da conoscere, da affrontare senza paura di dire sì a Dio, un Dio vicino, che “ci invita al coraggio vero”. Ma voi, aggiunge il Pontefice “non lasciatevi anestetizzare l’anima”, non fermatevi alla superficie delle cose e diffidate dalle liturgie mondane dell’apparire”, cercate la connessione più stabile: “Quella di un cuore che vede e trasmette il bene senza stancarsi”.

L’impegno affidato ai giovani allora è quello di essere costruttori di una nuova umanità, lottando per il bene in quanto bene, senza aspettare di sentirsi dire bravi. La Gmg allora “comincia oggi e continua domani a casa perché è lì che Gesù vuole incontrarti d’ora in poi”.

Una curiosità significativa: la preghiera dei fedeli per i cristiani perseguitati viene recitata in cinese.
papadentroDPS_0178a_52096319.jpg

- Advertisement -

Il regalo della Gmg a Cracovia: le case Caritas
Questa mattina, lasciato l’arcivescovado, Papa Francesco si è trasferito in auto al Campus Misericordiae di Cracovia, predisposto per ospitare i due eventi conclusivi della Gmg 2016: la Vegia di sabato sera e la Messa. In quest’area sono state realizzate due strutture, che resteranno a ricordo dell’evento come segno tangibile di misericordia: una Casa diurna per anziani e un Centro Caritas denominato Il pane della Misericordià. Accolto dal sindaco di Wieliczka, nel cui territorio si trova il Campus, e dal direttore della Caritas diocesana, il Papa è stato accompagnato all’ingresso di una delle due case destinate all’accoglienza di poveri e anziani in difficoltà. Qui ha benedetto i presenti, i locali e una statua della Madonna di Loreto. Dopo la benedizione delle case della Caritas, Bergoglio ha compiuto sulla vettura panoramica un lungo giro in tutta l’area del Campus Misericordiae.

CASA PER ANZIANI E MAGAZZINO CARITAS: LEGGI

 

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
226IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Le 110 parabole di papa Francesco

Le 217 domande di Gesù

I profeti minori “quadriformi”

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x