23 C
Rome
giovedì, 22 Agosto 2019
  • MEDIA

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Media Video Giornata rifugiato: per il Papa chi bussa alla nostra porta ci fa...

Giornata rifugiato: per il Papa chi bussa alla nostra porta ci fa vedere Gesù

Giornata del Rifugiato

- Advertisement -
Si celebra oggi in tutto il mondo la Giornata Mondiale del rifugiato, indetta dalle Nazioni Unite con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul dramma di milioni di persone in fuga dalla violenza e dalle guerre. Ripercorriamo gli interventi più importanti sul tema del Papa che oggi ha lanciato anche un tweet
 

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

Speranza, fiducia e fratellanza: sono le parole che spesso Papa Francesco ha ripetuto, dall’inizio del suo magistero, parlando del dramma dei rifugiati e dei profughi. “Incontriamo Gesù nel povero, nello scartato, nel rifugiato. Non lasciamo che la paura ci impedisca di accogliere il prossimo bisognoso!” ha scritto oggi in un tweet. In tutto il mondo oggi si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato indetta dalle Nazioni Unite per non dimenticare il dramma di oltre 66 milioni di persone che nel mondo sono costretti a lasciare il proprio Paese per fuggire da guerre, violenze, miseria.

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare

Papa Francesco nel messaggio per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato 2018 ha ricordato che “ogni forestiero che bussa alla nostra porta è un’occasione di incontro con Gesù”. L’attenzione del Pontefice si è poi focalizzata sull’accoglienza, chiedendo di favorire i ricongiungimenti famigliari; sulla protezione perché siano promosse azioni in difesa dei diritti e della dignità di migranti e rifugiati; sulla necessità di mettere i rifugiati in condizione di realizzarsi come persone infine l’integrazione per formare una società “riflesso dei multiformi doni di Dio agli uomini”.

Da Lampedusa a Lesbo per ascoltare i loro drammi

Nei 5 anni di Pontificato, Francesco ha toccato con mano il dramma dei migranti. Ha ascoltato a Lampedusa i racconti di chi ha messo in gioco la propria vita per avere una porta aperta verso il futuro. Lo stesso ha fatto a Lesbo, asciugando le lacrime di uomini e donne lontani dalla propria famiglia. Ha dato speranza ad alcuni di loro, offrendo l’occasione per ripartire perché, come ha detto all’udienza generale del 22 giugno 2016, i rifugiati non sono degli esclusi ma dei fratelli. “Il cristiano dà posto a tutti, lascia venire tutti”.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Giornata rifugiato: per il Papa chi bussa alla nostra porta ci fa vedere Gesù

Giornata del Rifugiato

  

- Advertisement -
Si celebra oggi in tutto il mondo la Giornata Mondiale del rifugiato, indetta dalle Nazioni Unite con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul dramma di milioni di persone in fuga dalla violenza e dalle guerre. Ripercorriamo gli interventi più importanti sul tema del Papa che oggi ha lanciato anche un tweet
 

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

Speranza, fiducia e fratellanza: sono le parole che spesso Papa Francesco ha ripetuto, dall’inizio del suo magistero, parlando del dramma dei rifugiati e dei profughi. “Incontriamo Gesù nel povero, nello scartato, nel rifugiato. Non lasciamo che la paura ci impedisca di accogliere il prossimo bisognoso!” ha scritto oggi in un tweet. In tutto il mondo oggi si celebra la Giornata Mondiale del Rifugiato indetta dalle Nazioni Unite per non dimenticare il dramma di oltre 66 milioni di persone che nel mondo sono costretti a lasciare il proprio Paese per fuggire da guerre, violenze, miseria.

Accogliere, proteggere, promuovere e integrare

Papa Francesco nel messaggio per la Giornata mondiale del migrante e del rifugiato 2018 ha ricordato che “ogni forestiero che bussa alla nostra porta è un’occasione di incontro con Gesù”. L’attenzione del Pontefice si è poi focalizzata sull’accoglienza, chiedendo di favorire i ricongiungimenti famigliari; sulla protezione perché siano promosse azioni in difesa dei diritti e della dignità di migranti e rifugiati; sulla necessità di mettere i rifugiati in condizione di realizzarsi come persone infine l’integrazione per formare una società “riflesso dei multiformi doni di Dio agli uomini”.

Da Lampedusa a Lesbo per ascoltare i loro drammi

Nei 5 anni di Pontificato, Francesco ha toccato con mano il dramma dei migranti. Ha ascoltato a Lampedusa i racconti di chi ha messo in gioco la propria vita per avere una porta aperta verso il futuro. Lo stesso ha fatto a Lesbo, asciugando le lacrime di uomini e donne lontani dalla propria famiglia. Ha dato speranza ad alcuni di loro, offrendo l’occasione per ripartire perché, come ha detto all’udienza generale del 22 giugno 2016, i rifugiati non sono degli esclusi ma dei fratelli. “Il cristiano dà posto a tutti, lascia venire tutti”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
845FollowerSegui
13,000FollowerSegui
594FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO