8.4 C
Roma
Gio, 15 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiEcumenismoFrère Alois: “Un pellegrinaggio di fede dei giovani con tutte le Chiese...

Frère Alois: “Un pellegrinaggio di fede dei giovani con tutte le Chiese in Libano”

Così frère Alois, priore di Taizé, in un’intervista.

- Advertisement -

“Un pellegrinaggio di fiducia con tutte le Chiese in Libano”. Così frère Alois, priore di Taizé, in un’intervista, presenta il primo incontro ecumenico internazionale dei giovani, iniziato a Beirut ieri e organizzato dal Consiglio delle Chiese del Medio Oriente e dalla Comunità di Taizé. Presenti nella capitale libanese oltre 1.600 giovani. Il 25 marzo in programma anche un incontro con i musulmani, in occasione della festa dell’Annunciazione. “Maria è un legame tra di noi, ci riunisce in questo giorno”. “Oggi ci sono tante divisioni che diventano profonde e tante paure. In Europa abbiamo paura degli altri, dei migranti, ma possiamo superare questa paura, che è comprensibile ma la migrazione è un segno del tempo di oggi. E dobbiamo essere aperti a questo. Altrimenti non viviamo il Vangelo”. Soffermandosi sull’ospitalità dei libanesi, che “è molto grande”, frère Alois dice che “hanno il cuore aperto”. “Così anche i giovani che vengono dall’Europa sono numerosi e possono vivere questa ospitalità. Ciò cambia i cuori”. Parlando dei rapporti con l’Islam, il priore di Taizé considera “molto bella” la celebrazione comune, ma “questo in Europa è più difficile da immaginare”. Infine, sulle difficoltà dei giovani ad andare avanti nella vita, frère Alois incoraggia alla “fiducia”. “È importante nella Chiesa avere non solo sacerdoti e religiosi, ma anche laici disponibili ad ascoltare”.

Originale: AgenSIR
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Frère Alois: “Un pellegrinaggio di fede dei giovani con tutte le Chiese in Libano”

Così frère Alois, priore di Taizé, in un’intervista.

- Advertisement -

“Un pellegrinaggio di fiducia con tutte le Chiese in Libano”. Così frère Alois, priore di Taizé, in un’intervista, presenta il primo incontro ecumenico internazionale dei giovani, iniziato a Beirut ieri e organizzato dal Consiglio delle Chiese del Medio Oriente e dalla Comunità di Taizé. Presenti nella capitale libanese oltre 1.600 giovani. Il 25 marzo in programma anche un incontro con i musulmani, in occasione della festa dell’Annunciazione. “Maria è un legame tra di noi, ci riunisce in questo giorno”. “Oggi ci sono tante divisioni che diventano profonde e tante paure. In Europa abbiamo paura degli altri, dei migranti, ma possiamo superare questa paura, che è comprensibile ma la migrazione è un segno del tempo di oggi. E dobbiamo essere aperti a questo. Altrimenti non viviamo il Vangelo”. Soffermandosi sull’ospitalità dei libanesi, che “è molto grande”, frère Alois dice che “hanno il cuore aperto”. “Così anche i giovani che vengono dall’Europa sono numerosi e possono vivere questa ospitalità. Ciò cambia i cuori”. Parlando dei rapporti con l’Islam, il priore di Taizé considera “molto bella” la celebrazione comune, ma “questo in Europa è più difficile da immaginare”. Infine, sulle difficoltà dei giovani ad andare avanti nella vita, frère Alois incoraggia alla “fiducia”. “È importante nella Chiesa avere non solo sacerdoti e religiosi, ma anche laici disponibili ad ascoltare”.

- Advertisement -
Originale: AgenSIR

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
646FollowerSegui
224IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

La teologia di papa Francesco

Il Vangelo di Marco

Wénin: Abramo

Lo Spirito nell’agire umano

Libri consigliati – Dicembre 2018

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x