26.2 C
Rome
mercoledì, 26 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Frantz

- Advertisement -

Ultimo film di François Ozon (Amanti Criminali 1999, Sotto la sabbia 2000, 8 donne e un mistero 2002, Il tempo che resta  2005, Angel, La vita il romanzo 2007, Il Rifugio 2009, Nella Casa 2012, Giovane e Bella 2013, Una Nuova Amica 2014) Il film è stato presentato in anteprima e in concorso al Festival di Venezia 2016 e successivamente al Festival International di Toronto.  Altro gioiello dell’eclettico Ozan che offre una visione sempre nuova dello spirito e della sessualità umana.

In principio era il sesso desiderio oscuro e potente, posto a salvaguardia della  conservazione della specie, ma dopo Adamo ed Eva,  nulla è stato più così semplice, ci affanniamo a cercare nel sesso quello che non riusciamo a trovare altrove, emozioni più forti  delle nostre paure. Mettiamo a nudo i nostri corpi evitando accuratamente di mettere a nudo la nostra anima. Con o senza amore il sesso che avete fatto ha prodotto i suoi  frutti che sia l’abbraccio di un figlio o la fugace speranza di una felicità futura . L’attesa che il miracolo della vita avvenga anche per voi.  O l’unico modo in cui riuscite a dimenticare il vostro dolore. Tutto nasce dal  sesso.

Ci troviamo nella Germania del 1919. Una giovane donne si reca quotidianamente sulla tomba del fidanzato caduto al fronte. Questa sua intima relazione un giorno viene spezzata dall’incontro con Adrien, soldato francese sopravvissuto – almeno fisicamente – all’orrore della trincea e della guerra. Questa nuova figura maschile che irrompe nella sua vita silenzioso e avvolto dal mistero commuove e colpisce Anna. 

Ozan miscela sapientemente toni  grotteschi  e  sentimenti  di disarmante candore per non illudere mai lo spettatore  sulla anche solo plausibile purezza dell’animo umano.

Tra Adrien  ed  Anna si instaura un forte legame che permettono “al  sopravvissuto”  di entrare in seno  alla famiglia “del  defunto”.  Giorno  dopo  giorno  Adrien  diventa  proiezione e conforto  per  i genitori  di Frantz  che inconsapevoli  di ogni cosa assecondano  la  simpatia di Anna per Adrien.

Con  sapiente  maestria  il nostro  regista  svela  attraverso  circostanze ed immagini del passato che Adrien è un vecchio amico di Frantz,  conosciuto a Parigi e frequentato  tra musei  e Café  della capitale  “dell’arte”  e  dell’amore.

Anna è interpretata da Paula Beer premiata con il Premio Marcello Mastroianni come attrice emergente nella 73ª Mostra Internazionale del Cinema di Venezia.

Inesorabilmente il mondo reale, quello esterno sopraggiunge a rompere i fragili equilibri  da poco rinsaldati. Il mondo, le nazioni coinvolte nel conflitto, non hanno guarito le ferite e si oppongono a questo sentimento emergente che chiede di crescere  a dispetto di qualsiasi cosa il passato abbia già scritto col sangue.

Adrien è interpretato da  Pierre Niney  vincitore del Premio César  come migliore attore per  Yves Saint Laurent.

Adrien, compresso nel rancore collettivo e da un rimorso che cova nel  profondo, si confessa  ad Anna  e torna in Francia. Ora sarà lei a dover decidere se sarà sufficiente continuare a vivere di una proiezione del passato o accettare la realtà dei fatti e costruire una vita sulla “debolezza umana”  insita in ogni storia. Sarà la protagonista  a dover  scegliere cosa fare della verità partecipatale da Adrien.

Nulla più di una buona  e sana  dose  di  realtà  può guarire ogni ferita, ogni fantasia  e mutare completamente il volta di qualsiasi  forma  di speranza.  La speranza  non  muore,  ma vira completamente  la sua direzione.

Frantz  nella sua storia personale  racchiude quella del futuro di molti. Il futuro è noto solo a noi perché quel futuro e oggi il nostro passato.

[reviews]

Contributo allo sviluppo della personalità:
8
Culturalmente valido:
9
Spiritualmente utile:
6
Discernimento del bene e del male:
8
Avvincente:
7
Innovativo:
8
Indicatore di culture diverse:
5
Resa dei personaggi:
8
Colonna sonora:
7
Fotografia:
7
Pertinenza linguistica e prossemica:
7
Montaggio:
7
E. Simonetti
Ha conseguito il Baccalaureato in S. Teologia presso l'Istituto Teologico Abruzzese-Molisano di Chieti affiliato alla Pontificia Università Lateranense - Roma.

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Frantz

  

- Advertisement -

Ultimo film di François Ozon (Amanti Criminali 1999, Sotto la sabbia 2000, 8 donne e un mistero 2002, Il tempo che resta  2005, Angel, La vita il romanzo 2007, Il Rifugio 2009, Nella Casa 2012, Giovane e Bella 2013, Una Nuova Amica 2014) Il film è stato presentato in anteprima e in concorso al Festival di Venezia 2016 e successivamente al Festival International di Toronto.  Altro gioiello dell’eclettico Ozan che offre una visione sempre nuova dello spirito e della sessualità umana.

In principio era il sesso desiderio oscuro e potente, posto a salvaguardia della  conservazione della specie, ma dopo Adamo ed Eva,  nulla è stato più così semplice, ci affanniamo a cercare nel sesso quello che non riusciamo a trovare altrove, emozioni più forti  delle nostre paure. Mettiamo a nudo i nostri corpi evitando accuratamente di mettere a nudo la nostra anima. Con o senza amore il sesso che avete fatto ha prodotto i suoi  frutti che sia l’abbraccio di un figlio o la fugace speranza di una felicità futura . L’attesa che il miracolo della vita avvenga anche per voi.  O l’unico modo in cui riuscite a dimenticare il vostro dolore. Tutto nasce dal  sesso.

Ci troviamo nella Germania del 1919. Una giovane donne si reca quotidianamente sulla tomba del fidanzato caduto al fronte. Questa sua intima relazione un giorno viene spezzata dall’incontro con Adrien, soldato francese sopravvissuto – almeno fisicamente – all’orrore della trincea e della guerra. Questa nuova figura maschile che irrompe nella sua vita silenzioso e avvolto dal mistero commuove e colpisce Anna. 

Ozan miscela sapientemente toni  grotteschi  e  sentimenti  di disarmante candore per non illudere mai lo spettatore  sulla anche solo plausibile purezza dell’animo umano.

Tra Adrien  ed  Anna si instaura un forte legame che permettono “al  sopravvissuto”  di entrare in seno  alla famiglia “del  defunto”.  Giorno  dopo  giorno  Adrien  diventa  proiezione e conforto  per  i genitori  di Frantz  che inconsapevoli  di ogni cosa assecondano  la  simpatia di Anna per Adrien.

- Advertisement -

Con  sapiente  maestria  il nostro  regista  svela  attraverso  circostanze ed immagini del passato che Adrien è un vecchio amico di Frantz,  conosciuto a Parigi e frequentato  tra musei  e Café  della capitale  “dell’arte”  e  dell’amore.

Anna è interpretata da Paula Beer premiata con il Premio Marcello Mastroianni come attrice emergente nella 73ª Mostra Internazionale del Cinema di Venezia.

Inesorabilmente il mondo reale, quello esterno sopraggiunge a rompere i fragili equilibri  da poco rinsaldati. Il mondo, le nazioni coinvolte nel conflitto, non hanno guarito le ferite e si oppongono a questo sentimento emergente che chiede di crescere  a dispetto di qualsiasi cosa il passato abbia già scritto col sangue.

Adrien è interpretato da  Pierre Niney  vincitore del Premio César  come migliore attore per  Yves Saint Laurent.

Adrien, compresso nel rancore collettivo e da un rimorso che cova nel  profondo, si confessa  ad Anna  e torna in Francia. Ora sarà lei a dover decidere se sarà sufficiente continuare a vivere di una proiezione del passato o accettare la realtà dei fatti e costruire una vita sulla “debolezza umana”  insita in ogni storia. Sarà la protagonista  a dover  scegliere cosa fare della verità partecipatale da Adrien.

Nulla più di una buona  e sana  dose  di  realtà  può guarire ogni ferita, ogni fantasia  e mutare completamente il volta di qualsiasi  forma  di speranza.  La speranza  non  muore,  ma vira completamente  la sua direzione.

Frantz  nella sua storia personale  racchiude quella del futuro di molti. Il futuro è noto solo a noi perché quel futuro e oggi il nostro passato.

[reviews]

- Advertisement -
Contributo allo sviluppo della personalità:
8
Culturalmente valido:
9
Spiritualmente utile:
6
Discernimento del bene e del male:
8
Avvincente:
7
Innovativo:
8
Indicatore di culture diverse:
5
Resa dei personaggi:
8
Colonna sonora:
7
Fotografia:
7
Pertinenza linguistica e prossemica:
7
Montaggio:
7

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

E. Simonetti
Ha conseguito il Baccalaureato in S. Teologia presso l'Istituto Teologico Abruzzese-Molisano di Chieti affiliato alla Pontificia Università Lateranense - Roma.

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
272FansMi piace
804FollowerSegui
13,000FollowerSegui
582FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Le tre lettere di Giovanni

Il Vangelo di Marco

Eva e il serpente

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO