12.7 C
Rome
martedì, 19 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Francesco: unire contemplazione e azione per vivere con gioia

Francesco: unire contemplazione e azione per vivere con gioia

La strada che il Papa indica all’Angelus è quella di Maria e Marta, le sorelle di Lazzaro

- Advertisement -

Fare una sosta per restare un po’ in disparte con Gesù, in ascolto, e non farsi travolgere dalle cose da fare, e allo stesso tempo essere al servizio dei fratelli, con accoglienza. La strada che il Papa indica all’Angelus è quella di Maria e Marta, le sorelle di Lazzaro

Debora Donnini – Città del Vaticano

Contemplazione e azione. La “sapienza del cuore” sta nel saper coniugare questi due atteggiamenti e “ci indicano la strada” Maria e Marta, che accolgono Gesù a casa, come narra il Vangelo odierno. Lo ricorda il Papa all’Angelus di questa assolata domenica di luglio ai fedeli accorsi a Piazza San Pietro. L’esortazione di Francesco è quella di amare e servire i fratelli “con le mani di Marta e il cuore di Maria”, rimanendo in ascolto del Signore. “Con questi due atteggiamenti – dice – saremo artigiani di pace e di speranza”. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Se vogliamo assaporare la vita con gioia, dobbiamo associare questi due atteggiamenti: da una parte, lo “stare ai piedi” di Gesù, per ascoltarlo mentre ci svela il segreto di ogni cosa; dall’altra, essere premurosi e pronti nell’ospitalità, quando Lui passa e bussa alla nostra porta, con il volto dell’amico che ha bisogno di un momento di ristoro e di fraternità. Ci vuole questa ospitalità.

Un po’ in disparte con il Signore per fare le cose con più serenità

Maria lascia tutto quello che stava facendo per ascoltare Gesù, sedendosi ai suoi piedi. “Il Signore ci sorprende sempre: quando ci mettiamo ad ascoltarlo veramente”, ricorda il Papa, “le nubi svaniscono, i dubbi cedono il posto alla verità, le paure alla serenità, e le diverse situazioni della vita trovano la giusta collocazione”. Il Signore, infatti, quando viene, sempre “sistema le cose”. Francesco esorta, quindi, a fare una sosta durante la giornata, in silenzio, per rimanere “un po’ in disparte con Lui” e tornare così alle cose di tutti i giorni con più serenità:

Lodando il comportamento di Maria, che «ha scelto la parte migliore» (v. 42), Gesù sembra ripetere a ciascuno di noi: “Non lasciarti travolgere dalle cose da fare, ma ascolta prima di tutto la voce del Signore, per svolgere bene i compiti che la vita ti assegna”.

Nelle nostre comunità si viva il senso di accoglienza

E mentre Maria sta ad ascoltare, Marta è tutta presa da molti servizi. Dicendole che si affanna per molte cose, Gesù “non intende certo condannare l’atteggiamento di servizio” ma “l’affanno con cui a volte lo si vive”, nota il Papa:

Anche noi condividiamo la preoccupazione di Santa Marta e, sul suo esempio, ci proponiamo di far sì che, nelle nostre famiglie e nelle nostre comunità, si viva il senso dell’accoglienza, della fraternità, perché ciascuno possa sentirsi “a casa”, specialmente i piccoli e i poveri quando bussano alla porta.

Al termine della preghiera mariana, il Papa richiama il 50.mo anniversario della conquista della luna auspicando che il ricordo di quel grande passo porti a “traguardi ancora maggiori”: più giustizia e dignità, e più futuro per la casa comune. Nei saluti, in particolare, si rivolge alle novizie delle Figlie di Maria Ausiliatrice. “Spero – dice – che alcune di voi andranno in Patagonia” dove c’è bisogno di lavorare.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Francesco: unire contemplazione e azione per vivere con gioia

La strada che il Papa indica all’Angelus è quella di Maria e Marta, le sorelle di Lazzaro

  

- Advertisement -

Fare una sosta per restare un po’ in disparte con Gesù, in ascolto, e non farsi travolgere dalle cose da fare, e allo stesso tempo essere al servizio dei fratelli, con accoglienza. La strada che il Papa indica all’Angelus è quella di Maria e Marta, le sorelle di Lazzaro

Debora Donnini – Città del Vaticano

Contemplazione e azione. La “sapienza del cuore” sta nel saper coniugare questi due atteggiamenti e “ci indicano la strada” Maria e Marta, che accolgono Gesù a casa, come narra il Vangelo odierno. Lo ricorda il Papa all’Angelus di questa assolata domenica di luglio ai fedeli accorsi a Piazza San Pietro. L’esortazione di Francesco è quella di amare e servire i fratelli “con le mani di Marta e il cuore di Maria”, rimanendo in ascolto del Signore. “Con questi due atteggiamenti – dice – saremo artigiani di pace e di speranza”. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

Se vogliamo assaporare la vita con gioia, dobbiamo associare questi due atteggiamenti: da una parte, lo “stare ai piedi” di Gesù, per ascoltarlo mentre ci svela il segreto di ogni cosa; dall’altra, essere premurosi e pronti nell’ospitalità, quando Lui passa e bussa alla nostra porta, con il volto dell’amico che ha bisogno di un momento di ristoro e di fraternità. Ci vuole questa ospitalità.

Un po’ in disparte con il Signore per fare le cose con più serenità

- Advertisement -

Maria lascia tutto quello che stava facendo per ascoltare Gesù, sedendosi ai suoi piedi. “Il Signore ci sorprende sempre: quando ci mettiamo ad ascoltarlo veramente”, ricorda il Papa, “le nubi svaniscono, i dubbi cedono il posto alla verità, le paure alla serenità, e le diverse situazioni della vita trovano la giusta collocazione”. Il Signore, infatti, quando viene, sempre “sistema le cose”. Francesco esorta, quindi, a fare una sosta durante la giornata, in silenzio, per rimanere “un po’ in disparte con Lui” e tornare così alle cose di tutti i giorni con più serenità:

Lodando il comportamento di Maria, che «ha scelto la parte migliore» (v. 42), Gesù sembra ripetere a ciascuno di noi: “Non lasciarti travolgere dalle cose da fare, ma ascolta prima di tutto la voce del Signore, per svolgere bene i compiti che la vita ti assegna”.

Nelle nostre comunità si viva il senso di accoglienza

E mentre Maria sta ad ascoltare, Marta è tutta presa da molti servizi. Dicendole che si affanna per molte cose, Gesù “non intende certo condannare l’atteggiamento di servizio” ma “l’affanno con cui a volte lo si vive”, nota il Papa:

Anche noi condividiamo la preoccupazione di Santa Marta e, sul suo esempio, ci proponiamo di far sì che, nelle nostre famiglie e nelle nostre comunità, si viva il senso dell’accoglienza, della fraternità, perché ciascuno possa sentirsi “a casa”, specialmente i piccoli e i poveri quando bussano alla porta.

Al termine della preghiera mariana, il Papa richiama il 50.mo anniversario della conquista della luna auspicando che il ricordo di quel grande passo porti a “traguardi ancora maggiori”: più giustizia e dignità, e più futuro per la casa comune. Nei saluti, in particolare, si rivolge alle novizie delle Figlie di Maria Ausiliatrice. “Spero – dice – che alcune di voi andranno in Patagonia” dove c’è bisogno di lavorare.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
872FollowerSegui
13,000FollowerSegui
605FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Dieci parole per vivere

Giovani all’ombra della luce

Fusco: La gioia dell’ascolto

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO