10.3 C
Roma
Lun, 8 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Francesco: pregare perché l’unità prevalga sui conflitti

Francesco: pregare perché l’unità prevalga sui conflitti

"Il chiacchiericcio - ha ripetuto - è l’arma più alla mano che ha il diavolo" per dividere comunità cristiana, famiglia, amicizie, mentre lo Spirito Santo "ci ispira sempre l’unità"

- Advertisement -

All’udienza generale nella Biblioteca del Palazzo Apostolico, il Papa incentra la catechesi sulla Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani affermando che “in questo tempo di gravi disagi è urgente accantonare i particolarismi per favorire il bene comune”. “Il chiacchiericcio – ha ripetuto – è l’arma più alla mano che ha il diavolo” per dividere comunità cristiana, famiglia, amicizie, mentre lo Spirito Santo “ci ispira sempre l’unità”

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

Essere testimoni di unità con la propria vita, nel disagio di oggi pregare perché si accantonino i particolarismi a favore del bene comune,  “perseverare nell’amore” senza sfiducia e senza stancarsi perché si continui a procedere sul cammino intrapreso.  Francesco, nella catechesi dell’udienza generale nella Biblioteca del Palazzo Apostolico, suggerisce queste strade parlando della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, iniziata il 18 gennaio e che si concluderà il 25. Si sofferma sullo “scandalo delle divisioni”  tra i cristiani, che sono anche nel cuore dell’uomo e nella discordia seminata dal “divisore”, Satana. La sua arma più potente, aggiunge il Papa, è il chiacchiericcio che separa famiglia, amici e comunità cristiana. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

La via di Dio è un’altra: ci prende come siamo, ci ama tanto, ma ci ama come siamo e ci prende come siamo; ci prende differenti, ci prende peccatori, e sempre ci spinge all’unità. Possiamo fare una verifica su noi stessi e chiederci se, nei luoghi in cui viviamo, alimentiamo la conflittualità o lottiamo per far crescere l’unità con gli strumenti che Dio ci ha dato: la preghiera e l’amore. Invece alimentare la conflittualità si fa con il chiacchiericcio, sempre, sparlando degli altri. Il chiacchiericcio è l’arma più alla mano che ha il diavolo per dividere la comunità cristiana, per dividere la famiglia, per dividere gli amici, per dividere sempre. Lo Spirito Santo ci ispira sempre l’unità

La grazia da invocare

Ricordando le parole di Gesù all’Ultima Cena, “perché tutti siano una sola cosa”, Francesco fa notare come il Signore non abbia comandato l’unità ma abbia “pregato il Padre per noi, perché fossimo una cosa sola”:

Ciò significa che non bastiamo noi, con le nostre forze, a realizzare l’unità. L’unità è anzitutto un dono, è una grazia da chiedere con la preghiera.

La radice delle divisioni

L’unità è anche difficile da custodire dentro di noi stessi e spesso “la radice di tante divisioni – afferma Francesco – che ci sono attorno a noi – tra le persone, in famiglia, nella società, tra i popoli e pure tra i credenti – è dentro di noi”. Lo aveva colto anche San Paolo e il Concilio Vaticano II lo aveva riaffermato:

Dunque, la soluzione alle divisioni non è opporsi a qualcuno, perché la discordia genera altra discordia. Il vero rimedio comincia dal chiedere a Dio la pace, la riconciliazione, l’unità.

Prego per l’unità

Da qui nasce la preghiera, nell’umile e “fiduciosa partecipazione alla preghiera del Signore”:

A questo punto possiamo chiederci: “Io prego per l’unità?”. È la volontà di Gesù ma, se passiamo in rassegna le intenzioni per cui preghiamo, probabilmente ci accorgeremo di aver pregato poco, forse mai, per l’unità dei cristiani. Eppure da essa dipende la fede nel mondo; il Signore infatti ha chiesto l’unità tra noi «perché il mondo creda»

Ma il mondo, assicura il Papa, crederà solo se la nostra vita sarà testimonianza di amore “che ci unisce e ci fa vicini a tutti”.

In questo tempo di gravi disagi è ancora più necessaria la preghiera perché l’unità prevalga sui conflitti. È urgente accantonare i particolarismi per favorire il bene comune, e per questo è fondamentale il nostro buon esempio: è essenziale che i cristiani proseguano il cammino verso l’unità piena, visibile.

I passi avanti

Francesco riconosce i progressi fatti nel cammino dell’unità dei cristiani ma esorta a “perseverare nell’amore e nella preghiera, senza sfiducia e senza stancarsi”, perché non si torna indietro.

Pregare significa lottare per l’unità. Sì, lottare, perché il nostro nemico, il diavolo, come dice la parola stessa, è il divisore. Gesù chiede l’unità allo Spirito Santo, a fare unità. Il diavolo sempre divide. Sempre divide, perché è conveniente per lui dividere. Lui insinua la divisione, ovunque e in tutti i modi, mentre lo Spirito Santo fa sempre convergere in unità.  Il diavolo, in genere, non ci tenta sull’alta teologia, ma sulle debolezze dei fratelli. È astuto: ingigantisce gli sbagli e i difetti altrui, semina discordia, provoca la critica e crea fazioni.

Seguire il Signore significa percorrere la strada dell’unità che vince sulla conflittualità.

Il dono degli altri

“Rimanete nel mio amore: produrrete molto frutto” è il tema della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, quindi – evidenzia Francesco – la radice della comunione è l’amore di Cristo, “che ci fa superare i pregiudizi per vedere nell’altro un fratello e una sorella da amare sempre”.

Allora scopriamo che i cristiani di altre confessioni, con le loro tradizioni, con la loro storia, sono doni di Dio, sono doni presenti nei territori delle nostre comunità diocesane e parrocchiali. Cominciamo a pregare per loro e, quando possibile, con loro. Così impareremo ad amarli e ad apprezzarli.

La preghiera, anima di tutto il movimento ecumenico, sia il punto di partenza – è l’auspicio finale del Papa – per aiutare Gesù a realizzare il suo sogno: che tutti siano una cosa sola.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Francesco: pregare perché l’unità prevalga sui conflitti

"Il chiacchiericcio - ha ripetuto - è l’arma più alla mano che ha il diavolo" per dividere comunità cristiana, famiglia, amicizie, mentre lo Spirito Santo "ci ispira sempre l’unità"

- Advertisement -

All’udienza generale nella Biblioteca del Palazzo Apostolico, il Papa incentra la catechesi sulla Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani affermando che “in questo tempo di gravi disagi è urgente accantonare i particolarismi per favorire il bene comune”. “Il chiacchiericcio – ha ripetuto – è l’arma più alla mano che ha il diavolo” per dividere comunità cristiana, famiglia, amicizie, mentre lo Spirito Santo “ci ispira sempre l’unità”

Benedetta Capelli – Città del Vaticano

Essere testimoni di unità con la propria vita, nel disagio di oggi pregare perché si accantonino i particolarismi a favore del bene comune,  “perseverare nell’amore” senza sfiducia e senza stancarsi perché si continui a procedere sul cammino intrapreso.  Francesco, nella catechesi dell’udienza generale nella Biblioteca del Palazzo Apostolico, suggerisce queste strade parlando della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, iniziata il 18 gennaio e che si concluderà il 25. Si sofferma sullo “scandalo delle divisioni”  tra i cristiani, che sono anche nel cuore dell’uomo e nella discordia seminata dal “divisore”, Satana. La sua arma più potente, aggiunge il Papa, è il chiacchiericcio che separa famiglia, amici e comunità cristiana. (Ascolta il servizio con la voce del Papa)

La via di Dio è un’altra: ci prende come siamo, ci ama tanto, ma ci ama come siamo e ci prende come siamo; ci prende differenti, ci prende peccatori, e sempre ci spinge all’unità. Possiamo fare una verifica su noi stessi e chiederci se, nei luoghi in cui viviamo, alimentiamo la conflittualità o lottiamo per far crescere l’unità con gli strumenti che Dio ci ha dato: la preghiera e l’amore. Invece alimentare la conflittualità si fa con il chiacchiericcio, sempre, sparlando degli altri. Il chiacchiericcio è l’arma più alla mano che ha il diavolo per dividere la comunità cristiana, per dividere la famiglia, per dividere gli amici, per dividere sempre. Lo Spirito Santo ci ispira sempre l’unità

La grazia da invocare

- Advertisement -

Ricordando le parole di Gesù all’Ultima Cena, “perché tutti siano una sola cosa”, Francesco fa notare come il Signore non abbia comandato l’unità ma abbia “pregato il Padre per noi, perché fossimo una cosa sola”:

Ciò significa che non bastiamo noi, con le nostre forze, a realizzare l’unità. L’unità è anzitutto un dono, è una grazia da chiedere con la preghiera.

La radice delle divisioni

L’unità è anche difficile da custodire dentro di noi stessi e spesso “la radice di tante divisioni – afferma Francesco – che ci sono attorno a noi – tra le persone, in famiglia, nella società, tra i popoli e pure tra i credenti – è dentro di noi”. Lo aveva colto anche San Paolo e il Concilio Vaticano II lo aveva riaffermato:

Dunque, la soluzione alle divisioni non è opporsi a qualcuno, perché la discordia genera altra discordia. Il vero rimedio comincia dal chiedere a Dio la pace, la riconciliazione, l’unità.

Prego per l’unità

Da qui nasce la preghiera, nell’umile e “fiduciosa partecipazione alla preghiera del Signore”:

A questo punto possiamo chiederci: “Io prego per l’unità?”. È la volontà di Gesù ma, se passiamo in rassegna le intenzioni per cui preghiamo, probabilmente ci accorgeremo di aver pregato poco, forse mai, per l’unità dei cristiani. Eppure da essa dipende la fede nel mondo; il Signore infatti ha chiesto l’unità tra noi «perché il mondo creda»

Ma il mondo, assicura il Papa, crederà solo se la nostra vita sarà testimonianza di amore “che ci unisce e ci fa vicini a tutti”.

In questo tempo di gravi disagi è ancora più necessaria la preghiera perché l’unità prevalga sui conflitti. È urgente accantonare i particolarismi per favorire il bene comune, e per questo è fondamentale il nostro buon esempio: è essenziale che i cristiani proseguano il cammino verso l’unità piena, visibile.

I passi avanti

Francesco riconosce i progressi fatti nel cammino dell’unità dei cristiani ma esorta a “perseverare nell’amore e nella preghiera, senza sfiducia e senza stancarsi”, perché non si torna indietro.

Pregare significa lottare per l’unità. Sì, lottare, perché il nostro nemico, il diavolo, come dice la parola stessa, è il divisore. Gesù chiede l’unità allo Spirito Santo, a fare unità. Il diavolo sempre divide. Sempre divide, perché è conveniente per lui dividere. Lui insinua la divisione, ovunque e in tutti i modi, mentre lo Spirito Santo fa sempre convergere in unità.  Il diavolo, in genere, non ci tenta sull’alta teologia, ma sulle debolezze dei fratelli. È astuto: ingigantisce gli sbagli e i difetti altrui, semina discordia, provoca la critica e crea fazioni.

Seguire il Signore significa percorrere la strada dell’unità che vince sulla conflittualità.

Il dono degli altri

“Rimanete nel mio amore: produrrete molto frutto” è il tema della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, quindi – evidenzia Francesco – la radice della comunione è l’amore di Cristo, “che ci fa superare i pregiudizi per vedere nell’altro un fratello e una sorella da amare sempre”.

Allora scopriamo che i cristiani di altre confessioni, con le loro tradizioni, con la loro storia, sono doni di Dio, sono doni presenti nei territori delle nostre comunità diocesane e parrocchiali. Cominciamo a pregare per loro e, quando possibile, con loro. Così impareremo ad amarli e ad apprezzarli.

La preghiera, anima di tutto il movimento ecumenico, sia il punto di partenza – è l’auspicio finale del Papa – per aiutare Gesù a realizzare il suo sogno: che tutti siano una cosa sola.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
201IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Il mio matrimonio è nullo?

Il mondo mistico dell’ebraismo

Morandini: Cambiare rotta

Le ultime parole del Crocifisso

La morte, compagna della vita

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x