14.5 C
Rome
giovedì, 17 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Francesco: no a cristiani dalla doppia vita, evitare mondanità

Francesco: no a cristiani dalla doppia vita, evitare mondanità

- Advertisement -

Guardarsi dalla mondanità che ci “porta alla doppia vita”. E’ il monito di Papa Francesco nella Messa mattutina a Casa Santa Marta. Il Pontefice ha ribadito che, per custodire l’identità cristiana, bisogna essere coerenti ed evitare le tentazioni di una vita mondana. Il servizio diAlessandro Gisotti:

Il vecchio Eleàzaro “non si lascia indebolire dallo spirito della mondanità” e preferisce morire piuttosto che arrendersi all’apostasia del “pensiero unico”. Papa Francesco ha preso spunto dalla prima Lettura, tratta dal Secondo Libro dei Maccabei, per ritornare a mettere in guardia i cristiani dalle tentazioni della vita mondana. Eleàzaro, ormai novantenne, non accettò di mangiare carne suina come gli chiedevano anche i suoi “amici mondani” preoccupati di salvargli la vita. Lui, ha osservato Francesco, mantiene la sua dignità “con quella nobiltà” che “aveva da una vita coerente, va al martirio, dà testimonianza”.

La mondanità ci allontana dalla coerenza della vita cristiana
“La mondanità spirituale ci allontana dalla coerenza di vita – ha ripreso – ci fa incoerenti”, uno fa “finta di essere così” ma vive “in un’altra maniera”. E la mondanità, ha soggiunto, “è difficile conoscerla dall’inizio perché è come il tarlo che lentamente distrugge, degrada la stoffa e poi quella stoffa” diventa inutilizzabile “e quell’uomo che si lascia portare avanti dalla mondanità perde l’identità cristiana”:

“Il tarlo della mondanità ha rovinato la sua identità cristiana, è incapace di coerenza. ‘Oh, io sono tanto cattolico, padre, io vado a Messa tutte le domeniche, ma tanto cattolico’. E poi vai a lavorare, a fare il tuo mestiere: ‘Ma se tu mi compri questo, facciamo questa tangente e tu prendi la tangente’. Questa non è coerenza di vita, questa è mondanità, per dare un esempio. La mondanità ti porta alla doppia vita, quella che appare e quella che è vera, e ti allontana da Dio e distrugge la tua identità cristiana”.

Chiedere al Signore il sostegno contro le tentazioni mondane
Per questo, ha proseguito, Gesù è “tanto forte” quando chiede al Padre di salvare i discepoli dallo spirito mondano, “che distrugge l’identità cristiana”. Un esempio di baluardo contro questo spirito è proprio Eleàzaro che pensa ai giovani i quali, se avesse ceduto allo spirito mondano, si sarebbero persi per colpa sua:

“Lo spirito cristiano, l’identità cristiana, mai è egoista, sempre cerca di curare con la propria coerenza, curare, evitare lo scandalo, curare gli altri, dare un buon esempio. ‘Ma non è facile, padre, vivere in questo mondo, dove le tentazioni sono tante, e il trucco della doppia vita ci tenta tutti i giorni, non è facile’. Per noi non solo non è facile, è impossibile. Soltanto Lui è capace di farlo. E per questo abbiamo pregato nel Salmo: ‘Il Signore mi sostiene’. Il sostegno nostro contro la mondanità che distrugge la nostra identità cristiana, che ci porta alla doppia vita, è il Signore”.

Avere il coraggio di portare avanti l’identità cristiana
E’ l’unico che può salvarci, ha detto ancora, e la nostra preghiera umile sarà: “Signore, sono peccatore, davvero, tutti lo siamo, ma ti chiedo il tuo sostegno, dammi il tuo sostegno, perché da una parte non faccia finta di essere cristiano e dall’altra viva come un pagano, come un mondano”:

“Se voi avete oggi un po’ di tempo, prendete la Bibbia, il secondo libro dei Maccabei, capitolo sesto, e leggete questa storia di Eleàzaro. Vi farà bene, vi darà coraggio per essere esempio a tutti e anche vi darà forza e sostegno per portare avanti l’identità cristiana, senza compromessi, senza doppia vita”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Francesco: no a cristiani dalla doppia vita, evitare mondanità

  

- Advertisement -

Guardarsi dalla mondanità che ci “porta alla doppia vita”. E’ il monito di Papa Francesco nella Messa mattutina a Casa Santa Marta. Il Pontefice ha ribadito che, per custodire l’identità cristiana, bisogna essere coerenti ed evitare le tentazioni di una vita mondana. Il servizio diAlessandro Gisotti:

Il vecchio Eleàzaro “non si lascia indebolire dallo spirito della mondanità” e preferisce morire piuttosto che arrendersi all’apostasia del “pensiero unico”. Papa Francesco ha preso spunto dalla prima Lettura, tratta dal Secondo Libro dei Maccabei, per ritornare a mettere in guardia i cristiani dalle tentazioni della vita mondana. Eleàzaro, ormai novantenne, non accettò di mangiare carne suina come gli chiedevano anche i suoi “amici mondani” preoccupati di salvargli la vita. Lui, ha osservato Francesco, mantiene la sua dignità “con quella nobiltà” che “aveva da una vita coerente, va al martirio, dà testimonianza”.

La mondanità ci allontana dalla coerenza della vita cristiana
“La mondanità spirituale ci allontana dalla coerenza di vita – ha ripreso – ci fa incoerenti”, uno fa “finta di essere così” ma vive “in un’altra maniera”. E la mondanità, ha soggiunto, “è difficile conoscerla dall’inizio perché è come il tarlo che lentamente distrugge, degrada la stoffa e poi quella stoffa” diventa inutilizzabile “e quell’uomo che si lascia portare avanti dalla mondanità perde l’identità cristiana”:

“Il tarlo della mondanità ha rovinato la sua identità cristiana, è incapace di coerenza. ‘Oh, io sono tanto cattolico, padre, io vado a Messa tutte le domeniche, ma tanto cattolico’. E poi vai a lavorare, a fare il tuo mestiere: ‘Ma se tu mi compri questo, facciamo questa tangente e tu prendi la tangente’. Questa non è coerenza di vita, questa è mondanità, per dare un esempio. La mondanità ti porta alla doppia vita, quella che appare e quella che è vera, e ti allontana da Dio e distrugge la tua identità cristiana”.

Chiedere al Signore il sostegno contro le tentazioni mondane
Per questo, ha proseguito, Gesù è “tanto forte” quando chiede al Padre di salvare i discepoli dallo spirito mondano, “che distrugge l’identità cristiana”. Un esempio di baluardo contro questo spirito è proprio Eleàzaro che pensa ai giovani i quali, se avesse ceduto allo spirito mondano, si sarebbero persi per colpa sua:

- Advertisement -

“Lo spirito cristiano, l’identità cristiana, mai è egoista, sempre cerca di curare con la propria coerenza, curare, evitare lo scandalo, curare gli altri, dare un buon esempio. ‘Ma non è facile, padre, vivere in questo mondo, dove le tentazioni sono tante, e il trucco della doppia vita ci tenta tutti i giorni, non è facile’. Per noi non solo non è facile, è impossibile. Soltanto Lui è capace di farlo. E per questo abbiamo pregato nel Salmo: ‘Il Signore mi sostiene’. Il sostegno nostro contro la mondanità che distrugge la nostra identità cristiana, che ci porta alla doppia vita, è il Signore”.

Avere il coraggio di portare avanti l’identità cristiana
E’ l’unico che può salvarci, ha detto ancora, e la nostra preghiera umile sarà: “Signore, sono peccatore, davvero, tutti lo siamo, ma ti chiedo il tuo sostegno, dammi il tuo sostegno, perché da una parte non faccia finta di essere cristiano e dall’altra viva come un pagano, come un mondano”:

“Se voi avete oggi un po’ di tempo, prendete la Bibbia, il secondo libro dei Maccabei, capitolo sesto, e leggete questa storia di Eleàzaro. Vi farà bene, vi darà coraggio per essere esempio a tutti e anche vi darà forza e sostegno per portare avanti l’identità cristiana, senza compromessi, senza doppia vita”.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO