33.1 C
Roma
Gio, 13 Agosto 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Francesco: la libertà di coscienza sia rispettata sempre e dovunque

Francesco: la libertà di coscienza sia rispettata sempre e dovunque

Ricordando l'odierna “Giornata della Coscienza”

- Advertisement -

Ricordando l’odierna “Giornata della Coscienza”, ispirata alla testimonianza del diplomatico portoghese Aristides de Sousa Mendes, Francesco ha auspicato che ogni cristiano possa “dare esempio di coerenza con una coscienza retta e illuminata dalla Parola di Dio”

Amedeo Lomonaco  – Città del Vaticano

Un testimone della libertà di coscienza, valore da “rispettare sempre e comunque”. All’udienza generale, dopo la catechesi, Francesco si è soffermato su questo tema lanciando un accorato appello:Ascolta le parole del Papa

“Ricorre oggi la ‘Giornata della Coscienza’, ispirata alla testimonianza del diplomatico portoghese Aristides de Sousa Mendes, il quale, ottant’anni or sono, decise di seguire la voce della coscienza e salvò la vita a migliaia di ebrei e altri perseguitati. Possa sempre e dovunque essere rispettata la libertà di coscienza; e possa ogni cristiano dare esempio di coerenza con una coscienza retta e illuminata dalla Parola di Dio”.

Il diplomatico Aristides de Sousa Mendes, la moglie e alcuni dei loro figli (1917)

Il diplomatico Aristides de Sousa Mendes, la moglie e alcuni dei loro figli (1917)

La testimonianza di Aristides de Sousa Mendes

Le parole del Pontefice si sono intrecciate con la storia di Aristides de Sousa Mendes, un diplomatico portoghese nato nel 1885 a Cabanas de Viriato in una famiglia aristocratica. Nel 1940, poco dopo lo scoppio della Seconda Guerra mondiale, viene nominato console di Bordeaux, in Francia. Davanti ai suoi occhi vede una miriade di profughi, tra cui molti ebrei, in cerca di scampo dalla furia omicida nazista. L’ordine che arriva dal governo di Lisbona, guidato da António de Oliveira Salazar, è di negare il visto a “stranieri di nazionalità indefinita, contestata o disputata”. E anche ad apolidi e “ad ebrei, che sono stati espulsi dal Paese di origine o dallo stato di cui hanno la cittadinanza”. Ma Aristides de Sousa Mendes rilascia, in particolare agli ebrei, visti per permettere loro di entrare in un Paese neutrale come il Portogallo.

Il diplomatico portoghese Aristides de Sousa Mendes e un visto concesso nel 1940

Il diplomatico portoghese Aristides de Sousa Mendes e un visto concesso nel 1940

Visti senza alcuna distinzione

A Bordeaux, città che nel 1940 si trovava sotto il controllo del governo di Vichy collaborazionista col regime nazista, si sparge la voce sulla possibilità di ottenere un salvacondotto dal consolato portoghese. Molti si assiepano dinanzi al portone d’ingresso. In appena tre giorni il console rilascia ben 30 mila visti. Tra quanti vengono aiutati dal diplomatico portoghese c’è anche il rabbino di Anversa, Jacob Kruger. Il 16 giugno del 1940, Aristides decide di dare un visto a tutti i rifugiati che lo richiedano: “A partire da ora, daremo visti a tutte le persone, senza riguardo a nazionalità, razza o religione”. Aiutato dai suoi figli e nipoti e dal rabbino Kruger, timbra passaporti, assegna visti, usando tutti i fogli di carta disponibili.

Il rabbino Jacob Kruger e il diplomatico Aristides de Sousa Mendes (1940)

Il rabbino Jacob Kruger e il diplomatico Aristides de Sousa Mendes (1940)

“Abbiamo cura della libertà. La libertà di coscienza, la libertà religiosa, la libertà di ogni persona, di ogni famiglia, di ogni popolo, che è quella che dà luogo ai diritti. (Papa Francesco, incontro per libertà religiosa con la comunità ispanica e altri immigrati – Philadelphia, 26 settembre 2015)”

Aristides de Sousa Mendes (1950)

Aristides de Sousa Mendes (1950)

Giusto tra le nazioni

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Francesco: la libertà di coscienza sia rispettata sempre e dovunque

Ricordando l'odierna “Giornata della Coscienza”

  

- Advertisement -

Ricordando l’odierna “Giornata della Coscienza”, ispirata alla testimonianza del diplomatico portoghese Aristides de Sousa Mendes, Francesco ha auspicato che ogni cristiano possa “dare esempio di coerenza con una coscienza retta e illuminata dalla Parola di Dio”

Amedeo Lomonaco  – Città del Vaticano

Un testimone della libertà di coscienza, valore da “rispettare sempre e comunque”. All’udienza generale, dopo la catechesi, Francesco si è soffermato su questo tema lanciando un accorato appello:Ascolta le parole del Papa

“Ricorre oggi la ‘Giornata della Coscienza’, ispirata alla testimonianza del diplomatico portoghese Aristides de Sousa Mendes, il quale, ottant’anni or sono, decise di seguire la voce della coscienza e salvò la vita a migliaia di ebrei e altri perseguitati. Possa sempre e dovunque essere rispettata la libertà di coscienza; e possa ogni cristiano dare esempio di coerenza con una coscienza retta e illuminata dalla Parola di Dio”.

Il diplomatico Aristides de Sousa Mendes, la moglie e alcuni dei loro figli (1917)

Il diplomatico Aristides de Sousa Mendes, la moglie e alcuni dei loro figli (1917)

La testimonianza di Aristides de Sousa Mendes

- Advertisement -

Le parole del Pontefice si sono intrecciate con la storia di Aristides de Sousa Mendes, un diplomatico portoghese nato nel 1885 a Cabanas de Viriato in una famiglia aristocratica. Nel 1940, poco dopo lo scoppio della Seconda Guerra mondiale, viene nominato console di Bordeaux, in Francia. Davanti ai suoi occhi vede una miriade di profughi, tra cui molti ebrei, in cerca di scampo dalla furia omicida nazista. L’ordine che arriva dal governo di Lisbona, guidato da António de Oliveira Salazar, è di negare il visto a “stranieri di nazionalità indefinita, contestata o disputata”. E anche ad apolidi e “ad ebrei, che sono stati espulsi dal Paese di origine o dallo stato di cui hanno la cittadinanza”. Ma Aristides de Sousa Mendes rilascia, in particolare agli ebrei, visti per permettere loro di entrare in un Paese neutrale come il Portogallo.

Il diplomatico portoghese Aristides de Sousa Mendes e un visto concesso nel 1940

Il diplomatico portoghese Aristides de Sousa Mendes e un visto concesso nel 1940

Visti senza alcuna distinzione

A Bordeaux, città che nel 1940 si trovava sotto il controllo del governo di Vichy collaborazionista col regime nazista, si sparge la voce sulla possibilità di ottenere un salvacondotto dal consolato portoghese. Molti si assiepano dinanzi al portone d’ingresso. In appena tre giorni il console rilascia ben 30 mila visti. Tra quanti vengono aiutati dal diplomatico portoghese c’è anche il rabbino di Anversa, Jacob Kruger. Il 16 giugno del 1940, Aristides decide di dare un visto a tutti i rifugiati che lo richiedano: “A partire da ora, daremo visti a tutte le persone, senza riguardo a nazionalità, razza o religione”. Aiutato dai suoi figli e nipoti e dal rabbino Kruger, timbra passaporti, assegna visti, usando tutti i fogli di carta disponibili.

Il rabbino Jacob Kruger e il diplomatico Aristides de Sousa Mendes (1940)

Il rabbino Jacob Kruger e il diplomatico Aristides de Sousa Mendes (1940)

“Abbiamo cura della libertà. La libertà di coscienza, la libertà religiosa, la libertà di ogni persona, di ogni famiglia, di ogni popolo, che è quella che dà luogo ai diritti. (Papa Francesco, incontro per libertà religiosa con la comunità ispanica e altri immigrati – Philadelphia, 26 settembre 2015)”

Aristides de Sousa Mendes (1950)

Aristides de Sousa Mendes (1950)

Giusto tra le nazioni

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
285FansMi piace
949FollowerSegui
13,000FollowerSegui
626FollowerSegui
102IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Le tre lettere di Giovanni

Il Sacrificio

Lo scandalo della tenerezza

Il Cristo dell’Apocalisse

La speranza di Giobbe

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x
È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO