9 C
Rome
lunedì, 18 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Francesco: la fratellanza vince la violenza di chi fa uso blasfemo del...

Francesco: la fratellanza vince la violenza di chi fa uso blasfemo del nome di Dio

La lettera del Pontefice per la commemorazione dei 25 anni dall'attentato alla sede dell' Associazione Mutualità Israelita in Argentina.

- Advertisement -
La lettera del Pontefice per la commemorazione dei 25 anni dall’attentato alla sede dell’ Associazione Mutualità Israelita in Argentina: “Sono passati 25 anni dalla tragedia dell’Amia – scrive il Papa – come il primo giorno, ogni 18 luglio il mio cuore accompagna i familiari delle vittime, ebrei o cristiani”

Emanuela Campanile – Città del Vaticano

La follia di spezzare vite e speranze in nome della religione è un “uso blasfemo del nome di Dio”. Lo scrive Papa Francesco nella lettera inviata all’Associazione Mutualità Israelita Argentina (Amia) la cui sede di Buenos Aires fu distrutta 25 anni fa da un’autobomba: 85 i morti, più di 200 i feriti. Era il 18 luglio del 1994. Una triste commemorazione che richiama alla coscienza i diritti e i doveri a cui ogni essere umano è chiamato in quanto parte della “grande famiglia umana”.

“ Sappiamo bene che non è la religione che incita e porta alla guerra, ma l’oscurità nei cuori di coloro che commettono atti irrazionali ”

Una tragedia, si legge nel testo della lettera indirizzata al centro ebraico e pubblicata dalla stampa argentina, per la quale il Pontefice non ha mai smesso di pregare:

Come il primo giorno, ogni 18 luglio il mio cuore accompagna i familiari delle vittime, ebrei o cristiani. E dal primo giorno prego Dio per il riposo eterno di coloro che persero la vita in questo atto di follia. Prego anche per coloro che sopravvissero all’esplosione, portando da allora le ferite nei corpi e nelle anime. Questa follia certamente non era limitata all’Argentina.

Questa “terza guerra mondiale a pezzi”, prosegue Francesco, travolge vite e futuro mostrando il suo volto crudele ovunque:

Non conosce frontiere e ha dimostrato il suo volto crudele da Oriente a Occidente. Ha trasformato spose in vedove, figli e figlie in orfani; e tutto questo in nome di Dio, facendo un uso blasfemo del nome di Dio. Sappiamo bene che non è la religione che incita e porta alla guerra, ma l’oscurità nei cuori di coloro che commettono atti irrazionali.

Il Pontefice ribadisce inoltre il senso e la responsabilità “di essere fratelli”, vocazione a cui Dio chiama ognuno di noi:

Sappiamo bene che non è la religione che incita e porta alla guerra, ma l’oscurità nei cuori di coloro che commettono atti irrazionali. Dio ci ha chiamato a convivere come fratelli, e questa fratellanza ci abbraccia e ci unisce ben al di là di qualunque limite geografico o ideologico. Tra tutti costituiamo la grande famiglia umana; questa coscienza di essere fratelli, insieme ai valori del rispetto e della tolleranza, dobbiamo trasmetterla alle prossime generazioni. E’ certo che Dio ci ha creato uguali nei diritti, ma lo anche nei doveri e nella dignità. Per lui la pace non deve essere solo nostro diritto, la sua costruzione deve essere nostro obbligo. In questa commemorazione del 25.mo anniversario sono insieme a voi e prego con voi.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Francesco: la fratellanza vince la violenza di chi fa uso blasfemo del nome di Dio

La lettera del Pontefice per la commemorazione dei 25 anni dall'attentato alla sede dell' Associazione Mutualità Israelita in Argentina.

  

- Advertisement -
La lettera del Pontefice per la commemorazione dei 25 anni dall’attentato alla sede dell’ Associazione Mutualità Israelita in Argentina: “Sono passati 25 anni dalla tragedia dell’Amia – scrive il Papa – come il primo giorno, ogni 18 luglio il mio cuore accompagna i familiari delle vittime, ebrei o cristiani”

Emanuela Campanile – Città del Vaticano

La follia di spezzare vite e speranze in nome della religione è un “uso blasfemo del nome di Dio”. Lo scrive Papa Francesco nella lettera inviata all’Associazione Mutualità Israelita Argentina (Amia) la cui sede di Buenos Aires fu distrutta 25 anni fa da un’autobomba: 85 i morti, più di 200 i feriti. Era il 18 luglio del 1994. Una triste commemorazione che richiama alla coscienza i diritti e i doveri a cui ogni essere umano è chiamato in quanto parte della “grande famiglia umana”.

“ Sappiamo bene che non è la religione che incita e porta alla guerra, ma l’oscurità nei cuori di coloro che commettono atti irrazionali ”

Una tragedia, si legge nel testo della lettera indirizzata al centro ebraico e pubblicata dalla stampa argentina, per la quale il Pontefice non ha mai smesso di pregare:

Come il primo giorno, ogni 18 luglio il mio cuore accompagna i familiari delle vittime, ebrei o cristiani. E dal primo giorno prego Dio per il riposo eterno di coloro che persero la vita in questo atto di follia. Prego anche per coloro che sopravvissero all’esplosione, portando da allora le ferite nei corpi e nelle anime. Questa follia certamente non era limitata all’Argentina.

Questa “terza guerra mondiale a pezzi”, prosegue Francesco, travolge vite e futuro mostrando il suo volto crudele ovunque:

- Advertisement -

Non conosce frontiere e ha dimostrato il suo volto crudele da Oriente a Occidente. Ha trasformato spose in vedove, figli e figlie in orfani; e tutto questo in nome di Dio, facendo un uso blasfemo del nome di Dio. Sappiamo bene che non è la religione che incita e porta alla guerra, ma l’oscurità nei cuori di coloro che commettono atti irrazionali.

Il Pontefice ribadisce inoltre il senso e la responsabilità “di essere fratelli”, vocazione a cui Dio chiama ognuno di noi:

Sappiamo bene che non è la religione che incita e porta alla guerra, ma l’oscurità nei cuori di coloro che commettono atti irrazionali. Dio ci ha chiamato a convivere come fratelli, e questa fratellanza ci abbraccia e ci unisce ben al di là di qualunque limite geografico o ideologico. Tra tutti costituiamo la grande famiglia umana; questa coscienza di essere fratelli, insieme ai valori del rispetto e della tolleranza, dobbiamo trasmetterla alle prossime generazioni. E’ certo che Dio ci ha creato uguali nei diritti, ma lo anche nei doveri e nella dignità. Per lui la pace non deve essere solo nostro diritto, la sua costruzione deve essere nostro obbligo. In questa commemorazione del 25.mo anniversario sono insieme a voi e prego con voi.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
870FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Paolo e il suo Vangelo

Teilhard, rivoluzione teologica

La Shoah alla luce del Sinai

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO