20.5 C
Roma
Lun, 10 Maggio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiPapaFrancesco: la fratellanza è la nuova frontiera dell’uomo

Francesco: la fratellanza è la nuova frontiera dell’uomo

- Advertisement -

Nel suo intervento in occasione della celebrazione virtuale per la prima Giornata Internazionale della Fratellanza Umana, Francesco ringrazia il Grande Imam Al-Tayyeb, lo sceicco Bin Zayed e il giudice Salam: oggi non c’è tempo per l’indifferenza, “o siamo fratelli o ci distruggiamo” perché un “mondo senza fratelli è un mondo di nemici”

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

Grazie “per aver scommesso sulla fratellanza, perché oggi la fratellanza è la nuova frontiera dell’umanità. “O siano fratelli o ci distruggiamo a vicenda”. L’intervento di Papa Francesco in occasione della celebrazione “virtuale” per la prima Giornata Internazionale della Fratellanza Umana e della presentazione dei vincitori del primo Premio Zayed 2021 per la Fratellanza Umana – assegnato a Latifa Ibn Ziaten e ad António Guterres – è pieno di gratitudine per i “compagni di cammino” nel percorso avviato due anni fa ad Abu Dhabi, con il documento sulla Fratellanza umana. Ma il Papa non nasconde anche i rischi di scegliere l’altro cammino, quello dell’indifferenza, “forma molto sottile di inimicizia”.

Grazie al Grande Imam: “fratello, amico, compagno di rischi”

Francesco, in spagnolo, ringrazia prima di tutto il Grande Imam di Al-Azhar Ahmed Al-Tayyeb, accanto a lui nella celebrazione trasmessa in streaming, chiamandolo “mio fratello, mio amico, mio compagno di sfide e di rischi nella lotta per la fratellanza”. Lo ringrazia “per la compagnia nel cammino per la riflessione e la redazione” del documento, realizzato per “affermare la fratellanza” da “sorelle e fratelli”.

Il primo desiderio di fratellanza diventato “vera fratellanza”

“La sua testimonianza – confida il Pontefice rivolto sempre al Grande Imam – mi ha aiutato molto perché è stata una testimonianza coraggiosa”. Non era “un compito facile – ammette poi – ma con lei abbiamo potuto farlo insieme, e aiutarci reciprocamente”. Così, prosegue con entusiasmo Papa Francesco “quel primo desiderio di fratellanza si è consolidato in vera fratellanza. Grazie fratello, grazie”.

Grazie allo Sceicco bin Zayed e al giudice Salam 

Il Papa ringrazia poi lo Sceicco Mohammed bin Zayed, principe ereditario di  Abu Dhabi, “per tutti gli sforzi compiuti perché si potesse procedere in questo cammino” e per aver “creduto nel progetto”. Infine ringrazia anche il moderatore della celebrazione, il giudice Abdel Salam, segretario del Comitato superiore per la Fratellanza umana, chiamandolo “l’enfant terrible” di “tutto questo progetto” e definendolo “amico, lavoratore, pieno d’idee, che ci ha aiutati ad andare avanti”.

No al disinteresse: “O siamo fratelli, o crolla tutto”

Il grazie finale è a tutti e tre i suoi “compagni di cammino”, e a chi “ha scommesso sulla fratellanza” la “nuova frontiera dell’umanità”, perché “o siano fratelli o ci distruggiamo a vicenda”.

Oggi non c’è tempo per l’indifferenza. Non possiamo lavarcene le mani. Con la distanza, con la non-curanza, col disinteresse. O siamo fratelli, permettetemi, o crolla tutto. È la frontiera. La frontiera sulla quale dobbiamo costruire; è la sfida del nostro secolo, è la sfida del nostro tempo.

Fratellanza è anche fermezza nelle proprie convinzioni

Fratellanza, prosegue Francesco, “vuol dire mano tesa”, “rispetto”. Vuol dire “ascoltare con il cuore aperto” e “fermezza nelle proprie convinzioni. Perché non c’è vera fratellanza se si negoziano le proprie convinzioni”.

Siamo fratelli, nati da uno stesso padre. Con culture e tradizioni diverse, ma tutti fratelli. E rispettando le nostre culture e tradizioni diverse, le nostre cittadinanze differenti, bisogna costruire questa fratellanza. Non negoziandola.

O siamo fratelli o siamo nemici

Questo, spiega il Pontefice, “è il momento dell’ascolto”, “dell’accettazione sincera”, “ della certezza che un mondo senza fratelli è un mondo di nemici”.

Voglio sottolinearlo: non possiamo dire o fratelli o non fratelli. Diciamolo bene, o fratelli o nemici. Perché l’indifferenza è una forma molto sottile d’inimicizia.  Non c’è bisogno di una guerra per essere nemici. Basta essere indifferenti. Basta questa tecnica – è diventata una tecnica – questo atteggiamento di guardare dall’altra parte, non curandosi dell’altro, come se non esistesse.

Papa Francesco si rivolge a Latifa Ibn Zaiaten, vincitrice del premio Zayed pa la Fratellanza Umana

Grazie a Guterres “per gli sforzi per la pace”

E conclude con un nuovo grazie al “caro fratello Grande Imam”: “per il tuo aiuto”, “per la tua testimonianza” e “per questo cammino che abbiamo fatto insieme”. Dopo la presentazione del primo dei vincitori del Premio Zayed per la Fratellanza Umana, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, Papa Francesco si congratula con lui, presente alla celebrazione “virtuale” e lo ringrazia “per tutti gli sforzi che compie per la pace.  Una pace – aggiunge – che si può ottenere solo con un cuore fraterno”.

A Latifa: attraverso il dolore, riesci a dire “siamo tutti fratelli”

Infine dopo la presentazione e le parole della seconda premiata, il Papa si rivolge a Latifa Ibn Ziaten, capace di trasformare, nelle periferie e nelle carceri francesi, il dolore per la morte violenta del figlio nell’esperienza di essere una “seconda madre” per tanti giovani, prevenendo radicalismi. Sottolinea che “le tue ultime parole non sono dette per sentito dire o per convenzione, ‘siamo tutti fratelli’. Sono una convinzione”. Una convinzione, spiega il Pontefice, “plasmata nel dolore, nelle tue ferite”.

Hai dedicato la tua vita al sorriso, hai dedicato la tua vita alla mancanza di risentimento e, attraverso il dolore di perdere un figlio – solamente una madre sa cosa vuol dire perdere un figlio – attraverso questo dolore, sei riuscita a dire “siamo tutti fratelli”, e a seminare parole di amore.

Grazie per la testimonianza all’umanità: impari da te 

Le ultime parole di Francesco nelle celebrazione sono di ringraziamento a Latifa “per la tua testimonianza”, e “di essere madre di tuo figlio, di tanti ragazzi e ragazze, di essere madre oggi di questa umanità che ti sta ascoltando e che impara da te: o il cammino della fratellanza, o fratelli, o perdiamo tutto”.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Francesco: la fratellanza è la nuova frontiera dell’uomo

- Advertisement -

Nel suo intervento in occasione della celebrazione virtuale per la prima Giornata Internazionale della Fratellanza Umana, Francesco ringrazia il Grande Imam Al-Tayyeb, lo sceicco Bin Zayed e il giudice Salam: oggi non c’è tempo per l’indifferenza, “o siamo fratelli o ci distruggiamo” perché un “mondo senza fratelli è un mondo di nemici”

Alessandro Di Bussolo – Città del Vaticano

Grazie “per aver scommesso sulla fratellanza, perché oggi la fratellanza è la nuova frontiera dell’umanità. “O siano fratelli o ci distruggiamo a vicenda”. L’intervento di Papa Francesco in occasione della celebrazione “virtuale” per la prima Giornata Internazionale della Fratellanza Umana e della presentazione dei vincitori del primo Premio Zayed 2021 per la Fratellanza Umana – assegnato a Latifa Ibn Ziaten e ad António Guterres – è pieno di gratitudine per i “compagni di cammino” nel percorso avviato due anni fa ad Abu Dhabi, con il documento sulla Fratellanza umana. Ma il Papa non nasconde anche i rischi di scegliere l’altro cammino, quello dell’indifferenza, “forma molto sottile di inimicizia”.

Grazie al Grande Imam: “fratello, amico, compagno di rischi”

Francesco, in spagnolo, ringrazia prima di tutto il Grande Imam di Al-Azhar Ahmed Al-Tayyeb, accanto a lui nella celebrazione trasmessa in streaming, chiamandolo “mio fratello, mio amico, mio compagno di sfide e di rischi nella lotta per la fratellanza”. Lo ringrazia “per la compagnia nel cammino per la riflessione e la redazione” del documento, realizzato per “affermare la fratellanza” da “sorelle e fratelli”.

- Advertisement -

Il primo desiderio di fratellanza diventato “vera fratellanza”

“La sua testimonianza – confida il Pontefice rivolto sempre al Grande Imam – mi ha aiutato molto perché è stata una testimonianza coraggiosa”. Non era “un compito facile – ammette poi – ma con lei abbiamo potuto farlo insieme, e aiutarci reciprocamente”. Così, prosegue con entusiasmo Papa Francesco “quel primo desiderio di fratellanza si è consolidato in vera fratellanza. Grazie fratello, grazie”.

Grazie allo Sceicco bin Zayed e al giudice Salam 

Il Papa ringrazia poi lo Sceicco Mohammed bin Zayed, principe ereditario di  Abu Dhabi, “per tutti gli sforzi compiuti perché si potesse procedere in questo cammino” e per aver “creduto nel progetto”. Infine ringrazia anche il moderatore della celebrazione, il giudice Abdel Salam, segretario del Comitato superiore per la Fratellanza umana, chiamandolo “l’enfant terrible” di “tutto questo progetto” e definendolo “amico, lavoratore, pieno d’idee, che ci ha aiutati ad andare avanti”.

No al disinteresse: “O siamo fratelli, o crolla tutto”

Il grazie finale è a tutti e tre i suoi “compagni di cammino”, e a chi “ha scommesso sulla fratellanza” la “nuova frontiera dell’umanità”, perché “o siano fratelli o ci distruggiamo a vicenda”.

Oggi non c’è tempo per l’indifferenza. Non possiamo lavarcene le mani. Con la distanza, con la non-curanza, col disinteresse. O siamo fratelli, permettetemi, o crolla tutto. È la frontiera. La frontiera sulla quale dobbiamo costruire; è la sfida del nostro secolo, è la sfida del nostro tempo.

Fratellanza è anche fermezza nelle proprie convinzioni

Fratellanza, prosegue Francesco, “vuol dire mano tesa”, “rispetto”. Vuol dire “ascoltare con il cuore aperto” e “fermezza nelle proprie convinzioni. Perché non c’è vera fratellanza se si negoziano le proprie convinzioni”.

Siamo fratelli, nati da uno stesso padre. Con culture e tradizioni diverse, ma tutti fratelli. E rispettando le nostre culture e tradizioni diverse, le nostre cittadinanze differenti, bisogna costruire questa fratellanza. Non negoziandola.

O siamo fratelli o siamo nemici

Questo, spiega il Pontefice, “è il momento dell’ascolto”, “dell’accettazione sincera”, “ della certezza che un mondo senza fratelli è un mondo di nemici”.

Voglio sottolinearlo: non possiamo dire o fratelli o non fratelli. Diciamolo bene, o fratelli o nemici. Perché l’indifferenza è una forma molto sottile d’inimicizia.  Non c’è bisogno di una guerra per essere nemici. Basta essere indifferenti. Basta questa tecnica – è diventata una tecnica – questo atteggiamento di guardare dall’altra parte, non curandosi dell’altro, come se non esistesse.

Papa Francesco si rivolge a Latifa Ibn Zaiaten, vincitrice del premio Zayed pa la Fratellanza Umana

Grazie a Guterres “per gli sforzi per la pace”

E conclude con un nuovo grazie al “caro fratello Grande Imam”: “per il tuo aiuto”, “per la tua testimonianza” e “per questo cammino che abbiamo fatto insieme”. Dopo la presentazione del primo dei vincitori del Premio Zayed per la Fratellanza Umana, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, Papa Francesco si congratula con lui, presente alla celebrazione “virtuale” e lo ringrazia “per tutti gli sforzi che compie per la pace.  Una pace – aggiunge – che si può ottenere solo con un cuore fraterno”.

A Latifa: attraverso il dolore, riesci a dire “siamo tutti fratelli”

Infine dopo la presentazione e le parole della seconda premiata, il Papa si rivolge a Latifa Ibn Ziaten, capace di trasformare, nelle periferie e nelle carceri francesi, il dolore per la morte violenta del figlio nell’esperienza di essere una “seconda madre” per tanti giovani, prevenendo radicalismi. Sottolinea che “le tue ultime parole non sono dette per sentito dire o per convenzione, ‘siamo tutti fratelli’. Sono una convinzione”. Una convinzione, spiega il Pontefice, “plasmata nel dolore, nelle tue ferite”.

Hai dedicato la tua vita al sorriso, hai dedicato la tua vita alla mancanza di risentimento e, attraverso il dolore di perdere un figlio – solamente una madre sa cosa vuol dire perdere un figlio – attraverso questo dolore, sei riuscita a dire “siamo tutti fratelli”, e a seminare parole di amore.

Grazie per la testimonianza all’umanità: impari da te 

Le ultime parole di Francesco nelle celebrazione sono di ringraziamento a Latifa “per la tua testimonianza”, e “di essere madre di tuo figlio, di tanti ragazzi e ragazze, di essere madre oggi di questa umanità che ti sta ascoltando e che impara da te: o il cammino della fratellanza, o fratelli, o perdiamo tutto”.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
650FollowerSegui
294IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x