18 C
Rome
venerdì, 20 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Francesco: farsi prossimo a chi soffre

Francesco: farsi prossimo a chi soffre

- Advertisement -

“Chi è il mio prossimo? Chi devo amare come me stesso?”. Papa Francesco ha mosso da queste due domande la sua riflessione sulla parabola del Buon Samaritano, proposta dal Vangelo domenicale. Un racconto, ha osservato, che “indica uno stile di vita, il cui baricentro non siamo noi stessi, ma gli altri, con le loro difficoltà, che incontriamo sul nostro cammino e che ci interpellano”.

“Gli altri ci interpellano. E quando gli altri non ci interpellano, qualcosa lì non funziona; qualcosa in quel cuore non è cristiano”.

>> IL TESTO


Non selezionare chi è il mio prossimo e chi non lo è

Francesco ha sottolineato che proprio il samaritano, che era disprezzato dai giudei perché non osservante della vera religione, è l’unico a farsi prossimo al viandante assalito e abbandonato per strada dai briganti. E così il dottore della legge che aveva chiesto al Signore chi fosse il suo prossimo, deve ora rispondere alla domanda di Gesù su chi si sia fatto prossimo al viandante sulla via per Gerico:

“In questo modo Gesù ha ribaltato completamente la prospettiva iniziale del dottore della legge – e anche la nostra! – non devo catalogare gli altri per decidere chi è il mio prossimo e chi non lo è. Dipende da me essere o non essere prossimo. La decisione è mia. Dipende da me essere o non essere prossimo della persona che incontro e che ha bisogno di aiuto, anche se estranea o magari ostile. E Gesù conclude: ‘Va’ e anche tu fa’ così’. Bella lezione! E lo ripete a ciascuno di noi: ‘Va’ e anche tu fa’ così’,fatti prossimo del fratello e della sorella che vedi in difficoltà”.

La nostra fede è feconda solo se è seguita dalle opere
Non bisogna fermarsi alle parole, ha ripreso citando la celebre canzone di Mina, “parole che vanno al vento”, ma – ha ammonito – bisogna “fare”. E, ha aggiunto, che “mediante le opere buone, che compiamo con amore e con gioia verso il prossimo, la nostra fede germoglia e porta frutto”:

“Domandiamoci – ognuno di noi risponda nel proprio cuore – domandiamoci: la nostra fede è feconda? La nostra fede produce opere buone? Oppure è piuttosto sterile, e quindi più morta che viva? Mi faccio prossimo o semplicemente passo accanto? Sono di quelli che selezionano la gente secondo il proprio piacere? Queste domande è bene farcele spesso, perché alla fine saremo giudicati sulle opere di misericordia”.

Gesù ci chiederà se lo abbiamo riconosciuto nei poveri e sofferenti
Il Signore, ha soggiunto, potrà dirci: “Ma tu, ti ricordi quella volta, sulla strada da Gerusalemme a Gerico? Quell’uomo mezzo morto ero io”:

“Ti ricordi? Quel bambino affamato ero io. Ti ricordi? Quel migrante che tanti vogliono cacciare via ero io. Quei nonni soli, abbandonati nelle case di riposo, ero io. Quell’ammalato solo in ospedale che non va a trovare nessuno ero io!”

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Francesco: farsi prossimo a chi soffre

  

- Advertisement -

“Chi è il mio prossimo? Chi devo amare come me stesso?”. Papa Francesco ha mosso da queste due domande la sua riflessione sulla parabola del Buon Samaritano, proposta dal Vangelo domenicale. Un racconto, ha osservato, che “indica uno stile di vita, il cui baricentro non siamo noi stessi, ma gli altri, con le loro difficoltà, che incontriamo sul nostro cammino e che ci interpellano”.

“Gli altri ci interpellano. E quando gli altri non ci interpellano, qualcosa lì non funziona; qualcosa in quel cuore non è cristiano”.

>> IL TESTO


Non selezionare chi è il mio prossimo e chi non lo è

Francesco ha sottolineato che proprio il samaritano, che era disprezzato dai giudei perché non osservante della vera religione, è l’unico a farsi prossimo al viandante assalito e abbandonato per strada dai briganti. E così il dottore della legge che aveva chiesto al Signore chi fosse il suo prossimo, deve ora rispondere alla domanda di Gesù su chi si sia fatto prossimo al viandante sulla via per Gerico:

“In questo modo Gesù ha ribaltato completamente la prospettiva iniziale del dottore della legge – e anche la nostra! – non devo catalogare gli altri per decidere chi è il mio prossimo e chi non lo è. Dipende da me essere o non essere prossimo. La decisione è mia. Dipende da me essere o non essere prossimo della persona che incontro e che ha bisogno di aiuto, anche se estranea o magari ostile. E Gesù conclude: ‘Va’ e anche tu fa’ così’. Bella lezione! E lo ripete a ciascuno di noi: ‘Va’ e anche tu fa’ così’,fatti prossimo del fratello e della sorella che vedi in difficoltà”.

- Advertisement -

La nostra fede è feconda solo se è seguita dalle opere
Non bisogna fermarsi alle parole, ha ripreso citando la celebre canzone di Mina, “parole che vanno al vento”, ma – ha ammonito – bisogna “fare”. E, ha aggiunto, che “mediante le opere buone, che compiamo con amore e con gioia verso il prossimo, la nostra fede germoglia e porta frutto”:

“Domandiamoci – ognuno di noi risponda nel proprio cuore – domandiamoci: la nostra fede è feconda? La nostra fede produce opere buone? Oppure è piuttosto sterile, e quindi più morta che viva? Mi faccio prossimo o semplicemente passo accanto? Sono di quelli che selezionano la gente secondo il proprio piacere? Queste domande è bene farcele spesso, perché alla fine saremo giudicati sulle opere di misericordia”.

Gesù ci chiederà se lo abbiamo riconosciuto nei poveri e sofferenti
Il Signore, ha soggiunto, potrà dirci: “Ma tu, ti ricordi quella volta, sulla strada da Gerusalemme a Gerico? Quell’uomo mezzo morto ero io”:

“Ti ricordi? Quel bambino affamato ero io. Ti ricordi? Quel migrante che tanti vogliono cacciare via ero io. Quei nonni soli, abbandonati nelle case di riposo, ero io. Quell’ammalato solo in ospedale che non va a trovare nessuno ero io!”

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Matino: L’allegria

La speranza di Giobbe

Il Vangelo di Marco

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO