30.7 C
Rome
giovedì, 27 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Recensioni Film Film: La forma dell’acqua, fantastico-sentimentale-drammatico, 2017

Film: La forma dell’acqua, fantastico-sentimentale-drammatico, 2017

La forma dell’acqua, che ha vinto il leone d’oro alla 74° mostra del film di Venezia ed è candidato a 13 premi Oscar, è veramente una bella fiaba moderna.

Non ricordo quanti anni fa sono andata a vedere l’ultima volta un film fantastico ma posso affermare che farlo ogni tanto fa bene allo spirito e perché no anche alla salute.

La forma dell’acqua, che ha vinto il leone d’oro alla 74° mostra del film di Venezia ed è candidato a 13 premi Oscar, è veramente una bella fiaba moderna.

Ambientato negli USA, in piena guerra fredda e con il conflitto in Vietnam non ancora terminato, la storia si srotola intorno agli esperimenti segreti fatti su una creatura anfibia dall’aspetto umanoide.

La protagonista Elisa (Sally Cecilia Hawkins; Star Wars: Episodio I – La minaccia fantasma,1999;Tutto o niente, 2002; Il segreto di Vera Drake, 2004; The Pusher , 2004; Sogni e delitti , 2007;La felicità porta fortuna, 2008; An Education, 2009; Indovina chi sposa Sally, 2009;Fiore del deserto, 2009; Non lasciarmi , 2010; We Want Sex, 2010; Submarine, 2010; Jane Eyre, 2011;Love Birds, 2011; Grandi speranze, 2012; Blue Jasmine, 2013; Il sosia, 2013; Godzilla, 2014; X+Y, 2014; Paddington, 2014; Maudie – Una vita a colori, 2016; Paddington 2, 2017), è una donna affetta da mutismo e addetta alle pulizie del laboratorio governativo dove un giorno giunge in una cisterna un essere vivente catturato in Amazzonia.

Elisa vive una vita di alienazione e quasi totale solitudine, in parte a causa del suo mutismo e in parte a causa delle sue origini. Nel film non mancano infatti scene descrittive di un epoca in cui il razzismo era tutt’altro che archiviato e ben radicato nel comune vivere e comportamento quotidiano.

I suoi unici amici sono la sua collega afroamericana Zelda (Octavia Spencer; Il momento di uccidere, 1996; Sparkler, 1997; Mai stata baciata, 1999; Essere John Malkovich ,1999; La verità nascosta, 2000; Four Dogs Playng Poker, 2000; Follow the Stars Home, 2001; Spider-Man, 2002; Babbo bastardo, 2003; Breakin’ All the Rules, 2004; Miss F.B.I. – Infiltrata special, 2005; Pulse, 2006;  Sette anime, 2008; Drag Me to Hell, 2009; Il solista, 2009; Le regole della truffa, 2011; Prossima fermata Fruitvale Station, 2013; Get on Up – La storia di James Brown, 2014; Black or White, 2014; Padri e figlie, 2015; Gifted – Il dono del talento, 2017) e il suo dirimpettaio d’appartamento Giles (Richard Jenkins; Silverado,1985; Hannah e le sue sorelle, 1986; Le streghe di Eastwick, 1987; Nikita – Spie senza volto, 1988; Coppia d’azione, 1993; Wolf – La belva è fuori, 1994; Amori e disastri, 1996; Potere assoluto, 1997; Tutti pazzi per Mary, 1998; Destini incrociati, 1999; Io, me & Irene, 2000; L’uomo che non c’era, 2001; Prima ti sposo, poi ti rovino, 2003; Vizi di famiglia, 2005; Burn After Reading – A prova di spia, 2008; Dear John, 2010; Mangia prega ama, 2010; Amici di letto, 2011; Darling Companion, 2012; La regola del silenzio, 2012; A.C.O.D. – Adulti complessati originati da divorzio, 2013; Lullaby, 2014; Il caso Spotlight, 2015) , gay e un vignettista  pubblicitario in declino.

La protagonista ha una sensibilità tutta particolare, e come avviene di sovente in una società che fa solo finta di dare “spazio” ai diversamente abili, ha una intelligenza fuori dai parametri delle ufficiali liste statistiche del QI.

Elisa rimane affascinata dalla creatura, e incomincia a farle visita e tra i due inizia non solo un dialogo ma una comprensione molto più profonda. Un intendimento che la normalità o forse sarebbe meglio dire il comune sentire non potrebbe fare altro che “disapprovare”. Lei “salva” dalla vivisezione una creatura “non umana” dalla smania “umana” di conoscere gli arcani della vita. Una vivisezione ordinata dal generale Hoyt (Nick Searcy; Il principe delle maree,1991; Pomodori verdi fritti alla fermata del treno,1991; Il fuggitivo, 1993; Nell, 1994; Cast Away, 2000;

The Assassination, 2004; La dura verità, 2009; Gone, 2012) e ben accolta dal suo sottoposto che smania non soltanto di fare carriera ma anche di appagare un oscuro sentimento di disprezzo per tutto ciò che diverso da se stesso.

Un essere umano e una creatura “sconosciuta” non possono comunicare, dei negri non possono accomodarsi in un qualsiasi bar, un uomo non può toccare la mano di un’altro uomo, ecc.

Non si tratta solo di “convenzioni”, la natura umana è costantemente a rischio se l’etica prestabilita e governata dal potere non viene ottemperata.

Elisa vede molto oltre e del tutto indifferente agli “abusi” del potere segue il suo istinto, umano molto umano, genuino e semplice come la lingua dei segni con cui risponde al colonello Strickland (Michael Shannon; Ricomincio da capo,1993; Reazione a catena,1996; A morte Hollywood, 2000; Pearl Harbor, 2001; Vanilla Sky, 2001; High Crimes – Crimini di stato, 2002; Bad Boys II, 2003; World Trade Center, 2006; Onora il padre e la madre, 2007; Il cattivo tenente – Ultima chiamata, 2009; Freeheld – Amore, giustizia, uguaglianza, 2015; Midnight Special, 2016; Salt and Fire, 2016;

Loving, 2016; Animali notturni, 2016).

Nella trama ognuno può vedere un proprio “fil rouge”, come accade nella tradizione delle fiabe. C’è chi ci può ritrovare la “follia” della guerra fredda, chi vi intravede la ennesima pillola “del sospetto” di un creazionismo non religioso, oppure rimane scandalizzato fronte al fatto che gli uomini non hanno nessun rispetto nel fare “esperimenti” crudeli pur di raggiungere anche dei fini abbietti, o chi vi vede semplicemente un remake della “bella e la bestia”.

Ognuno è libero, ma alla fine comunque c’è il lieto fine che l’amore vince su tutto e i cattivi hanno la loro punizione.

La colonna sonora curata dall’impareggiabile compositore francese Alexandre Desplat non fa altro che sublimare un’atmosfera surreale dalle tinte ancestrali.

 

Valutazione Generale

Contributo allo sviluppo della personalità:
8
Culturalmente valido:
8
Spiritualmente utile:
8
Discernimento del bene e del male:
8
Avvincente:
7
Innovativo:
10
Indicatore di culture diverse:
6
Resa dei personaggi:
8
Colonna sonora:
10
Fotografia:
7
Pertinenza linguistica e prossemica:
7
Montaggio:
7
E. Simonetti
Ha conseguito il Baccalaureato in S. Teologia presso l'Istituto Teologico Abruzzese-Molisano di Chieti affiliato alla Pontificia Università Lateranense - Roma.

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Film: La forma dell’acqua, fantastico-sentimentale-drammatico, 2017

La forma dell’acqua, che ha vinto il leone d’oro alla 74° mostra del film di Venezia ed è candidato a 13 premi Oscar, è veramente una bella fiaba moderna.

  
- Advertisement -

Non ricordo quanti anni fa sono andata a vedere l’ultima volta un film fantastico ma posso affermare che farlo ogni tanto fa bene allo spirito e perché no anche alla salute.

La forma dell’acqua, che ha vinto il leone d’oro alla 74° mostra del film di Venezia ed è candidato a 13 premi Oscar, è veramente una bella fiaba moderna.

Ambientato negli USA, in piena guerra fredda e con il conflitto in Vietnam non ancora terminato, la storia si srotola intorno agli esperimenti segreti fatti su una creatura anfibia dall’aspetto umanoide.

La protagonista Elisa (Sally Cecilia Hawkins; Star Wars: Episodio I – La minaccia fantasma,1999;Tutto o niente, 2002; Il segreto di Vera Drake, 2004; The Pusher , 2004; Sogni e delitti , 2007;La felicità porta fortuna, 2008; An Education, 2009; Indovina chi sposa Sally, 2009;Fiore del deserto, 2009; Non lasciarmi , 2010; We Want Sex, 2010; Submarine, 2010; Jane Eyre, 2011;Love Birds, 2011; Grandi speranze, 2012; Blue Jasmine, 2013; Il sosia, 2013; Godzilla, 2014; X+Y, 2014; Paddington, 2014; Maudie – Una vita a colori, 2016; Paddington 2, 2017), è una donna affetta da mutismo e addetta alle pulizie del laboratorio governativo dove un giorno giunge in una cisterna un essere vivente catturato in Amazzonia.

Elisa vive una vita di alienazione e quasi totale solitudine, in parte a causa del suo mutismo e in parte a causa delle sue origini. Nel film non mancano infatti scene descrittive di un epoca in cui il razzismo era tutt’altro che archiviato e ben radicato nel comune vivere e comportamento quotidiano.

- Advertisement -

I suoi unici amici sono la sua collega afroamericana Zelda (Octavia Spencer; Il momento di uccidere, 1996; Sparkler, 1997; Mai stata baciata, 1999; Essere John Malkovich ,1999; La verità nascosta, 2000; Four Dogs Playng Poker, 2000; Follow the Stars Home, 2001; Spider-Man, 2002; Babbo bastardo, 2003; Breakin’ All the Rules, 2004; Miss F.B.I. – Infiltrata special, 2005; Pulse, 2006;  Sette anime, 2008; Drag Me to Hell, 2009; Il solista, 2009; Le regole della truffa, 2011; Prossima fermata Fruitvale Station, 2013; Get on Up – La storia di James Brown, 2014; Black or White, 2014; Padri e figlie, 2015; Gifted – Il dono del talento, 2017) e il suo dirimpettaio d’appartamento Giles (Richard Jenkins; Silverado,1985; Hannah e le sue sorelle, 1986; Le streghe di Eastwick, 1987; Nikita – Spie senza volto, 1988; Coppia d’azione, 1993; Wolf – La belva è fuori, 1994; Amori e disastri, 1996; Potere assoluto, 1997; Tutti pazzi per Mary, 1998; Destini incrociati, 1999; Io, me & Irene, 2000; L’uomo che non c’era, 2001; Prima ti sposo, poi ti rovino, 2003; Vizi di famiglia, 2005; Burn After Reading – A prova di spia, 2008; Dear John, 2010; Mangia prega ama, 2010; Amici di letto, 2011; Darling Companion, 2012; La regola del silenzio, 2012; A.C.O.D. – Adulti complessati originati da divorzio, 2013; Lullaby, 2014; Il caso Spotlight, 2015) , gay e un vignettista  pubblicitario in declino.

La protagonista ha una sensibilità tutta particolare, e come avviene di sovente in una società che fa solo finta di dare “spazio” ai diversamente abili, ha una intelligenza fuori dai parametri delle ufficiali liste statistiche del QI.

Elisa rimane affascinata dalla creatura, e incomincia a farle visita e tra i due inizia non solo un dialogo ma una comprensione molto più profonda. Un intendimento che la normalità o forse sarebbe meglio dire il comune sentire non potrebbe fare altro che “disapprovare”. Lei “salva” dalla vivisezione una creatura “non umana” dalla smania “umana” di conoscere gli arcani della vita. Una vivisezione ordinata dal generale Hoyt (Nick Searcy; Il principe delle maree,1991; Pomodori verdi fritti alla fermata del treno,1991; Il fuggitivo, 1993; Nell, 1994; Cast Away, 2000;

The Assassination, 2004; La dura verità, 2009; Gone, 2012) e ben accolta dal suo sottoposto che smania non soltanto di fare carriera ma anche di appagare un oscuro sentimento di disprezzo per tutto ciò che diverso da se stesso.

Un essere umano e una creatura “sconosciuta” non possono comunicare, dei negri non possono accomodarsi in un qualsiasi bar, un uomo non può toccare la mano di un’altro uomo, ecc.

Non si tratta solo di “convenzioni”, la natura umana è costantemente a rischio se l’etica prestabilita e governata dal potere non viene ottemperata.

Elisa vede molto oltre e del tutto indifferente agli “abusi” del potere segue il suo istinto, umano molto umano, genuino e semplice come la lingua dei segni con cui risponde al colonello Strickland (Michael Shannon; Ricomincio da capo,1993; Reazione a catena,1996; A morte Hollywood, 2000; Pearl Harbor, 2001; Vanilla Sky, 2001; High Crimes – Crimini di stato, 2002; Bad Boys II, 2003; World Trade Center, 2006; Onora il padre e la madre, 2007; Il cattivo tenente – Ultima chiamata, 2009; Freeheld – Amore, giustizia, uguaglianza, 2015; Midnight Special, 2016; Salt and Fire, 2016;

Loving, 2016; Animali notturni, 2016).

Nella trama ognuno può vedere un proprio “fil rouge”, come accade nella tradizione delle fiabe. C’è chi ci può ritrovare la “follia” della guerra fredda, chi vi intravede la ennesima pillola “del sospetto” di un creazionismo non religioso, oppure rimane scandalizzato fronte al fatto che gli uomini non hanno nessun rispetto nel fare “esperimenti” crudeli pur di raggiungere anche dei fini abbietti, o chi vi vede semplicemente un remake della “bella e la bestia”.

Ognuno è libero, ma alla fine comunque c’è il lieto fine che l’amore vince su tutto e i cattivi hanno la loro punizione.

La colonna sonora curata dall’impareggiabile compositore francese Alexandre Desplat non fa altro che sublimare un’atmosfera surreale dalle tinte ancestrali.

 

- Advertisement -

Valutazione Generale

Contributo allo sviluppo della personalità:
8
Culturalmente valido:
8
Spiritualmente utile:
8
Discernimento del bene e del male:
8
Avvincente:
7
Innovativo:
10
Indicatore di culture diverse:
6
Resa dei personaggi:
8
Colonna sonora:
10
Fotografia:
7
Pertinenza linguistica e prossemica:
7
Montaggio:
7

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

E. Simonetti
Ha conseguito il Baccalaureato in S. Teologia presso l'Istituto Teologico Abruzzese-Molisano di Chieti affiliato alla Pontificia Università Lateranense - Roma.

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
273FansMi piace
801FollowerSegui
13,000FollowerSegui
582FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO