33.1 C
Roma
Gio, 13 Agosto 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Società e Politica Fedez e Don Alberto: botta e risposta su instagram sulla pedofilia nella...

Fedez e Don Alberto: botta e risposta su instagram sulla pedofilia nella Chiesa

E alla fine del dibattito social, Don Alberto invita il rapper in oratorio

- Advertisement -

Il rapper: c’è del torbido. Il giovane sacerdote youtuber: stanno cambiando molte cose. E alla fine del dibattito social, Don Alberto invita il rapper in oratorio

Lo scorso 20 giugno, durante l’udienza ad alcune delegazioni della Lombardia, la regione italiana più colpita dal Covid-19, Papa Francesco ha voluto evidenziare lo «zelo pastorale e la sollecitudine creativa» dei tanti sacerdoti che, durante i mesi più difficili della pandemia, «hanno aiutato la gente a proseguire il cammino della fede e a non rimanere sola di fronte al dolore e alla paura».

Un esempio di creatività “digitale” è giunto sicuramente in quel periodo da un giovane sacerdote ambrosiano, don Alberto Ravagnani, che presta servizio pastorale presso l’oratorio di San Michele Arcangelo di Busto Arsizio, in provincia di Varese.

Boom Youtube

Nel mese di marzo, all’inizio della quarantena, come tanti altri preti, per restare vicino ai suoi ragazzi don Alberto ha utilizzato la rete.

Ha aperto una pagina su YouTube e ha iniziato a condividere video dove con linguaggio rapido e un montaggio vivace rispondeva a dubbi di fede relativi alla pandemia e più in generale alla vita cristiana.

L’iniziativa ha avuto, com’è noto, un grande riscontro, tanto che la sua pagina ha oggi più di 72mila iscritti e i suoi video raggiungono di media le 60mila visualizzazioni, mentre alcuni hanno superato quota 100mila.

Questa è la faccia che fa quando ci giustifichiamo con “No, ma non sto mica tutto il tempo al cellulare!”

I “segreti” degli altri preti

«Usare YouTube per me è stato come imparare a parlare una lingua nuova. Sono sbarcato in una terra straniera di cui più o meno sapevo qualcosina e ho fatto pratica sul campo, senza avere tanta esperienza, un po’ alla volta, tentando di apprendere qualche segreto dagli altri youtuber o da altri preti che avevano già pubblicato qualcosa sui social. Così ho trovato un po’ la mia strada, il mio stile e poi basta, sono partito«, ha spiegato con semplicità don Alberto ai microfoni di Radio Vaticana Italia (Vatican News, 8 luglio).

“Roses”

Don Alberto, nei giorni scorsi, non le ha mandate a dire a Fedez e lo fa nel modo più contemporaneo possibile, tramite delle stories su instagram, non una o due, ma decine e decine. Tema della discussione è il brano Roses, ultima fatica del rapper.

La pedofilia nella Chiesa

In particolare un passaggio della canzone che condanna la pedofilia nella chiesa. Il giovane parroco ha esortato il rapper a porre l’accento anche su quanto di buono viene fatto quotidianamente dai preti che lavorano nel silenzio per il bene della collettività.

Fedez, un po’ a sorpresa, ha risposto puntando il dito contro le omissioni del Vaticano, parlando di fatti «torbidi», e aprendo un dibattito interessante e mai sopra le righe (Il Fatto quotidiano, 7 luglio).

Il rapper: “Fantastiche pedine”

«Piacere di conoscerti, don Alberto. Trovo fighissimo poter creare un sano dibattito tramite stories. Speriamo diventi di moda – ha detto il rapper – Voi siete delle fantastiche pedine, il problema è che dietro di voi c’è uno Stato che vi rappresenta e che ha un enorme potere che un po’ cozza con la narrazione spirituale».

Il prete: “Incontrarci nelle nostre due realtà”

Un confronto dai toni molto pacati e costruttivi, per cui il sacerdote ringrazia il cantante: «Siamo riusciti a gettare un ponte di comunicazione fuori dagli schemi tra due mondi. Può sembrare che da un lato ci siano i giovani rappresentati da rapper e influencer e dall’altra la Chiesa intesa solo come il Vaticano, ma questa polarizzazione non esiste – continua don Alberto – Per questo io, prete d’oratorio, mi sono rivolto a Fedez non per attaccarlo, ma per invitarlo a un incontro tra le nostre due realtà».

“Vieni in oratorio”

Proprio in questi giorni il sacerdote bustese – e come lui tanti altri – si sta dando da fare in oratorio per garantire a bambini e ragazzi un servizio di accoglienza per l’insolita estate post Covid:

«Se Fedez volesse venire a trovarci per vedere quello che facciamo, sarebbe il benvenuto, ma l’importante non è che ci incontriamo io e lui. Ci possono essere diversità di punti di vista, ma il mio scopo è far dialogare i giovani che vengono in oratorio e quelli che vanno ai suoi concerti, anche perché una cosa non esclude l’altra – conclude don Alberto Ravagnani – Secondo me si può benissimo lavorare tutti insieme» (La Repubblica, 7 luglio).

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Fedez e Don Alberto: botta e risposta su instagram sulla pedofilia nella Chiesa

E alla fine del dibattito social, Don Alberto invita il rapper in oratorio

  

- Advertisement -

Il rapper: c’è del torbido. Il giovane sacerdote youtuber: stanno cambiando molte cose. E alla fine del dibattito social, Don Alberto invita il rapper in oratorio

Lo scorso 20 giugno, durante l’udienza ad alcune delegazioni della Lombardia, la regione italiana più colpita dal Covid-19, Papa Francesco ha voluto evidenziare lo «zelo pastorale e la sollecitudine creativa» dei tanti sacerdoti che, durante i mesi più difficili della pandemia, «hanno aiutato la gente a proseguire il cammino della fede e a non rimanere sola di fronte al dolore e alla paura».

Un esempio di creatività “digitale” è giunto sicuramente in quel periodo da un giovane sacerdote ambrosiano, don Alberto Ravagnani, che presta servizio pastorale presso l’oratorio di San Michele Arcangelo di Busto Arsizio, in provincia di Varese.

Boom Youtube

Nel mese di marzo, all’inizio della quarantena, come tanti altri preti, per restare vicino ai suoi ragazzi don Alberto ha utilizzato la rete.

Ha aperto una pagina su YouTube e ha iniziato a condividere video dove con linguaggio rapido e un montaggio vivace rispondeva a dubbi di fede relativi alla pandemia e più in generale alla vita cristiana.

- Advertisement -

L’iniziativa ha avuto, com’è noto, un grande riscontro, tanto che la sua pagina ha oggi più di 72mila iscritti e i suoi video raggiungono di media le 60mila visualizzazioni, mentre alcuni hanno superato quota 100mila.

Questa è la faccia che fa quando ci giustifichiamo con “No, ma non sto mica tutto il tempo al cellulare!”

I “segreti” degli altri preti

«Usare YouTube per me è stato come imparare a parlare una lingua nuova. Sono sbarcato in una terra straniera di cui più o meno sapevo qualcosina e ho fatto pratica sul campo, senza avere tanta esperienza, un po’ alla volta, tentando di apprendere qualche segreto dagli altri youtuber o da altri preti che avevano già pubblicato qualcosa sui social. Così ho trovato un po’ la mia strada, il mio stile e poi basta, sono partito«, ha spiegato con semplicità don Alberto ai microfoni di Radio Vaticana Italia (Vatican News, 8 luglio).

“Roses”

Don Alberto, nei giorni scorsi, non le ha mandate a dire a Fedez e lo fa nel modo più contemporaneo possibile, tramite delle stories su instagram, non una o due, ma decine e decine. Tema della discussione è il brano Roses, ultima fatica del rapper.

La pedofilia nella Chiesa

In particolare un passaggio della canzone che condanna la pedofilia nella chiesa. Il giovane parroco ha esortato il rapper a porre l’accento anche su quanto di buono viene fatto quotidianamente dai preti che lavorano nel silenzio per il bene della collettività.

Fedez, un po’ a sorpresa, ha risposto puntando il dito contro le omissioni del Vaticano, parlando di fatti «torbidi», e aprendo un dibattito interessante e mai sopra le righe (Il Fatto quotidiano, 7 luglio).

Il rapper: “Fantastiche pedine”

«Piacere di conoscerti, don Alberto. Trovo fighissimo poter creare un sano dibattito tramite stories. Speriamo diventi di moda – ha detto il rapper – Voi siete delle fantastiche pedine, il problema è che dietro di voi c’è uno Stato che vi rappresenta e che ha un enorme potere che un po’ cozza con la narrazione spirituale».

Il prete: “Incontrarci nelle nostre due realtà”

Un confronto dai toni molto pacati e costruttivi, per cui il sacerdote ringrazia il cantante: «Siamo riusciti a gettare un ponte di comunicazione fuori dagli schemi tra due mondi. Può sembrare che da un lato ci siano i giovani rappresentati da rapper e influencer e dall’altra la Chiesa intesa solo come il Vaticano, ma questa polarizzazione non esiste – continua don Alberto – Per questo io, prete d’oratorio, mi sono rivolto a Fedez non per attaccarlo, ma per invitarlo a un incontro tra le nostre due realtà».

“Vieni in oratorio”

Proprio in questi giorni il sacerdote bustese – e come lui tanti altri – si sta dando da fare in oratorio per garantire a bambini e ragazzi un servizio di accoglienza per l’insolita estate post Covid:

«Se Fedez volesse venire a trovarci per vedere quello che facciamo, sarebbe il benvenuto, ma l’importante non è che ci incontriamo io e lui. Ci possono essere diversità di punti di vista, ma il mio scopo è far dialogare i giovani che vengono in oratorio e quelli che vanno ai suoi concerti, anche perché una cosa non esclude l’altra – conclude don Alberto Ravagnani – Secondo me si può benissimo lavorare tutti insieme» (La Repubblica, 7 luglio).

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
285FansMi piace
949FollowerSegui
13,000FollowerSegui
626FollowerSegui
102IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Libri consigliati

Il mio matrimonio è nullo?

Paolo e il suo Vangelo

Teilhard, rivoluzione teologica

“Beati” nel nostro tempo

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x
È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO