4.9 C
Rome
Gio, 12 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Fatima 100 anni dopo. C’è tanto da dire ma sui giornali si...

Fatima 100 anni dopo. C’è tanto da dire ma sui giornali si parla dell’inesistente

- Advertisement -

Sabato 13 maggio sarà il centenario delle apparizioni di Fatima e sui giornali si parla dell’inesistente. L’inesistente è il cosiddetto “quarto segreto di Fatima”. Quello di cui l’autorità ecclesiastica ha parecchie volte smentito l’esistenza: fu il primo Ratzinger nel 2000, lunedì scorso Angelo Amato è stato l’ultimo: sì, il prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, il capo cioè del dicastero direttamente interessato al viaggio papale a motivo della canonizzazione di Francesco e Giacinta Marto.
Per carità, c’era d’aspettarselo e di per sé la miglior risposta sarebbe il silenzio: se non fosse che corre necessità di denunciare l’irresponsabilità. Perché così dicono alcuni titoli “il Papa sarà ucciso da soldati nella città dei teschi”: insomma l’Isis ucciderà il Papa. E qui davvero c’è da chiedersi fino a che punto sia lecito trastullarsi con cose così tremendamente serie.
Mi chiedo se chi alimenta tali menzogne ritenga davvero di essere cattolico. Perché qualsiasi credente sa che una delle caratteristiche fondamentali delle profezie – le profezie vere, intendo – è che vengono comprese solo dopo che si sono realizzate. Proprio il terzo segreto di Fatima ne è la conferma. Karol Wojtyla, il vescovo vestito di bianco colpito dall’attentato di cui parla suor Lucia, pur potendolo fare – era Papa da quasi tre anni – lesse il segreto di Fatima solo dopo essere stato ferito. Se lo fece portare in ospedale e lo comprese dopo che le pallottole di Alì Agca avevano attraversato il suo corpo.
Anche Gesù nel vangelo dice che le profezie non si possono comprendere. “Quanto però a quel giorno e a quell’ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre” (Mc 13,32). Ovvio d’altra parte: perché conoscere cosa accadrà nel futuro porterebbe necessariamente a togliere e limitare la libertà umana. Ma la libertà dell’uomo è il requisito necessario per amare, che è l’essenza del cristianesimo.
Le profezie dunque – quelle vere – servono non per conoscere il futuro ma per capire il passato. Il terzo segreto di Fatima non servì a San Giovanni Paolo II per predire cosa sarebbe accaduto il 13 maggio 1981, né sarebbe stato possibile. Servì a lui e a quelli che vissero quegli anni, per comprendere il senso della predilezione mariana che li stava riguardando.
Forse chi gioca con le paure dell’uomo, con il fascino che l’ignoto esercita sempre su chi come noi sa poco, dovrebbe leggere di più il vangelo. Un libretto semplice, che contiene profezie riguardo alla morte e Resurrezione di Cristo pronunciate dall’Interessato e che nessun discepolo comprese. Leggiamo oggi quelle semplicissime parole e ne rimaniamo affascinati perché esse contengono davvero “Dio con noi” nella nostra vita. Perché la profezia non è una previsione di futuro ma è la comprensione del senso della mia vita quando l’amore è accettato. E anche quando l’amore è rifiutato perché ad esso si preferisce il rumore, l’apparenza e il vuoto di una notorietà effimera.

Mauro Leonardi

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Fatima 100 anni dopo. C’è tanto da dire ma sui giornali si parla dell’inesistente

  

- Advertisement -

Sabato 13 maggio sarà il centenario delle apparizioni di Fatima e sui giornali si parla dell’inesistente. L’inesistente è il cosiddetto “quarto segreto di Fatima”. Quello di cui l’autorità ecclesiastica ha parecchie volte smentito l’esistenza: fu il primo Ratzinger nel 2000, lunedì scorso Angelo Amato è stato l’ultimo: sì, il prefetto della Congregazione delle Cause dei Santi, il capo cioè del dicastero direttamente interessato al viaggio papale a motivo della canonizzazione di Francesco e Giacinta Marto.
Per carità, c’era d’aspettarselo e di per sé la miglior risposta sarebbe il silenzio: se non fosse che corre necessità di denunciare l’irresponsabilità. Perché così dicono alcuni titoli “il Papa sarà ucciso da soldati nella città dei teschi”: insomma l’Isis ucciderà il Papa. E qui davvero c’è da chiedersi fino a che punto sia lecito trastullarsi con cose così tremendamente serie.
Mi chiedo se chi alimenta tali menzogne ritenga davvero di essere cattolico. Perché qualsiasi credente sa che una delle caratteristiche fondamentali delle profezie – le profezie vere, intendo – è che vengono comprese solo dopo che si sono realizzate. Proprio il terzo segreto di Fatima ne è la conferma. Karol Wojtyla, il vescovo vestito di bianco colpito dall’attentato di cui parla suor Lucia, pur potendolo fare – era Papa da quasi tre anni – lesse il segreto di Fatima solo dopo essere stato ferito. Se lo fece portare in ospedale e lo comprese dopo che le pallottole di Alì Agca avevano attraversato il suo corpo.
Anche Gesù nel vangelo dice che le profezie non si possono comprendere. “Quanto però a quel giorno e a quell’ora, nessuno lo sa, né gli angeli nel cielo né il Figlio, eccetto il Padre” (Mc 13,32). Ovvio d’altra parte: perché conoscere cosa accadrà nel futuro porterebbe necessariamente a togliere e limitare la libertà umana. Ma la libertà dell’uomo è il requisito necessario per amare, che è l’essenza del cristianesimo.
Le profezie dunque – quelle vere – servono non per conoscere il futuro ma per capire il passato. Il terzo segreto di Fatima non servì a San Giovanni Paolo II per predire cosa sarebbe accaduto il 13 maggio 1981, né sarebbe stato possibile. Servì a lui e a quelli che vissero quegli anni, per comprendere il senso della predilezione mariana che li stava riguardando.
Forse chi gioca con le paure dell’uomo, con il fascino che l’ignoto esercita sempre su chi come noi sa poco, dovrebbe leggere di più il vangelo. Un libretto semplice, che contiene profezie riguardo alla morte e Resurrezione di Cristo pronunciate dall’Interessato e che nessun discepolo comprese. Leggiamo oggi quelle semplicissime parole e ne rimaniamo affascinati perché esse contengono davvero “Dio con noi” nella nostra vita. Perché la profezia non è una previsione di futuro ma è la comprensione del senso della mia vita quando l’amore è accettato. E anche quando l’amore è rifiutato perché ad esso si preferisce il rumore, l’apparenza e il vuoto di una notorietà effimera.

Mauro Leonardi

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
608FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO