22.6 C
Rome
martedì, 25 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Famiglia e Vita di Coppia Famiglie in pellegrinaggio a Pompei: gioiose e rigenerate dallo Spirito Santo

Famiglie in pellegrinaggio a Pompei: gioiose e rigenerate dallo Spirito Santo

- Advertisement -

“Pregare per le famiglie provate a causa della mancanza di lavoro, per quelle perseguitate a motivo della fede e per ogni famiglia in situazione di sofferenza”. Lo ha chiesto Papa Francesco in un Messaggioinviato ieri in occasione del decimo ‘Pellegrinaggio nazionale delle famiglie per la famiglia’  svoltosi da Scafati a Pompei.

L’evento, promosso da Rinnovamento nello Spirito Santo con il patrocinio del Dicastero per i laici, la famiglia e la vita, quest’anno aveva come filo conduttore il tema ‘La gioia dell’amore che si vive nelle famiglie è anche il giubileo della Chiesa’, tratto dall’ Esortazione apostolica Amoris Laetitia. Per conoscere meglio l’importanza del pellegrinaggio e del tema di questa edizione, Federico Piana ha intervistato Salvatore Martinezpresidente nazionale del Rinnovamento nello Spirito Santo: 

R. – Un pellegrinaggio di famiglie per la famiglia. Un gesto semplice, popolare e dunque anche l’idea di unire tre generazioni – nonni, genitori e figli – intorno al Rosario e al rosario della famiglia una selezione di venti misteri canonici, ci è sembrata una buona intuizione, condivisa subito con la prelatura di Pompei, il forum delle associazioni famigliari, l’ufficio della Pastorale della famiglia della Cei e lo stesso Dicastero vaticano dedicato alla Famiglia. Dunque un gesto di unità per unire le famiglie e per mostrare il volto gioioso delle famiglie stesse. Per cui se è vero che la famiglia ha bisogno di protezione sociale, economica, fiscale e di essere difesa, i credenti sanno che si difende da sé, nel senso che lo Spirito Santo che continuamente la genera non solo la tiene in vita, ma la promuove.

D. – Nel titolo c’è anche un’altra chiave di lettura: la gioia dell’amore che si vie nelle famiglie è anche il giubilo della Chiesa. Quindi giubila la famiglia quando questa è felice, ma anche al Chiesa  …

R. – Gioisce ed è nel giubilo a partire dalla vita, non alienandosi dalla vita. Questa è la grande e profonda differenza; c’è gioia e gioia. Ci sono tante gioie umane di cui la famiglia vive, ma la gioia divina, la gioia della Chiesa, è un’altra cosa: parte proprio dalla necessità di non perdere  – e la preghiera è il più grande allato – la presenza di Dio. Non c’è gioia più grande di questa per chi crede: includere Dio nella propria vita, includere Dio nelle proprie relazioni famigliari. Questa è la prima gioia che si sperimenta. E Gesù dice: “Questa gioia non potrà togliervela nessuno”. In fondo è una gioia eterna quella che si alimenta nelle nostre case. È dunque interessante poter raccontare tutto questo e raccontarlo a partire dalla vita, dalle sfide delle nostre famiglie: sfide di povertà, di migranti, di persone che non trovano lavoro e che perdono lavoro. Queste sono le famiglie che hanno vissuto il pellegrinaggio; le famiglie che hanno testimoniato come nonostante tutto questo la gioia si possa conservare; la  gioia di credere, la gioia di sperare, la gioia di non sapersi soli e dunque inseriti in comunità, in movimenti della vita delle nostre parrocchie. Dunque è una gioia che si alimenta attraverso la preghiera; è una gioia che non si perde se si dona, se si apre agli altri, ed è soprattutto una gioia difesa da Dio. Dunque se lo spirito del mondo scimmiotta la gioia di Dio, la offende, la mortifica, Dio la rigenera e lo fa nella famiglia.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Famiglie in pellegrinaggio a Pompei: gioiose e rigenerate dallo Spirito Santo

  

- Advertisement -

“Pregare per le famiglie provate a causa della mancanza di lavoro, per quelle perseguitate a motivo della fede e per ogni famiglia in situazione di sofferenza”. Lo ha chiesto Papa Francesco in un Messaggioinviato ieri in occasione del decimo ‘Pellegrinaggio nazionale delle famiglie per la famiglia’  svoltosi da Scafati a Pompei.

L’evento, promosso da Rinnovamento nello Spirito Santo con il patrocinio del Dicastero per i laici, la famiglia e la vita, quest’anno aveva come filo conduttore il tema ‘La gioia dell’amore che si vive nelle famiglie è anche il giubileo della Chiesa’, tratto dall’ Esortazione apostolica Amoris Laetitia. Per conoscere meglio l’importanza del pellegrinaggio e del tema di questa edizione, Federico Piana ha intervistato Salvatore Martinezpresidente nazionale del Rinnovamento nello Spirito Santo: 

R. – Un pellegrinaggio di famiglie per la famiglia. Un gesto semplice, popolare e dunque anche l’idea di unire tre generazioni – nonni, genitori e figli – intorno al Rosario e al rosario della famiglia una selezione di venti misteri canonici, ci è sembrata una buona intuizione, condivisa subito con la prelatura di Pompei, il forum delle associazioni famigliari, l’ufficio della Pastorale della famiglia della Cei e lo stesso Dicastero vaticano dedicato alla Famiglia. Dunque un gesto di unità per unire le famiglie e per mostrare il volto gioioso delle famiglie stesse. Per cui se è vero che la famiglia ha bisogno di protezione sociale, economica, fiscale e di essere difesa, i credenti sanno che si difende da sé, nel senso che lo Spirito Santo che continuamente la genera non solo la tiene in vita, ma la promuove.

D. – Nel titolo c’è anche un’altra chiave di lettura: la gioia dell’amore che si vie nelle famiglie è anche il giubilo della Chiesa. Quindi giubila la famiglia quando questa è felice, ma anche al Chiesa  …

R. – Gioisce ed è nel giubilo a partire dalla vita, non alienandosi dalla vita. Questa è la grande e profonda differenza; c’è gioia e gioia. Ci sono tante gioie umane di cui la famiglia vive, ma la gioia divina, la gioia della Chiesa, è un’altra cosa: parte proprio dalla necessità di non perdere  – e la preghiera è il più grande allato – la presenza di Dio. Non c’è gioia più grande di questa per chi crede: includere Dio nella propria vita, includere Dio nelle proprie relazioni famigliari. Questa è la prima gioia che si sperimenta. E Gesù dice: “Questa gioia non potrà togliervela nessuno”. In fondo è una gioia eterna quella che si alimenta nelle nostre case. È dunque interessante poter raccontare tutto questo e raccontarlo a partire dalla vita, dalle sfide delle nostre famiglie: sfide di povertà, di migranti, di persone che non trovano lavoro e che perdono lavoro. Queste sono le famiglie che hanno vissuto il pellegrinaggio; le famiglie che hanno testimoniato come nonostante tutto questo la gioia si possa conservare; la  gioia di credere, la gioia di sperare, la gioia di non sapersi soli e dunque inseriti in comunità, in movimenti della vita delle nostre parrocchie. Dunque è una gioia che si alimenta attraverso la preghiera; è una gioia che non si perde se si dona, se si apre agli altri, ed è soprattutto una gioia difesa da Dio. Dunque se lo spirito del mondo scimmiotta la gioia di Dio, la offende, la mortifica, Dio la rigenera e lo fa nella famiglia.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
272FansMi piace
799FollowerSegui
13,000FollowerSegui
578FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

La simbolica del grido nel Vangelo di Marco

Desiderio e sequela

Libri Consigliati – Luglio 2018

La preghiera, la sete, le radici

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO