8.3 C
Rome
Gio, 12 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Famiglia e Vita di Coppia Famiglia: per non lasciare il tema ai fanatici

Famiglia: per non lasciare il tema ai fanatici

Atteggiamenti da evitare, in un contesto problematico

- Advertisement -
di: Giuseppe Savagnone
 

Il recente vespaio di polemiche suscitato dal convegno di Verona sul problema della «famiglia naturale» induce a chiedersi se sia possibile, oggi, una riflessione serena su questo tema, o se non sia più prudente eluderlo accuratamente.

Consapevole di andare incontro al rischio di incorrere in guai mediatici di ogni genere, ho scelto di seguire la prima strada e di affrontare qui e adesso questo tema spinoso, nella convinzione che lasciarlo in mano ai fanatici dell’uno o dell’altro fronte sia una specie di fuga.

Mi ostino a pensare, infatti – malgrado  le smentite che ogni giorno arrivano scorrendo i deliranti messaggi dei social –, che anche tra persone che la pensano diversamente sia possibile un confronto rispettoso e intellettualmente onesto, senza la pretesa di “vincere” una battaglia dialettica, ma nell’umile sforzo, da parte di ciascuno, di  far almeno vedere all’altro le proprie ragioni.

Atteggiamenti da evitare, in un contesto problematico

La questione è resa più delicata dal fatto che il problema della «famiglia naturale» ha dei risvolti etici e giuridici che esasperano gli animi.

Chi afferma la sua esistenza, negando tale qualifica ad altre forme di unione, ha spesso l’atteggiamento moralistico del giudice che ha la missione di difendere i sani costumi dalla corruzione dilagante.

Chi la nega assume, altrettanto spesso, l’aria indignata di chi rivendica il progresso della morale contro modi di pensare tradizionali stupidi e bigotti.

Non si tratta solo di stili polemici soggettivi

C’è, dietro questo dibattito, una storia dolorosa di persecuzioni verbali, morali e fisiche nei confronti delle persone omosessuali, che per secoli sono state derise, vilipese ed emarginate dall’opinione pubblica e condannate come viziose dalla Chiesa (e non solo dalla Chiesa: la posizione di altre comunità religiose su questo tema è stato ed è ancora più dura).

E c’è una reazione pubblica, comprensibile, ma spinta a volte fino a forme estreme, che si manifesta nei gay pride con toni volutamente dissacratori ed offensivi nei confronti della tradizione cattolica. Per non parlare delle ricadute giuridiche legate all’una o all’altra posizione e le cui conseguenze ricadono su persone in carne ed ossa, che si trovano a pagarne il prezzo.

Dalla condanna al rispetto

Parlare pacatamente del problema è possibile solo se si è consapevoli del suo spessore umano e si è disponibili a rispettare il carico di gioie, sofferenze, paure, speranze, che sono in gioco e che forse troverebbero migliore risposta nel silenzio, se non fosse che alla fine è necessario adottare, a livello politico, certi o certi altri criteri.

Chi, come me, si trova a scrivere su un blog di dichiarata matrice cattolica deve, alla luce di quanto detto, cominciare con un atto penitenziale per quanto è accaduto nella storia delle passate cristianità e con la necessaria presa di distanza da quanti si appellano al severo giudizio morale e religioso che Paolo dà dell’omosessualità nella lettera ai Romani.

L’apostolo ha presente una società dissoluta e ne condanna i vizi, frutto di corruzione morale. La mia esperienza invece è che – ferma restando la possibilità, in alcuni casi, di una libera scelta – la maggior pare delle persone gay e lesbiche con cui mi sono incontrato non ritenevano di aver scelto affatto il loro orientamento affettivo (perché di questo si tratta, prima di ogni altra cosa) e sessuale, ma di essersi ritrovati ad essere così com’erano senza alcuna loro decisione etica. La linea della condanna morale si rivela a questo punto inadeguata.

È questa, del resto, la posizione del Catechismo della Chiesa cattolica (11 ottobre 1992), dove si insiste piuttosto sulla necessità di capire e rispettare i soggetti in carne ed ossa che vivono la condizione omosessuale:

«Un numero non trascurabile di uomini e di donne presenta tendenze omosessuali profondamente radicate. Questa inclinazione, oggettivamente disordinata, costituisce per la maggior parte di loro una prova. Perciò devono essere accolti con rispetto, compassione, delicatezza. A loro riguardo si eviterà ogni marchio di ingiusta discriminazione. Tali persone sono chiamate a realizzare la volontà di Dio nella loro vita, e, se sono cristiane, a unire al sacrificio della croce del Signore le difficoltà che possono incontrare in conseguenza della loro condizione» (n. 2358).

Una posizione, peraltro, che suppone comunque una valutazione critica dell’omosessualità come tale – si parla di «inclinazione oggettivamente disordinata» – che, ovviamente, i movimenti LGTB respingono come un residuo del medio evo.

Al di là del materialismo

È chiaro, dunque, che per la Chiesa esiste una «famiglia naturale» fondata sul matrimonio tra due persone di sesso diverso. È davvero una posizione superata?

Oggi lo dicono concordi quasi tutti gli intellettuali. Il modello tradizionale di famiglia, a loro avviso, è un residuo del passato. Non sempre, però, il livello delle argomentazioni è adeguato a sostenere una tesi così radicale.

Perciò, per rispetto di questa posizione, preferisco riferirmi a quelle portate da un intellettuale che stimo, Massimo Recalcati, il quale, in un recente articolo sul Corriere della Sera, ha spiegato perché a suo avviso non si possa parlare di «famiglia naturale».

Partendo dagli esempi di famiglia della Bibbia (a cominciare da quella di Gesù), Recalcati può concludere che «il mistero della generazione della vita e della sua accoglienza non può mai essere ridotto materialisticamente alle leggi della natura, perché porta con sé quel miracolo della parola senza il quale l’umanizzazione della vita sarebbe semplicemente impossibile (…). Senza il miracolo della parola che adotta la vita del figlio non esiste né padre, né madre».

Insomma, quello della genitorialità è «un gesto che eccede ogni legge della natura». Perciò «non è sufficiente uno spermatozoo o un ovulo né per generare davvero un figlio, né per fare un padre o una madre».

In questa logica, «è davvero eterosessuale chi sa amare l’altro nella sua differenza. Può esserlo o non esserlo con le stesse possibilità una lesbica, un omosessuale o un cosiddetto eterosessuale. È così difficile capirlo?».

Una certa passione polemica, indubbiamente, traspare da questa frase finale ripetuta due volte, tra un passaggio e l’altro dell’articolo. E la domanda sembra rivolta proprio ai cattolici, visto che, sottolinea Recalcati, «quello che fa davvero la differenza è la legge dell’amore e non la legge della natura. È il cuore della predicazione cristiana».

E conclude chiedendo ancora una volta: «È così difficile capire che c’è padre e c’è madre, che c’è famiglia non perché c’è continuità di sangue o differenza anatomica degli organi genitali dei genitori, ma perché c’è dono, amore?».

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Famiglia: per non lasciare il tema ai fanatici

Atteggiamenti da evitare, in un contesto problematico

  

- Advertisement -
di: Giuseppe Savagnone
 

Il recente vespaio di polemiche suscitato dal convegno di Verona sul problema della «famiglia naturale» induce a chiedersi se sia possibile, oggi, una riflessione serena su questo tema, o se non sia più prudente eluderlo accuratamente.

Consapevole di andare incontro al rischio di incorrere in guai mediatici di ogni genere, ho scelto di seguire la prima strada e di affrontare qui e adesso questo tema spinoso, nella convinzione che lasciarlo in mano ai fanatici dell’uno o dell’altro fronte sia una specie di fuga.

Mi ostino a pensare, infatti – malgrado  le smentite che ogni giorno arrivano scorrendo i deliranti messaggi dei social –, che anche tra persone che la pensano diversamente sia possibile un confronto rispettoso e intellettualmente onesto, senza la pretesa di “vincere” una battaglia dialettica, ma nell’umile sforzo, da parte di ciascuno, di  far almeno vedere all’altro le proprie ragioni.

Atteggiamenti da evitare, in un contesto problematico

La questione è resa più delicata dal fatto che il problema della «famiglia naturale» ha dei risvolti etici e giuridici che esasperano gli animi.

Chi afferma la sua esistenza, negando tale qualifica ad altre forme di unione, ha spesso l’atteggiamento moralistico del giudice che ha la missione di difendere i sani costumi dalla corruzione dilagante.

- Advertisement -

Chi la nega assume, altrettanto spesso, l’aria indignata di chi rivendica il progresso della morale contro modi di pensare tradizionali stupidi e bigotti.

Non si tratta solo di stili polemici soggettivi

C’è, dietro questo dibattito, una storia dolorosa di persecuzioni verbali, morali e fisiche nei confronti delle persone omosessuali, che per secoli sono state derise, vilipese ed emarginate dall’opinione pubblica e condannate come viziose dalla Chiesa (e non solo dalla Chiesa: la posizione di altre comunità religiose su questo tema è stato ed è ancora più dura).

E c’è una reazione pubblica, comprensibile, ma spinta a volte fino a forme estreme, che si manifesta nei gay pride con toni volutamente dissacratori ed offensivi nei confronti della tradizione cattolica. Per non parlare delle ricadute giuridiche legate all’una o all’altra posizione e le cui conseguenze ricadono su persone in carne ed ossa, che si trovano a pagarne il prezzo.

Dalla condanna al rispetto

Parlare pacatamente del problema è possibile solo se si è consapevoli del suo spessore umano e si è disponibili a rispettare il carico di gioie, sofferenze, paure, speranze, che sono in gioco e che forse troverebbero migliore risposta nel silenzio, se non fosse che alla fine è necessario adottare, a livello politico, certi o certi altri criteri.

Chi, come me, si trova a scrivere su un blog di dichiarata matrice cattolica deve, alla luce di quanto detto, cominciare con un atto penitenziale per quanto è accaduto nella storia delle passate cristianità e con la necessaria presa di distanza da quanti si appellano al severo giudizio morale e religioso che Paolo dà dell’omosessualità nella lettera ai Romani.

L’apostolo ha presente una società dissoluta e ne condanna i vizi, frutto di corruzione morale. La mia esperienza invece è che – ferma restando la possibilità, in alcuni casi, di una libera scelta – la maggior pare delle persone gay e lesbiche con cui mi sono incontrato non ritenevano di aver scelto affatto il loro orientamento affettivo (perché di questo si tratta, prima di ogni altra cosa) e sessuale, ma di essersi ritrovati ad essere così com’erano senza alcuna loro decisione etica. La linea della condanna morale si rivela a questo punto inadeguata.

È questa, del resto, la posizione del Catechismo della Chiesa cattolica (11 ottobre 1992), dove si insiste piuttosto sulla necessità di capire e rispettare i soggetti in carne ed ossa che vivono la condizione omosessuale:

«Un numero non trascurabile di uomini e di donne presenta tendenze omosessuali profondamente radicate. Questa inclinazione, oggettivamente disordinata, costituisce per la maggior parte di loro una prova. Perciò devono essere accolti con rispetto, compassione, delicatezza. A loro riguardo si eviterà ogni marchio di ingiusta discriminazione. Tali persone sono chiamate a realizzare la volontà di Dio nella loro vita, e, se sono cristiane, a unire al sacrificio della croce del Signore le difficoltà che possono incontrare in conseguenza della loro condizione» (n. 2358).

Una posizione, peraltro, che suppone comunque una valutazione critica dell’omosessualità come tale – si parla di «inclinazione oggettivamente disordinata» – che, ovviamente, i movimenti LGTB respingono come un residuo del medio evo.

Al di là del materialismo

È chiaro, dunque, che per la Chiesa esiste una «famiglia naturale» fondata sul matrimonio tra due persone di sesso diverso. È davvero una posizione superata?

Oggi lo dicono concordi quasi tutti gli intellettuali. Il modello tradizionale di famiglia, a loro avviso, è un residuo del passato. Non sempre, però, il livello delle argomentazioni è adeguato a sostenere una tesi così radicale.

Perciò, per rispetto di questa posizione, preferisco riferirmi a quelle portate da un intellettuale che stimo, Massimo Recalcati, il quale, in un recente articolo sul Corriere della Sera, ha spiegato perché a suo avviso non si possa parlare di «famiglia naturale».

Partendo dagli esempi di famiglia della Bibbia (a cominciare da quella di Gesù), Recalcati può concludere che «il mistero della generazione della vita e della sua accoglienza non può mai essere ridotto materialisticamente alle leggi della natura, perché porta con sé quel miracolo della parola senza il quale l’umanizzazione della vita sarebbe semplicemente impossibile (…). Senza il miracolo della parola che adotta la vita del figlio non esiste né padre, né madre».

Insomma, quello della genitorialità è «un gesto che eccede ogni legge della natura». Perciò «non è sufficiente uno spermatozoo o un ovulo né per generare davvero un figlio, né per fare un padre o una madre».

In questa logica, «è davvero eterosessuale chi sa amare l’altro nella sua differenza. Può esserlo o non esserlo con le stesse possibilità una lesbica, un omosessuale o un cosiddetto eterosessuale. È così difficile capirlo?».

Una certa passione polemica, indubbiamente, traspare da questa frase finale ripetuta due volte, tra un passaggio e l’altro dell’articolo. E la domanda sembra rivolta proprio ai cattolici, visto che, sottolinea Recalcati, «quello che fa davvero la differenza è la legge dell’amore e non la legge della natura. È il cuore della predicazione cristiana».

E conclude chiedendo ancora una volta: «È così difficile capire che c’è padre e c’è madre, che c’è famiglia non perché c’è continuità di sangue o differenza anatomica degli organi genitali dei genitori, ma perché c’è dono, amore?».

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
609FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO