7 C
Roma
Mar, 31 Marzo 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana Evangelizzare con umiltà: una sfida per chi fa commenti sulle reti sociali

Evangelizzare con umiltà: una sfida per chi fa commenti sulle reti sociali

- Advertisement -

La verità è una sola – o non è verità. Il problema è l’arroganza con cui si cerca di difenderla

“Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo ad ogni creatura” ci autorizza e ci spinge a portare la Parola di Dio a tutti, una cosa molto nobile che ogni cattolico deve fare. Al contrario di ciò che può sembrare a prima vista, l’evangelizzazione non è solo predicare e difendere la Bibbia. È molto più di questo è può verificarsi nei gesti più semplici. La Madonna era una casalinga. Madre Teresa agiva molto più di quanto parlava. Si evangelizza nei modi più vari e più semplici della quotidianità.

Anche in questo, purtroppo, esiste la tentazione. La peggiore non è la pigrizia, la mancanza di conoscenza o di coraggio. Ciò che ostacola maggiormente è la mancanza di umiltà: quando la persona arriva a un punto in cui, per stare dalla parte della Verità, assume l’atteggiamento per cui ha sempre ragione mentre chi la pensa diversamente ha sempre torto. In quel momento ha smesso di essere un evangelizzatore.

Ovviamente non esistono due verità: la verità è una sola, o non è verità. Il problema è l’arroganza. Il modo migliore di evangelizzare, e oso dire che sia l’unico che funziona, è essere umili. Papa Francesco dà un bell’esempio di questo. Egli, che dice sempre quello pensa, è di una gentilezza estrema al momento di rapportarsi a persone e problemi. Non accusa nessuno, non offende nessuno, ascolta tutti con la stessa pazienza e la stessa calma e le sue risposte sono ponderate e tranquille. Per questo, si ripercuotono sul mondo intero. Ripete l’esempio di Gesù Cristo, che quando si rapportava ai più grandi peccatori non usava l’atteggiamento “Io ho ragione e tu hai torto”.

Un modo facile per verificare questo tentativo di evangelizzazione arrogante è rappresentato dai commenti delle reti sociali, soprattutto quando in qualche mondo la questione affronta qualcosa relativo alla religione. Non è necessario leggere molti commenti per trovare scambi di accuse e offese. Si percepisce perfino l’intuito di difendere punti chiave, ma quando si superano i limiti dell’umiltà e del rispetto avvengono delle aggressioni. E non è necessario dare spiegazioni teologiche per dimostrare che questo non funziona. Basta pensare al fatto che a nessuno piace essere aggredito.

Evangelizzare è una parte fondamentale della vita cattolica. L’umiltà è un aspetto fondamentale dell’evangelizzazione.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Evangelizzare con umiltà: una sfida per chi fa commenti sulle reti sociali

  

- Advertisement -

La verità è una sola – o non è verità. Il problema è l’arroganza con cui si cerca di difenderla

“Andate in tutto il mondo e predicate il Vangelo ad ogni creatura” ci autorizza e ci spinge a portare la Parola di Dio a tutti, una cosa molto nobile che ogni cattolico deve fare. Al contrario di ciò che può sembrare a prima vista, l’evangelizzazione non è solo predicare e difendere la Bibbia. È molto più di questo è può verificarsi nei gesti più semplici. La Madonna era una casalinga. Madre Teresa agiva molto più di quanto parlava. Si evangelizza nei modi più vari e più semplici della quotidianità.

Anche in questo, purtroppo, esiste la tentazione. La peggiore non è la pigrizia, la mancanza di conoscenza o di coraggio. Ciò che ostacola maggiormente è la mancanza di umiltà: quando la persona arriva a un punto in cui, per stare dalla parte della Verità, assume l’atteggiamento per cui ha sempre ragione mentre chi la pensa diversamente ha sempre torto. In quel momento ha smesso di essere un evangelizzatore.

Ovviamente non esistono due verità: la verità è una sola, o non è verità. Il problema è l’arroganza. Il modo migliore di evangelizzare, e oso dire che sia l’unico che funziona, è essere umili. Papa Francesco dà un bell’esempio di questo. Egli, che dice sempre quello pensa, è di una gentilezza estrema al momento di rapportarsi a persone e problemi. Non accusa nessuno, non offende nessuno, ascolta tutti con la stessa pazienza e la stessa calma e le sue risposte sono ponderate e tranquille. Per questo, si ripercuotono sul mondo intero. Ripete l’esempio di Gesù Cristo, che quando si rapportava ai più grandi peccatori non usava l’atteggiamento “Io ho ragione e tu hai torto”.

Un modo facile per verificare questo tentativo di evangelizzazione arrogante è rappresentato dai commenti delle reti sociali, soprattutto quando in qualche mondo la questione affronta qualcosa relativo alla religione. Non è necessario leggere molti commenti per trovare scambi di accuse e offese. Si percepisce perfino l’intuito di difendere punti chiave, ma quando si superano i limiti dell’umiltà e del rispetto avvengono delle aggressioni. E non è necessario dare spiegazioni teologiche per dimostrare che questo non funziona. Basta pensare al fatto che a nessuno piace essere aggredito.

Evangelizzare è una parte fondamentale della vita cattolica. L’umiltà è un aspetto fondamentale dell’evangelizzazione.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
285FansMi piace
925FollowerSegui
13,000FollowerSegui
631FollowerSegui
69IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Dieci parole per vivere

Salire a Gerusalemme

La Shoah alla luce del Sinai

La grande città e la salvezza

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO