12.6 C
Rome
Dom, 15 Dicembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Etica e Vita Esiste un diritto all’obiezioni di coscienza per l’eutanasia?

Esiste un diritto all’obiezioni di coscienza per l’eutanasia?

- Advertisement -

In Belgio una casa di cura cattolica rifiuta che la “dolce morte” sia praticata ad una paziente terminale

Nuove polemiche in Belgio sull’eutanasia. Già nel luglio scorso aveva attirato l’attenzione mediatica la vicenda di una 24enne, colpita da depressione, che aveva chiesto ed ottenuto che i medici le dessero la “dolce morte”.

Stavolta al centro del dibattito è finita una casa di cura cattolica di Diest, cittadina delle Fiandre, i cui rappresentanti dovranno comparire in Tribunale per aver rifiutato l’accesso di un medico nella struttura che avrebbe dovuto praticare l’eutanasia nei confronti di una paziente che ne aveva fatto richiesta (Zenit, 5 gennaio).

IL RIFIUTO DELLA CASA DI CURA

Una donna di 74 anni, malata terminale di cancro metastatico alla casa di cura Sint-Augustinus, aveva fatto la sua richiesta di eutanasia nel 2011 ed era in attesa dopo un lungo processo di sei mesi. La casa di cura ha rifiutato però di ospitare il medico che doveva compiere l’atto all’interno delle sue mura. La paziente ha dovuto pertanto essere trasferita nella propria abitazione per vedere eseguita la sua volontà.

LA FAMIGLIA: ANDIAMO IN TRIBUNALE

I familiari della 74enne hanno allora attaccato la casa Sint-Augustinus, colpevole secondo loro di aver aggravato ulteriormente la sofferenza psichica e fisica della paziente negandole di poter essere sottoposta ad eutanasia all’interno della struttura. La questione dovrà ora essere giudicata dal Tribunale civile di Leuven. Secondo gli avvocati della famiglia della donna, il diritto all’obiezione di coscienza è proprio dei medici ma non delle case di cura.

IL CHIARIMENTO DELVESCOVO

In un’intervista al quotidiano in lingua fiamminga Het Belang van Limburg (31 dicembre 2015), l’arcivescovo aveva affermato che gli ospedali cattolici hanno il diritto di rifiutare di praticare l’aborto e l’eutanasia. «Posso comprendere – spiegava monsignor De Kesel sulle pagine del giornale – che chi ha uno stile di vita laico, non prova alcun problema al riguardo. Ma dal punto di vista della mia fede, non è così evidente e direi ancora di più: ritengo che a livello istituzionale, abbiamo il diritto di decidere di non praticare eutanasia e aborto. Penso in modo particolare agli ospedali cattolici».

COMMISSIONE CONTRO CHIESA

Nelle Fiandre, la dichiarazione dell’arcivescovo De Kesel ha suscitato una vivace discussione. Il presidente della Commissione “eutanasia”, il dottore Wim Distelmans trova «strano» che «monsignor De Kesel ritenga che gli ospedali hanno il diritto di adottare comportamenti a seconda del proprio punto di vista morale, quando sono delle istituzioni pubbliche» .

“PROCESSO ALLE INTENZIONI”

«Una tempesta in un bicchiere d’acqua». Così l’agenzia della Conferenza episcopale belga, info.catho.be definisce il «processo alle intenzioni» che alcuni media hanno fatto nei confronti di monsignor De Kesel.

UNA NORMA CHIARA

L’Agenzia cattolica in lingua fiamminga Kerknet sostiene – come riporta l’agenzia Sir (5 gennaio) – la medesima tesi di mons. De Kesel e ricorda che a pagina 178 del Rapporto parlamentare relativo al progetto di legge sull’eutanasia si afferma testualmente che «gli Istituti di cura, dopo l’entrata in vigore della legge, avranno la possibilità di rifiutare di collaborare alla pratica dell’eutanasia e potranno pertanto scegliere di non praticare l’eutanasia per ragioni di principio».

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Esiste un diritto all’obiezioni di coscienza per l’eutanasia?

  

- Advertisement -

In Belgio una casa di cura cattolica rifiuta che la “dolce morte” sia praticata ad una paziente terminale

Nuove polemiche in Belgio sull’eutanasia. Già nel luglio scorso aveva attirato l’attenzione mediatica la vicenda di una 24enne, colpita da depressione, che aveva chiesto ed ottenuto che i medici le dessero la “dolce morte”.

Stavolta al centro del dibattito è finita una casa di cura cattolica di Diest, cittadina delle Fiandre, i cui rappresentanti dovranno comparire in Tribunale per aver rifiutato l’accesso di un medico nella struttura che avrebbe dovuto praticare l’eutanasia nei confronti di una paziente che ne aveva fatto richiesta (Zenit, 5 gennaio).

IL RIFIUTO DELLA CASA DI CURA

Una donna di 74 anni, malata terminale di cancro metastatico alla casa di cura Sint-Augustinus, aveva fatto la sua richiesta di eutanasia nel 2011 ed era in attesa dopo un lungo processo di sei mesi. La casa di cura ha rifiutato però di ospitare il medico che doveva compiere l’atto all’interno delle sue mura. La paziente ha dovuto pertanto essere trasferita nella propria abitazione per vedere eseguita la sua volontà.

LA FAMIGLIA: ANDIAMO IN TRIBUNALE

- Advertisement -

I familiari della 74enne hanno allora attaccato la casa Sint-Augustinus, colpevole secondo loro di aver aggravato ulteriormente la sofferenza psichica e fisica della paziente negandole di poter essere sottoposta ad eutanasia all’interno della struttura. La questione dovrà ora essere giudicata dal Tribunale civile di Leuven. Secondo gli avvocati della famiglia della donna, il diritto all’obiezione di coscienza è proprio dei medici ma non delle case di cura.

IL CHIARIMENTO DELVESCOVO

In un’intervista al quotidiano in lingua fiamminga Het Belang van Limburg (31 dicembre 2015), l’arcivescovo aveva affermato che gli ospedali cattolici hanno il diritto di rifiutare di praticare l’aborto e l’eutanasia. «Posso comprendere – spiegava monsignor De Kesel sulle pagine del giornale – che chi ha uno stile di vita laico, non prova alcun problema al riguardo. Ma dal punto di vista della mia fede, non è così evidente e direi ancora di più: ritengo che a livello istituzionale, abbiamo il diritto di decidere di non praticare eutanasia e aborto. Penso in modo particolare agli ospedali cattolici».

COMMISSIONE CONTRO CHIESA

Nelle Fiandre, la dichiarazione dell’arcivescovo De Kesel ha suscitato una vivace discussione. Il presidente della Commissione “eutanasia”, il dottore Wim Distelmans trova «strano» che «monsignor De Kesel ritenga che gli ospedali hanno il diritto di adottare comportamenti a seconda del proprio punto di vista morale, quando sono delle istituzioni pubbliche» .

“PROCESSO ALLE INTENZIONI”

«Una tempesta in un bicchiere d’acqua». Così l’agenzia della Conferenza episcopale belga, info.catho.be definisce il «processo alle intenzioni» che alcuni media hanno fatto nei confronti di monsignor De Kesel.

UNA NORMA CHIARA

L’Agenzia cattolica in lingua fiamminga Kerknet sostiene – come riporta l’agenzia Sir (5 gennaio) – la medesima tesi di mons. De Kesel e ricorda che a pagina 178 del Rapporto parlamentare relativo al progetto di legge sull’eutanasia si afferma testualmente che «gli Istituti di cura, dopo l’entrata in vigore della legge, avranno la possibilità di rifiutare di collaborare alla pratica dell’eutanasia e potranno pertanto scegliere di non praticare l’eutanasia per ragioni di principio».

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
279FansMi piace
873FollowerSegui
13,000FollowerSegui
610FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO