30.7 C
Rome
giovedì, 27 Giugno 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Esercizi spirituali: Chiesa sia trasparente sui beni che possiede

Esercizi spirituali: Chiesa sia trasparente sui beni che possiede

- Advertisement -

Il tema della trasparenza dei beni della Chiesa e la più ampia questione della lotta alla fame e contro lo spreco di cibo sono stati due punti chiave della sesta meditazione degli esercizi spirituali dellaQuaresima.

Ad Ariccia a guidare le meditazioni è il sacerdote friulano Ermes Ronchi, dell’Ordine dei Servi di Maria. Gli esercizi spirituali sono iniziati domenica 6 marzo si concluderanno venerdì 11 marzo e si sono aperti con l’Adorazione eucaristica. “Lenude domande del Vangelo” è il tema dellemeditazioni. ​

La Radio Vaticana ha riportato ampi stralci della sesta meditazione, come delle precedenti:

“Ci sono persone così affamate che per loro Dio non può avere che la forma di un pane”. La vita ha inizio con la fame, ha sottolineato padre Ronchi, “essere vivi è avere fame”. E se lo sguardo si allarga, ecco la fame di massa, “l’assedio dei poveri”, milioni di mani tese che chiedono qualcosa da mangiare, non chiedono “una definizione religiosa”. E la Chiesa, si chiede il predicatore, come risponde?

No a cortine fumogene
Le parole del Vangelo sulle quali padre Ronchi ha intrecciato le sue sono quelle della moltiplicazione dei pani e dei pesci. Il religioso analizza la scena: i discepoli chiedono di congedare la folla perché vada a sfamarsi, Gesù replica di dare loro stessi da mangiare e, all’obiezione dei Dodici sull’entità della spesa, la richiesta del Maestro: “Quanti pani avete? Andate a vedere”. Gesù, osserva padre Ronchi, “è molto pratico”, domanda di “fare il conto”, e non finisce di domandarlo:

“L’operazione di verifica è chiesta a tutti i discepoli anche oggi, a me: quanto hai? Quanti soldi, quante case? Che tenore di vita? Andate a vedere, verificate. Quante macchine o quanti gioielli sotto forma di croci o anelli? La Chiesa non deve aver paura della trasparenza, nessuna paura della chiarezza sui suoi pani e i suoi pesci, sui suoi beni. Cinque pani e due pesci”.

Condividere è moltiplicare
“Con la trasparenza si è veri. E quando sei vero sei anche libero”, afferma il predicatore degli esercizi. Come Gesù, che “non si è fatto comprare da nessuno” e “non è mai entrato nei palazzi dei potenti se non da prigioniero”. Quando non si ha, nota padre Ronchi, si cerca di trattenere, come quegli Ordini religiosi che provano a gestire i beni come se ciò potesse produrre quella sicurezza erosa dalla crisi delle vocazioni. Invece, la logica di Gesù è quella del dono. “Amare” nel Vangelo si traduce in un verbo asciutto: “dare”. Il miracolo della moltiplicazione dice questo, che Gesù “non bada alla quantità” del pane, ciò che vuole è che quel pane sia condiviso:

“Secondo una misteriosa regola divina: quando il mio pane diventa il nostro pane, allora anche il poco diventa sufficiente. E invece, la fame comincia quando io tengo stretto il mio pane per me, quando l’Occidente sazio tiene stretto il suo pane, i suoi pesci, i suoi beni per sé (…) Sfamare la terra, tutta la terra, è possibile, c’è pane in abbondanza. Non occorre moltiplicarlo, basta distribuirlo, a cominciare da noi. Non servono moltiplicazioni prodigiose, ma battere il Golia dell’egoismo, dello spreco del cibo e dell’accumulo di pochi”.

“La fame degli altri ha dei diritti su di me”
“Date e vi sarà dato e riceverete una misura scossa pigiata traboccante…”. In questa promessa di Gesù è contenuta, ripete padre Ronchi, “la misteriosa, immensa economia del dono e del centuplo, che spariglia ogni bilancio”. Questo “mi conforta – soggiunge – perché mostra che la verità ultima segue la logica del dono, non quella dell’osservanza”. E la “domanda ultima sarà: hai dato poco o hai dato molto alla vita”. “Da questo dipende la vita, non dai beni”, conclude padre Ronchi. E bastano cinque pani donati per cambiare il mondo:

“Il miracolo sono i cinque pani e i due pesci che la Chiesa nascente mette nelle mani di Cristo fidandosi, senza calcolare e senza trattenere qualcosa per sé e per la propria cena. E’ poco ma è tutto ciò che ha, è poco ma è tutta la cena dei discepoli, è una goccia nel mare, ma è quella goccia che può dare senso e può dare speranza alla vita”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Esercizi spirituali: Chiesa sia trasparente sui beni che possiede

  

- Advertisement -

Il tema della trasparenza dei beni della Chiesa e la più ampia questione della lotta alla fame e contro lo spreco di cibo sono stati due punti chiave della sesta meditazione degli esercizi spirituali dellaQuaresima.

Ad Ariccia a guidare le meditazioni è il sacerdote friulano Ermes Ronchi, dell’Ordine dei Servi di Maria. Gli esercizi spirituali sono iniziati domenica 6 marzo si concluderanno venerdì 11 marzo e si sono aperti con l’Adorazione eucaristica. “Lenude domande del Vangelo” è il tema dellemeditazioni. ​

La Radio Vaticana ha riportato ampi stralci della sesta meditazione, come delle precedenti:

“Ci sono persone così affamate che per loro Dio non può avere che la forma di un pane”. La vita ha inizio con la fame, ha sottolineato padre Ronchi, “essere vivi è avere fame”. E se lo sguardo si allarga, ecco la fame di massa, “l’assedio dei poveri”, milioni di mani tese che chiedono qualcosa da mangiare, non chiedono “una definizione religiosa”. E la Chiesa, si chiede il predicatore, come risponde?

No a cortine fumogene
Le parole del Vangelo sulle quali padre Ronchi ha intrecciato le sue sono quelle della moltiplicazione dei pani e dei pesci. Il religioso analizza la scena: i discepoli chiedono di congedare la folla perché vada a sfamarsi, Gesù replica di dare loro stessi da mangiare e, all’obiezione dei Dodici sull’entità della spesa, la richiesta del Maestro: “Quanti pani avete? Andate a vedere”. Gesù, osserva padre Ronchi, “è molto pratico”, domanda di “fare il conto”, e non finisce di domandarlo:

- Advertisement -

“L’operazione di verifica è chiesta a tutti i discepoli anche oggi, a me: quanto hai? Quanti soldi, quante case? Che tenore di vita? Andate a vedere, verificate. Quante macchine o quanti gioielli sotto forma di croci o anelli? La Chiesa non deve aver paura della trasparenza, nessuna paura della chiarezza sui suoi pani e i suoi pesci, sui suoi beni. Cinque pani e due pesci”.

Condividere è moltiplicare
“Con la trasparenza si è veri. E quando sei vero sei anche libero”, afferma il predicatore degli esercizi. Come Gesù, che “non si è fatto comprare da nessuno” e “non è mai entrato nei palazzi dei potenti se non da prigioniero”. Quando non si ha, nota padre Ronchi, si cerca di trattenere, come quegli Ordini religiosi che provano a gestire i beni come se ciò potesse produrre quella sicurezza erosa dalla crisi delle vocazioni. Invece, la logica di Gesù è quella del dono. “Amare” nel Vangelo si traduce in un verbo asciutto: “dare”. Il miracolo della moltiplicazione dice questo, che Gesù “non bada alla quantità” del pane, ciò che vuole è che quel pane sia condiviso:

“Secondo una misteriosa regola divina: quando il mio pane diventa il nostro pane, allora anche il poco diventa sufficiente. E invece, la fame comincia quando io tengo stretto il mio pane per me, quando l’Occidente sazio tiene stretto il suo pane, i suoi pesci, i suoi beni per sé (…) Sfamare la terra, tutta la terra, è possibile, c’è pane in abbondanza. Non occorre moltiplicarlo, basta distribuirlo, a cominciare da noi. Non servono moltiplicazioni prodigiose, ma battere il Golia dell’egoismo, dello spreco del cibo e dell’accumulo di pochi”.

“La fame degli altri ha dei diritti su di me”
“Date e vi sarà dato e riceverete una misura scossa pigiata traboccante…”. In questa promessa di Gesù è contenuta, ripete padre Ronchi, “la misteriosa, immensa economia del dono e del centuplo, che spariglia ogni bilancio”. Questo “mi conforta – soggiunge – perché mostra che la verità ultima segue la logica del dono, non quella dell’osservanza”. E la “domanda ultima sarà: hai dato poco o hai dato molto alla vita”. “Da questo dipende la vita, non dai beni”, conclude padre Ronchi. E bastano cinque pani donati per cambiare il mondo:

“Il miracolo sono i cinque pani e i due pesci che la Chiesa nascente mette nelle mani di Cristo fidandosi, senza calcolare e senza trattenere qualcosa per sé e per la propria cena. E’ poco ma è tutto ciò che ha, è poco ma è tutta la cena dei discepoli, è una goccia nel mare, ma è quella goccia che può dare senso e può dare speranza alla vita”.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato di SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
273FansMi piace
801FollowerSegui
13,000FollowerSegui
582FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO