17.8 C
Rome
martedì, 23 Aprile 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Escono dalla messa di Capodanno: è strage di cristiani in Nigeria

Escono dalla messa di Capodanno: è strage di cristiani in Nigeria

Vita ecclesiale

- Advertisement -

Attentato con almeno 17 morti a sud del Paese, dove la persecuzione è ai massimi livelli. L’ombra del terrorismo

Uomini armati hanno aperto il fuoco su un gruppo di fedeli che tornavano dalla Messa di mezzanotte, a fine anno, nella città di Omoku, nei pressi di Port Harcourt, nel sud della Nigeria, uccidendo almeno 17 persone. Sarebbero 12 i feriti.

Molti dei dettagli vanno ancora chiariti e quello che si sa finora è stato reso noto da una fonte della polizia e da un parente di una delle vittime. A dare la notizia è stato il giornale nigeriano Indipendent (2 gennaio).

Una taglia da 450mila euro

Il responsabile per l’informazione di polizia dello Stato di Rivers, Nnamdi Omoni, non ha confermato al momento il bilancio delle vittime, ma ha riferito che è stata lanciata dalle autorità «una caccia all’uomo per assicurarsi che i banditi vengano arrestati e processati».

Le autorità locali hanno anche offerto una ricompensa di 200 milioni di mairas, pari a circa 450.000 euro, a chi dia informazioni che portino alla cattura dei responsabili, la cui identità è ignota (Avvenire, 2 gennaio).

Doppia azione

La strage è avvenuta intorno alle 12:20 di notte. Stando a quanto riportato dal Nigeria Independent, gli assalitori hanno effettuato un attacco coordinato contro i cristiani che ritornavano dai servizi religiosi in due luoghi diversi, a Kirigani e Oboh, aree della comunità di Aligwu.

Finora non ci sono state rivendicazioni da parte di gruppi terroristici. Ma i sospetti, scrive Il Messaggero (2 gennaio), ricadono su un gruppo di miliziani noto per sequestri e uccisioni nell’area del Delta del Niger.

L’assalto nella cattedrale della convivenza

Come riferisce all’Agenzia Fides (3 gennaio) padre Patrick Tor Alumuku, direttore dell’ufficio per le Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi di Abuja, dall’inizio dell’anno si stanno verificando una serie di attacchi contro i cristiani a Ilorin, capitale dello stato federato di Kwara, nell’ovest della Nigeria.

Secondo il religioso negli assalti, alcuni dei quali si sono verificati anche oggi, è stata attaccata pure la cattedrale di Ilorin, città in cui «convivono finora pacificamente una maggioranza di musulmani e una forte componente cattolica. È la prima volta che accade una cosa del genere. La cattedrale è stata attaccata la notte di capodanno», ha affermato padre Alumuku.

L’omicidio del Cairo

Sempre a Capodanno, ma questa volta in Egitto, alcuni uomini armati hanno aperto il fuoco contro un negozio di liquori nei pressi del Cairo, uccidendo dei cristiani copti. Le vittime conoscevano bene il proprietario del negozio, che è invece rimasto illeso.

L’ “agonia” dei copti

Il sospetto è arrivato a bordo di un tok-tok, triciclo a motore, sparando con un fucile in direzione del negozio, prima di fuggire. Non si è chiarito finora se l’attacco fosse avvenuto perché le vittime erano copti o perché il negozio vendeva alcool. La comunità copta era stata colpita due giorni prima da due attentati a una chiesa e a un negozio nella periferia del Cairo (L’Osservatore Romano, 2 gennaio).

Tratto da: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Escono dalla messa di Capodanno: è strage di cristiani in Nigeria

Vita ecclesiale

  

- Advertisement -

Attentato con almeno 17 morti a sud del Paese, dove la persecuzione è ai massimi livelli. L’ombra del terrorismo

Uomini armati hanno aperto il fuoco su un gruppo di fedeli che tornavano dalla Messa di mezzanotte, a fine anno, nella città di Omoku, nei pressi di Port Harcourt, nel sud della Nigeria, uccidendo almeno 17 persone. Sarebbero 12 i feriti.

Molti dei dettagli vanno ancora chiariti e quello che si sa finora è stato reso noto da una fonte della polizia e da un parente di una delle vittime. A dare la notizia è stato il giornale nigeriano Indipendent (2 gennaio).

Una taglia da 450mila euro

- Advertisement -

Il responsabile per l’informazione di polizia dello Stato di Rivers, Nnamdi Omoni, non ha confermato al momento il bilancio delle vittime, ma ha riferito che è stata lanciata dalle autorità «una caccia all’uomo per assicurarsi che i banditi vengano arrestati e processati».

Le autorità locali hanno anche offerto una ricompensa di 200 milioni di mairas, pari a circa 450.000 euro, a chi dia informazioni che portino alla cattura dei responsabili, la cui identità è ignota (Avvenire, 2 gennaio).

Doppia azione

La strage è avvenuta intorno alle 12:20 di notte. Stando a quanto riportato dal Nigeria Independent, gli assalitori hanno effettuato un attacco coordinato contro i cristiani che ritornavano dai servizi religiosi in due luoghi diversi, a Kirigani e Oboh, aree della comunità di Aligwu.

Finora non ci sono state rivendicazioni da parte di gruppi terroristici. Ma i sospetti, scrive Il Messaggero (2 gennaio), ricadono su un gruppo di miliziani noto per sequestri e uccisioni nell’area del Delta del Niger.

L’assalto nella cattedrale della convivenza

Come riferisce all’Agenzia Fides (3 gennaio) padre Patrick Tor Alumuku, direttore dell’ufficio per le Comunicazioni Sociali dell’Arcidiocesi di Abuja, dall’inizio dell’anno si stanno verificando una serie di attacchi contro i cristiani a Ilorin, capitale dello stato federato di Kwara, nell’ovest della Nigeria.

Secondo il religioso negli assalti, alcuni dei quali si sono verificati anche oggi, è stata attaccata pure la cattedrale di Ilorin, città in cui «convivono finora pacificamente una maggioranza di musulmani e una forte componente cattolica. È la prima volta che accade una cosa del genere. La cattedrale è stata attaccata la notte di capodanno», ha affermato padre Alumuku.

L’omicidio del Cairo

Sempre a Capodanno, ma questa volta in Egitto, alcuni uomini armati hanno aperto il fuoco contro un negozio di liquori nei pressi del Cairo, uccidendo dei cristiani copti. Le vittime conoscevano bene il proprietario del negozio, che è invece rimasto illeso.

L’ “agonia” dei copti

Il sospetto è arrivato a bordo di un tok-tok, triciclo a motore, sparando con un fucile in direzione del negozio, prima di fuggire. Non si è chiarito finora se l’attacco fosse avvenuto perché le vittime erano copti o perché il negozio vendeva alcool. La comunità copta era stata colpita due giorni prima da due attentati a una chiesa e a un negozio nella periferia del Cairo (L’Osservatore Romano, 2 gennaio).

- Advertisement -
Tratto da: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

271FansMi piace
725FollowerSegui
13,000FollowerSegui
563FollowerSegui
55IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

Consigli pubblicitari