13.1 C
Roma
Mar, 18 Febbraio 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa «Entrare nel mistero di Gesù, non basta essere buoni cristiani»

«Entrare nel mistero di Gesù, non basta essere buoni cristiani»

- Advertisement -

di Debora Donnini

Il centro del mistero di Gesù Cristo è che “mi amò” e “diede se stesso alla morte”per me. Per entrare in questo mistero, il Papaalla Messa stamani a Casa Santa Marta, indica la meditazione sulla Passione del Signore, la Via Crucis. Va bene andare a Messa, pregare, essere buoni cristiani ma la domanda centrale è se si è entrati nel mistero di Gesù Cristo, ricorda Francesco.

La sua omelia parte dalla Prima Lettura tratta dalla Lettera ai Romani, nella quale San Paolo usa delle contrapposizioni – peccato, disobbedienza, grazia, perdono – per cercare di “portarci a capire qualcosa”. Sente che è “impotente” a spiegare” quello che vuole spiegare. Dietro a tutto questo, c’è la storia della salvezza.  Non essendoci, quindi, parole sufficienti per spiegare Cristo, Paolo “ci scaraventa, perché cadiamo nel mistero” di Cristo, spiega il Papa. Queste contrapposizioni, quindi, sono soltanto passi nel cammino per inabissarsi nel mistero di Cristo, che non è facile da capire: è così “sovrabbondante”, “così generoso”, che non si può capire con argomentazioni perché queste portano fino ad un certo punto. Per capire “chi è Gesù Cristo per te”, “per me”, “per noi”, il Papa esorta, quindi, ad inabissarsi in questo mistero.

In un altro brano, San Paolo guardando Gesù Cristo dice: “Mi amò e diede se stesso per me”.  E nota che – anche se difficilmente – si trova qualcuno disposto a morire per una persona giusta, ma solo Gesù Cristo vuole dare la vita “per un peccatore come me”. Con queste parole, San Paolo cerca di farci entrare nel mistero di Cristo. Non è facile, “è una grazia”. Lo hanno capito non solo i Santi canonizzati ma anche tanti santi “nascosti nella vita quotidiana”, gente umile che soltanto mette la sua speranza nel Signore: sono entrati nel mistero di Gesù Cristo crocifisso, “che è una pazzia”, dice Paolo notando però che se dovesse vantarsi di qualcosa, soltanto si potrebbe vantare “dei suoi peccati e di Gesù Cristo crocifisso”, non dello studio con Gamaliele nella sinagoga, né di altro. “Un’altra contraddizione”, questa, che ci porta al mistero di Gesù, crocifisso, “in dialogo con i miei peccati”.

Francesco, evidenzia, quindi, che quando andiamo a Messa, sappiamo che lui è nella Parola, che Gesù viene, ma questo – avverte – non basta per poter entrare nel mistero:

“Entrare nel mistero di Gesù Cristo è di più, è lasciarsi andare in quell’abisso di misericordia dove non ci sono parole: soltanto l’abbraccio dell’amore. L’amore che Lo portò alla morte per noi. Quando noi andiamo a confessarci perché abbiamo peccati – sì, devo togliermi i peccati, diciamo; o ‘che Dio mi perdoni i peccati’ – andiamo, diciamo i peccati al confessore e siamo tranquilli e contenti. Se facciamo così, non siamo entrati nel mistero di Gesù Cristo. Se io ci vado, vado a incontrare Gesù Cristo, a entrare nel mistero di Gesù Cristo, a entrare in quell’abbraccio di perdono del quale parla Paolo; di quella gratuità del perdono”.

Alla domanda su chi è “Gesù per te”, si potrebbe rispondere “il Figlio di Dio”, si potrebbe dire tutto il Credo, tutto il Catechismo, ed è vero ma si arriverebbe ad un punto in cui non saremmo riusciti a dire il centro del mistero di Gesù Cristo, quel “mi amò” e “diede se stesso per me”. “Capire il mistero di Gesù Cristo non è una cosa di studio”, nota il Papa, perché “Gesù Cristo è capito soltanto per pura grazia”.

Viene, quindi, segnalato un esercizio di pietà che aiuta: la Via Crucis, che consiste nel camminare con Gesù nel momento in cui ci dà “l’abbraccio di perdono e di pace”.

“E’ bello fare la Via Crucis. Farlo a casa, pensando ai momenti della Passione del Signore. Anche i grandi Santi consigliavano sempre di incominciare la vita spirituale con questo incontro con il mistero di Gesù Crocifisso. Santa Teresa consigliava le sue monache: per arrivare alla preghiera di contemplazione, l’alta preghiera che lei aveva, incominciare con la meditazione della Passione del Signore. La Croce con Cristo. Cristo nella Croce. Incominciare e pensare. E così, cercare di capire con il cuore che ‘amò me e diede se stesso per me’, ‘diede se stesso alla morte per me’”.

Nella Prima Lettura, San Paolo vuole proprio portare all’abisso del mistero di Cristo, ribadisce Papa Francesco:

“’Io sono un buon cristiano, vado a Messa la domenica, faccio opere di misericordia, recito le preghiere, educo bene i miei figli’: questo sta molto bene. Ma la domanda che io faccio: ‘Tu fai tutto questo: ma sei entrato nel mistero di Gesù Cristo?’. Quello che tu non puoi controllare … Chiediamo a San Paolo, un vero testimone, uno che ha incontrato Gesù Cristo e si è lasciato incontrare da Lui ed è entrato nel mistero di Gesù Cristo: preghiamo lui, Paolo, che ci dia la grazia di entrare nel mistero di Gesù Cristo che ci amò, diede se stesso alla morte per noi, che ci ha fatti giusti davanti a Dio, che ha perdonato tutti i peccati, anche le radici del peccato: di entrare nel mistero del Signore”.

E l’invito conclusivo del Papa è proprio a guardare il Crocifisso, “icona del più grande mistero della creazione, di tutto”: “Cristo crocifisso, centro della Storia, centro della mia vita”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

«Entrare nel mistero di Gesù, non basta essere buoni cristiani»

  

- Advertisement -

di Debora Donnini

Il centro del mistero di Gesù Cristo è che “mi amò” e “diede se stesso alla morte”per me. Per entrare in questo mistero, il Papaalla Messa stamani a Casa Santa Marta, indica la meditazione sulla Passione del Signore, la Via Crucis. Va bene andare a Messa, pregare, essere buoni cristiani ma la domanda centrale è se si è entrati nel mistero di Gesù Cristo, ricorda Francesco.

La sua omelia parte dalla Prima Lettura tratta dalla Lettera ai Romani, nella quale San Paolo usa delle contrapposizioni – peccato, disobbedienza, grazia, perdono – per cercare di “portarci a capire qualcosa”. Sente che è “impotente” a spiegare” quello che vuole spiegare. Dietro a tutto questo, c’è la storia della salvezza.  Non essendoci, quindi, parole sufficienti per spiegare Cristo, Paolo “ci scaraventa, perché cadiamo nel mistero” di Cristo, spiega il Papa. Queste contrapposizioni, quindi, sono soltanto passi nel cammino per inabissarsi nel mistero di Cristo, che non è facile da capire: è così “sovrabbondante”, “così generoso”, che non si può capire con argomentazioni perché queste portano fino ad un certo punto. Per capire “chi è Gesù Cristo per te”, “per me”, “per noi”, il Papa esorta, quindi, ad inabissarsi in questo mistero.

In un altro brano, San Paolo guardando Gesù Cristo dice: “Mi amò e diede se stesso per me”.  E nota che – anche se difficilmente – si trova qualcuno disposto a morire per una persona giusta, ma solo Gesù Cristo vuole dare la vita “per un peccatore come me”. Con queste parole, San Paolo cerca di farci entrare nel mistero di Cristo. Non è facile, “è una grazia”. Lo hanno capito non solo i Santi canonizzati ma anche tanti santi “nascosti nella vita quotidiana”, gente umile che soltanto mette la sua speranza nel Signore: sono entrati nel mistero di Gesù Cristo crocifisso, “che è una pazzia”, dice Paolo notando però che se dovesse vantarsi di qualcosa, soltanto si potrebbe vantare “dei suoi peccati e di Gesù Cristo crocifisso”, non dello studio con Gamaliele nella sinagoga, né di altro. “Un’altra contraddizione”, questa, che ci porta al mistero di Gesù, crocifisso, “in dialogo con i miei peccati”.

Francesco, evidenzia, quindi, che quando andiamo a Messa, sappiamo che lui è nella Parola, che Gesù viene, ma questo – avverte – non basta per poter entrare nel mistero:

- Advertisement -

“Entrare nel mistero di Gesù Cristo è di più, è lasciarsi andare in quell’abisso di misericordia dove non ci sono parole: soltanto l’abbraccio dell’amore. L’amore che Lo portò alla morte per noi. Quando noi andiamo a confessarci perché abbiamo peccati – sì, devo togliermi i peccati, diciamo; o ‘che Dio mi perdoni i peccati’ – andiamo, diciamo i peccati al confessore e siamo tranquilli e contenti. Se facciamo così, non siamo entrati nel mistero di Gesù Cristo. Se io ci vado, vado a incontrare Gesù Cristo, a entrare nel mistero di Gesù Cristo, a entrare in quell’abbraccio di perdono del quale parla Paolo; di quella gratuità del perdono”.

Alla domanda su chi è “Gesù per te”, si potrebbe rispondere “il Figlio di Dio”, si potrebbe dire tutto il Credo, tutto il Catechismo, ed è vero ma si arriverebbe ad un punto in cui non saremmo riusciti a dire il centro del mistero di Gesù Cristo, quel “mi amò” e “diede se stesso per me”. “Capire il mistero di Gesù Cristo non è una cosa di studio”, nota il Papa, perché “Gesù Cristo è capito soltanto per pura grazia”.

Viene, quindi, segnalato un esercizio di pietà che aiuta: la Via Crucis, che consiste nel camminare con Gesù nel momento in cui ci dà “l’abbraccio di perdono e di pace”.

“E’ bello fare la Via Crucis. Farlo a casa, pensando ai momenti della Passione del Signore. Anche i grandi Santi consigliavano sempre di incominciare la vita spirituale con questo incontro con il mistero di Gesù Crocifisso. Santa Teresa consigliava le sue monache: per arrivare alla preghiera di contemplazione, l’alta preghiera che lei aveva, incominciare con la meditazione della Passione del Signore. La Croce con Cristo. Cristo nella Croce. Incominciare e pensare. E così, cercare di capire con il cuore che ‘amò me e diede se stesso per me’, ‘diede se stesso alla morte per me’”.

Nella Prima Lettura, San Paolo vuole proprio portare all’abisso del mistero di Cristo, ribadisce Papa Francesco:

“’Io sono un buon cristiano, vado a Messa la domenica, faccio opere di misericordia, recito le preghiere, educo bene i miei figli’: questo sta molto bene. Ma la domanda che io faccio: ‘Tu fai tutto questo: ma sei entrato nel mistero di Gesù Cristo?’. Quello che tu non puoi controllare … Chiediamo a San Paolo, un vero testimone, uno che ha incontrato Gesù Cristo e si è lasciato incontrare da Lui ed è entrato nel mistero di Gesù Cristo: preghiamo lui, Paolo, che ci dia la grazia di entrare nel mistero di Gesù Cristo che ci amò, diede se stesso alla morte per noi, che ci ha fatti giusti davanti a Dio, che ha perdonato tutti i peccati, anche le radici del peccato: di entrare nel mistero del Signore”.

E l’invito conclusivo del Papa è proprio a guardare il Crocifisso, “icona del più grande mistero della creazione, di tutto”: “Cristo crocifisso, centro della Storia, centro della mia vita”.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
280FansMi piace
904FollowerSegui
13,000FollowerSegui
619FollowerSegui
64IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO