13.6 C
Roma
Mar, 1 Dicembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Approfondimenti Ecco gli scandali che hanno fatto più male a Benedetto XVI

Ecco gli scandali che hanno fatto più male a Benedetto XVI

Il Papa emerito ha sofferto nel silenzio. Dai lefebvriani alla pedofilia, tormenti e delusioni

- Advertisement -

Il Papa emerito ha sofferto nel silenzio. Dai lefebvriani alla pedofilia, tormenti e delusioni

Scandali e tormenti nella Chiesa che hanno segnato la vita e il pontificato di Joseph Ratzinger. Spine nel fianco che hanno reso molto sofferente Papa Benedetto XVI, al punto da abdicare, nel 2013, al suo ruolo di pontefice, e proseguire la vita in Vaticano nel silenzio e nella riflessione, lontano da giornali e tv.

Questi scandali li raccontano Maria Giuseppina Buonanno e Luca Caruso in “Benedetto XVIImmagini di una vita” (edizioni San Polo).

1) I Lefebvriani

Tra queste vicende figura il “caso Williamson”, che riguarda la revoca della scomunica di quattro vescovi ordinati in modo illegittimo nel 1988 da monsignor Marcel Lefebvre (1905-1991).

Giovanni Paolo II aveva scomunicato Lefebvre e i neo consacrati, sempre nel 1988. La revoca di Benedetto XVI è del 21 gennaio 2009. Uno dei quattro vescovi è l’inglese Richard Williamson – da qui la denominazione del caso – anglicano poi passato nelle file lefebvriane.

Lo stesso giorno, una televisione svedese manda in onda un’intervista, registrata due mesi prima e mai trasmessa, a Williamson, che nega lo sterminio degli ebrei a opera dei nazisti e l’Olocausto. Scoppiano le proteste. Di fronte alle critiche, Papa Benedetto prova a spiegare le sue ragioni nell’Angelus del 28 gennaio, rinnovando la vicinanza agli ebrei.

Posizioni inaccettabili sull’Olocausto

Solo il 4 febbraio, la Segreteria di Stato interviene con una nota, dove si afferma che «le posizioni di monsignor Williamson sulla Shoah sono del tutto inaccettabili», e «non conosciute dal Santo Padre al momento della remissione della scomunica».

Le discussioni continuano. Arriva una richiesta di chiarimenti anche dalla cancelliera tedesca Angela Merkel.

Chi aveva il compito di vigilare – la Pontificia Commissione Ecclesia Dei, che si era occupata della revoca della scomunica, e la Segreteria di Stato – non l’hanno fatto in modo adeguato.

Il dolore di Ratzinger

Assumendosi responsabilità che andavano oltre la sua persona, il 10 marzo Papa Benedetto invia una Lettera ai vescovi della Chiesa cattolica per spiegare il suo pensiero e la sua posizione.

Scrive anche queste parole:

«Mi è stato detto che seguire con attenzione le notizie raggiungibili mediante l’internet avrebbe dato la possibilità di venir tempestivamente a conoscenza del problema. Ne traggo la lezione che in futuro nella Santa Sede dovremo prestar più attenzione a quella fonte di notizie. Sono rimasto rattristato dal fatto che anche cattolici, che in fondo avrebbero potuto sapere meglio come stanno le cose, abbiano pensato di dovermi colpire con un’ostilità pronta all’attacco».

“Un momento cupo”

Per alcuni, la Lettera è anche un’esplicitazione di divisioni interne al governo della Chiesa, regnanti intorno al Pontefice, e un’esortazione a quegli episcopati spesso critici nei confronti del Papa, come quello tedesco.

«Fu un momento cupo e un periodo molto pesante. Ma la gente poi ha capito che io, semplicemente, non ero stato informato», ha spiegato recentemente, tornando ancora sul caso Williamson, Papa Benedetto.

2) I preservativi

Poco dopo il caso Williamson, arriva una nuova bufera. Durante il volo di andata del viaggio apostolico in Africa – svoltosi dal 17 al 23 marzo 2009 – Benedetto XVI, rispondendo alla domanda di un giornalista, dice che non si può superare il problema dell’Aids «con la distribuzione di preservativi: al contrario, aumentano il problema».

Anche stavolta le polemiche esplodono a livello internazionale. Il Parlamento del Belgio inoltra una protesta formale contro le dichiarazioni del Papa. Le parole che Benedetto XVI pronuncia nei giorni successivi, invitando a una riflessione sulla crisi dell’Africa, sulla necessità di affrontare i problemi che l’affliggono in modo complessivo e sulla politica internazionale nel continente, restano nell’ombra.

3) La lotta alla pedofilia

Nei 2.872 giorni del suo pontificato, Benedetto XVI si è trovato molte volte accanto al dolore delle vittime della pedofilia: le ha incontrate, ha cercato di dare loro risposte, si è commosso con loro.

È successo anche nel 2010, durante il viaggio a Malta. «Abbiamo pianto tutti. Anche il Papa ha pianto», ha raccontato Joseph Magro, abusato in orfanotrofio da ragazzo.

«Gli ho detto che mi sentivo toccato nel profondo; che soffrivo con loro. Non era un modo di dire, perché veramente sono stato colpito al cuore», ha confidato Papa BenedettoLe violenze dei sacerdoti

Joseph Ratzinger si è occupato del dramma della pedofilia anche da prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, impartendo regole su come i casi dovevano essere affrontati, disponendo misure di prevenzione e di collaborazione con le autorità giudiziarie.

Eppure, i molti casi emersi durante il suo pontificato – periodo nel quale Benedetto XVI ha rimosso quasi 400 preti – gettavano ombre scure sulla Chiesa.

Gli abusi si riferivano agli anni precedenti, soprattutto al periodo compreso tra gli anni Sessanta e gli anni Ottanta, ma le denunce, fatte successivamente, davano al problema un’attualità drammatica. Pesavano sul suo pontificato come macigni. In Irlanda, secondo un’indagine del giudice Sean Ryan pubblicata nel 2009, negli ultimi 50 anni quasi 2.500 bambini avevano subito violenza da parte di sacerdoti.

La lettera agli irlandesi

Benedetto XVI affrontò il dramma, anche scrivendo una Lettera ai fedeli d’Irlanda: ammoniva i vescovi, consolava le vittime, condannava i carnefici. Invocava giustizia.

«Avete sofferto tremendamente e io ne sono veramente dispiaciuto. So che nulla può cancellare il male che avete sopportato. È stata tradita la vostra fiducia e la vostra dignità è stata violata», ha riconosciuto dolorosamente il Papa.

Legionari commissariati

Con le voci delle vittime che trovano il coraggio di denunciare e con il pontificato di Benedetto XVI, la battaglia contro la pedofilia segna un nuovo corso: la condanna. Anche chi, in passato, ha ignorato o nascosto il problema, anche per “ragion di Chiesa”, è chiamato alla responsabilità.

Una nuova consapevolezza si fa strada. E nel 2010 arriva il “commissariamento” della Congregazione dei Legionari di Cristo, fondata nel 1941 da padre Marcial Maciel Degollado (1920-2008), condannato nel 2006 per numerosi casi di pedofilia.

Le origini degli abusi nella Chiesa

L’ultimo suo intervento su questo tema è stato il lungo articolo che ha scritto sotto forma di appunti sugli abusi sessuali nella Chiesa cattolica: un’analisi approfondita e impietosa su come è nato e si è diffuso questo crimine anche nel mondo ecclesiastico, a partire dagli anni ’60. Un crimine figlio di un «collasso morale» così difficile da combattere.

4) Vatileaks: il tradimento del maggiordomo

Nei primi mesi del 2012, in seguito alla pubblicazione di documenti riservati sottratti dalla scrivania di Benedetto XVI e riguardanti contrasti nel governo del Vaticano e nella gestione della sua banca, lo Ior, l’Istituto per le opere di religione, scoppia lo scandalo Vatileaks. Il 24 maggio viene arrestato Paolo Gabriele, maggiordomo del Papa. Il processo a suo carico inizia il 29 settembre: il 6 ottobre è condannato a 18 mesi di carcere.

Il maggiordomo, definito “corvo” dai media, rimane in una cella in Vaticano fino alla fine dell’anno, quando torna in libertà dopo la grazia concessa dal Pontefice. La vicenda si conclude lasciando domande sulla mente che avrebbe “armato” la mano di Gabriele, che ha dichiarato di aver agito per contrastare il potere di persone vicine a Benedetto XVI.

5) L’ultima polemica: il libro sul celibato dei preti

12 gennaio 2020. Compare la firma di Joseph Ratzinger sul libro del cardinale Robert Sarah, prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, in difesa del celibato sacerdotale, dal titolo “Dal profondo del nostro cuore“. Il giorno dopo arriva la smentita: Benedetto XVI ha infatti negato di aver scritto quel libro insieme a Sarah.

Le parole di Ratzinger, da qualcuno interpretate come un attacco a Bergoglio, avevano sollevato non poche polemiche, non solo all’interno del Vaticano, ma anche fuori, riaccendendo il dibattito sui preti sposati. La tematica, affrontata dal Sinodo dei Vescovi dedicato all’Amazzonia, durante il quale i presuli hanno paventato l’ipotesi di ordinare anche uomini sposati lì dove vi è una “necessità pastorale” (Il Faro, 14 gennaio 2020).

Il chiarimento di monsignor Gaenswein

Monsignor Gaenswein, il più stretto collaboratore del Papa emerito, faceva sapere che «su indicazione del Papa emerito, ho chiesto al cardinale Sarah di contattare gli editori pregandoli di togliere il nome di Benedetto XVI come coautore e di togliere la sua firma da introduzione e conclusioni». Il segretario di Ratzinger spiegava che «il Papa emerito sapeva che il cardinale stava preparando un libro e aveva inviato un suo testo sul sacerdozio autorizzandolo a farne l’uso che voleva. Ma non aveva approvato alcun progetto per un libro a doppia firma né aveva visto e autorizzato la copertina» (Ansa, 15 gennaio 2020).

In realtà l’editore Cantagalli non ha modificato le firme, e, sulla copertina, tutt’ora campeggia il doppio nome.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Articolo precedenteBose. Agli amici: quello che abbiamo vissuto
Articolo successivoYves Congar
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Ecco gli scandali che hanno fatto più male a Benedetto XVI

Il Papa emerito ha sofferto nel silenzio. Dai lefebvriani alla pedofilia, tormenti e delusioni

- Advertisement -

Il Papa emerito ha sofferto nel silenzio. Dai lefebvriani alla pedofilia, tormenti e delusioni

Scandali e tormenti nella Chiesa che hanno segnato la vita e il pontificato di Joseph Ratzinger. Spine nel fianco che hanno reso molto sofferente Papa Benedetto XVI, al punto da abdicare, nel 2013, al suo ruolo di pontefice, e proseguire la vita in Vaticano nel silenzio e nella riflessione, lontano da giornali e tv.

Questi scandali li raccontano Maria Giuseppina Buonanno e Luca Caruso in “Benedetto XVIImmagini di una vita” (edizioni San Polo).

1) I Lefebvriani

Tra queste vicende figura il “caso Williamson”, che riguarda la revoca della scomunica di quattro vescovi ordinati in modo illegittimo nel 1988 da monsignor Marcel Lefebvre (1905-1991).

- Advertisement -

Giovanni Paolo II aveva scomunicato Lefebvre e i neo consacrati, sempre nel 1988. La revoca di Benedetto XVI è del 21 gennaio 2009. Uno dei quattro vescovi è l’inglese Richard Williamson – da qui la denominazione del caso – anglicano poi passato nelle file lefebvriane.

Lo stesso giorno, una televisione svedese manda in onda un’intervista, registrata due mesi prima e mai trasmessa, a Williamson, che nega lo sterminio degli ebrei a opera dei nazisti e l’Olocausto. Scoppiano le proteste. Di fronte alle critiche, Papa Benedetto prova a spiegare le sue ragioni nell’Angelus del 28 gennaio, rinnovando la vicinanza agli ebrei.

Posizioni inaccettabili sull’Olocausto

Solo il 4 febbraio, la Segreteria di Stato interviene con una nota, dove si afferma che «le posizioni di monsignor Williamson sulla Shoah sono del tutto inaccettabili», e «non conosciute dal Santo Padre al momento della remissione della scomunica».

Le discussioni continuano. Arriva una richiesta di chiarimenti anche dalla cancelliera tedesca Angela Merkel.

Chi aveva il compito di vigilare – la Pontificia Commissione Ecclesia Dei, che si era occupata della revoca della scomunica, e la Segreteria di Stato – non l’hanno fatto in modo adeguato.

Il dolore di Ratzinger

Assumendosi responsabilità che andavano oltre la sua persona, il 10 marzo Papa Benedetto invia una Lettera ai vescovi della Chiesa cattolica per spiegare il suo pensiero e la sua posizione.

Scrive anche queste parole:

«Mi è stato detto che seguire con attenzione le notizie raggiungibili mediante l’internet avrebbe dato la possibilità di venir tempestivamente a conoscenza del problema. Ne traggo la lezione che in futuro nella Santa Sede dovremo prestar più attenzione a quella fonte di notizie. Sono rimasto rattristato dal fatto che anche cattolici, che in fondo avrebbero potuto sapere meglio come stanno le cose, abbiano pensato di dovermi colpire con un’ostilità pronta all’attacco».

“Un momento cupo”

Per alcuni, la Lettera è anche un’esplicitazione di divisioni interne al governo della Chiesa, regnanti intorno al Pontefice, e un’esortazione a quegli episcopati spesso critici nei confronti del Papa, come quello tedesco.

«Fu un momento cupo e un periodo molto pesante. Ma la gente poi ha capito che io, semplicemente, non ero stato informato», ha spiegato recentemente, tornando ancora sul caso Williamson, Papa Benedetto.

2) I preservativi

Poco dopo il caso Williamson, arriva una nuova bufera. Durante il volo di andata del viaggio apostolico in Africa – svoltosi dal 17 al 23 marzo 2009 – Benedetto XVI, rispondendo alla domanda di un giornalista, dice che non si può superare il problema dell’Aids «con la distribuzione di preservativi: al contrario, aumentano il problema».

Anche stavolta le polemiche esplodono a livello internazionale. Il Parlamento del Belgio inoltra una protesta formale contro le dichiarazioni del Papa. Le parole che Benedetto XVI pronuncia nei giorni successivi, invitando a una riflessione sulla crisi dell’Africa, sulla necessità di affrontare i problemi che l’affliggono in modo complessivo e sulla politica internazionale nel continente, restano nell’ombra.

3) La lotta alla pedofilia

Nei 2.872 giorni del suo pontificato, Benedetto XVI si è trovato molte volte accanto al dolore delle vittime della pedofilia: le ha incontrate, ha cercato di dare loro risposte, si è commosso con loro.

È successo anche nel 2010, durante il viaggio a Malta. «Abbiamo pianto tutti. Anche il Papa ha pianto», ha raccontato Joseph Magro, abusato in orfanotrofio da ragazzo.

«Gli ho detto che mi sentivo toccato nel profondo; che soffrivo con loro. Non era un modo di dire, perché veramente sono stato colpito al cuore», ha confidato Papa BenedettoLe violenze dei sacerdoti

Joseph Ratzinger si è occupato del dramma della pedofilia anche da prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, impartendo regole su come i casi dovevano essere affrontati, disponendo misure di prevenzione e di collaborazione con le autorità giudiziarie.

Eppure, i molti casi emersi durante il suo pontificato – periodo nel quale Benedetto XVI ha rimosso quasi 400 preti – gettavano ombre scure sulla Chiesa.

Gli abusi si riferivano agli anni precedenti, soprattutto al periodo compreso tra gli anni Sessanta e gli anni Ottanta, ma le denunce, fatte successivamente, davano al problema un’attualità drammatica. Pesavano sul suo pontificato come macigni. In Irlanda, secondo un’indagine del giudice Sean Ryan pubblicata nel 2009, negli ultimi 50 anni quasi 2.500 bambini avevano subito violenza da parte di sacerdoti.

La lettera agli irlandesi

Benedetto XVI affrontò il dramma, anche scrivendo una Lettera ai fedeli d’Irlanda: ammoniva i vescovi, consolava le vittime, condannava i carnefici. Invocava giustizia.

«Avete sofferto tremendamente e io ne sono veramente dispiaciuto. So che nulla può cancellare il male che avete sopportato. È stata tradita la vostra fiducia e la vostra dignità è stata violata», ha riconosciuto dolorosamente il Papa.

Legionari commissariati

Con le voci delle vittime che trovano il coraggio di denunciare e con il pontificato di Benedetto XVI, la battaglia contro la pedofilia segna un nuovo corso: la condanna. Anche chi, in passato, ha ignorato o nascosto il problema, anche per “ragion di Chiesa”, è chiamato alla responsabilità.

Una nuova consapevolezza si fa strada. E nel 2010 arriva il “commissariamento” della Congregazione dei Legionari di Cristo, fondata nel 1941 da padre Marcial Maciel Degollado (1920-2008), condannato nel 2006 per numerosi casi di pedofilia.

Le origini degli abusi nella Chiesa

L’ultimo suo intervento su questo tema è stato il lungo articolo che ha scritto sotto forma di appunti sugli abusi sessuali nella Chiesa cattolica: un’analisi approfondita e impietosa su come è nato e si è diffuso questo crimine anche nel mondo ecclesiastico, a partire dagli anni ’60. Un crimine figlio di un «collasso morale» così difficile da combattere.

4) Vatileaks: il tradimento del maggiordomo

Nei primi mesi del 2012, in seguito alla pubblicazione di documenti riservati sottratti dalla scrivania di Benedetto XVI e riguardanti contrasti nel governo del Vaticano e nella gestione della sua banca, lo Ior, l’Istituto per le opere di religione, scoppia lo scandalo Vatileaks. Il 24 maggio viene arrestato Paolo Gabriele, maggiordomo del Papa. Il processo a suo carico inizia il 29 settembre: il 6 ottobre è condannato a 18 mesi di carcere.

Il maggiordomo, definito “corvo” dai media, rimane in una cella in Vaticano fino alla fine dell’anno, quando torna in libertà dopo la grazia concessa dal Pontefice. La vicenda si conclude lasciando domande sulla mente che avrebbe “armato” la mano di Gabriele, che ha dichiarato di aver agito per contrastare il potere di persone vicine a Benedetto XVI.

5) L’ultima polemica: il libro sul celibato dei preti

12 gennaio 2020. Compare la firma di Joseph Ratzinger sul libro del cardinale Robert Sarah, prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti, in difesa del celibato sacerdotale, dal titolo “Dal profondo del nostro cuore“. Il giorno dopo arriva la smentita: Benedetto XVI ha infatti negato di aver scritto quel libro insieme a Sarah.

Le parole di Ratzinger, da qualcuno interpretate come un attacco a Bergoglio, avevano sollevato non poche polemiche, non solo all’interno del Vaticano, ma anche fuori, riaccendendo il dibattito sui preti sposati. La tematica, affrontata dal Sinodo dei Vescovi dedicato all’Amazzonia, durante il quale i presuli hanno paventato l’ipotesi di ordinare anche uomini sposati lì dove vi è una “necessità pastorale” (Il Faro, 14 gennaio 2020).

Il chiarimento di monsignor Gaenswein

Monsignor Gaenswein, il più stretto collaboratore del Papa emerito, faceva sapere che «su indicazione del Papa emerito, ho chiesto al cardinale Sarah di contattare gli editori pregandoli di togliere il nome di Benedetto XVI come coautore e di togliere la sua firma da introduzione e conclusioni». Il segretario di Ratzinger spiegava che «il Papa emerito sapeva che il cardinale stava preparando un libro e aveva inviato un suo testo sul sacerdozio autorizzandolo a farne l’uso che voleva. Ma non aveva approvato alcun progetto per un libro a doppia firma né aveva visto e autorizzato la copertina» (Ansa, 15 gennaio 2020).

In realtà l’editore Cantagalli non ha modificato le firme, e, sulla copertina, tutt’ora campeggia il doppio nome.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Articolo precedenteBose. Agli amici: quello che abbiamo vissuto
Articolo successivoYves Congar
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
289FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
640FollowerSegui
138IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Ri-innamorarsi

I profeti minori “quadriformi”

Libri consigliati – Ottobre 2018

Rut, la moabita

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x