16.3 C
Roma
Lun, 17 Maggio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiVita cristianaE se la fragilità fosse un’opportunità?

E se la fragilità fosse un’opportunità?

- Advertisement -

La debolezza spazza via il miraggio dell’autonomia per condurre verso l’amore

Viviamo in una cultura della forza, della prestazione, del successo a tutti i costi. E anche fuori da questo contesto aspiriamo a una felicità che vorremmo ottenere con la minore sofferenza possibile.

Tuttavia le esperienze della debolezza e della sofferenza possono aiutarci a scoprire la nostra vocazione di figli di Dio e la nostra sete ardente di amore.

Sebbene non dobbiamo necessariamente vivere nella difficoltà assoluta, è vero che la sofferenza ci unisce, se non altro per compassione.

Se accettiamo di accoglierla dentro di noi, la fragilità può rappresentare una buona notizia, poiché ci guida lungo il cammino verso l’essere.

Ci aiuta ad assaporare l’allegria, ma non come forma di piacere transitoria; si tratta dell’inalterabile verità di sentirsi amati di un amore incondizionato, indipendentemente dalla situazione in cui ci si trovi.

Attraverso la sofferenza scopriamo che il mondo dipende molto dalla prospettiva con la quale lo si guarda. La pace interiore deriva dall’accettazione incondizionata dell’essere.

L’allegria che proviene dal fatto di non avere paura di se stessi, dinon sentirsi costantemente giudicati per le proprie imperfezioni, ma di imparare a vederle con dolcezza per poter abbracciare la vita con pienezza, secondo lo sguardo del Signore.

Si tratta pertanto di accettare di vivere sempre nel presente, di andare avanti pur non provando a sembrare ciò che in realtà non si è; la chiave è anche permettere il riavvicinamento con il prossimo nell’intimità dell’essere. E questa “nudità” consentita è possibile soltanto quando la fragilità è condivisa.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

E se la fragilità fosse un’opportunità?

- Advertisement -

La debolezza spazza via il miraggio dell’autonomia per condurre verso l’amore

Viviamo in una cultura della forza, della prestazione, del successo a tutti i costi. E anche fuori da questo contesto aspiriamo a una felicità che vorremmo ottenere con la minore sofferenza possibile.

Tuttavia le esperienze della debolezza e della sofferenza possono aiutarci a scoprire la nostra vocazione di figli di Dio e la nostra sete ardente di amore.

Sebbene non dobbiamo necessariamente vivere nella difficoltà assoluta, è vero che la sofferenza ci unisce, se non altro per compassione.

Se accettiamo di accoglierla dentro di noi, la fragilità può rappresentare una buona notizia, poiché ci guida lungo il cammino verso l’essere.

- Advertisement -

Ci aiuta ad assaporare l’allegria, ma non come forma di piacere transitoria; si tratta dell’inalterabile verità di sentirsi amati di un amore incondizionato, indipendentemente dalla situazione in cui ci si trovi.

Attraverso la sofferenza scopriamo che il mondo dipende molto dalla prospettiva con la quale lo si guarda. La pace interiore deriva dall’accettazione incondizionata dell’essere.

L’allegria che proviene dal fatto di non avere paura di se stessi, dinon sentirsi costantemente giudicati per le proprie imperfezioni, ma di imparare a vederle con dolcezza per poter abbracciare la vita con pienezza, secondo lo sguardo del Signore.

Si tratta pertanto di accettare di vivere sempre nel presente, di andare avanti pur non provando a sembrare ciò che in realtà non si è; la chiave è anche permettere il riavvicinamento con il prossimo nell’intimità dell’essere. E questa “nudità” consentita è possibile soltanto quando la fragilità è condivisa.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
650FollowerSegui
303IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

“Se Dio è amore, tutto è amore”

Flavio Giuseppe: santo o traditore?

Libri Consigliati – Marzo 2019

Palumbo: La misericordia di Dio

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x