15.7 C
Rome
venerdì, 15 20 Novembre19

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Etica e Vita È morto Vincent Lambert. Santa Sede: sconfitta per l'umanità

È morto Vincent Lambert. Santa Sede: sconfitta per l’umanità

La Pontificia Accademia per la Vita in un tweet parla di una sconfitta per la nostra umanità

- Advertisement -

Vincent Lambert è morto stamattina alle 8.24. La Pontificia Accademia per la Vita in un tweet parla di una sconfitta per la nostra umanità

Debora Donnini – Città del Vaticano

Avrebbe compiuto 43 anni il prossimo 20 settembre. Invece Vincent Lambert è morto stamattina all’ospedale di Reims, nel nord della Francia, dove era ricoverato. Dal 2 luglio scorso, da 9 giorni, gli erano stati sospesi alimentazione e idratazione dopo una lunga battaglia legale. Vincent non era in fin di vita. Da oltre 10 anni viveva in stato coscienza minima, per alcuni, per altri in stato vegetativo, dopo l’incidente stradale che lo aveva reso tetraplegico.

Vari gli appelli di Papa Francesco sul suo caso. Ieri in un tweet il Papa aveva detto: “Preghiamo per i malati che sono abbandonati e lasciati morire. Una società è umana se tutela la vita, ogni vita, dall’inizio al suo termine naturale, senza scegliere chi è degno o meno di vivere. I medici servano la vita, non la tolgano”.

Stamani in un tweet la Pontificia Accademia per la Vita scrive“Mons. Paglia e tutta la Pontifica Accademia per la Vita pregano per la famiglia di Vincent Lambert, per i medici, per tutte le persone coinvolte in questa vicenda. La morte di Vincent Lambert e la sua storia sono una sconfitta per la nostra umanità”.

“Abbiamo accolto con dolore la notizia della morte di Vincent Lambert – ha affermato in una dichiarazione il direttore ad interim della Sala Stampa vaticana Alessandro Gisotti – Preghiamo affinché il Signore lo accolga nella sua Casa ed esprimiamo vicinanza ai suoi cari e a quanti, fino all’ultimo, si sono impegnati ad assisterlo con amore e dedizione. Ricordiamo e ribadiamo quanto detto dal Santo Padre, intervenendo su questa dolorosa vicenda: Dio è l’unico padrone della vita dall’inizio alla fine naturale ed è nostro dovere custodirla sempre e non cedere alla cultura dello scarto”.

Lo stop all’idratazione e all’alimentazione disposto il 2 luglio era arrivato dopo la sentenza della Cassazione che aveva annullato la decisione della Corte d’Appello di far proseguire il trattamento in attesa del parere del Comitato Onu per i Diritti delle persone con disabilità. L’organismo delle Nazioni Unite aveva, infatti, chiesto alla Francia sei mesi di tempo per esaminare il caso. Jean e Viviane, i suoi genitori, hanno condotto una strenua battaglia legale per impedire che al figlio fossero interrotte alimentazione e idratazione, che lo tenevano in vita. Di parere opposto la moglie Rachel e i medici che lo avevano in cura. I sanitari ritenevano “un’ostinazione irragionevole” continuare a farlo vivere. Per altri c’è stata un’ostinazione irragionevole nel farlo morire. Tante le reazioni alla morte di Vincent Lambert. Raccoglimento e profonda tristezza sono state espresse dal segretario generale della Conferenza episcopale francese, Thierry Magnin.

In Europa rischia di diffondersi un movimento contro vita. Offrire alimentazione e idratazione è un sostegno vitale doveroso e umanitario. E’ il giudizio espresso in un’intervista rilasciata ad Alessandro Guarasci dal presidente dell’associazione Scienza e Vita, Alberto Gambino. L’aver scambiato questo presidio di grande solidarietà e di cura “come una terapia che possa ingenerare un accanimento è un vulnus molto significativo”. “I principi europei, se fossero quelli plurimillenari delle nostre radici, non potrebbero che essere per il favor vitae“.

Originale: Vatican News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

È morto Vincent Lambert. Santa Sede: sconfitta per l’umanità

La Pontificia Accademia per la Vita in un tweet parla di una sconfitta per la nostra umanità

  

- Advertisement -

Vincent Lambert è morto stamattina alle 8.24. La Pontificia Accademia per la Vita in un tweet parla di una sconfitta per la nostra umanità

Debora Donnini – Città del Vaticano

Avrebbe compiuto 43 anni il prossimo 20 settembre. Invece Vincent Lambert è morto stamattina all’ospedale di Reims, nel nord della Francia, dove era ricoverato. Dal 2 luglio scorso, da 9 giorni, gli erano stati sospesi alimentazione e idratazione dopo una lunga battaglia legale. Vincent non era in fin di vita. Da oltre 10 anni viveva in stato coscienza minima, per alcuni, per altri in stato vegetativo, dopo l’incidente stradale che lo aveva reso tetraplegico.

Vari gli appelli di Papa Francesco sul suo caso. Ieri in un tweet il Papa aveva detto: “Preghiamo per i malati che sono abbandonati e lasciati morire. Una società è umana se tutela la vita, ogni vita, dall’inizio al suo termine naturale, senza scegliere chi è degno o meno di vivere. I medici servano la vita, non la tolgano”.

Stamani in un tweet la Pontificia Accademia per la Vita scrive“Mons. Paglia e tutta la Pontifica Accademia per la Vita pregano per la famiglia di Vincent Lambert, per i medici, per tutte le persone coinvolte in questa vicenda. La morte di Vincent Lambert e la sua storia sono una sconfitta per la nostra umanità”.

- Advertisement -

“Abbiamo accolto con dolore la notizia della morte di Vincent Lambert – ha affermato in una dichiarazione il direttore ad interim della Sala Stampa vaticana Alessandro Gisotti – Preghiamo affinché il Signore lo accolga nella sua Casa ed esprimiamo vicinanza ai suoi cari e a quanti, fino all’ultimo, si sono impegnati ad assisterlo con amore e dedizione. Ricordiamo e ribadiamo quanto detto dal Santo Padre, intervenendo su questa dolorosa vicenda: Dio è l’unico padrone della vita dall’inizio alla fine naturale ed è nostro dovere custodirla sempre e non cedere alla cultura dello scarto”.

Lo stop all’idratazione e all’alimentazione disposto il 2 luglio era arrivato dopo la sentenza della Cassazione che aveva annullato la decisione della Corte d’Appello di far proseguire il trattamento in attesa del parere del Comitato Onu per i Diritti delle persone con disabilità. L’organismo delle Nazioni Unite aveva, infatti, chiesto alla Francia sei mesi di tempo per esaminare il caso. Jean e Viviane, i suoi genitori, hanno condotto una strenua battaglia legale per impedire che al figlio fossero interrotte alimentazione e idratazione, che lo tenevano in vita. Di parere opposto la moglie Rachel e i medici che lo avevano in cura. I sanitari ritenevano “un’ostinazione irragionevole” continuare a farlo vivere. Per altri c’è stata un’ostinazione irragionevole nel farlo morire. Tante le reazioni alla morte di Vincent Lambert. Raccoglimento e profonda tristezza sono state espresse dal segretario generale della Conferenza episcopale francese, Thierry Magnin.

In Europa rischia di diffondersi un movimento contro vita. Offrire alimentazione e idratazione è un sostegno vitale doveroso e umanitario. E’ il giudizio espresso in un’intervista rilasciata ad Alessandro Guarasci dal presidente dell’associazione Scienza e Vita, Alberto Gambino. L’aver scambiato questo presidio di grande solidarietà e di cura “come una terapia che possa ingenerare un accanimento è un vulnus molto significativo”. “I principi europei, se fossero quelli plurimillenari delle nostre radici, non potrebbero che essere per il favor vitae“.

- Advertisement -
Originale: Vatican News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
870FollowerSegui
13,000FollowerSegui
605FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Un solo Libro, due eredi

Salire a Gerusalemme

Accompagnare gli adulti nella fede

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO