18.1 C
Rome
lunedì, 21 Ottobre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Durissima reazione di Papa Francesco contro alcuni sacerdoti che non accettano il...

Durissima reazione di Papa Francesco contro alcuni sacerdoti che non accettano il vescovo

- Advertisement -

Li ha paragonati ai “vignaioli assassini” del Vangelo e li esorta a chiedere perdono per iscritto

“Tante volte mi è venuta in mente la parabola dei vignaioli assassini, di cui parla il Vangelo”, ha detto Papa Francesco rivolgendosi ai rappresentanti della diocesi di nigeriana di Ahiara, che ha ricevuto in visita in Vaticano l’8 giugno.

Il problema è che i sacerdoti della diocesi rifiutano di obbedire al loro vescovo, Peter Okpaleke, per ragioni etniche, perché non appartiene all’etnia Mbaise.

Il presule è stato designato da Benedetto XVI nel 2012, ma non ha potuto prendere possesso della sua diocesi per l’opposizione dei fedeli, al punto che la sua ordinazione episcopale ha dovuto realizzarsi in un’altra diocesi, e tra imponenti misure di sicurezza, e vari fedeli hanno collocato una bara nella sede episcopale con il nome del vescovo, chiaro segno di minaccia di morte.

Papa Francesco ha ammesso di aver anche preso in considerazione la possibilità di sopprimere la diocesi di Ahiara, ma ha ricordato che la Chiesa “è madre e non può lasciare tanti figli come voi”.

Nel suo messaggio, esige che i sacerdoti e gli ecclesiastici ribelli scrivano personalmente una lettera per chiedere perdono per l’accaduto e per lo scandalo provocato nella Chiesa.

Nel testo, il sacerdote dovrà “manifestare totale obbedienza al Papa” e dichiarare di “essere disposto ad accettare il vescovo che il Papa invia”, ponendo come data limite il 9 luglio.

“Chi non lo farà ipso facto viene sospeso a divinis e decade dal suo ufficio”.

Il Papa è intervenuto in questo modo in un conflitto che si trascina ormai da quattro anni e che ha origine nel tribalismo, uno dei mali più gravi che colpiscono l’Africa, come lo stesso Pontefice ha denunciato durante il suo viaggio nel continente due anni fa, anche se il Papa spiega che non si tratta di tribalismo ma di un “peccato mortale” commesso dai sacerdoti in disobbedienza al loro pastore.

“Chi si è opposto alla presa di possesso del Vescovo Mons. Okpaleke vuole distruggere la Chiesa; ciò non è permesso; forse non se ne accorge, ma la Chiesa sta soffrendo e il Popolo di Dio in essa. Il Papa non può essere indifferente”.

“Conosco molto bene le vicende che da anni si trascinano nella Diocesi e ringrazio per l’atteggiamento di grande pazienza del Vescovo; dico di santa pazienza da lui dimostrata”, ha aggiunto il Papa, sottolineando anche l’“umiltà” del vescovo rifiutato.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Durissima reazione di Papa Francesco contro alcuni sacerdoti che non accettano il vescovo

  

- Advertisement -

Li ha paragonati ai “vignaioli assassini” del Vangelo e li esorta a chiedere perdono per iscritto

“Tante volte mi è venuta in mente la parabola dei vignaioli assassini, di cui parla il Vangelo”, ha detto Papa Francesco rivolgendosi ai rappresentanti della diocesi di nigeriana di Ahiara, che ha ricevuto in visita in Vaticano l’8 giugno.

Il problema è che i sacerdoti della diocesi rifiutano di obbedire al loro vescovo, Peter Okpaleke, per ragioni etniche, perché non appartiene all’etnia Mbaise.

Il presule è stato designato da Benedetto XVI nel 2012, ma non ha potuto prendere possesso della sua diocesi per l’opposizione dei fedeli, al punto che la sua ordinazione episcopale ha dovuto realizzarsi in un’altra diocesi, e tra imponenti misure di sicurezza, e vari fedeli hanno collocato una bara nella sede episcopale con il nome del vescovo, chiaro segno di minaccia di morte.

Papa Francesco ha ammesso di aver anche preso in considerazione la possibilità di sopprimere la diocesi di Ahiara, ma ha ricordato che la Chiesa “è madre e non può lasciare tanti figli come voi”.

- Advertisement -

Nel suo messaggio, esige che i sacerdoti e gli ecclesiastici ribelli scrivano personalmente una lettera per chiedere perdono per l’accaduto e per lo scandalo provocato nella Chiesa.

Nel testo, il sacerdote dovrà “manifestare totale obbedienza al Papa” e dichiarare di “essere disposto ad accettare il vescovo che il Papa invia”, ponendo come data limite il 9 luglio.

“Chi non lo farà ipso facto viene sospeso a divinis e decade dal suo ufficio”.

Il Papa è intervenuto in questo modo in un conflitto che si trascina ormai da quattro anni e che ha origine nel tribalismo, uno dei mali più gravi che colpiscono l’Africa, come lo stesso Pontefice ha denunciato durante il suo viaggio nel continente due anni fa, anche se il Papa spiega che non si tratta di tribalismo ma di un “peccato mortale” commesso dai sacerdoti in disobbedienza al loro pastore.

“Chi si è opposto alla presa di possesso del Vescovo Mons. Okpaleke vuole distruggere la Chiesa; ciò non è permesso; forse non se ne accorge, ma la Chiesa sta soffrendo e il Popolo di Dio in essa. Il Papa non può essere indifferente”.

“Conosco molto bene le vicende che da anni si trascinano nella Diocesi e ringrazio per l’atteggiamento di grande pazienza del Vescovo; dico di santa pazienza da lui dimostrata”, ha aggiunto il Papa, sottolineando anche l’“umiltà” del vescovo rifiutato.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
856FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
57IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Interrogare la sofferenza

Il Vangelo di Marco

“Non fare come gli ipocriti”

Il mondo mistico dell’ebraismo

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO