20.2 C
Rome
lunedì, 19 Agosto 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita Ecclesiale Donne nella Chiesa: quale spazio?

Donne nella Chiesa: quale spazio?

Una Chiesa di fratelli e sorelle che camminano e decidono insieme

- Advertisement -
di: Paola Zampieri (a cura)
 

Si terrà il 12 aprile 2019, a Padova, presso la Facoltà teologica del Triveneto, il convegno nazionale inter-facoltà sul tema “Sinodalità: una Chiesa di fratelli e sorelle che camminano e decidono insieme”. Questo convegno segnerà la conclusione e il rilancio di un progetto di ricerca triennale che ha coinvolto, oltre la Facoltà del Triveneto, quelle di Sicilia, della Puglia, dell’Italia centrale, dell’Emilia-Romagna, dell’Italia settentrionale e l’Istituto universitario Sophia, con il sostegno del Servizio nazionale CEI per gli studi superiori di teologia e di scienze religiose. In preparazione al convegno, quattro interviste ad altrettanti teologi approfondiranno alcuni aspetti della sinodalità. Iniziamo con il tema della presenza e del ruolo della donna nella Chiesa, con unintervista alla teologa Simona Segoloni, docente di teologia dogmatica allIstituto teologico di Assisi e membro del gruppo di lavoro inter-facoltà che ha preparato il convegno.

La teologa Simona Segoloni.

Ma quale valore, e quale spazio effettivo, ha la presenza delle donne nella Chiesa?«Non si tratta di dare più funzioni alla donna nella Chiesa – sì, questo è buono, ma così non si risolve il problema – si tratta di integrare la donna come figura della Chiesa nel nostro pensiero». Così nell’aula del Sinodo in Vaticano, dove dal 21 al 24 febbraio si è parlato della protezione dei minori nella Chiesa, papa Francesco si è espresso, a braccio, dopo l’intervento di Linda Ghisoni, sottosegretario per la Sezione per i fedeli laici del Dicastero per i laici, la famiglia e la vita.

Il documento della Commissione teologica internazionale La sinodalità nella vita e nella missione della Chiesa (2 marzo 2018), al n. 105 scrive: «La conversione pastorale per l’attuazione della sinodalità esige che alcuni paradigmi spesso ancora presenti nella cultura ecclesiastica siano superati, perché esprimono una comprensione della Chiesa non rinnovata dall’ecclesiologia di comunione. Tra essi la concentrazione della responsabilità della missione nel ministero dei pastori; l’insufficiente apprezzamento della vita consacrata e dei doni carismatici; la scarsa valorizzazione dell’apporto specifico e qualificato, nel loro ambito di competenza, dei fedeli laici e tra essi delle donne».

– Professoressa Segoloni, il documento della Commissione teologica internazionale indica alcuni ambiti problematici per lattuazione della sinodalità. Qual è la radice di queste difficoltà?

Fondamentalmente è il clericalismo, l’idea cioè che la Chiesa coincida con i ministri ordinati e che tutto il resto sia marginale. Questo si unisce a un maschilismo che sbilancia la struttura sociale della Chiesa e, anziché valorizzare la novità evangelica che porta a costruire una Chiesa di fratelli e sorelle, rischia invece di esaltare le differenze in modo distorto: le donne hanno alcuni doni e sono adatte per alcune cose, gli uomini hanno altri doni e sono adatti per altre cose.

– Questo, secondo lei, tradisce lidentità della Chiesa?

Dal punto di vista dell’annuncio, di fatto si realizza una devianza, perché la novità evangelica vede uomini e donne chiamati al discepolato, all’annuncio, al servizio. Dal punto di vista delle prassi ecclesiali, questa visione dominante determina l’impossibilità di vivere relazioni realmente fraterne. Abbiamo sempre relazioni gerarchiche fra un maschile e un femminile, a meno che non ci si sposti in ambiti totalmente laicali, come aggregazioni e movimenti, dove qualcosa si ridimensiona ma, paradossalmente, perché si ragiona secondo la mentalità diffusa nella società e non per una rinnovata consapevolezza ecclesiale.

– Come si può ridimensionare questo sbilanciamento e come rivalorizzare in modo più proprio il contributo femminile?

Si ridimensiona sviluppando prassi sinodali, attuando correttivi pratici, esperienziali, che poi potranno incidere anche sulle idee. Teniamo conto che quando il maschile è stato interiorizzato come il “non farsi comandare da una donna” – e per molti è così –, metterlo in discussione significa toccare sul vivo l’identità personale e quindi scatenare reazioni, anche violente, di difesa di ciò che è culturalmente ormai acquisito.

– Alcune dinamiche virtuose però sono sempre state messe in atto nella vita della Chiesa.

Certo, bisogna riconoscere che ci sono degli spazi per le donne. Però si tratta di spazi che, almeno allo stato attuale, si legano all’autenticità delle persone, all’occasione del momento, magari a un ministro ordinato particolarmente lungimirante e collaborativo oppure a donne che hanno combattuto le loro battaglie e qualcosa hanno ottenuto… È la struttura ecclesiale che su questo è in difficoltà.

– Ha accennato ad alcuni correttivi

Innanzitutto bisognerebbe attivare percorsi sinodali reali, dove cioè la parola “consultivo” non sia sinonimo di “accessorio”. In un organismo consultivo, chi decide è tenuto all’ascolto obbediente di ciò che lo Spirito discerne in quella porzione di Chiesa radunata; e se, in questo consiglio, assieme agli uomini siedono le donne, allora anche da esse dipende ciò che si deciderà. Si potrebbe inoltre pensare a ruoli di leadership per le donne, posizioni di responsabilità, anche se non legati a un ministero ordinato.

– Papa Francesco ha valorizzato alcune figure femminili nei dicasteri vaticani e ha istituito una commissione di studio sul diaconato delle donne.

In papa Francesco vedo un’autenticità personale e delle intuizioni profetiche. La sua idea di Chiesa e di vangelo lo spinge a valorizzare tutti nella Chiesa e direi anche a percepire il monocolore maschile come un difetto, una minorazione della Chiesa che, senza le donne, risulta deficitaria nell’annuncio e nella testimonianza. Quella del diaconato potrebbe diventare un’opportunità per una ricomprensione del ministero ordinato e quindi per riequilibrare la struttura ecclesiale con ruoli di responsabilità per entrambi i sessi. Per rappresentare il Cristo non c’è bisogno di essere maschi…, ma il cammino perché questo sia condiviso da tutti è ancora lungo e irto di ostacoli.

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Donne nella Chiesa: quale spazio?

Una Chiesa di fratelli e sorelle che camminano e decidono insieme

  

- Advertisement -
di: Paola Zampieri (a cura)
 

Si terrà il 12 aprile 2019, a Padova, presso la Facoltà teologica del Triveneto, il convegno nazionale inter-facoltà sul tema “Sinodalità: una Chiesa di fratelli e sorelle che camminano e decidono insieme”. Questo convegno segnerà la conclusione e il rilancio di un progetto di ricerca triennale che ha coinvolto, oltre la Facoltà del Triveneto, quelle di Sicilia, della Puglia, dell’Italia centrale, dell’Emilia-Romagna, dell’Italia settentrionale e l’Istituto universitario Sophia, con il sostegno del Servizio nazionale CEI per gli studi superiori di teologia e di scienze religiose. In preparazione al convegno, quattro interviste ad altrettanti teologi approfondiranno alcuni aspetti della sinodalità. Iniziamo con il tema della presenza e del ruolo della donna nella Chiesa, con unintervista alla teologa Simona Segoloni, docente di teologia dogmatica allIstituto teologico di Assisi e membro del gruppo di lavoro inter-facoltà che ha preparato il convegno.

La teologa Simona Segoloni.

Ma quale valore, e quale spazio effettivo, ha la presenza delle donne nella Chiesa?«Non si tratta di dare più funzioni alla donna nella Chiesa – sì, questo è buono, ma così non si risolve il problema – si tratta di integrare la donna come figura della Chiesa nel nostro pensiero». Così nell’aula del Sinodo in Vaticano, dove dal 21 al 24 febbraio si è parlato della protezione dei minori nella Chiesa, papa Francesco si è espresso, a braccio, dopo l’intervento di Linda Ghisoni, sottosegretario per la Sezione per i fedeli laici del Dicastero per i laici, la famiglia e la vita.

Il documento della Commissione teologica internazionale La sinodalità nella vita e nella missione della Chiesa (2 marzo 2018), al n. 105 scrive: «La conversione pastorale per l’attuazione della sinodalità esige che alcuni paradigmi spesso ancora presenti nella cultura ecclesiastica siano superati, perché esprimono una comprensione della Chiesa non rinnovata dall’ecclesiologia di comunione. Tra essi la concentrazione della responsabilità della missione nel ministero dei pastori; l’insufficiente apprezzamento della vita consacrata e dei doni carismatici; la scarsa valorizzazione dell’apporto specifico e qualificato, nel loro ambito di competenza, dei fedeli laici e tra essi delle donne».

– Professoressa Segoloni, il documento della Commissione teologica internazionale indica alcuni ambiti problematici per lattuazione della sinodalità. Qual è la radice di queste difficoltà?

- Advertisement -

Fondamentalmente è il clericalismo, l’idea cioè che la Chiesa coincida con i ministri ordinati e che tutto il resto sia marginale. Questo si unisce a un maschilismo che sbilancia la struttura sociale della Chiesa e, anziché valorizzare la novità evangelica che porta a costruire una Chiesa di fratelli e sorelle, rischia invece di esaltare le differenze in modo distorto: le donne hanno alcuni doni e sono adatte per alcune cose, gli uomini hanno altri doni e sono adatti per altre cose.

– Questo, secondo lei, tradisce lidentità della Chiesa?

Dal punto di vista dell’annuncio, di fatto si realizza una devianza, perché la novità evangelica vede uomini e donne chiamati al discepolato, all’annuncio, al servizio. Dal punto di vista delle prassi ecclesiali, questa visione dominante determina l’impossibilità di vivere relazioni realmente fraterne. Abbiamo sempre relazioni gerarchiche fra un maschile e un femminile, a meno che non ci si sposti in ambiti totalmente laicali, come aggregazioni e movimenti, dove qualcosa si ridimensiona ma, paradossalmente, perché si ragiona secondo la mentalità diffusa nella società e non per una rinnovata consapevolezza ecclesiale.

– Come si può ridimensionare questo sbilanciamento e come rivalorizzare in modo più proprio il contributo femminile?

Si ridimensiona sviluppando prassi sinodali, attuando correttivi pratici, esperienziali, che poi potranno incidere anche sulle idee. Teniamo conto che quando il maschile è stato interiorizzato come il “non farsi comandare da una donna” – e per molti è così –, metterlo in discussione significa toccare sul vivo l’identità personale e quindi scatenare reazioni, anche violente, di difesa di ciò che è culturalmente ormai acquisito.

– Alcune dinamiche virtuose però sono sempre state messe in atto nella vita della Chiesa.

Certo, bisogna riconoscere che ci sono degli spazi per le donne. Però si tratta di spazi che, almeno allo stato attuale, si legano all’autenticità delle persone, all’occasione del momento, magari a un ministro ordinato particolarmente lungimirante e collaborativo oppure a donne che hanno combattuto le loro battaglie e qualcosa hanno ottenuto… È la struttura ecclesiale che su questo è in difficoltà.

– Ha accennato ad alcuni correttivi

Innanzitutto bisognerebbe attivare percorsi sinodali reali, dove cioè la parola “consultivo” non sia sinonimo di “accessorio”. In un organismo consultivo, chi decide è tenuto all’ascolto obbediente di ciò che lo Spirito discerne in quella porzione di Chiesa radunata; e se, in questo consiglio, assieme agli uomini siedono le donne, allora anche da esse dipende ciò che si deciderà. Si potrebbe inoltre pensare a ruoli di leadership per le donne, posizioni di responsabilità, anche se non legati a un ministero ordinato.

– Papa Francesco ha valorizzato alcune figure femminili nei dicasteri vaticani e ha istituito una commissione di studio sul diaconato delle donne.

In papa Francesco vedo un’autenticità personale e delle intuizioni profetiche. La sua idea di Chiesa e di vangelo lo spinge a valorizzare tutti nella Chiesa e direi anche a percepire il monocolore maschile come un difetto, una minorazione della Chiesa che, senza le donne, risulta deficitaria nell’annuncio e nella testimonianza. Quella del diaconato potrebbe diventare un’opportunità per una ricomprensione del ministero ordinato e quindi per riequilibrare la struttura ecclesiale con ruoli di responsabilità per entrambi i sessi. Per rappresentare il Cristo non c’è bisogno di essere maschi…, ma il cammino perché questo sia condiviso da tutti è ancora lungo e irto di ostacoli.

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
842FollowerSegui
13,000FollowerSegui
593FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

12 storie di ordinaria santità

Libri consigliati – Ottobre 2018

Le lettere di Paolo

I profeti minori “quadriformi”

La tenerezza nel vangelo di Marco

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO