11.6 C
Roma
Lun, 19 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeParola di DioIl Vangelo della Festa - Anno AI Domenica di Avvento - Anno A – 1 dicembre 2013.

I Domenica di Avvento – Anno A – 1 dicembre 2013.

- Advertisement -

AVVENTO

La vita non un vagare senza meta, 

ma un pellegrinaggio verso il Signore che viene.

 

Is 2, 1-5; Rm 13, 11-14a; Mt 24, 37-44

Andiamo con gioia incontro al Signore.

 

Per ogni cristiano l’Avvento è il tempo del risveglio, il tempo in cui riacquisire e far proprie in maniera indelebile quelle certezze che con il tempo si sono affievolite: Cristo Gesù “corre” incontro all’uomo, per dare significato alla vita.

“Il Signore viene”, questa è la nostra certezza.

Paolo afferma con forza tale convinzione: «Il giorno è vicino… la nostra salvezza è vicina» (Rm 13). Ma verrebbe da chiedersi: quanto vicina? Lo stesso Paolo infatti, era convinto dell’imminente venuta del Signore; sebbene permeato dalla certezza che il ritorno resta più importante della durata dell’attesa stessa. Non esiste allora, un’autentica vita cristiana che non sia orientata da questa certezza: la vita non è un vagare senza meta, ma un pellegrinaggio verso Dio. Il Signore, nel Vangelo, annuncia chiaramente tale verità e l’atteggiamento giusto dunque, è quello di mettersi alla sua ricerca.

La vita cristiana pertanto, riacquista tutto il suo significato primigenio. Le realtà di questo mondo sono certamente importanti, ma quelle che lo superano lo sono molto di più. Il cristiano non può limitarsi alle preoccupazioni terrene, tantomeno cedere al peccato, alle opere delle tenebre o alla carne con i suoi desideri. Vivere da cristiani significa praticare il bene nell’attesa del Signore che viene. La lotta contro le tenebre, l’egoismo, la disonestà, la sete insaziabile di ricchezze, è possibile solo se appoggiata dalla convinzione che la vita è un cammino verso Dio.

Il Figlio di Dio a questo punto, viene non solo a giudicare, ma a portare la pace. In questa logica, tutti i popoli cercano la pace, anelano a superarne i confini. L’umanità tende quindi a diventare una sola comunità, sebbene il fallimento della riconciliazione dimostri spesso che l’egoismo riesce a minare persino le migliori aspirazioni. Tutti coloro che camminano verso la luce allora, che vivono la concretezza del Vangelo, che sono non solo sono cittadini della terra ma figli di Dio, costituiscono già il Signore che viene a realizzare la pace.

Il cuore del messaggio dunque è questo: rimanere vigili e distanti dal peccato per essere pronti all’incontro con il Signore. È attraverso la vigilanza che l’uomo si fa trovare pronto alla venuta. Vigilare allora non consiste in uno stato di agitazione o nella paura della morte; non è neppure la febbrile e angosciata attesa del futuro, ma la quieta e tranquilla speranza di chi lavora giorno dopo giorno con fedeltà al Vangelo.

Possiamo pertanto pregare ogni giorno: «Padre misericordioso, risveglia in noi uno spirito vigilante, perché camminiamo sulle tue vie di libertà e di amore fino a contemplarti nell’eterna gloria».

Giuseppe Gravante

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

I Domenica di Avvento – Anno A – 1 dicembre 2013.

- Advertisement -

AVVENTO

La vita non un vagare senza meta, 

ma un pellegrinaggio verso il Signore che viene.

 

Is 2, 1-5; Rm 13, 11-14a; Mt 24, 37-44

- Advertisement -

Andiamo con gioia incontro al Signore.

 

Per ogni cristiano l’Avvento è il tempo del risveglio, il tempo in cui riacquisire e far proprie in maniera indelebile quelle certezze che con il tempo si sono affievolite: Cristo Gesù “corre” incontro all’uomo, per dare significato alla vita.

“Il Signore viene”, questa è la nostra certezza.

Paolo afferma con forza tale convinzione: «Il giorno è vicino… la nostra salvezza è vicina» (Rm 13). Ma verrebbe da chiedersi: quanto vicina? Lo stesso Paolo infatti, era convinto dell’imminente venuta del Signore; sebbene permeato dalla certezza che il ritorno resta più importante della durata dell’attesa stessa. Non esiste allora, un’autentica vita cristiana che non sia orientata da questa certezza: la vita non è un vagare senza meta, ma un pellegrinaggio verso Dio. Il Signore, nel Vangelo, annuncia chiaramente tale verità e l’atteggiamento giusto dunque, è quello di mettersi alla sua ricerca.

La vita cristiana pertanto, riacquista tutto il suo significato primigenio. Le realtà di questo mondo sono certamente importanti, ma quelle che lo superano lo sono molto di più. Il cristiano non può limitarsi alle preoccupazioni terrene, tantomeno cedere al peccato, alle opere delle tenebre o alla carne con i suoi desideri. Vivere da cristiani significa praticare il bene nell’attesa del Signore che viene. La lotta contro le tenebre, l’egoismo, la disonestà, la sete insaziabile di ricchezze, è possibile solo se appoggiata dalla convinzione che la vita è un cammino verso Dio.

Il Figlio di Dio a questo punto, viene non solo a giudicare, ma a portare la pace. In questa logica, tutti i popoli cercano la pace, anelano a superarne i confini. L’umanità tende quindi a diventare una sola comunità, sebbene il fallimento della riconciliazione dimostri spesso che l’egoismo riesce a minare persino le migliori aspirazioni. Tutti coloro che camminano verso la luce allora, che vivono la concretezza del Vangelo, che sono non solo sono cittadini della terra ma figli di Dio, costituiscono già il Signore che viene a realizzare la pace.

Il cuore del messaggio dunque è questo: rimanere vigili e distanti dal peccato per essere pronti all’incontro con il Signore. È attraverso la vigilanza che l’uomo si fa trovare pronto alla venuta. Vigilare allora non consiste in uno stato di agitazione o nella paura della morte; non è neppure la febbrile e angosciata attesa del futuro, ma la quieta e tranquilla speranza di chi lavora giorno dopo giorno con fedeltà al Vangelo.

Possiamo pertanto pregare ogni giorno: «Padre misericordioso, risveglia in noi uno spirito vigilante, perché camminiamo sulle tue vie di libertà e di amore fino a contemplarti nell’eterna gloria».

Giuseppe Gravante

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
647FollowerSegui
227IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

A scuola di preghiera

Liturgia e secolarizzazione

Il mio matrimonio è nullo?

Governo pastorale, «nobile lavoro»

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x