10.4 C
Roma
Lun, 8 Marzo 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno C Domenica delle Palme - Anno C - 24 marzo 2013

Domenica delle Palme – Anno C – 24 marzo 2013

- Advertisement -

Al Calvario viene definitivamente cancellata l’immagine di un Dio che interviene miracolosamente nella storia umana per porre fine alle sofferenze.
Al Calvario viene definitivamente cancellata l’immagine di un Dio che interviene miracolosamente nella storia umana per porre fine alle sofferenze.

La Croce: non una “cristalliera per cadaveri”

Is 50, 4-7

Fil 2, 6-11

Lc 22, 14-23,56

 

«Ho tanto desiderato mangiare questa Pasqua con voi» (Lc 22, 15). Con la Domenica delle Palme, hanno inizio le solenni celebrazioni della Settimana Santa; tutta la chiesa, potremo dire, attraverso il memoriale della passione, morte e risurrezione del Signore, raggiunge il culmen del suo itinerario di fede; vede fiorire l’albero piantato a Natale e fa provviste in una sosta che la rinfranca. L’itinerario penitenziale della quaresima, conduce dunque il cristiano, alla ricapitolazione delle vicende umane di Gesù: la crocifissione e la risurrezione, interpretate alla luce delle Scritture, segnate dal mistero di totale obbedienza al Padre che sarà esplicato con maggior forza nell’Ascensione. Un’esistenza – quella di Gesù – che sembra terminare sul legno della croce, agli occhi dei più una “cristalliera per cadaveri” ma che – diversamente dal pensare umano – è il viatico della glorificazione. La prospettiva teologica con la quale celebrare questa settimana si fa chiara: la crocifissione è la via che porta alla risurrezione.

La liturgia della Parola, in crescendo trova il suo zenit nella proclamazione della Passione del Signore. Nell’arco della sua esistenza terrena, Gesù è stato compartecipe alla sofferenza di uomini concreti: ha guarito ammalati, ha accolto emarginati di ogni tipo. Egli stesso ha conosciuto l’angoscia dell’amicizia infranta dalla morte e della sconfitta dei suoi sforzi per salvare il suo popolo: piange per Lazzaro e su Gerusalemme che lo rifiuta. Di fronte a tutto ciò, Gesù non rimane passivo né accetta di rassegnarsi, ma reagisce operando il bene e guarendo. Una lotta che assume il volto della solidarietà e della liberazione. Ma la scelta di Gesù si tramuta in scandalo: colui che viene a liberare i poveri e i sofferenti fa l’esperienza della sconfitta, del silenzio di Dio, della morte. Nella croce, il momento della massima distanza tra il Padre e il Figlio. Massima distanza del Padre, proprio mentre il figlio gli esprimeva la massima vicinanza: era all’apice dell’obbedienza! Ecco perché quando obbediamo a Dio nelle prove della vita, lui ci sembra distante anche se è allora che gli siamo vicini: è la stessa esperienza della croce.

Al Calvario viene definitivamente cancellata l’immagine di un Dio che interviene miracolosamente nella storia umana per porre fine alle sofferenze. Della morte di Gesù, di questa morte reale, la fede cristiana ne ha fatto il santuario dell’amore di Dio per gli uomini. Comprendiamo allora perché il mistero della croce ci avvicina a Dio in modo totalmente diverso e sorprendente. Esso mette in risalto il suo mistero, che si rende tangibile come l’inconoscibile, che domanda di accettarlo nella sua imprevedibilità, nella sua realtà “scandalosa”: dono fino alla croce!

Giuseppe Gravante

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Articolo precedenteThe piano
Articolo successivoTriduo Sacro – Anno C – marzo 2013
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Domenica delle Palme – Anno C – 24 marzo 2013

- Advertisement -

Al Calvario viene definitivamente cancellata l’immagine di un Dio che interviene miracolosamente nella storia umana per porre fine alle sofferenze.
Al Calvario viene definitivamente cancellata l’immagine di un Dio che interviene miracolosamente nella storia umana per porre fine alle sofferenze.

La Croce: non una “cristalliera per cadaveri”

Is 50, 4-7

Fil 2, 6-11

Lc 22, 14-23,56

- Advertisement -

 

«Ho tanto desiderato mangiare questa Pasqua con voi» (Lc 22, 15). Con la Domenica delle Palme, hanno inizio le solenni celebrazioni della Settimana Santa; tutta la chiesa, potremo dire, attraverso il memoriale della passione, morte e risurrezione del Signore, raggiunge il culmen del suo itinerario di fede; vede fiorire l’albero piantato a Natale e fa provviste in una sosta che la rinfranca. L’itinerario penitenziale della quaresima, conduce dunque il cristiano, alla ricapitolazione delle vicende umane di Gesù: la crocifissione e la risurrezione, interpretate alla luce delle Scritture, segnate dal mistero di totale obbedienza al Padre che sarà esplicato con maggior forza nell’Ascensione. Un’esistenza – quella di Gesù – che sembra terminare sul legno della croce, agli occhi dei più una “cristalliera per cadaveri” ma che – diversamente dal pensare umano – è il viatico della glorificazione. La prospettiva teologica con la quale celebrare questa settimana si fa chiara: la crocifissione è la via che porta alla risurrezione.

La liturgia della Parola, in crescendo trova il suo zenit nella proclamazione della Passione del Signore. Nell’arco della sua esistenza terrena, Gesù è stato compartecipe alla sofferenza di uomini concreti: ha guarito ammalati, ha accolto emarginati di ogni tipo. Egli stesso ha conosciuto l’angoscia dell’amicizia infranta dalla morte e della sconfitta dei suoi sforzi per salvare il suo popolo: piange per Lazzaro e su Gerusalemme che lo rifiuta. Di fronte a tutto ciò, Gesù non rimane passivo né accetta di rassegnarsi, ma reagisce operando il bene e guarendo. Una lotta che assume il volto della solidarietà e della liberazione. Ma la scelta di Gesù si tramuta in scandalo: colui che viene a liberare i poveri e i sofferenti fa l’esperienza della sconfitta, del silenzio di Dio, della morte. Nella croce, il momento della massima distanza tra il Padre e il Figlio. Massima distanza del Padre, proprio mentre il figlio gli esprimeva la massima vicinanza: era all’apice dell’obbedienza! Ecco perché quando obbediamo a Dio nelle prove della vita, lui ci sembra distante anche se è allora che gli siamo vicini: è la stessa esperienza della croce.

Al Calvario viene definitivamente cancellata l’immagine di un Dio che interviene miracolosamente nella storia umana per porre fine alle sofferenze. Della morte di Gesù, di questa morte reale, la fede cristiana ne ha fatto il santuario dell’amore di Dio per gli uomini. Comprendiamo allora perché il mistero della croce ci avvicina a Dio in modo totalmente diverso e sorprendente. Esso mette in risalto il suo mistero, che si rende tangibile come l’inconoscibile, che domanda di accettarlo nella sua imprevedibilità, nella sua realtà “scandalosa”: dono fino alla croce!

Giuseppe Gravante

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

G. Gravante
Teologo della Liturgia. È docente di Liturgia presso l'Istituto di Musica Sacra e presso l'Istituto per la formazione laicale "J. Ratzinger" della Diocesi di Termoli-Larino. Nell'Arcidiocesi di Chieti-Vasto, è docente di Religione Cattolica. Ha studiato Filosofia e Teologia presso la Pontificia Università Lateranense; Archivistica Storica e Biblioteconomia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e ha approfondito la propria formazione liturgica (attraverso seminari e corsi) presso i Pontifici Istituti Liturgici di "S. Anselmo" in Roma e di "S. Giustina" in Padova. È direttore del sito web di cultura e informazione cattolica SpeSalvi.it; collabora con diverse testate online di natura filosofico-teologico e con testate giornalistiche locali. Per Tau Editrice (febbraio 2016): Culmine e Fonte. L’evoluzione della Messa dal Concilio di Trento alla riforma del Vaticano II.
Articolo precedenteThe piano
Articolo successivoTriduo Sacro – Anno C – marzo 2013
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
201IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x