9.2 C
Roma
Mar, 1 Dicembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Parola di Dio Il Vangelo della Festa - Anno B Domenica delle Palme - Anno B - 25 marzo 2018

Domenica delle Palme – Anno B – 25 marzo 2018

Il Vangelo Strabico

- Advertisement -

Domenica delle Palme

(Isaia 50,4-7; Filippesi 2,6-11; Marco 14,1-15,47)

La lezione di Cristo dalla cattedra della croce

Ascoltiamo il Vangelo:

“… Quelli che passavano di là lo insultavano, scuotendo il capo e dicendo:  «Ehi, tu che distruggi il tempio e lo ricostruisci in tre giorni, salva te stesso scendendo dalla croce!».  Così anche i capi dei sacerdoti, con gli scribi, fra loro si facevano beffe di lui e dicevano:  «Ha salvato altri e non può salvare se stesso! Il Cristo, il re d’Israele, scenda ora dalla croce, perché vediamo e crediamo!».  E anche quelli che erano stati crocifissi con lui lo insultavano. Quando fu mezzogiorno, si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio. Alle tre, Gesù gridò a gran voce:  «Eloì, Eloì, lemà sabactàni?»,  che significa:  «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?».  Udendo questo, alcuni dei presenti dicevano:  «Ecco, chiama Elia!». Uno corse a inzuppare di aceto una spugna, la fissò su una canna e gli dava da bere, dicendo:  «Aspettate, vediamo se viene Elia a farlo scendere».  Ma Gesù, dando un forte grido, spirò. …”.

Ogni volta che si coniuga il verbo amare, è una lezione di vita, è un frammento di esistenza che so dona. Ogni volta che l’amore diventa la norma con la quale ci si relaziona con gli altri, si arricchisce la loro vita e si renda bella la propria. Ogni volta che l’amore viene seminato nella vita di chiunque, fiorisce la speranza, si apre il cielo, fioriscono gli animi, si accelera la vita, si vede a colori. Quando, a fare tutto questo è Dio, si rimane sempre stupiti, quasi storditi, comunque beneficati. Lui che, per definizione, per statuto, per condizione, è l’amore e, dell’amore, ne è l’essenza, quando sale in cattedra ha molto da insegnare. Ma sappiamo bene che la cattedra di Dio è scomoda, unica, ma anche essenziale e necessaria: la croce. Da essa Gesù insegna ad amare e dell’amore ne è l’università. Tutti coloro che iscrivendosi imparano e mettono in pratica ciò che hanno sperimentato, ricevono una laurea “Honoris causa”.

Dalla croce s’impara come si ama: fino alla fine, in modo gratuito, preveniente, totale. S’impara ad avere sete del bene altrui. Non ci si sente mai abbandonati da Dio. S’impara a compiere la sua volontà, consegnando la propria vita nelle sue mani. Dalla croce-cattedra di Cristo si apprende a perdonare sempre. Dalla croce si riceve il dono della Madre di Dio da accogliere e custodire nella propria vita, e, da ultimo, si riceve la certezza che saremo con lui in paradiso.

Ciò che si apprende deve anche essere praticato. Solo così diventa la rivelazione massima che ciò che si è accolto, lo si è compreso ed attuato. S’immette nel circuito della propria esistenza l’essenza della vita. Dalla croce una flebo di fiducia, una flebo di vera e cristallina dedizione agli altri come segno della nostra volontà a coniugare quel verbo amare ricevuto in dono e a nostra volta donato perché solo così c’è il ricambio e la moltiplicazione. L’arte d’amare consiste nel non ripagare allo stesso modo, nell’essere generosi con tutti, finanche, con chi ti toglie la vita. Così è stato per Gesù, così diventa la nostra sfida, la prova per esprimere l’appartenenza a colui che con la morte diventa grembo rigenerante. Gesù, da perdente, da soccombente, da sconfitto, ci dona la lezione più alta, necessaria, che la storia umana abbia mai potuto generare. La forza della debolezza, la luce delle tenebre, la sapienza dell’insipienza, la vertigine dell’abisso. E’ sceso lì, periferia estrema, perché, risalendo, possa incontrare ogni uomo, senza perderne alcuno.

Ecco la domenica delle palme cosa ci dona: il trionfo dell’amore di Dio, nella sconfitta, nell’abbandono, nella solitudine, nel grido di Dio che si sente solo per non lasciarci orfani. E’ il grido del suo richiamo è l’eco della sua tenerezza.

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Domenica delle Palme – Anno B – 25 marzo 2018

Il Vangelo Strabico

- Advertisement -

Domenica delle Palme

(Isaia 50,4-7; Filippesi 2,6-11; Marco 14,1-15,47)

La lezione di Cristo dalla cattedra della croce

Ascoltiamo il Vangelo:

“… Quelli che passavano di là lo insultavano, scuotendo il capo e dicendo:  «Ehi, tu che distruggi il tempio e lo ricostruisci in tre giorni, salva te stesso scendendo dalla croce!».  Così anche i capi dei sacerdoti, con gli scribi, fra loro si facevano beffe di lui e dicevano:  «Ha salvato altri e non può salvare se stesso! Il Cristo, il re d’Israele, scenda ora dalla croce, perché vediamo e crediamo!».  E anche quelli che erano stati crocifissi con lui lo insultavano. Quando fu mezzogiorno, si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio. Alle tre, Gesù gridò a gran voce:  «Eloì, Eloì, lemà sabactàni?»,  che significa:  «Dio mio, Dio mio, perché mi hai abbandonato?».  Udendo questo, alcuni dei presenti dicevano:  «Ecco, chiama Elia!». Uno corse a inzuppare di aceto una spugna, la fissò su una canna e gli dava da bere, dicendo:  «Aspettate, vediamo se viene Elia a farlo scendere».  Ma Gesù, dando un forte grido, spirò. …”.

- Advertisement -

Ogni volta che si coniuga il verbo amare, è una lezione di vita, è un frammento di esistenza che so dona. Ogni volta che l’amore diventa la norma con la quale ci si relaziona con gli altri, si arricchisce la loro vita e si renda bella la propria. Ogni volta che l’amore viene seminato nella vita di chiunque, fiorisce la speranza, si apre il cielo, fioriscono gli animi, si accelera la vita, si vede a colori. Quando, a fare tutto questo è Dio, si rimane sempre stupiti, quasi storditi, comunque beneficati. Lui che, per definizione, per statuto, per condizione, è l’amore e, dell’amore, ne è l’essenza, quando sale in cattedra ha molto da insegnare. Ma sappiamo bene che la cattedra di Dio è scomoda, unica, ma anche essenziale e necessaria: la croce. Da essa Gesù insegna ad amare e dell’amore ne è l’università. Tutti coloro che iscrivendosi imparano e mettono in pratica ciò che hanno sperimentato, ricevono una laurea “Honoris causa”.

Dalla croce s’impara come si ama: fino alla fine, in modo gratuito, preveniente, totale. S’impara ad avere sete del bene altrui. Non ci si sente mai abbandonati da Dio. S’impara a compiere la sua volontà, consegnando la propria vita nelle sue mani. Dalla croce-cattedra di Cristo si apprende a perdonare sempre. Dalla croce si riceve il dono della Madre di Dio da accogliere e custodire nella propria vita, e, da ultimo, si riceve la certezza che saremo con lui in paradiso.

Ciò che si apprende deve anche essere praticato. Solo così diventa la rivelazione massima che ciò che si è accolto, lo si è compreso ed attuato. S’immette nel circuito della propria esistenza l’essenza della vita. Dalla croce una flebo di fiducia, una flebo di vera e cristallina dedizione agli altri come segno della nostra volontà a coniugare quel verbo amare ricevuto in dono e a nostra volta donato perché solo così c’è il ricambio e la moltiplicazione. L’arte d’amare consiste nel non ripagare allo stesso modo, nell’essere generosi con tutti, finanche, con chi ti toglie la vita. Così è stato per Gesù, così diventa la nostra sfida, la prova per esprimere l’appartenenza a colui che con la morte diventa grembo rigenerante. Gesù, da perdente, da soccombente, da sconfitto, ci dona la lezione più alta, necessaria, che la storia umana abbia mai potuto generare. La forza della debolezza, la luce delle tenebre, la sapienza dell’insipienza, la vertigine dell’abisso. E’ sceso lì, periferia estrema, perché, risalendo, possa incontrare ogni uomo, senza perderne alcuno.

Ecco la domenica delle palme cosa ci dona: il trionfo dell’amore di Dio, nella sconfitta, nell’abbandono, nella solitudine, nel grido di Dio che si sente solo per non lasciarci orfani. E’ il grido del suo richiamo è l’eco della sua tenerezza.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

B. Giorgetta
BENITO GIORGETTA (16 febbraio 1955 Montemitro, Campobasso), sacerdote della diocesi di Termoli-Larino, parroco di San Timoteo in Termoli (Campobasso), licenziato in sacra teologia con specializzazione in mariologia. Dottore in bioetica, è giornalista pubblicista. Vicario foraneo. Docente di Teologia morale della sessualità e Bioetica presso l'Istituto Teologico Abruzzese Molisano di Chieti. Presidente dell'Associazione "Iktus - Onlus".
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
289FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
638FollowerSegui
138IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x