10.1 C
Roma
Sab, 16 Gennaio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Famiglia e Vita di Coppia Divorziati e coppie di fatto nei lavori del Sinodo

Divorziati e coppie di fatto nei lavori del Sinodo

- Advertisement -

L’assemblea metterà al centro il rapporto tra la chiesa e il cammino vocazionale dei laici

topic

Il Sinodo straordinario dei Vescovi che si riunirà in Vaticano da domenica 5 sino al 19 ottobre affronterà anche il tema dei divorziati risposati e le «unioni tra persone dello stesso sesso», senza dimenticare il tema della contraccezione (Corriere della Sera, 3 ottobre).

UN CONFRONTO CORAGGIOSO
Papa Francesco vuole che sia intrapreso «un cammino sinodale innovativo e originale», in cui «esprimersi chiaramente e con coraggio», per «calare la dottrina autentica nella realtà attuale della famiglia», ha detto il cardinale Lorenzo Baldisseri, segretario speciale del Sinodo dei Vescovi, durante la presentazione dell’assemblea straordinaria sulla famiglia sul tema “Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell’evangelizzazione” (Avvenire, 3 ottobre).

SACRAMENTI AI DIVORZIATI
Su uno dei temi più caldi, i sacramenti ai divorziati, è arrivata l’apertura di un porporato autorevole, il cardinale Dionigi Tettamanzi. «In attesa delle discussioni sinodali penso che l’ipotesi di concedere i sacramenti ai divorziati risposati.potrebbe essere accolta», anche se a «precise condizioni», ha spiegato l’arcivescovo emerito di Milano, teologo moralista nonché collaboratore di Giovanni Paolo II per la stesura delle sue encicliche in materia morale. (Vatican Insider, 3 ottobre).

NO AD AZIENDE DI SACRALITA’
Una linea che collima con quella di un’apertura quanto più vasta ai fedeli, nel segno di un cammino vocazione più ampio e coinvolgente. In cui le famiglie avranno un ruolo centrale. In questo contesto si innestano le presenze al lavori del sinodo, come uditori, di alcune coppie di laici. Come Lucia Miglionico e Giuseppe Petracca Ciaravella, secondo cui: “La Chiesa – scrive La Repubblica (3 ottobre) – rischia di trasformarsi una azienda di sacralità locale, mentre dovrebbe essere sempre di più una famiglia di famiglie». Un’espressione che probabilmente piacerà a papa Francesco quando la sentirà ripetere davanti ai vescovi di tutto il mondo.

PIU’ SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE
All’assemblea che Bergoglio ha convocato per affrontare lo spinoso argomento della crisi della famiglia, loro si presenteranno per dire che la Chiesa deve essere meno «fabbrica di sacramenti». «Le coppie – affermano – hanno bisogno di essere accompagnate, perché le ferite delle quali tanto si parla alla vigilia del Sinodo, a partire da quella dei divorziati, si possono curare, ma si deve anche cercare di prevenirle». Come? «Nella Chiesa si fanno molte cose sulla famiglia, ma poche per la famiglia. C’è un problema di consapevolezza delle coppie che arrivano alle nozze senza aver compreso cosa sia la vera fedeltà o l’indissolubilità. E poi serve maggiore formazione dei sacerdoti, per arrivare a comprendere le domande pressanti rivolte dalle coppie»

LA SELEZIONE DEI SEMINARISTI
E proprio sul fronte della penuria di preti, evidenzia il Corriere della Sera (3 ottobre), Papa Francesco è intervenuto durante l’udienza con la Congregazione del clero. A causa della crisi delle vocazioni «noi vescovi abbiamo la tentazione di prendere senza discernimento i giovani che si presentano – ha tuonato Bergoglio – questo è un male per la Chiesa!». Pertanto anche il cammino vocazionale dei sacerdoti, in un contesto di relazione tra essi e le famiglie, sarà oggetto di discussione dei lavori sinodali.

ALLA RADICE DELLA PEDOFILIA
«Oggi – ha ammesso Francesco – abbiamo tanti problemi, e in tante diocesi, per questo errore di alcuni vescovi di prendere quelli che vengono a volte espulsi dai seminari o dalle case religiose perché hanno bisogno di preti», alludendo probabilmente sia agli abusi del clero che a coloro che lasciano il sacerdozio per sposarsi.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Divorziati e coppie di fatto nei lavori del Sinodo

- Advertisement -

L’assemblea metterà al centro il rapporto tra la chiesa e il cammino vocazionale dei laici

topic

Il Sinodo straordinario dei Vescovi che si riunirà in Vaticano da domenica 5 sino al 19 ottobre affronterà anche il tema dei divorziati risposati e le «unioni tra persone dello stesso sesso», senza dimenticare il tema della contraccezione (Corriere della Sera, 3 ottobre).

UN CONFRONTO CORAGGIOSO
Papa Francesco vuole che sia intrapreso «un cammino sinodale innovativo e originale», in cui «esprimersi chiaramente e con coraggio», per «calare la dottrina autentica nella realtà attuale della famiglia», ha detto il cardinale Lorenzo Baldisseri, segretario speciale del Sinodo dei Vescovi, durante la presentazione dell’assemblea straordinaria sulla famiglia sul tema “Le sfide pastorali sulla famiglia nel contesto dell’evangelizzazione” (Avvenire, 3 ottobre).

SACRAMENTI AI DIVORZIATI
Su uno dei temi più caldi, i sacramenti ai divorziati, è arrivata l’apertura di un porporato autorevole, il cardinale Dionigi Tettamanzi. «In attesa delle discussioni sinodali penso che l’ipotesi di concedere i sacramenti ai divorziati risposati.potrebbe essere accolta», anche se a «precise condizioni», ha spiegato l’arcivescovo emerito di Milano, teologo moralista nonché collaboratore di Giovanni Paolo II per la stesura delle sue encicliche in materia morale. (Vatican Insider, 3 ottobre).

NO AD AZIENDE DI SACRALITA’
Una linea che collima con quella di un’apertura quanto più vasta ai fedeli, nel segno di un cammino vocazione più ampio e coinvolgente. In cui le famiglie avranno un ruolo centrale. In questo contesto si innestano le presenze al lavori del sinodo, come uditori, di alcune coppie di laici. Come Lucia Miglionico e Giuseppe Petracca Ciaravella, secondo cui: “La Chiesa – scrive La Repubblica (3 ottobre) – rischia di trasformarsi una azienda di sacralità locale, mentre dovrebbe essere sempre di più una famiglia di famiglie». Un’espressione che probabilmente piacerà a papa Francesco quando la sentirà ripetere davanti ai vescovi di tutto il mondo.

- Advertisement -

PIU’ SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE
All’assemblea che Bergoglio ha convocato per affrontare lo spinoso argomento della crisi della famiglia, loro si presenteranno per dire che la Chiesa deve essere meno «fabbrica di sacramenti». «Le coppie – affermano – hanno bisogno di essere accompagnate, perché le ferite delle quali tanto si parla alla vigilia del Sinodo, a partire da quella dei divorziati, si possono curare, ma si deve anche cercare di prevenirle». Come? «Nella Chiesa si fanno molte cose sulla famiglia, ma poche per la famiglia. C’è un problema di consapevolezza delle coppie che arrivano alle nozze senza aver compreso cosa sia la vera fedeltà o l’indissolubilità. E poi serve maggiore formazione dei sacerdoti, per arrivare a comprendere le domande pressanti rivolte dalle coppie»

LA SELEZIONE DEI SEMINARISTI
E proprio sul fronte della penuria di preti, evidenzia il Corriere della Sera (3 ottobre), Papa Francesco è intervenuto durante l’udienza con la Congregazione del clero. A causa della crisi delle vocazioni «noi vescovi abbiamo la tentazione di prendere senza discernimento i giovani che si presentano – ha tuonato Bergoglio – questo è un male per la Chiesa!». Pertanto anche il cammino vocazionale dei sacerdoti, in un contesto di relazione tra essi e le famiglie, sarà oggetto di discussione dei lavori sinodali.

ALLA RADICE DELLA PEDOFILIA
«Oggi – ha ammesso Francesco – abbiamo tanti problemi, e in tante diocesi, per questo errore di alcuni vescovi di prendere quelli che vengono a volte espulsi dai seminari o dalle case religiose perché hanno bisogno di preti», alludendo probabilmente sia agli abusi del clero che a coloro che lasciano il sacerdozio per sposarsi.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
641FollowerSegui
169IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x