11.1 C
Rome
lunedì, 20 Maggio 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Etica e Vita “Dio, patria e famiglia. Che vita di mer..”. Lo slogan di Cirinnà...

“Dio, patria e famiglia. Che vita di mer..”. Lo slogan di Cirinnà non piace a nessuno

Paladina delle unioni gay, la senatrice si è presa le critiche di destra e sinistra. Lei si giustifica: non è contro la Chiesa, non ho il dono della fede, ma rispetto profondamente tutti i credenti

- Advertisement -

Paladina delle unioni gay, la senatrice si è presa le critiche di destra e sinistra. Lei si giustifica: non è contro la Chiesa, non ho il dono della fede, ma rispetto profondamente tutti i credenti

Oggi Monica Cirinnà sarà impegnata a presentare il suo libro sulle unioni civili in compagnia di Vladimir Luxuria a Tor Bella Monaca a Roma. Eppure di lei si sta continuando a parlare insistentemente non per il libro, ma per la foto postata su facebook che la ritrae orgogliosa con un cartello in mano: “Dio, patria e famiglia. Che vita di merda”.

 

La Cirinnà ha posato con lo slogan durante la manifestazione dell’8 marzo a Roma, in occasione della Festa della Donna, nel corso della quale è stato contestato il Disegno di legge Pillon (QUI IL TESTO) – che prende il nome del senatore che lo ha firmato per primo, il leghista Simone Pillon – e prevede un cambiamento nelle leggi sulle separazioni, sul divorzio e sull’affido condiviso dei minori, introducendo la figura del mediatore familiare, e la possibilità dell’abolizione dell’assegno di mantenimento sulla famiglia.

Da Pillon a “Dio, patria e famiglia. Che vita de merda” c’è però un bel salto. Sopratutto se a sbandierarlo è una parlamentare non credente (un tempo lo era) e che ha fatto della battaglia a favore delle coppie omosessuali più di una ragione di vita.

Così si è giustificata

Cirinnà in queste ore si sta aggrappando ad ogni giustificazione possibile, poiché subissata di critiche da esponenti politici di destra e di sinistra per aver mostrato con orgoglio quel cartello che ironizza su concetti come quello di Dio, o della famiglia, che per molti sono tutt’altro che accostati ad una “vita di merda”.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

“Dio, patria e famiglia. Che vita di mer..”. Lo slogan di Cirinnà non piace a nessuno

Paladina delle unioni gay, la senatrice si è presa le critiche di destra e sinistra. Lei si giustifica: non è contro la Chiesa, non ho il dono della fede, ma rispetto profondamente tutti i credenti

  

- Advertisement -

Paladina delle unioni gay, la senatrice si è presa le critiche di destra e sinistra. Lei si giustifica: non è contro la Chiesa, non ho il dono della fede, ma rispetto profondamente tutti i credenti

Oggi Monica Cirinnà sarà impegnata a presentare il suo libro sulle unioni civili in compagnia di Vladimir Luxuria a Tor Bella Monaca a Roma. Eppure di lei si sta continuando a parlare insistentemente non per il libro, ma per la foto postata su facebook che la ritrae orgogliosa con un cartello in mano: “Dio, patria e famiglia. Che vita di merda”.

 

La Cirinnà ha posato con lo slogan durante la manifestazione dell’8 marzo a Roma, in occasione della Festa della Donna, nel corso della quale è stato contestato il Disegno di legge Pillon (QUI IL TESTO) – che prende il nome del senatore che lo ha firmato per primo, il leghista Simone Pillon – e prevede un cambiamento nelle leggi sulle separazioni, sul divorzio e sull’affido condiviso dei minori, introducendo la figura del mediatore familiare, e la possibilità dell’abolizione dell’assegno di mantenimento sulla famiglia.

Da Pillon a “Dio, patria e famiglia. Che vita de merda” c’è però un bel salto. Sopratutto se a sbandierarlo è una parlamentare non credente (un tempo lo era) e che ha fatto della battaglia a favore delle coppie omosessuali più di una ragione di vita.

- Advertisement -

Così si è giustificata

Cirinnà in queste ore si sta aggrappando ad ogni giustificazione possibile, poiché subissata di critiche da esponenti politici di destra e di sinistra per aver mostrato con orgoglio quel cartello che ironizza su concetti come quello di Dio, o della famiglia, che per molti sono tutt’altro che accostati ad una “vita di merda”.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
271FansMi piace
762FollowerSegui
13,000FollowerSegui
568FollowerSegui
55IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Un solo Libro, due eredi

Dai racconti orali ai Vangeli

Teologia spirituale

Desiderio e sequela

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO