23.9 C
Rome
sabato, 21 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana «Difendere i cristiani perseguitati non è un hobby chic».

«Difendere i cristiani perseguitati non è un hobby chic».

- Advertisement -

«Difendere i cristiani perseguitati non è un hobby chic», ha dichiarato il cardinale Timothy Dolan, invitato il 7 maggio scorso dall’Hudson Institute a New York a una conferenza sul dramma dei cristiani minacciati dallo Stato islamico in Iraq e non solo. L’arcivescovo della Grande Mela ha elencato sette modi con cui i cristiani occidentali possono aiutare i loro fratelli in Medio Oriente e in tutto il mondo per risolvere questa «emergenza internazionale», riporta il National Catholic Register.

1) Gli americani che si preoccupano dei cristiani perseguitati hanno bisogno di percepire «l’urgenza» di questo problema.

2) Mai scusarsi per il solo fatto di tenere viva la questione. «Stiamo parlando di cristiani decapitati, martirizzati, minacciati e perseguitati in tutto il mondo. Dobbiamo dare risalto incessantemente [a questi fatti], dobbiamo essere “Johnny one note”», dal nome del cantante del musical Babes in Arms che cantava in continuazione una sola nota, ma lo faceva benissimo.

3) Il problema è il terrorismo “islamico-cristianofobico”. «Dobbiamo chiamare le cose con il loro nome: parliamo di un terrorismo fanatico, islamico e cristianofobico. Non dobbiamo avere paura di definirlo come tale».

4) Sostenere i musulmani moderati. «Dobbiamo affermare le voci islamiche genuine e moderate e unirci a loro quando vogliono uscire allo scoperto. Dobbiamo creare uno spazio per loro, soprattutto negli Stati Uniti»

5) Sostenere la causa dei cristiani perseguitati. «Dobbiamo sostenere la loro causa davanti al nostro governo, ma anche davanti ai governi delle nazioni dove avviene la cristianofobia. Se questa azione poi viene dai laici è molto più convincente».

6) Azione interreligiosa. «Abbiamo bisogno di un’azione interreligiosa. I leader ebraici mi guardano negli occhi e mi dicono: “Perché voi cristiani siete così? Imparate da noi. Dovete parlarne continuamente o andrà sempre peggio”».

7) Preghiera e aiuto umanitario. «Non possiamo mai dimenticare l’ottica della fede. Mai sottovalutare il potere della preghiera. Mai smettere di parlare delle sofferenza dei cristiani nel mondo a Messa, mai smettere di pronunciare le parole di Tertulliano: “Il sangue dei martiri è il seme della Chiesa”. Mai smettere di aiutare le organizzazioni che curano le ferite dei cristiani in pericolo, come Aiuto alla Chiesa che soffre».

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

«Difendere i cristiani perseguitati non è un hobby chic».

  

- Advertisement -

«Difendere i cristiani perseguitati non è un hobby chic», ha dichiarato il cardinale Timothy Dolan, invitato il 7 maggio scorso dall’Hudson Institute a New York a una conferenza sul dramma dei cristiani minacciati dallo Stato islamico in Iraq e non solo. L’arcivescovo della Grande Mela ha elencato sette modi con cui i cristiani occidentali possono aiutare i loro fratelli in Medio Oriente e in tutto il mondo per risolvere questa «emergenza internazionale», riporta il National Catholic Register.

1) Gli americani che si preoccupano dei cristiani perseguitati hanno bisogno di percepire «l’urgenza» di questo problema.

2) Mai scusarsi per il solo fatto di tenere viva la questione. «Stiamo parlando di cristiani decapitati, martirizzati, minacciati e perseguitati in tutto il mondo. Dobbiamo dare risalto incessantemente [a questi fatti], dobbiamo essere “Johnny one note”», dal nome del cantante del musical Babes in Arms che cantava in continuazione una sola nota, ma lo faceva benissimo.

3) Il problema è il terrorismo “islamico-cristianofobico”. «Dobbiamo chiamare le cose con il loro nome: parliamo di un terrorismo fanatico, islamico e cristianofobico. Non dobbiamo avere paura di definirlo come tale».

4) Sostenere i musulmani moderati. «Dobbiamo affermare le voci islamiche genuine e moderate e unirci a loro quando vogliono uscire allo scoperto. Dobbiamo creare uno spazio per loro, soprattutto negli Stati Uniti»

- Advertisement -

5) Sostenere la causa dei cristiani perseguitati. «Dobbiamo sostenere la loro causa davanti al nostro governo, ma anche davanti ai governi delle nazioni dove avviene la cristianofobia. Se questa azione poi viene dai laici è molto più convincente».

6) Azione interreligiosa. «Abbiamo bisogno di un’azione interreligiosa. I leader ebraici mi guardano negli occhi e mi dicono: “Perché voi cristiani siete così? Imparate da noi. Dovete parlarne continuamente o andrà sempre peggio”».

7) Preghiera e aiuto umanitario. «Non possiamo mai dimenticare l’ottica della fede. Mai sottovalutare il potere della preghiera. Mai smettere di parlare delle sofferenza dei cristiani nel mondo a Messa, mai smettere di pronunciare le parole di Tertulliano: “Il sangue dei martiri è il seme della Chiesa”. Mai smettere di aiutare le organizzazioni che curano le ferite dei cristiani in pericolo, come Aiuto alla Chiesa che soffre».

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

I profeti minori “quadriformi”

Dai racconti orali ai Vangeli

La grande città e la salvezza

Liturgia e secolarizzazione

Wilmer: Mosè, lezioni di deserto

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO