19.2 C
Roma
Dom, 9 Maggio 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiFede e DevozioneDa rocker a monaco trappista vicino alle catacombe di Roma

Da rocker a monaco trappista vicino alle catacombe di Roma

- Advertisement -

La sorprendente storia di un argentino, padre José Otero

L’abbazia di Nostra Signora del Santissimo Sacramento, a Frattocchie, prende origine dalla soppressione dell’abbazia di Nostra Signora delle Catacombe di San Callisto, vicino Roma. I trappisti erano stati espressamente desiderati e chiamati da papa Leone XIII nel 1883 perché fossero i custodi di questi luoghi santi che costituiscono il celebre cimitero dei primi secoli della Chiesa accanto alla via Appia.

40 anni fa, padre José è entrato nel monastero dopo aver condotto una vita legata alla musica rock (è stato il batterista di importanti artisti argentini). Dio, ha sottolineato, trova l’uomo là dove sta. “Non fa come noi che prepariamo uno scenario. La mia esperienza personale è che Dio è venuto a cercarmi là dove mi trovavo. Non rinnego il passato, anzi, è stato il luogo che Egli ha scelto per incontrarmi”.

“Un giorno Gesù è passato di qui, mi ha detto ‘Seguimi’ e io ho accettato. Ho detto ‘Vado dietro a lui, che ha la verità e la vita”, ha raccontato padre José, oggi monaco trappista dell’Abbazia di Nostra Signora del Santissimo Sacramento.

Quando si è convertito aveva 24 anni. Un amico lo è andato a trovare una sera nel luogo in cui lavorava. Festeggiava l’anniversario di matrimonio con la moglie e lo ha invitato a casa a mangiare un pezzo di torta. La mattina dopo la coppia lo ha portato a Messa. “Mi hanno regalato la meraviglia della Messa”, ha raccontato emozionato.

All’epoca José non andava a Messa, mentre i suoi amici ci andavano tutti i giorni. Grazie a loro, Rolando e Mimí, quello che oggi è padre José Otero ha iniziato a far visita ai benedettini di Buenos Aires. “Lì c’è stata la mia conversione”, ha indicato. Come chi sa di essere amato, racconta che in un momento determinato ha dovuto scegliere tra portare avanti la sua professione ed entrare in monastero, optando per la seconda possibilità.

Gesù Cristo vive dove due o più si riuniscono nel suo nome

Circa la dinamica in monastero, padre José dice che la struttura della vita monastica è ordinare tutte le cose per avere il tempo necessario a favorire una vita di preghiera. Descrive tutto dando la priorità agli offici divini: “Alle 3.15 del mattino ci alziamo e preghiamo, veglia, lodi, nona, vespri, e la cosa più importante è la lectio divina”.

C’è anche il tempo per l’incontro fraterno, visto che la domenica si approfitta per parlare con i fratelli e passeggiare nel vigneto che hanno e nel quale producono del vino bianco.

Per padre José una delle necessità più grandi che ha il mondo di oggi è vedere la religione incarnata in un gruppo di persone, non in individui isolati. Un gruppo di persone che si dedichi a manifestare che il Vangelo è possibile, che Gesù Cristo vive dove due o più persone sono riunite nel suo nome.

Quando gli viene chiesto cos’è che lo spinge a scegliere tutti i giorni questa vita in monastero, dichiara che il suo rinnovamento quotidiano è l’incontro con Gesù nell’Eucaristia, conoscere la misericordia di Dio, che è conoscere la sua verità, sperimentare sulla propria carne il perdono.

“Penso che in cielo saremo costantemente a bocca aperta per tutte le novità che incontreremo in Dio”.

“Nell’Eucaristia quotidiana, insieme alla comunità, si sperimenta che Dio è con noi, come Egli ha promesso: ‘Sarò con voi fino alla fine del mondo’”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Da rocker a monaco trappista vicino alle catacombe di Roma

- Advertisement -

La sorprendente storia di un argentino, padre José Otero

L’abbazia di Nostra Signora del Santissimo Sacramento, a Frattocchie, prende origine dalla soppressione dell’abbazia di Nostra Signora delle Catacombe di San Callisto, vicino Roma. I trappisti erano stati espressamente desiderati e chiamati da papa Leone XIII nel 1883 perché fossero i custodi di questi luoghi santi che costituiscono il celebre cimitero dei primi secoli della Chiesa accanto alla via Appia.

40 anni fa, padre José è entrato nel monastero dopo aver condotto una vita legata alla musica rock (è stato il batterista di importanti artisti argentini). Dio, ha sottolineato, trova l’uomo là dove sta. “Non fa come noi che prepariamo uno scenario. La mia esperienza personale è che Dio è venuto a cercarmi là dove mi trovavo. Non rinnego il passato, anzi, è stato il luogo che Egli ha scelto per incontrarmi”.

“Un giorno Gesù è passato di qui, mi ha detto ‘Seguimi’ e io ho accettato. Ho detto ‘Vado dietro a lui, che ha la verità e la vita”, ha raccontato padre José, oggi monaco trappista dell’Abbazia di Nostra Signora del Santissimo Sacramento.

Quando si è convertito aveva 24 anni. Un amico lo è andato a trovare una sera nel luogo in cui lavorava. Festeggiava l’anniversario di matrimonio con la moglie e lo ha invitato a casa a mangiare un pezzo di torta. La mattina dopo la coppia lo ha portato a Messa. “Mi hanno regalato la meraviglia della Messa”, ha raccontato emozionato.

All’epoca José non andava a Messa, mentre i suoi amici ci andavano tutti i giorni. Grazie a loro, Rolando e Mimí, quello che oggi è padre José Otero ha iniziato a far visita ai benedettini di Buenos Aires. “Lì c’è stata la mia conversione”, ha indicato. Come chi sa di essere amato, racconta che in un momento determinato ha dovuto scegliere tra portare avanti la sua professione ed entrare in monastero, optando per la seconda possibilità.

- Advertisement -

Gesù Cristo vive dove due o più si riuniscono nel suo nome

Circa la dinamica in monastero, padre José dice che la struttura della vita monastica è ordinare tutte le cose per avere il tempo necessario a favorire una vita di preghiera. Descrive tutto dando la priorità agli offici divini: “Alle 3.15 del mattino ci alziamo e preghiamo, veglia, lodi, nona, vespri, e la cosa più importante è la lectio divina”.

C’è anche il tempo per l’incontro fraterno, visto che la domenica si approfitta per parlare con i fratelli e passeggiare nel vigneto che hanno e nel quale producono del vino bianco.

Per padre José una delle necessità più grandi che ha il mondo di oggi è vedere la religione incarnata in un gruppo di persone, non in individui isolati. Un gruppo di persone che si dedichi a manifestare che il Vangelo è possibile, che Gesù Cristo vive dove due o più persone sono riunite nel suo nome.

Quando gli viene chiesto cos’è che lo spinge a scegliere tutti i giorni questa vita in monastero, dichiara che il suo rinnovamento quotidiano è l’incontro con Gesù nell’Eucaristia, conoscere la misericordia di Dio, che è conoscere la sua verità, sperimentare sulla propria carne il perdono.

“Penso che in cielo saremo costantemente a bocca aperta per tutte le novità che incontreremo in Dio”.

“Nell’Eucaristia quotidiana, insieme alla comunità, si sperimenta che Dio è con noi, come Egli ha promesso: ‘Sarò con voi fino alla fine del mondo’”.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
650FollowerSegui
292IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Bibbia: poeti e poesie

La morte, compagna della vita

Libri Consigliati – Marzo 2019

Dio, il forse e la filosofia

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x