19.6 C
Rome
lunedì, 16 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa «Da Francesco e Kirill un messaggio al mondo»

«Da Francesco e Kirill un messaggio al mondo»

- Advertisement -

I segnali premonitori c’erano stati. Ma neanche uno studioso esperto del mondo russo come Adriano Roccucci, ordinario di storia contemporanea all’università Roma Tre e autore di numerosi libri sulla materia (ad esempio Stalin e il Patriarca, Einaudi) poteva immaginare che l’incontro a lungo sognato da Giovanni Paolo II e Benedetto XVI si sarebbe realizzato così velocemente. «Certamente – dice – non mi aspettavo né la data né il luogo. Ma il fatto in sé era ormai maturo. Come è chiaro il messaggio per la Chiesa e per il mondo».

E in questa rapida maturazione è stato più determinante l’atteggiamento di Francesco o il cambiamento di clima all’interno del patriarcato?
Da un lato hanno avuto un ruolo importante l’atteggiamento di aperta disponibilità del Papa, la sua posizione riguardo al Medio Oriente, volta a sostenere le comunità cristiane e favorire itinerari di pace; come pure quella sul conflitto in Ucraina, con la necessità più volte espressa di una pacificazione. D’altro canto però anche all’interno del patriarcato russo ortodosso il clima è cambiato. Con l’avvento di Kirill, infatti, si è sentita l’esigenza di affermare con vigore il profilo più globale di una Chiesa che è uno dei principali soggetti del mondo cristiano e che vuole avere una interlocuzione con il Papa e con la Chiesa cattolica.

Lei accennava all’Ucraina. L’incontro potrebbe giovare alla causa della pace in quella regione?
Credo di sì. Anche se la situazione è complessa e non è sicuramente la componente religiosa a essere la causa del conflitto. Il patriarca e i suoi collaboratori hanno avvertito una profonda lacerazione per quanto è avvenuto in Ucraina, poiché la Chiesa ortodossa ha i suoi fedeli da una parte e dall’altra della linea di combattimento. Di fronte al rischio che contrasti confessionali possano acuire il conflitto, l’incontro, favorendo il dialogo, non potrà non avere conseguenze positive.

Lei crede a un ruolo di Putin e del Cremlino nella preparazione di questo incontro?
No. Non c’è stato né un ruolo promozione, né di mediazione. Tutto è avvenuto nel solco dell’itinerario di riavvicinamento tra le due Chiese. Ma Putin e il Cremlino certamente guardano a questo incontro con favore e di certo non sono stati di ostacolo. Non bisogna dimenticare, infatti, che l’evento si colloca in una stagione di estrema difficoltà nei rapporti tra Occidente e Russia. Quindi l’incontro non potrà non indicare anche una strada di rinnovato dialogo tra due mondi così vicini, ma anche diversi e che debbono ritrovare le regioni, i modi, i contenuti di una loro relazione.

È corretto dire che in un certo senso questo incontro rompe l’isolamento della Russia?
Senza dubbio e in qualche modo questo è un colpo d’ala del patriarcato che come soggetto anche internazionale apre un ponte con il mondo occidentale.

È un messaggio anche per gli Stati Uniti?
Direi così: non è un incontro dai connotati politici immediati, ma ricorda al mondo che l’universo russo, e quindi anche la sua realtà statuale, costituiscono un soggetto fondamentale negli equilibri geopolitici globali. Un soggetto che non si può ignorare, che non è saggio isolare e con cui è necessario trovare delle piste di dialogo.

Ma in generale ha più influenza Putin sul patriarcato o il patriarcato su Putin?
Qui va fatta chiarezza. Nella rappresentazione mediatica spesso si indulge, riguardo alla Russia, sull’utilizzo facile e superficiale della categoria di cesaropapismo. O si ritiene la Chiesa una “marionetta” nelle mani dello Stato, oppure di guarda al patriarca come a una specie di “ideologo di corte”. In realtà il paradigma delle relazioni Stato-Chiesa in Russia è diverso da quello che si è sviluppato in Occidente. E ha il suo archetipo nella realtà della sinfonia: in pratica il potere religioso e quello politico sono visti come due organi distinti di un organismo unitario. In questo contesto tra patriarca e Putin non può non esserci un rapporto anche di collaborazione. Ma da qui all’idea di una soggezione dell’uno verso l’altro o viceversa ce ne corre. Sulle grandi questioni le posizioni possono essere convergenti, ma sempre all’interno di una dinamica non priva di elementi dialettici.

Ci aiuta a inquadrare la figura di Kirill?
Molto di lui dice innanzitutto la sua formazione, avvenuta alla scuola del metropolita dell’allora Leningrado Nikodim, uomo chiave nel patriarcato di Mosca negli anni ’60 e ’70, il quale sviluppò una serie di relazioni con la Chiesa cattolica, a partire dalla scelta di mandare osservatori sin dalla prima sessione del Concilio. Da lui Kirill ha maturato la consapevolezza del ruolo e della complessità della Chiesa di Roma nell’universo cristiano mondiale. Inoltre, come patriarca, egli ha scelto di proiettare la Chiesa ortodossa russa oltre i suoi tradizionali confini. È andato in Cina ed è stato ricevuto dal presidente Xi Jinping, ha visitato la Chiesa ortodossa di Polonia e incontrato la Conferenza episcopale del Paese, firmando una dichiarazione comune volta a indicare una via di riconciliazione tra il popolo russo e polacco.

Dunque è anche perfettamente coerente la scelta di un luogo di incontro come Cuba?
Sicuramente. I due primati guardano al mondo intero e sono consapevoli di essere a capo di Chiese non riducibili alla dimensione europea.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Articolo precedentePapa in viaggio per Cuba e Messico
Articolo successivoInside Out, 2015

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

«Da Francesco e Kirill un messaggio al mondo»

  

- Advertisement -

I segnali premonitori c’erano stati. Ma neanche uno studioso esperto del mondo russo come Adriano Roccucci, ordinario di storia contemporanea all’università Roma Tre e autore di numerosi libri sulla materia (ad esempio Stalin e il Patriarca, Einaudi) poteva immaginare che l’incontro a lungo sognato da Giovanni Paolo II e Benedetto XVI si sarebbe realizzato così velocemente. «Certamente – dice – non mi aspettavo né la data né il luogo. Ma il fatto in sé era ormai maturo. Come è chiaro il messaggio per la Chiesa e per il mondo».

E in questa rapida maturazione è stato più determinante l’atteggiamento di Francesco o il cambiamento di clima all’interno del patriarcato?
Da un lato hanno avuto un ruolo importante l’atteggiamento di aperta disponibilità del Papa, la sua posizione riguardo al Medio Oriente, volta a sostenere le comunità cristiane e favorire itinerari di pace; come pure quella sul conflitto in Ucraina, con la necessità più volte espressa di una pacificazione. D’altro canto però anche all’interno del patriarcato russo ortodosso il clima è cambiato. Con l’avvento di Kirill, infatti, si è sentita l’esigenza di affermare con vigore il profilo più globale di una Chiesa che è uno dei principali soggetti del mondo cristiano e che vuole avere una interlocuzione con il Papa e con la Chiesa cattolica.

Lei accennava all’Ucraina. L’incontro potrebbe giovare alla causa della pace in quella regione?
Credo di sì. Anche se la situazione è complessa e non è sicuramente la componente religiosa a essere la causa del conflitto. Il patriarca e i suoi collaboratori hanno avvertito una profonda lacerazione per quanto è avvenuto in Ucraina, poiché la Chiesa ortodossa ha i suoi fedeli da una parte e dall’altra della linea di combattimento. Di fronte al rischio che contrasti confessionali possano acuire il conflitto, l’incontro, favorendo il dialogo, non potrà non avere conseguenze positive.

Lei crede a un ruolo di Putin e del Cremlino nella preparazione di questo incontro?
No. Non c’è stato né un ruolo promozione, né di mediazione. Tutto è avvenuto nel solco dell’itinerario di riavvicinamento tra le due Chiese. Ma Putin e il Cremlino certamente guardano a questo incontro con favore e di certo non sono stati di ostacolo. Non bisogna dimenticare, infatti, che l’evento si colloca in una stagione di estrema difficoltà nei rapporti tra Occidente e Russia. Quindi l’incontro non potrà non indicare anche una strada di rinnovato dialogo tra due mondi così vicini, ma anche diversi e che debbono ritrovare le regioni, i modi, i contenuti di una loro relazione.

È corretto dire che in un certo senso questo incontro rompe l’isolamento della Russia?
Senza dubbio e in qualche modo questo è un colpo d’ala del patriarcato che come soggetto anche internazionale apre un ponte con il mondo occidentale.

- Advertisement -

È un messaggio anche per gli Stati Uniti?
Direi così: non è un incontro dai connotati politici immediati, ma ricorda al mondo che l’universo russo, e quindi anche la sua realtà statuale, costituiscono un soggetto fondamentale negli equilibri geopolitici globali. Un soggetto che non si può ignorare, che non è saggio isolare e con cui è necessario trovare delle piste di dialogo.

Ma in generale ha più influenza Putin sul patriarcato o il patriarcato su Putin?
Qui va fatta chiarezza. Nella rappresentazione mediatica spesso si indulge, riguardo alla Russia, sull’utilizzo facile e superficiale della categoria di cesaropapismo. O si ritiene la Chiesa una “marionetta” nelle mani dello Stato, oppure di guarda al patriarca come a una specie di “ideologo di corte”. In realtà il paradigma delle relazioni Stato-Chiesa in Russia è diverso da quello che si è sviluppato in Occidente. E ha il suo archetipo nella realtà della sinfonia: in pratica il potere religioso e quello politico sono visti come due organi distinti di un organismo unitario. In questo contesto tra patriarca e Putin non può non esserci un rapporto anche di collaborazione. Ma da qui all’idea di una soggezione dell’uno verso l’altro o viceversa ce ne corre. Sulle grandi questioni le posizioni possono essere convergenti, ma sempre all’interno di una dinamica non priva di elementi dialettici.

Ci aiuta a inquadrare la figura di Kirill?
Molto di lui dice innanzitutto la sua formazione, avvenuta alla scuola del metropolita dell’allora Leningrado Nikodim, uomo chiave nel patriarcato di Mosca negli anni ’60 e ’70, il quale sviluppò una serie di relazioni con la Chiesa cattolica, a partire dalla scelta di mandare osservatori sin dalla prima sessione del Concilio. Da lui Kirill ha maturato la consapevolezza del ruolo e della complessità della Chiesa di Roma nell’universo cristiano mondiale. Inoltre, come patriarca, egli ha scelto di proiettare la Chiesa ortodossa russa oltre i suoi tradizionali confini. È andato in Cina ed è stato ricevuto dal presidente Xi Jinping, ha visitato la Chiesa ortodossa di Polonia e incontrato la Conferenza episcopale del Paese, firmando una dichiarazione comune volta a indicare una via di riconciliazione tra il popolo russo e polacco.

Dunque è anche perfettamente coerente la scelta di un luogo di incontro come Cuba?
Sicuramente. I due primati guardano al mondo intero e sono consapevoli di essere a capo di Chiese non riducibili alla dimensione europea.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Articolo precedentePapa in viaggio per Cuba e Messico
Articolo successivoInside Out, 2015

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
847FollowerSegui
13,000FollowerSegui
603FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

“Se Dio è amore, tutto è amore”

Wilmer: Mosè, lezioni di deserto

Il Libro della Sapienza

La Shoah alla luce del Sinai

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO