22.9 C
Rome
venerdì, 20 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Papa Maria ci insegni a non essere «cristiani di vetrina» ma a «sporcarci...

Maria ci insegni a non essere «cristiani di vetrina» ma a «sporcarci le mani» per il Vangelo

- Advertisement -

2

2013-10-13 Radio Vaticana

Lo sguardo di Maria guida il cristiano a Gesù e lo aiuta a non essere un “cristiano di vetrina”, ma a “sporcarsi le mani” per il Vangelo. È la considerazione con la quale Papa Francesco chiude il suo videomessaggio indirizzato ai fedeli raccoltisi ieri sera in preghiera nel Santuario del Divino Amore e negli altri dieci collegati a distanza, da varie parti del mondo, per condividere la Giornata mariana: Lourdes, Nazareth, Lujan, Vailankanni, Guadalupe, Akita, Nairobi, Benneux, Częstochowa e Marian Valley. Il servizio di Alessandro De Carolis:
“Chi guarda la Vergine Maria? Guarda tutti noi, ciascuno di noi. E come ci guarda? Ci guarda come Madre, con tenerezza, con misericordia, con amore”.
È lo sguardo che chiunque vorrebbe su di sé. Lo sguardo che abbraccia, sostiene, consola. In parole semplici, Papa Francesco tratteggia la maternità di Maria con parole che più un religioso insegnamento, trasmettono il calore di un’esperienza vissuta. Gli occhi della Mamma del cielo – gli stessi, dice, che “hanno guardato il figlio Gesù, in tutti i momenti della sua vita, gioiosi, luminosi, dolorosi, gloriosi”, così come li contempla il Rosario – sono gli occhi che guardano ciascuno dei figli sulla terra, “semplicemente con amore”:
“Quando siamo stanchi, scoraggiati, schiacciati dai problemi, guardiamo a Maria, sentiamo il suo sguardo che dice al nostro cuore: ‘Forza, figlio, ci sono io che ti sostengo!’. La Madonna ci conosce bene, è mamma, sa bene quali sono le nostre gioie e le nostre difficoltà, le nostre speranze e le nostre delusioni. Quando sentiamo il peso delle nostre debolezze, dei nostri peccati, guardiamo a Maria, che dice al nostro cuore: ‘Rialzati, va’ da mio Figlio Gesù, in Lui troverai accoglienza, misericordia e nuova forza per continuare il cammino’”.
Ma non guarda solo noi, Maria. La Madonna, afferma Papa Francesco, “indica Gesù, ci invita a testimoniare Gesù”, ci guida a Lui, l’unico che – assicura – “può trasformare l’acqua della solitudine, della difficoltà, del peccato, nel vino dell’incontro, della gioia, del perdono”:
“Non avere paura! Lui ti insegnerà a seguirlo per testimoniarlo nelle grandi e piccole azioni della tua vita, nei rapporti di famiglia, nel tuo lavoro, nei momenti di festa; ti insegnerà ad uscire da te stesso, da te stessa, per guardare agli altri con amore, come Lui che non a parole, ma con i fatti, ti ha amato e ti ama!’ O Maria, facci sentire il tuo sguardo di Madre, guidaci al tuo Figlio, fa’ che non siamo cristiani di vetrina’, ma che sanno ‘sporcarsi le mani’ per costruire con il tuo Figlio Gesù, il suo Regno di amore, di gioia e di pace”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Maria ci insegni a non essere «cristiani di vetrina» ma a «sporcarci le mani» per il Vangelo

  

- Advertisement -

2

2013-10-13 Radio Vaticana

Lo sguardo di Maria guida il cristiano a Gesù e lo aiuta a non essere un “cristiano di vetrina”, ma a “sporcarsi le mani” per il Vangelo. È la considerazione con la quale Papa Francesco chiude il suo videomessaggio indirizzato ai fedeli raccoltisi ieri sera in preghiera nel Santuario del Divino Amore e negli altri dieci collegati a distanza, da varie parti del mondo, per condividere la Giornata mariana: Lourdes, Nazareth, Lujan, Vailankanni, Guadalupe, Akita, Nairobi, Benneux, Częstochowa e Marian Valley. Il servizio di Alessandro De Carolis:
“Chi guarda la Vergine Maria? Guarda tutti noi, ciascuno di noi. E come ci guarda? Ci guarda come Madre, con tenerezza, con misericordia, con amore”.
È lo sguardo che chiunque vorrebbe su di sé. Lo sguardo che abbraccia, sostiene, consola. In parole semplici, Papa Francesco tratteggia la maternità di Maria con parole che più un religioso insegnamento, trasmettono il calore di un’esperienza vissuta. Gli occhi della Mamma del cielo – gli stessi, dice, che “hanno guardato il figlio Gesù, in tutti i momenti della sua vita, gioiosi, luminosi, dolorosi, gloriosi”, così come li contempla il Rosario – sono gli occhi che guardano ciascuno dei figli sulla terra, “semplicemente con amore”:
“Quando siamo stanchi, scoraggiati, schiacciati dai problemi, guardiamo a Maria, sentiamo il suo sguardo che dice al nostro cuore: ‘Forza, figlio, ci sono io che ti sostengo!’. La Madonna ci conosce bene, è mamma, sa bene quali sono le nostre gioie e le nostre difficoltà, le nostre speranze e le nostre delusioni. Quando sentiamo il peso delle nostre debolezze, dei nostri peccati, guardiamo a Maria, che dice al nostro cuore: ‘Rialzati, va’ da mio Figlio Gesù, in Lui troverai accoglienza, misericordia e nuova forza per continuare il cammino’”.
Ma non guarda solo noi, Maria. La Madonna, afferma Papa Francesco, “indica Gesù, ci invita a testimoniare Gesù”, ci guida a Lui, l’unico che – assicura – “può trasformare l’acqua della solitudine, della difficoltà, del peccato, nel vino dell’incontro, della gioia, del perdono”:
“Non avere paura! Lui ti insegnerà a seguirlo per testimoniarlo nelle grandi e piccole azioni della tua vita, nei rapporti di famiglia, nel tuo lavoro, nei momenti di festa; ti insegnerà ad uscire da te stesso, da te stessa, per guardare agli altri con amore, come Lui che non a parole, ma con i fatti, ti ha amato e ti ama!’ O Maria, facci sentire il tuo sguardo di Madre, guidaci al tuo Figlio, fa’ che non siamo cristiani di vetrina’, ma che sanno ‘sporcarsi le mani’ per costruire con il tuo Figlio Gesù, il suo Regno di amore, di gioia e di pace”.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
606FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Gibran: Lazzaro e la sua amata

Perché le suore indossano il velo?

La Shoah alla luce del Sinai

Teologia spirituale

Flavio Giuseppe: santo o traditore?

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO