12.1 C
Rome
martedì, 12 Novembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Vita cristiana Cristianesimo senza vangelo?

Cristianesimo senza vangelo?

Viviamo in un mondo in cui non si contano le imprese del bene, portate avanti in nome del Vangelo e di altre fedi o ideali.

- Advertisement -
di: Camminare insieme (Trieste)

Come donne e uomini che scelgono di vivere la fede nella Buona Notizia di Gesù di Nazareth nella Chiesa cattolica, riteniamo oggi indispensabile esprimere il nostro pensiero su alcune realtà che ci interrogano.

Viviamo in un mondo in cui non si contano le imprese del bene, portate avanti in nome del Vangelo e di altre fedi o ideali.

Esiste una corrente di bene che attraversa la storia e che opera per l’umanizzazione di ogni aspetto della vita. Questo bene passa attraverso le mani delle tante persone che si impegnano nella vita pubblica, familiare, nelle istituzioni, nelle tante forme di volontariato.

Non possiamo però più tacere lo scivolamento, purtroppo anche di alcune componenti della Chiesa, laiche e pastorali, italiane ed europee, in una visione, in un linguaggio e in comportamenti, silenti o espliciti, che intendono contrastare apertamente le scelte e le parole di Papa Francesco, ma soprattutto quelle del Vangelo. Avvertiamo il dovere non solo di condividere la pastorale del Papa, illuminata e riumanizzante, ma di segnalare alcune posizioni che riteniamo distanti dalla fede nel Signore.

Ripensando al Gesù che i Vangeli ci mostrano in cammino lungo le strade della Palestina ad annunciare Il Regno di Dio e a guarire quanti hanno bisogno di cure (Lc.9,11); al Gesù che ci invita ad amare anche i nemici, a non giudicare (Lc.6 e Mt5), ad essere misericordiosi come il Padre (Lc.6,36); al Gesù che offre il suo sangue per la salvezza di tutti (Mt.26,28) e muore sulla croce senza rancore verso coloro che lo hanno condannato (Lc.23,34), promettendo il paradiso a un malfattore (Lc.23,43); al Gesù che per questa sua morte e questa sua vita ha ottenuto il nome che è al di sopra di ogni altro nome (Fil.2,9), riteniamo di poter dire che:

  • sono incompatibili vangelo e xenofobia, come sentimento di rifiuto del fratello straniero, e innumerevoli le conferme di questo in tutta la Bibbia;
  • sono incompatibili vangelo e nazionalismo, come esaltazione unica di un popolo e come indifferenza verso altri popoli, come Paolo VI dichiarò fin dal 1967;
  • sono incompatibili vangelo e omofobia, vangelo e disprezzo di altre forme di religiosità, come rifiuto del fratello;
  • sono incompatibili vangelo e distacco superbo e pregiudiziale da ogni ricerca diversa, anche non religiosa;
  • sono incompatibili vangelo e intreccio equivoco con il potere assoluto di qualunque natura, specie di natura corruttiva;
  • sono incompatibili vangelo e ostentazione di ricchezze e mancata sobrietà di vita economica, personale o istituzionale;
  • sono incompatibili vangelo e disinvolta accettazione o indifferenza verso povertà, disuguaglianze, vittime di violenze, di guerre o di esodi sofferti;
  • sono incompatibili vangelo e disimpegno verso il decadimento ambientale del creato.

Esprimiamo perciò preoccupazione per la presenza di un cattolicesimo che tale non è nella sostanza, ma spesso solo nella forma, già archiviato a suo tempo dallo stesso Magistero nel Concilio Vaticano II, confermato dai Papi – da ultimo dal coraggioso e chiarificatore agire e parlare di Papa Francesco, a cui sentiamo di dare il nostro pieno appoggio – dalle ultime dichiarazioni della Conferenza episcopale italiana e dal recente appello degli istituti e congregazioni religiose italiane cui riteniamo di aderire con convinzione.

I partecipanti al gruppo ecclesiale
Camminare Insieme di Trieste

Originale: Settimana News
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Cristianesimo senza vangelo?

Viviamo in un mondo in cui non si contano le imprese del bene, portate avanti in nome del Vangelo e di altre fedi o ideali.

  

- Advertisement -
di: Camminare insieme (Trieste)

Come donne e uomini che scelgono di vivere la fede nella Buona Notizia di Gesù di Nazareth nella Chiesa cattolica, riteniamo oggi indispensabile esprimere il nostro pensiero su alcune realtà che ci interrogano.

Viviamo in un mondo in cui non si contano le imprese del bene, portate avanti in nome del Vangelo e di altre fedi o ideali.

Esiste una corrente di bene che attraversa la storia e che opera per l’umanizzazione di ogni aspetto della vita. Questo bene passa attraverso le mani delle tante persone che si impegnano nella vita pubblica, familiare, nelle istituzioni, nelle tante forme di volontariato.

Non possiamo però più tacere lo scivolamento, purtroppo anche di alcune componenti della Chiesa, laiche e pastorali, italiane ed europee, in una visione, in un linguaggio e in comportamenti, silenti o espliciti, che intendono contrastare apertamente le scelte e le parole di Papa Francesco, ma soprattutto quelle del Vangelo. Avvertiamo il dovere non solo di condividere la pastorale del Papa, illuminata e riumanizzante, ma di segnalare alcune posizioni che riteniamo distanti dalla fede nel Signore.

Ripensando al Gesù che i Vangeli ci mostrano in cammino lungo le strade della Palestina ad annunciare Il Regno di Dio e a guarire quanti hanno bisogno di cure (Lc.9,11); al Gesù che ci invita ad amare anche i nemici, a non giudicare (Lc.6 e Mt5), ad essere misericordiosi come il Padre (Lc.6,36); al Gesù che offre il suo sangue per la salvezza di tutti (Mt.26,28) e muore sulla croce senza rancore verso coloro che lo hanno condannato (Lc.23,34), promettendo il paradiso a un malfattore (Lc.23,43); al Gesù che per questa sua morte e questa sua vita ha ottenuto il nome che è al di sopra di ogni altro nome (Fil.2,9), riteniamo di poter dire che:

  • sono incompatibili vangelo e xenofobia, come sentimento di rifiuto del fratello straniero, e innumerevoli le conferme di questo in tutta la Bibbia;
  • sono incompatibili vangelo e nazionalismo, come esaltazione unica di un popolo e come indifferenza verso altri popoli, come Paolo VI dichiarò fin dal 1967;
  • sono incompatibili vangelo e omofobia, vangelo e disprezzo di altre forme di religiosità, come rifiuto del fratello;
  • sono incompatibili vangelo e distacco superbo e pregiudiziale da ogni ricerca diversa, anche non religiosa;
  • sono incompatibili vangelo e intreccio equivoco con il potere assoluto di qualunque natura, specie di natura corruttiva;
  • sono incompatibili vangelo e ostentazione di ricchezze e mancata sobrietà di vita economica, personale o istituzionale;
  • sono incompatibili vangelo e disinvolta accettazione o indifferenza verso povertà, disuguaglianze, vittime di violenze, di guerre o di esodi sofferti;
  • sono incompatibili vangelo e disimpegno verso il decadimento ambientale del creato.
- Advertisement -

Esprimiamo perciò preoccupazione per la presenza di un cattolicesimo che tale non è nella sostanza, ma spesso solo nella forma, già archiviato a suo tempo dallo stesso Magistero nel Concilio Vaticano II, confermato dai Papi – da ultimo dal coraggioso e chiarificatore agire e parlare di Papa Francesco, a cui sentiamo di dare il nostro pieno appoggio – dalle ultime dichiarazioni della Conferenza episcopale italiana e dal recente appello degli istituti e congregazioni religiose italiane cui riteniamo di aderire con convinzione.

I partecipanti al gruppo ecclesiale
Camminare Insieme di Trieste

- Advertisement -
Originale: Settimana News

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
278FansMi piace
867FollowerSegui
13,000FollowerSegui
604FollowerSegui
58IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Seguici su Instagram

Consigli Pubblicitari

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO