17.4 C
Roma
Dom, 25 Ottobre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Fede e Devozione Cremazione o sepoltura?

Cremazione o sepoltura?

- Advertisement -

5 punti che la Chiesa chiarisce nel documento della Congregazione per la Dottrina della Fede approvato dal papa

Nel 2010 Hallie Twomey, una madre statunitense addolorata per la morte del figlio 20enne CJ, affidò parti delle ceneri del defunto agli amici del ragazzo perché le portassero e le spargessero in ogni viaggio che compivano. “Non è riuscito a vedere il mondo”, disse la mamma del ragazzo, “e voglio dargli ora quello che non ha avuto l’opportunità di avere”.

La pratica della cremazione si è diffusa in vari Paesi, e a volte attraverso “nuove idee in contrasto con la fede”. Per questo, la Santa Sede desidera istruire meglio i suoi fedeli su questo tema.

In tal senso, la Congregazione per la Dottrina della Fede ha pubblicato questo martedì 25 ottobre il documento di istruzione sulla sepoltura dei defunti e la conservazione delle ceneri in caso di cremazione.

Nel testo ufficiale, firmato dal cardinale Gerhard Müller, prefetto dell’ex “Sant’Uffizio”, la Chiesa afferma che la cremazione non è proibita, “a meno che questa non sia stata scelta per ragioni contrarie alla dottrina cristiana”.

Ad ogni modo, “continua a preferire la sepoltura dei corpi poiché con essa si mostra una maggiore stima verso i defunti”, come indica il documento Ad resurgendum cum Christo, approvato da papa Francesco il 18 marzo scorso.

“La Chiesa, dopo la celebrazione delle esequie, accompagna la scelta della cremazione con apposite indicazioni liturgiche e pastorali, avendo particolare cura di evitare ogni forma di scandalo o di indifferentismo religioso”.

Dal Vaticano si avverte che in tema di cremazione non vale tutto.

Le ceneri non possono essere tenute in casa o ripartite tra i familiari, né è corretta la loro dispersione “nell’aria, in terra o in acqua”. Si può arrivare a negare le esequie, in alcuni casi, se sussistono “ragioni contrarie alla fede cristiana”.

Vediamo i 5 punti chiave della questione, in precedenza solo menzionati:

1. Le ceneri devono essere conservate in luoghi sacri

“Le ceneri del defunto devono essere conservate di regola in un luogo sacro, cioè nel cimitero o, se è il caso, in una chiesa o in un’area appositamente dedicata a tale scopo dalla competente autorità ecclesiastica”.

Così si dispone per “ridurre il rischio di sottrarre i defunti alla preghiera e al ricordo dei parenti e della comunità cristiana”.

“In tal modo, inoltre, si evita la possibilità di dimenticanze e mancanze di rispetto, che possono avvenire soprattutto una volta passata la prima generazione, nonché pratiche sconvenienti o superstiziose”.

2. Le ceneri possono essere portate a casa solo in casi rari

La conservazione delle ceneri in casa viene permessa solo in casi di “circostanze gravi ed eccezionali, dipendenti da condizioni culturali di carattere locale”, e dietro l’autorizzazione delle autorità ecclesiali.

3. Le ceneri non possono essere divise

Le ceneri “non possono essere divise tra i vari nuclei familiari e vanno sempre assicurati il rispetto e le adeguate condizioni di conservazione”.

4. Le ceneri non possono essere disperse

Per evitare ogni tipo di equivoco panteista, naturalista o nichilista, non sia permessa la dispersione delle ceneri nell’aria, in terra o in acqua o in altro modo”.

5. Le ceneri non possono essere trasformate in ricordi commemorativi

Non si approva nemmeno “la conversione delle ceneri cremate in ricordi commemorativi, in pezzi di gioielleria o in altri oggetti, tenendo presente che per tali modi di procedere non possono essere addotte le ragioni igieniche, sociali o economiche che possono motivare la scelta della cremazione”.

Nel caso che il defunto avesse notoriamente disposto la cremazione e la dispersione in natura delle proprie ceneri per ragioni contrarie alla fede cristiana, si devono negare le esequie, a norma del diritto”, conclude il documento.

Nel 1963 il Sant’Uffizio raccomandava la sepoltura del cadavere del defunto, ma non negava i sacramenti e i funerali ai fedeli che manifestavano la volontà di essere cremati.

In quest’ultimo documento, si riaffermano e si spiegano vari concetti di fede collegati alla resurrezione, alla sepoltura e al rispetto della dignità del corpo.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Cremazione o sepoltura?

  

- Advertisement -

5 punti che la Chiesa chiarisce nel documento della Congregazione per la Dottrina della Fede approvato dal papa

Nel 2010 Hallie Twomey, una madre statunitense addolorata per la morte del figlio 20enne CJ, affidò parti delle ceneri del defunto agli amici del ragazzo perché le portassero e le spargessero in ogni viaggio che compivano. “Non è riuscito a vedere il mondo”, disse la mamma del ragazzo, “e voglio dargli ora quello che non ha avuto l’opportunità di avere”.

La pratica della cremazione si è diffusa in vari Paesi, e a volte attraverso “nuove idee in contrasto con la fede”. Per questo, la Santa Sede desidera istruire meglio i suoi fedeli su questo tema.

In tal senso, la Congregazione per la Dottrina della Fede ha pubblicato questo martedì 25 ottobre il documento di istruzione sulla sepoltura dei defunti e la conservazione delle ceneri in caso di cremazione.

Nel testo ufficiale, firmato dal cardinale Gerhard Müller, prefetto dell’ex “Sant’Uffizio”, la Chiesa afferma che la cremazione non è proibita, “a meno che questa non sia stata scelta per ragioni contrarie alla dottrina cristiana”.

- Advertisement -

Ad ogni modo, “continua a preferire la sepoltura dei corpi poiché con essa si mostra una maggiore stima verso i defunti”, come indica il documento Ad resurgendum cum Christo, approvato da papa Francesco il 18 marzo scorso.

“La Chiesa, dopo la celebrazione delle esequie, accompagna la scelta della cremazione con apposite indicazioni liturgiche e pastorali, avendo particolare cura di evitare ogni forma di scandalo o di indifferentismo religioso”.

Dal Vaticano si avverte che in tema di cremazione non vale tutto.

Le ceneri non possono essere tenute in casa o ripartite tra i familiari, né è corretta la loro dispersione “nell’aria, in terra o in acqua”. Si può arrivare a negare le esequie, in alcuni casi, se sussistono “ragioni contrarie alla fede cristiana”.

Vediamo i 5 punti chiave della questione, in precedenza solo menzionati:

1. Le ceneri devono essere conservate in luoghi sacri

“Le ceneri del defunto devono essere conservate di regola in un luogo sacro, cioè nel cimitero o, se è il caso, in una chiesa o in un’area appositamente dedicata a tale scopo dalla competente autorità ecclesiastica”.

Così si dispone per “ridurre il rischio di sottrarre i defunti alla preghiera e al ricordo dei parenti e della comunità cristiana”.

“In tal modo, inoltre, si evita la possibilità di dimenticanze e mancanze di rispetto, che possono avvenire soprattutto una volta passata la prima generazione, nonché pratiche sconvenienti o superstiziose”.

2. Le ceneri possono essere portate a casa solo in casi rari

La conservazione delle ceneri in casa viene permessa solo in casi di “circostanze gravi ed eccezionali, dipendenti da condizioni culturali di carattere locale”, e dietro l’autorizzazione delle autorità ecclesiali.

3. Le ceneri non possono essere divise

Le ceneri “non possono essere divise tra i vari nuclei familiari e vanno sempre assicurati il rispetto e le adeguate condizioni di conservazione”.

4. Le ceneri non possono essere disperse

Per evitare ogni tipo di equivoco panteista, naturalista o nichilista, non sia permessa la dispersione delle ceneri nell’aria, in terra o in acqua o in altro modo”.

5. Le ceneri non possono essere trasformate in ricordi commemorativi

Non si approva nemmeno “la conversione delle ceneri cremate in ricordi commemorativi, in pezzi di gioielleria o in altri oggetti, tenendo presente che per tali modi di procedere non possono essere addotte le ragioni igieniche, sociali o economiche che possono motivare la scelta della cremazione”.

Nel caso che il defunto avesse notoriamente disposto la cremazione e la dispersione in natura delle proprie ceneri per ragioni contrarie alla fede cristiana, si devono negare le esequie, a norma del diritto”, conclude il documento.

Nel 1963 il Sant’Uffizio raccomandava la sepoltura del cadavere del defunto, ma non negava i sacramenti e i funerali ai fedeli che manifestavano la volontà di essere cremati.

In quest’ultimo documento, si riaffermano e si spiegano vari concetti di fede collegati alla resurrezione, alla sepoltura e al rispetto della dignità del corpo.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
286FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
632FollowerSegui
123IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Attualità del decalogo

Morandini: Cambiare rotta

Le sei parole di Maria

Dai racconti orali ai Vangeli

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x