21.4 C
Rome
giovedì, 18 Luglio 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Cultura ed Educazione Cos’è il Regno di Dio?

Cos’è il Regno di Dio?

- Advertisement -

Questa espressione significa varie cose, ma tutte collegate e con qualcosa in comune

Non stupisce che qualcuno non capisca bene cosa significhi il Regno di Dio, perché la lettura dei Vangeli fa intendere chiaramente che neanche gli apostoli prima della Pentecoste lo avevano compreso bene, ed è una delle nozioni che nel corso della storia hanno suscitato più discussioni. Nonostante questo, possiamo farcene un’idea.

In primo luogo, va detto che il significato di questa espressione non è univoco, ovvero in realtà indica varie cose, anche se tutte collegate e con qualcosa in comune.

Nei Vangeli possiamo vedere che in un’occasione Gesù dice che il suo regno non è di questo mondo (Gv 18, 36), e in un’altra che il Regno di Dio è già in mezzo a coloro ai quali parlava (Lc 17, 21). Le affermazioni sembrano contrapposte, ma non è così, sono solo un po’ diverse.

In secondo luogo, per capire bene ciò che segue bisogna tener conto del fatto che il Regno di Dio lo porta con sé Cristo con la sua vittoria sulla Croce. E chi era l’avversario? Non erano i re di questo mondo, come il Signore chiarisce a Pilato. Il rivale era, e continua ad essere, il demonio. Fin dall’inizio dell’umanità, è colui che ha voluto regnare sugli uomini strappandoli a Dio.

Ma andiamo ai vari significati. Nel suo senso più pieno, bisogna aspettare il giudizio finale per trovare il Regno di Dio. Allora si verificherà l’esaltazione completa di Gesù Cristo come re universale ed eterno. Lo ha detto Egli stesso: “Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria con tutti i suoi angeli, si siederà sul trono della sua gloria” (Mt 25, 31). E anche la nostra, in quanto partecipi di questo regno, sempre che siamo usciti bene da quel giudizio: “Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo” (Mt 25, 34).

Quello che culminerà nell’aldilà inizia in questo mondo. La vittoria di Cristo inizia già con il suo arrivo nel mondo e si consuma sulla Croce. Di questa vittoria siamo partecipi, essendo la sua porta il Battesimo, che ci rende figli di Dio e ci libera dal potere del demonio, che è colui che finirebbe per vincere in noi se non contassimo sulla grazia divina.

È una vittoria reale, che ci rende partecipi del regno divino, e per questo il Signore può dire che è già qui e che è dentro di noi. In questo mondo possiamo respingerlo, è chiaro, ma la porta del perdono divino è sempre aperta per reintegrarci.

In relazione a quanto detto, Dio ha voluto salvarci costituendo un popolo, il popolo di Dio della nuova Allenaza, con a capo Cristo stesso: la Chiesa. Per questo, la definizione “Regno di Dio” si può applicare anche alla Chiesa.

In conclusione, possiamo riassumere i significati di questa espressione con una citazione tratta dall’Enciclopedia Cattolica: “Il Regno di Dio significa quindi il regno di Dio nei nostri cuori; significa quei principi che ci separano dal regno del mondo e dal demonio; significa la benigna effusione della grazia; significa la Chiesa come istituzione divina in cui possiamo avere la certezza di acquisire lo spirito di Cristo e poter così raggiungere quel Regno di Dio negli ultimi tempi in cui Egli regna senza fine”.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Cos’è il Regno di Dio?

  

- Advertisement -

Questa espressione significa varie cose, ma tutte collegate e con qualcosa in comune

Non stupisce che qualcuno non capisca bene cosa significhi il Regno di Dio, perché la lettura dei Vangeli fa intendere chiaramente che neanche gli apostoli prima della Pentecoste lo avevano compreso bene, ed è una delle nozioni che nel corso della storia hanno suscitato più discussioni. Nonostante questo, possiamo farcene un’idea.

In primo luogo, va detto che il significato di questa espressione non è univoco, ovvero in realtà indica varie cose, anche se tutte collegate e con qualcosa in comune.

Nei Vangeli possiamo vedere che in un’occasione Gesù dice che il suo regno non è di questo mondo (Gv 18, 36), e in un’altra che il Regno di Dio è già in mezzo a coloro ai quali parlava (Lc 17, 21). Le affermazioni sembrano contrapposte, ma non è così, sono solo un po’ diverse.

In secondo luogo, per capire bene ciò che segue bisogna tener conto del fatto che il Regno di Dio lo porta con sé Cristo con la sua vittoria sulla Croce. E chi era l’avversario? Non erano i re di questo mondo, come il Signore chiarisce a Pilato. Il rivale era, e continua ad essere, il demonio. Fin dall’inizio dell’umanità, è colui che ha voluto regnare sugli uomini strappandoli a Dio.

- Advertisement -

Ma andiamo ai vari significati. Nel suo senso più pieno, bisogna aspettare il giudizio finale per trovare il Regno di Dio. Allora si verificherà l’esaltazione completa di Gesù Cristo come re universale ed eterno. Lo ha detto Egli stesso: “Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria con tutti i suoi angeli, si siederà sul trono della sua gloria” (Mt 25, 31). E anche la nostra, in quanto partecipi di questo regno, sempre che siamo usciti bene da quel giudizio: “Allora il re dirà a quelli che stanno alla sua destra: Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla fondazione del mondo” (Mt 25, 34).

Quello che culminerà nell’aldilà inizia in questo mondo. La vittoria di Cristo inizia già con il suo arrivo nel mondo e si consuma sulla Croce. Di questa vittoria siamo partecipi, essendo la sua porta il Battesimo, che ci rende figli di Dio e ci libera dal potere del demonio, che è colui che finirebbe per vincere in noi se non contassimo sulla grazia divina.

È una vittoria reale, che ci rende partecipi del regno divino, e per questo il Signore può dire che è già qui e che è dentro di noi. In questo mondo possiamo respingerlo, è chiaro, ma la porta del perdono divino è sempre aperta per reintegrarci.

In relazione a quanto detto, Dio ha voluto salvarci costituendo un popolo, il popolo di Dio della nuova Allenaza, con a capo Cristo stesso: la Chiesa. Per questo, la definizione “Regno di Dio” si può applicare anche alla Chiesa.

In conclusione, possiamo riassumere i significati di questa espressione con una citazione tratta dall’Enciclopedia Cattolica: “Il Regno di Dio significa quindi il regno di Dio nei nostri cuori; significa quei principi che ci separano dal regno del mondo e dal demonio; significa la benigna effusione della grazia; significa la Chiesa come istituzione divina in cui possiamo avere la certezza di acquisire lo spirito di Cristo e poter così raggiungere quel Regno di Dio negli ultimi tempi in cui Egli regna senza fine”.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
276FansMi piace
834FollowerSegui
13,000FollowerSegui
583FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO