9.2 C
Roma
Lun, 30 Novembre 2020

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Rubriche Culmen et Fons Cosa si deve fare davanti all’altare? Genuflettersi o inchinarsi?

Cosa si deve fare davanti all’altare? Genuflettersi o inchinarsi?

- Advertisement -

Gesti semplici, ma che uniscono tutta la Chiesa. Vogliamo impararli?

Alcuni dicono: “Ho visto alcuni sacerdoti inginocchiarsi davanti all’altare e altri inchinarsi soltanto. Qual è l’atteggiamento giusto da adottare?” Sono giusti entrambi, ma seguono una pratica. Quando il sacerdote arriva all’altare, si suppone che venga dalla sagrestia e che si sia diretto verso l’altare nella processione d’ingresso.

È quanto si deduce dall’Ordinamento Generale del Messale Romano (n. 121): “Durante la processione all’altare, si esegue il canto d’ingresso”. La processione è formata dal presidente e dai ministri. Lo stesso documento afferma al n. 122 che “Arrivati all’altare, il sacerdote e i ministri fanno un inchino profondo”. A chi? Naturalmente all’altare, che sarà il centro della celebrazione e accanto al quale si trovano. Non c’è, quindi, alcuna genuflessione a Cristo in croce o all’altare.

Se però il tabernacolo con il Santissimo è in fondo al presbiterio, dietro l’altare, presidente e ministri, anziché fare un inchino profondo, si genuflettono al Signore, presente nel tabernacolo.

Solo dopo l’inchino all’altare o la genuflessione al Santissimo “il sacerdote accede all’altare e lo venera con il bacio”. Perché? Perché l’altare è simbolo di Cristo e anche dell’Ultima Cena: “Quando fu l’ora, prese posto a tavola e gli apostoli con lui” (Lc 22, 14).

Fatto questo, il sacerdote si reca alla sede” (IGMR 124). Ogni fedele, anche se non sta partecipando al momento a una Messa, deve fare lo stesso: passando davanti all’altare deve fare un inchino profondo, ovvero con tutto il dorso; se c’è il tabernacolo, deve fare la genuflessione.

Solo le persone con problemi fisici, ad esempio alla colonna vertebrale, devono astenersi da questa pratica. Va aggiunto che vedo molti fare solo il segno della croce e chinare il capo quando passano davanti all’altare. È sbagliato.

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Cosa si deve fare davanti all’altare? Genuflettersi o inchinarsi?

- Advertisement -

Gesti semplici, ma che uniscono tutta la Chiesa. Vogliamo impararli?

Alcuni dicono: “Ho visto alcuni sacerdoti inginocchiarsi davanti all’altare e altri inchinarsi soltanto. Qual è l’atteggiamento giusto da adottare?” Sono giusti entrambi, ma seguono una pratica. Quando il sacerdote arriva all’altare, si suppone che venga dalla sagrestia e che si sia diretto verso l’altare nella processione d’ingresso.

È quanto si deduce dall’Ordinamento Generale del Messale Romano (n. 121): “Durante la processione all’altare, si esegue il canto d’ingresso”. La processione è formata dal presidente e dai ministri. Lo stesso documento afferma al n. 122 che “Arrivati all’altare, il sacerdote e i ministri fanno un inchino profondo”. A chi? Naturalmente all’altare, che sarà il centro della celebrazione e accanto al quale si trovano. Non c’è, quindi, alcuna genuflessione a Cristo in croce o all’altare.

Se però il tabernacolo con il Santissimo è in fondo al presbiterio, dietro l’altare, presidente e ministri, anziché fare un inchino profondo, si genuflettono al Signore, presente nel tabernacolo.

Solo dopo l’inchino all’altare o la genuflessione al Santissimo “il sacerdote accede all’altare e lo venera con il bacio”. Perché? Perché l’altare è simbolo di Cristo e anche dell’Ultima Cena: “Quando fu l’ora, prese posto a tavola e gli apostoli con lui” (Lc 22, 14).

- Advertisement -

Fatto questo, il sacerdote si reca alla sede” (IGMR 124). Ogni fedele, anche se non sta partecipando al momento a una Messa, deve fare lo stesso: passando davanti all’altare deve fare un inchino profondo, ovvero con tutto il dorso; se c’è il tabernacolo, deve fare la genuflessione.

Solo le persone con problemi fisici, ad esempio alla colonna vertebrale, devono astenersi da questa pratica. Va aggiunto che vedo molti fare solo il segno della croce e chinare il capo quando passano davanti all’altare. È sbagliato.

- Advertisement -

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
289FansMi piace
985FollowerSegui
13,000FollowerSegui
638FollowerSegui
138IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Libri consigliati

Marconi: L’infanzia di Maria

La teologia di papa Francesco

Le ultime parole del Crocifisso

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x