19 C
Rome
giovedì, 19 Settembre 2019

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

Home Argomenti Sacramenti Cosa apporta la Confermazione?

Cosa apporta la Confermazione?

Papa Francesco lo ha spiegato nella catechesi dell’udienza generale del 29 gennaio 2014.

- Advertisement -
Permette di accogliere lo Spirito Santo per amare come Cristo, spiega Papa Francesco

Il sacramento della Confermazione permette di accogliere lo Spirito Santo nel cuore e di ricevere i suoi sette doni: sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà e timor di Dio.

Papa Francesco lo ha spiegato nella catechesi dell’udienza generale del 29 gennaio 2014, aggiungendo che attraverso lo Spirito Santo Cristo viene e ci modella a sua immagine perché possiamo amare come Lui.

“Quando accogliamo lo Spirito Santo nel nostro cuore e lo lasciamo agire, Cristo stesso si rende presente in noi e prende forma nella nostra vita; attraverso di noi, sarà Lui lo stesso Cristo a pregare, a perdonare, a infondere speranza e consolazione, a servire i fratelli, a farsi vicino ai bisognosi e agli ultimi, a creare comunione, a seminare pace”, ha spiegato.

La parola “Confermazione” significa “unzione”: attraverso l’olio, la persona che lo riceve è formata, nel potere dello Spirito, secondo Gesù Cristo, l’unico vero “unto”.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica indica che questo sacramento conferisce una crescita della grazia battesimale: ci unisce più saldamente a Cristo, completa il nostro legame con la Chiesa e ci concede una forza speciale dello Spirito Santo per diffondere e difendere la fede, per confessare il nome di Cristo e non vergognarci mai della sua croce.

La Confermazione deve intendersi in continuità con il Battesimo, al quale è inseparabilmente legata. Questi due sacramenti, insieme all’Eucaristia, costituiscono la cosiddetta “iniziazione cristiana”, in cui la persona è inserita in Cristo Gesù morto e risorto e diventa nuova creatura e membro della Chiesa.

Per questo, in origine questi tre sacramenti si celebravano in un unico momento, alla fine del cammino catecumenale, in genere nella Veglia di Pasqua.

“Così veniva suggellato il percorso di formazione e di graduale inserimento nella comunità cristiana che poteva durare anche alcuni anni”, ha sottolineato il Papa.

Francesco ha avvertito che “è importante avere cura che i nostri bambini, i nostri ragazzi, ricevano questo Sacramento. Tutti noi abbiamo cura che siano battezzati e questo è buono, ma forse non abbiamo tanta cura che ricevano la Cresima. In questo modo resteranno a metà cammino e non riceveranno lo Spirito Santo, che è tanto importante nella vita cristiana, perché ci dà la forza per andare avanti”.

“Davvero abbiamo la preoccupazione che i nostri bambini, i nostri ragazzi ricevano la Cresima? E’ importante questo, è importante! E se voi, a casa vostra, avete bambini, ragazzi, che ancora non l’hanno ricevuta e hanno l’età per riceverla, fate tutto il possibile perché essi portino a termine l’iniziazione cristiana e ricevano la forza dello Spirito Santo”.

Il Pontefice ha infine sottolineato l’importanza di offrire a chi riceve la Confermazione “una buona preparazione, che deve mirare a condurli verso un’adesione personale alla fede in Cristo e a risvegliare in loro il senso dell’appartenenza alla Chiesa”.

“La Confermazione, come ogni Sacramento, non è opera degli uomini, ma di Dio, il quale si prende cura della nostra vita in modo da plasmarci ad immagine del suo Figlio, per renderci capaci di amare come Lui. Egli lo fa infondendo in noi il suo Spirito Santo, la cui azione pervade tutta la persona e tutta la vita”.

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami

Cosa apporta la Confermazione?

Papa Francesco lo ha spiegato nella catechesi dell’udienza generale del 29 gennaio 2014.

  

- Advertisement -
Permette di accogliere lo Spirito Santo per amare come Cristo, spiega Papa Francesco

Il sacramento della Confermazione permette di accogliere lo Spirito Santo nel cuore e di ricevere i suoi sette doni: sapienza, intelletto, consiglio, fortezza, scienza, pietà e timor di Dio.

Papa Francesco lo ha spiegato nella catechesi dell’udienza generale del 29 gennaio 2014, aggiungendo che attraverso lo Spirito Santo Cristo viene e ci modella a sua immagine perché possiamo amare come Lui.

“Quando accogliamo lo Spirito Santo nel nostro cuore e lo lasciamo agire, Cristo stesso si rende presente in noi e prende forma nella nostra vita; attraverso di noi, sarà Lui lo stesso Cristo a pregare, a perdonare, a infondere speranza e consolazione, a servire i fratelli, a farsi vicino ai bisognosi e agli ultimi, a creare comunione, a seminare pace”, ha spiegato.

La parola “Confermazione” significa “unzione”: attraverso l’olio, la persona che lo riceve è formata, nel potere dello Spirito, secondo Gesù Cristo, l’unico vero “unto”.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica indica che questo sacramento conferisce una crescita della grazia battesimale: ci unisce più saldamente a Cristo, completa il nostro legame con la Chiesa e ci concede una forza speciale dello Spirito Santo per diffondere e difendere la fede, per confessare il nome di Cristo e non vergognarci mai della sua croce.

- Advertisement -

La Confermazione deve intendersi in continuità con il Battesimo, al quale è inseparabilmente legata. Questi due sacramenti, insieme all’Eucaristia, costituiscono la cosiddetta “iniziazione cristiana”, in cui la persona è inserita in Cristo Gesù morto e risorto e diventa nuova creatura e membro della Chiesa.

Per questo, in origine questi tre sacramenti si celebravano in un unico momento, alla fine del cammino catecumenale, in genere nella Veglia di Pasqua.

“Così veniva suggellato il percorso di formazione e di graduale inserimento nella comunità cristiana che poteva durare anche alcuni anni”, ha sottolineato il Papa.

Francesco ha avvertito che “è importante avere cura che i nostri bambini, i nostri ragazzi, ricevano questo Sacramento. Tutti noi abbiamo cura che siano battezzati e questo è buono, ma forse non abbiamo tanta cura che ricevano la Cresima. In questo modo resteranno a metà cammino e non riceveranno lo Spirito Santo, che è tanto importante nella vita cristiana, perché ci dà la forza per andare avanti”.

“Davvero abbiamo la preoccupazione che i nostri bambini, i nostri ragazzi ricevano la Cresima? E’ importante questo, è importante! E se voi, a casa vostra, avete bambini, ragazzi, che ancora non l’hanno ricevuta e hanno l’età per riceverla, fate tutto il possibile perché essi portino a termine l’iniziazione cristiana e ricevano la forza dello Spirito Santo”.

Il Pontefice ha infine sottolineato l’importanza di offrire a chi riceve la Confermazione “una buona preparazione, che deve mirare a condurli verso un’adesione personale alla fede in Cristo e a risvegliare in loro il senso dell’appartenenza alla Chiesa”.

“La Confermazione, come ogni Sacramento, non è opera degli uomini, ma di Dio, il quale si prende cura della nostra vita in modo da plasmarci ad immagine del suo Figlio, per renderci capaci di amare come Lui. Egli lo fa infondendo in noi il suo Spirito Santo, la cui azione pervade tutta la persona e tutta la vita”.

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica

Libri consigliati

Commenta questo articolo

avatar
  Iscriviti  
Notificami
277FansMi piace
838FollowerSegui
13,000FollowerSegui
605FollowerSegui
56IscrittiIscriviti

Top News

Top Video

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B – 25 ottobre 2015

La 95° puntata del ciclo “Dalla vita alla Parola viva” – “Costruire comunità vive, aperte e accoglienti”. XXX Domenica del Tempo Ordinario – Anno B Colore...

Cos’è che rende il corpo umano tanto bello?

E' solo l’eros e il desiderio? Qual è la cosa più bella del mondo? Sono sicuro che se ponessimo questa domanda a mille pittori almeno...

Libri consigliati

Dieci parole per vivere

Salire a Gerusalemme

Un solo Libro, due eredi

Perché le suore indossano il velo?

Seguici su Facebook

Seguici su Instagram

Seguici su Twitter

È stato rilevato, nel tuo browser, un componente AdBlocker. SpeSalvi.it si mantiene in vita grazie alla pubblicità, ti preghiamo di disabilitarlo oppure di aggiungere il nostro sito alla lista dei siti attendibili.
Per continuare a navigare:
disabilita AdBlock e aggiorna la pagina.
Aiuta SpeSalvi.it
SpeSalvi.it desidera servire ed evangelizzare, ma non è in grado di sostenersi da solo.
Offri il tuo piccolo contributo affinché il sito possa continuare a diffondere il messaggio cristiano in tutto il mondo.
Grazie di cuore per il tuo sostegno!
Leggi la nostra informativa sulla Privacy.
Logo
ANDROID
APP
Scarica la nostra App Android per rimanere sempre aggiornato anche sul tuo smartphone.
2019 (C) Tutti i diritti riservati.
ISTRUZIONI
1. Clicca sul pulsante "Download" e scarica il file ".apk" sul tuo smartphone.
2. Esegui il file ".apk" e clicca su "Installa".
Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità e per analizzare il nostro traffico. Navigando in SpeSalvi.it acconsenti al loro utilizzo e dichiari di aver letto e compreso la nostra Informativa sulla Privacy.
ACCONSENTO