Cookie Consent by Free Privacy Policy website
10.6 C
Roma
Sab, 16 Ottobre 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiSocietà e PoliticaCoronavirus, 6 sacerdoti morti a Bergamo. Il vescovo: prova estremamente dolorosa

Coronavirus, 6 sacerdoti morti a Bergamo. Il vescovo: prova estremamente dolorosa

Nell’inferno della bergamasca ci sono anche note positive: 20 sacerdoti nel giro di qualche giorno sono migliorati e altri sono già dimessi dall’ospedale

- Advertisement -
- Advertisement -
- Advertisement -

Nell’inferno della bergamasca ci sono anche note positive: 20 sacerdoti nel giro di qualche giorno sono migliorati e altri sono già dimessi dall’ospedale

Lo ha detto il vescovo di Bergamo, monsignor Francesco Beschi, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei, sull’emergenza Coronavirus.

«A conforto deve dire anche che questa settimana – ha aggiunto il vescovo di Bergamo – 20 sacerdoti nel giro di qualche giorno sono migliorati notevolmente e altri sono già usciti dall’ospedale. Questo è un segno che ci conforta molto. Stiamo vivendo questa pena condividendola con quella delle nostre comunità insieme al numero dei contagiati, dei malati e un elevato numero di morti. Non siamo separati dalla nostra comunità nemmeno nel passaggio della morte».

Il dramma di Bergamo

- Advertisement -

La situazione in provincia di Bergamo resta drammatica. Centinaia i contagiati ogni giorno, e centinaia sinora anche i morti dall’inizio dell’epidemia. Gli ospedali sono in grande difficoltà e lo stesso sindaco del capoluogo Giorgio Gori ha ammesso che per alcuni malati non c’è neppure la possibilità di andare in terapia intensiva, poichè i posti disponibili sono saturi in tutti i nosocomi della bergamasca. Il Cimitero Monumentale della città resta ingolfato di bare, come avevamo documentato qualche giorno fa.

La sofferenza della Messa

«In questi ultimi 15 giorni – ha proseguito il vescovo di Bergamo a InBlu Radio – ho visto una generosità crescente da parte di tutti. Oggi siamo nelle nostre case e vedo tessere dei legami di vicinanza veramente significativi. Dentro questo orizzonte è emersa la generosità dei sacerdoti con la sofferenza iniziale di non poter più celebrare la Messa con i fedeli».

Vicini sui social

Anche oggi, prosegue il vescovo, «con tutte le dovute precauzioni, siamo vicini alla gente nella consapevolezza che da un verso portiamo Gesù e dall’altro potremmo diventare portatori del virus. Sta crescendo molto la relazione attraverso media e social, adesso è l’unico modo che ci permette di essere vicino a tutti».

“I tempi saranno lunghi”

«Bisogna fare attenzione – ha concluso il vescovo di Bergamo a InBlu Radio – perché i tempi saranno ancora lunghi. Siamo passati da una certa indifferenza a una consapevolezza e comprensione reciproca maggiore. Adesso bisogna che questa condivisione si mantenga nelle prossime settimane».

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Coronavirus, 6 sacerdoti morti a Bergamo. Il vescovo: prova estremamente dolorosa

Nell’inferno della bergamasca ci sono anche note positive: 20 sacerdoti nel giro di qualche giorno sono migliorati e altri sono già dimessi dall’ospedale

- Advertisement -

Nell’inferno della bergamasca ci sono anche note positive: 20 sacerdoti nel giro di qualche giorno sono migliorati e altri sono già dimessi dall’ospedale

Lo ha detto il vescovo di Bergamo, monsignor Francesco Beschi, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei, sull’emergenza Coronavirus.

«A conforto deve dire anche che questa settimana – ha aggiunto il vescovo di Bergamo – 20 sacerdoti nel giro di qualche giorno sono migliorati notevolmente e altri sono già usciti dall’ospedale. Questo è un segno che ci conforta molto. Stiamo vivendo questa pena condividendola con quella delle nostre comunità insieme al numero dei contagiati, dei malati e un elevato numero di morti. Non siamo separati dalla nostra comunità nemmeno nel passaggio della morte».

Il dramma di Bergamo

- Advertisement -

La situazione in provincia di Bergamo resta drammatica. Centinaia i contagiati ogni giorno, e centinaia sinora anche i morti dall’inizio dell’epidemia. Gli ospedali sono in grande difficoltà e lo stesso sindaco del capoluogo Giorgio Gori ha ammesso che per alcuni malati non c’è neppure la possibilità di andare in terapia intensiva, poichè i posti disponibili sono saturi in tutti i nosocomi della bergamasca. Il Cimitero Monumentale della città resta ingolfato di bare, come avevamo documentato qualche giorno fa.

La sofferenza della Messa

«In questi ultimi 15 giorni – ha proseguito il vescovo di Bergamo a InBlu Radio – ho visto una generosità crescente da parte di tutti. Oggi siamo nelle nostre case e vedo tessere dei legami di vicinanza veramente significativi. Dentro questo orizzonte è emersa la generosità dei sacerdoti con la sofferenza iniziale di non poter più celebrare la Messa con i fedeli».

Vicini sui social

Anche oggi, prosegue il vescovo, «con tutte le dovute precauzioni, siamo vicini alla gente nella consapevolezza che da un verso portiamo Gesù e dall’altro potremmo diventare portatori del virus. Sta crescendo molto la relazione attraverso media e social, adesso è l’unico modo che ci permette di essere vicino a tutti».

- Advertisement -

“I tempi saranno lunghi”

«Bisogna fare attenzione – ha concluso il vescovo di Bergamo a InBlu Radio – perché i tempi saranno ancora lunghi. Siamo passati da una certa indifferenza a una consapevolezza e comprensione reciproca maggiore. Adesso bisogna che questa condivisione si mantenga nelle prossime settimane».

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
645FollowerSegui
319IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Preghiera per proteggere la tua casa e scacciare gli spiriti cattivi

E' una lunga invocazione che chiede anzitutto l'intervento della gloria di Gesù Cristo E’ una preghiera potente in cui si invocano Gesù Cristo, la Madonna...

Libri consigliati

I settanta volti della Torah

Marconi: L’infanzia di Maria

Il Sacrificio

Gibran: Lazzaro e la sua amata

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x