8.4 C
Roma
Gio, 15 Aprile 2021

ROTATE FOR FULL CONTENT

MOBILE THEME

HomeArgomentiSocietà e PoliticaCoronavirus, 6 sacerdoti morti a Bergamo. Il vescovo: prova estremamente dolorosa

Coronavirus, 6 sacerdoti morti a Bergamo. Il vescovo: prova estremamente dolorosa

Nell’inferno della bergamasca ci sono anche note positive: 20 sacerdoti nel giro di qualche giorno sono migliorati e altri sono già dimessi dall’ospedale

- Advertisement -

Nell’inferno della bergamasca ci sono anche note positive: 20 sacerdoti nel giro di qualche giorno sono migliorati e altri sono già dimessi dall’ospedale

Lo ha detto il vescovo di Bergamo, monsignor Francesco Beschi, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei, sull’emergenza Coronavirus.

«A conforto deve dire anche che questa settimana – ha aggiunto il vescovo di Bergamo – 20 sacerdoti nel giro di qualche giorno sono migliorati notevolmente e altri sono già usciti dall’ospedale. Questo è un segno che ci conforta molto. Stiamo vivendo questa pena condividendola con quella delle nostre comunità insieme al numero dei contagiati, dei malati e un elevato numero di morti. Non siamo separati dalla nostra comunità nemmeno nel passaggio della morte».

Il dramma di Bergamo

La situazione in provincia di Bergamo resta drammatica. Centinaia i contagiati ogni giorno, e centinaia sinora anche i morti dall’inizio dell’epidemia. Gli ospedali sono in grande difficoltà e lo stesso sindaco del capoluogo Giorgio Gori ha ammesso che per alcuni malati non c’è neppure la possibilità di andare in terapia intensiva, poichè i posti disponibili sono saturi in tutti i nosocomi della bergamasca. Il Cimitero Monumentale della città resta ingolfato di bare, come avevamo documentato qualche giorno fa.

La sofferenza della Messa

«In questi ultimi 15 giorni – ha proseguito il vescovo di Bergamo a InBlu Radio – ho visto una generosità crescente da parte di tutti. Oggi siamo nelle nostre case e vedo tessere dei legami di vicinanza veramente significativi. Dentro questo orizzonte è emersa la generosità dei sacerdoti con la sofferenza iniziale di non poter più celebrare la Messa con i fedeli».

Vicini sui social

Anche oggi, prosegue il vescovo, «con tutte le dovute precauzioni, siamo vicini alla gente nella consapevolezza che da un verso portiamo Gesù e dall’altro potremmo diventare portatori del virus. Sta crescendo molto la relazione attraverso media e social, adesso è l’unico modo che ci permette di essere vicino a tutti».

“I tempi saranno lunghi”

«Bisogna fare attenzione – ha concluso il vescovo di Bergamo a InBlu Radio – perché i tempi saranno ancora lunghi. Siamo passati da una certa indifferenza a una consapevolezza e comprensione reciproca maggiore. Adesso bisogna che questa condivisione si mantenga nelle prossime settimane».

Originale: Aleteia.org
Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti

Coronavirus, 6 sacerdoti morti a Bergamo. Il vescovo: prova estremamente dolorosa

Nell’inferno della bergamasca ci sono anche note positive: 20 sacerdoti nel giro di qualche giorno sono migliorati e altri sono già dimessi dall’ospedale

- Advertisement -

Nell’inferno della bergamasca ci sono anche note positive: 20 sacerdoti nel giro di qualche giorno sono migliorati e altri sono già dimessi dall’ospedale

Lo ha detto il vescovo di Bergamo, monsignor Francesco Beschi, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei, sull’emergenza Coronavirus.

«A conforto deve dire anche che questa settimana – ha aggiunto il vescovo di Bergamo – 20 sacerdoti nel giro di qualche giorno sono migliorati notevolmente e altri sono già usciti dall’ospedale. Questo è un segno che ci conforta molto. Stiamo vivendo questa pena condividendola con quella delle nostre comunità insieme al numero dei contagiati, dei malati e un elevato numero di morti. Non siamo separati dalla nostra comunità nemmeno nel passaggio della morte».

Il dramma di Bergamo

- Advertisement -

La situazione in provincia di Bergamo resta drammatica. Centinaia i contagiati ogni giorno, e centinaia sinora anche i morti dall’inizio dell’epidemia. Gli ospedali sono in grande difficoltà e lo stesso sindaco del capoluogo Giorgio Gori ha ammesso che per alcuni malati non c’è neppure la possibilità di andare in terapia intensiva, poichè i posti disponibili sono saturi in tutti i nosocomi della bergamasca. Il Cimitero Monumentale della città resta ingolfato di bare, come avevamo documentato qualche giorno fa.

La sofferenza della Messa

«In questi ultimi 15 giorni – ha proseguito il vescovo di Bergamo a InBlu Radio – ho visto una generosità crescente da parte di tutti. Oggi siamo nelle nostre case e vedo tessere dei legami di vicinanza veramente significativi. Dentro questo orizzonte è emersa la generosità dei sacerdoti con la sofferenza iniziale di non poter più celebrare la Messa con i fedeli».

Vicini sui social

Anche oggi, prosegue il vescovo, «con tutte le dovute precauzioni, siamo vicini alla gente nella consapevolezza che da un verso portiamo Gesù e dall’altro potremmo diventare portatori del virus. Sta crescendo molto la relazione attraverso media e social, adesso è l’unico modo che ci permette di essere vicino a tutti».

“I tempi saranno lunghi”

«Bisogna fare attenzione – ha concluso il vescovo di Bergamo a InBlu Radio – perché i tempi saranno ancora lunghi. Siamo passati da una certa indifferenza a una consapevolezza e comprensione reciproca maggiore. Adesso bisogna che questa condivisione si mantenga nelle prossime settimane».

- Advertisement -
Originale: Aleteia.org

Leggi qui il disclaimer sul materiale pubblicato da SpeSalvi.it

Redazionehttps://www.spesalvi.it
SpeSalvi.it | Cultura e Informazione cattolica
Iscriviti
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
293FansMi piace
1,020FollowerSegui
13,000FollowerSegui
646FollowerSegui
224IscrittiIscriviti

Consigli pubblicitari

Top News

Top Video

Consigli pubblicitari

Ultimi Articoli

Articoli Popolari

Che differenza c’è tra “padre” e “don”?

E quale titolo si utilizza per monaci e frati? Gentile direttore, forse la mia le sembrerà una domanda banale. Può però spiegarmi la differenza tra...

X Domenica del Tempo Ordinario – Anno C – 5 giungo 2016

IL VANGELO STRABICO X Domenica del tempo Ordinario   - C A  cura di Benito Giorgetta (1Re 17,17-24; Galati 1,11-19; Luca 7,11-17) Imparare a suonare lo spartito della compassione Ascoltiamo...

Francesco in Armenia, preghiera con Karekin II

Dopo quattro ore di volo comincia il viaggio di Francesco in Armenia. L'aereo con a bordo il Pontefice è partito questa mattina alle 9.20...

Mamma Natuzza parlava proprio con Gesù. Ecco un suo colloquio con il Re dei...

Io ero inquieta, turbata… Gesù: Alzati e piglia il ritmo dei vecchi tempi. Natuzza: Come parlate, Gesù? Cosa devo fare? Gesù: Ci sono tante cose che puoi...

Qual è la differenza tra cattolico e cristiano?

Il cristiano è colui che ha Cristo come Signore Nel Nuovo Testamento si fa riferimento quattro volte ai seguaci di Cristo: 1. 1 Pt 4,16: “Ma...

Libri consigliati

Lo scandalo della tenerezza

“Se Dio è amore, tutto è amore”

Il Sacrificio

Liturgia e secolarizzazione

Consigli pubblicitari

Seguici su Instagram

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Consigli Pubblicitari

Accessibility
0
Dicci il tuo pensiero, per favore commenta.x
()
x